Wiki Actu it

August 14, 2016

Giochi olimpici 2016: Justin Rose vince il torneo di golf maschile

Giochi olimpici 2016: Justin Rose vince il torneo di golf maschile

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 14 agosto 2016

Wikinotizie di oggi
14 agosto
Collabora con noi
  • Scrivi un articolo
  • Cosa scrivere
  • Come scriverlo
  • Scrivania
  • Portale:Comunità

Oggi pomeriggio si è chiuso il round finale del torneo di golf maschile, incominciato giovedì 11 agosto, con la vittoria del britannico Justin Rose, ovvero il golfista che al primo round imbucò con un sol colpo la pallina nella 3ª buca (un par 4). Vince la medaglia d’argento, dopo un clamoroso errore, lo svedese Henrik Stenson, mentre in rimonta vince la medaglia di bronzo lo statunitense Matt Kuchar. Arriva solo quinto il migliore dei primi due giorni: l’australiano Marcus Fraser.

Le condizioni meteo durante il torneo sono migliorate, passando dal forte vento del primo giorno, all’acquazzone del secondo, infine al bel tempo apertosi col terzo.

La lotta per la medaglia d’oro è cominciata sin da subito, perché Rose e Stenson hanno nel giro di poco instaurato un duello sempre più lontano dagli altri golfisti. Rose commette un brutto errore sul green della 13ª buca (par 4), colpendo male la pallina distante un solo metro dalla buca e consentendo a Stenson di passare al comando della classifica; tuttavia la gioia dello svedese dura poco, perché cade in errore nella buca successiva, approcciando male per la prima volta nel torneo e finendo con un bogey. I due ritorneranno in parità di punteggio alla 16ª, proseguendo alla pari fino all’ultimo colpo della 18ª.

Proprio la 18ª buca sorprende per la scelta di Fraser, Stenson e Rose di avvicinarsi al green dalla parte opposta rispetto ai tre giorni scorsi, facendo finire la pallina nel corridoio riservato agli spettatori. Rose sembra apparentemente più in svantaggio, ma la sua tattica si rivela efficace riuscendo ad avvicinarsi più di altri alla bandiera della buca; egli si è portato sul green a poca distanza dalla buca con un colpo ad effetto ben riuscito. Stenson si porta sul green a maggior distanza dalla buca, poi colpisce col putter la propria pallina, la quale però gira letteralmente attorno alla buca (a causa di una lieve pendenza) finendo ad 1,7 m da essa; sembra che si debba andare allo spareggio, ma lo svedese sbaglia mancando nuovamente a sorpresa la buca. A questo punto, vista l’infida pendenza che circonda la buca, Rose studia a lungo il colpo ed imbuca correttamente la pallina concludendo in birdie, sorpassando perciò di un punto Stenson.

Matt Kuchar giunge terzo col miglior risultato di giornata: 63 colpi.

Si classificano 26° e 30° i due italiani Matteo Manassero e Nino Bertasio, rispettivamente con 68 e 69 colpi.

Come anticipato, anche oggi non è stata giornata per Marcus Fraser, che chiude in +1 sul par con 72 colpi come ieri.

Classifica[]

  • 1° Justin Rose (Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito), con -15 (67-69-65-68)
  • 2° Henrik Stenson (Flag of Sweden.svg Svezia), con -14 (66-68-68-68)
  • 3° Matt Kuchar (Flag of the United States.svg Stati Uniti), con -13 (69-70-69-63)

Articoli correlati[]

Olympic rings with white rims.svg
Segui lo Speciale dedicato ai Giochi della XXXI Olimpiade!
Wikinews-logo.svg


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 12, 2016

Giochi olimpici 2016: primo oro della storia alle Figi nella prima finale di rugby a 7 maschile

Giochi olimpici 2016: primo oro della storia alle Figi nella prima finale di rugby a 7 maschile

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 12 agosto 2016

Wikinotizie di oggi
12 agosto

Collabora con noi
  • Scrivi un articolo
  • Cosa scrivere
  • Come scriverlo
  • Scrivania
  • Portale:Comunità

L’Estádio de Deodoro dove ha avuto luogo la finale

Alle ore 0:32 di Roma si è conclusa la prima finale olimpica della storia del torneo maschile di rugby a 7, si ricorda che il rugby è una delle novità ai Giochi di Rio de Janeiro 2016 in corso di svolgimento.

Il torneo è stato vinto dalla squadra delle Figi, il che rende ancor più speciale l’oro guadagnato: è anche la prima medaglia della storia del loro paese!

Le Figi hanno affrontato in finale la squadra della Gran Bretagna, la quale ha subito uno schiacciante risultato di 43 a 7.

La partita[]

La Gran Bretagna comincia subito molto male, con una difesa che subito si fa sfuggire la prima di una serie di andate a meta figiane. Durante tutto il primo tempo la partita viene giocata esclusivamente nella metà campo della Gran Bretagna, dimostrando l’evidente grande difficoltà britannica. A 20 secondi dalla fine del primo tempo viene segnata la 5ª meta delle Figi, completata da una trasformazione che porta ad un punteggio di 29-0.

Il secondo tempo sembra più combattuto, tant’è che, dopo due minuti e mezzo dall’inizio, i britannici riescono ad oltrepassare la metà campo e riescono quasi ad avvicinarsi all’area di meta, ma un passaggio sbagliato di Watson manda fuori campo la palla, rovinando tutto. La squadra delle Figi risponde aggredendo la squadra britannica ed andando a meta addirittura passando, con tranquillità, in corsa tra i pali della porta; ne deriva una trasformazione facilissima da calciare che porterà le Figi al 36-0. Dopo un paio di minuti i britannici ricominciano a passare nella metà campo delle Figi, riuscendo ad approfittare di un momento di distrazione e andando non troppo difficilmente a meta; a seguire, una trasformazione che aggiunge altri 2 punti ai 5 della meta.

La risposta aggressiva delle Figi non si fa attendere troppo, tanto che arrivano nuovamente a meta ad un paio di minuti dalla conclusione. L’assegnazione di tale meta però avviene solo dopo un consulto arbitrale, dato che l’azione è avvenuta in una situazione confusionaria. Segue una trasformazione che va a segno e che porta al 43-7 per le Figi: una pesante sconfitta per la Gran Bretagna.

Da segnalare che tutti i giocatori figiani in campo sono andati a meta (una ciascuno) e che la partita è stata giocata senza ammonizioni per entrambi.

Le Figi si aggiungono quindi alla lista di nazioni che in questi Giochi hanno guadagnato il loro primo oro, seguendo Vietnam e Kosovo, oltre alla squadra degli atleti indipendenti.

Il bronzo[]

La squadra del Sudafrica, sconfitta in semifinale per 7-5 dalla Gran Bretagna, ha affrontato il Giappone, sconfiggendolo con 54 punti a 14 e guadagnandosi la medaglia di bronzo.

Olympic rings with white rims.svg
Segui lo Speciale dedicato ai Giochi della XXXI Olimpiade!
Wikinews-logo.svg


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 17, 2012

Ciclismo: Wiggins eletto sportivo britannico dell\’anno

Ciclismo: Wiggins eletto sportivo britannico dell’anno

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 17 dicembre 2012

Oggi il ciclista Bradley Wiggins è stato nominato sportivo britannico dell’anno precedendo la campionessa olimpica di eptathlon Jessica Ennis e il tennista Andy Murray.

In questa stagione, tra le sue dodici vittorie stagionali, spiccano i successi al Tour de France (primo britannico a vincere la Grand Boucle nella storia) e il titolo olimpico vinto a Londra davanti al pubblico di casa.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 29, 2010

Tennis, Wimbledon 2010: tutti i migliori ai quarti, tranne Roddick

Tennis, Wimbledon 2010: tutti i migliori ai quarti, tranne Roddick

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 29 giugno 2010

A conclusione dei 16 ottavi di finale (8 per il femminile e 8 per il maschile) della giornata di ieri, si sono definiti i quarti di finale della 124° edizione dei Championship di tennis che si tengono nel sobborgo londinese di Wimbledon.

Vittorie facili per i numero 1, 2 e 4 del mondo, Roger Federer, Rafa Nadal e Andy Murray che sconfiggono i rispettivi avversari in tre set. Quattro set per Nole Djokovic, Tomas Berdych, Jo-Wilfied Tsonga. Si sono risolte solo al quinto match le partite di Roddick e Soderling.

Desta stupore, in proposito, proprio l’eliminazione dello statunitense Andy Roddick, finalista a Wimbledon nel 2003, 2004 e 2009, sconfitto dal cinese di Taipei Lu con il punteggio di 4-6 7-6(3) 7-6(4) 6-7(5) 9-7.

I match della giornata – Parte alta

Roger Federer (1) vs. Jurgen Melzer

1 2 3
Flag of Switzerland.svg Svizzera Roger Federer (1)  6   6   6 
Flag of Austria.svg Austria Jurgen Melzer  3   2   3 

Tomas Berdych (12) vs. Daniel Brands

1 2 3 4
Flag of the Czech Republic.svg Repubblica Ceca Tomas Berdych (12)  4   7   7   6 
Flag of Germany.svg Germania Daniel Brands  6   6   5   3 

Novak Djokovic (3) vs. Lleyton Hewitt (15)

1 2 3 4
Flag of Serbia.svg Serbia Novak Djokovic (3)  7   6   3   6 
Flag of Australia.svg Australia Lleyton Hewitt (15)  5   4   6   4 

Lu Yen-hsun vs. Andy Roddick (5)

1 2 3 4 5
Flag of the Republic of China.svg Repubblica di Cina Lu Yen-hsun  4   7   7   6   9 
Flag of the United States.svg Stati Uniti Andy Roddick (5)  6   6   6   7   7 

I match della giornata – Parte bassa

Rafael Nadal (2) vs. Paul-Henri Mathieu

1 2 3
Flag of Spain.svg Spagna Rafael Nadal (2)  6   6   6 
Flag of France.svg Francia Paul-Henri Mathieu  4   2   2 

Andy Murray(4) vs. Sam Querrey

1 2 3
Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito Andy Murray (4)  7   6   6 
Flag of the United States.svg Stati Uniti Sam Querrey  5   3   4 

Jo-Wilfried Tsonga (10) vs. Julien Benneteau

1 2 3 4
Flag of France.svg Francia Jo-Wilfried Tsonga (10)  6   6   3   6 
Flag of France.svg Francia Julien Benneteau  1   4   6   1 

Robin Soderling (5) vs. David Ferrer (9)

1 2 3 4 5
Flag of Sweden.svg Svezia Robin Soderling (5)  6   5   6   3   7 
Flag of Spain.svg Spagna David Ferrer (9)  2   7   2   6   5 

I quarti di finale

  • Roger Federer vs. Tomas Berdych
  • Rafael Nadal vs. Robin Soderling
  • Novak Djokovic vs. Yen-Hsun Lu
  • Andy Murray vs. Jo-Wilfried Tsonga


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 24, 2010

Tennis, Wimbledon 2010: Isner vince il match infinito, 70-68 al quinto set

Tennis, Wimbledon 2010: Isner vince il match infinito, 70-68 al quinto set

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Londra, giovedì 24 giugno 2010

Tre giorni di partite, undici ore e cinque minuti effettivi di gara. Tanto ci è voluto per stabilire chi, tra lo statunitense John Isner ed il francese Nicolas Mahut, dovesse proseguire nell’avventura a Wimbledon. Sono serviti ulteriori 65 minuti, dopo la ripresa, per assegnare la vittoria al più quotato Isner, numero 19 della graduatoria mondiale (Mahut è al numero 148).

Ripartiti dal 59-59, il botta e risposta è continuato senza sosta per altri 20 games, nei quali ad ogni allungo dell’americano durante il suo turno di battuta, rispondeva il francese, che riconquistava la parità durante il proprio.

L’equilibrio è stato rotto al centotrentottesimo game del quinto set, quando Isner ha finalmente trovato lo spunto decisivo e si è imposto con il punteggio di 70-68.

A fine gara, i due giocatori ed il giudice di linea sono stati premiati con una targa commemorativa di questo incredibile incontro, i cui primati difficilmente saranno battuti in futuro.

Rivisti ovviamente verso l’alto i primati già riportati nell’articolo di ieri:

  • 183 games disputati
  • 138 games nel solo quinto set
  • 215 ace realizzati
    • 112 Isner
    • 103 Mahut
  • 491 minuti (8 ore e 11 minuti) la durata del quinto set
  • 665 minuti (11 ore e 5 minuti) la durata dell’intero incontro

Questo il resoconto finale della partita più lunga della storia del tennis:

1 (32′) 2 (29′) 3 (49′) 4 (64′) 5 (491′)
Flag of France.svg Nicolas Mahut  4   6   79   6  68 
Flag of the United States.svg John Isner (23)  6   3   6  77   70 


Fonti[]

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Partita Isner–Mahut del torneo di Wimbledon 2010.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 23, 2010

Tennis, Wimbledon 2010: Mahut-Isner, match infinito

Tennis, Wimbledon 2010: Mahut-Isner, match infinito

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Londra, mercoledì 23 giugno 2010
Un incontro che entrerà nella storia del tennis. Sul campo numero 18 del complesso di Torneo di Wimbledon, sta andando in scena da ormai tre giorni una partita che ha dell’incredibile. Protagonisti lo statunitense John Isner ed il francese Nicolas Mahut.

Complice il regolamento di tre dei quattro Slam (fa eccezione lo US Open), che non prevede il tie-break nel quinto set, ma impone che il vincitore riesca a mettere due games di distanza sul suo avversario, dopo 10 ore esatte di gioco, il risultato della sfida, giunta appunto all’ultimo e decisivo set, ha assunto proporzioni gigantesche: 4-6 6-3 7-6 6-7 59-59. E come si può vedere, non è ancora finita…

La partita è iniziata nella giornata di martedì; sospesa per oscurità, è stata ripresa oggi, ma dopo oltre 7 ore di sfida, nessuno ha saputo distanziare quanto necessario l’avversario e di nuovo la sera ha preso il sopravvento. Inutile dire che questa gara sta polverizzando qualsiasi record possibile.

Come quinto set più lungo di sempre – e non ancora finito – ha di gran lunga superato quello disputato da Andy Roddick e Younes El Aynaoui, che all’Open di Australia 2003 si fermarono “solo” al 21-19. È il set più lungo della storia di Wimbledon, dopo aver sbriciolato il primato del match Pietrangeli-Pilić nel secondo turno del torneo 1962 (24-22 6-2 6-4, quando non esisteva ancora il tie-break) e di quello tra Richard Gonzales e Charlie Pasarell nel primo turno del torneo 1969 (22-24 1-6 16-14 6-3 11-9). È anche il set più lungo della storia del tennis, in assoluto, battendo il record di John Newcombe e Marty Riessen, che conclusero 4-6 6-3 6-4 25-23 agli ottavi degli US Open 1969.

Con 163 game finora disputati, ha anche triturato il primato di game disputati; finora il massimo era stato di 112, nella partita Gonzales-Pasarell di cui sopra. Il solo quinto set di questo incontro è già arrivato a 118. Inutile dire che abbia già largamente superato anche il record di durata assoluta: il precedente era stato stabilito nel Roland Garros 2004 da Fabrice Santoro e Arnaud Clement, con 6 ore e 33 minuti. Record anche di ace realizzati in una sola partita: 98 per Isner, 94 per Mahut. Entrambi superano Ivo Karlović, che si è fermato “solamente” a 79 in un incontro di Coppa Davis contro Radek Štěpánek.

Giovedi, forse, conosceremo il nome del vincitore. Per la cronaca, Isner ha avuto quattro match point, uno sul 10-9, due sul 33-32, uno sul 59-58, ma l’avversario francese ha sempre sventato la minaccia. Chi vincerà questa sfida infinita incontrerà nel prossimo turno l’olandese Thiemo de Bakker, anch’egli protagonista di un incontro finito ai vantaggi al quinto set, ma conclusosi su un più “umano” 16-14.


Fonti[]

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Partita Isner–Mahut del torneo di Wimbledon 2010.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 5, 2009

Tennis, Wimbledon 2009: Federer torna vincitore

Filed under: Europa,Gran Bretagna,Pubblicati,Roger Federer,Sport,Tennis — admin @ 5:00 am

domenica 5 luglio 2009

La 123esima edizione del Torneo di Wimbledon si è conclusa con la vittoria del già pentacampione Roger Federer. Lo svizzero ha battuto in finale lo statunitense Andy Roddick, dopo 4 ore e 14 minuti, con il punteggio di 5-7 7-6(6) 7-6(5) 3-6 16-14. Per Federer è la sesta vittoria nell’erba inglese che porta a 15 il numero di Slam totali vinti. Con la vittoria odierna a Wimbledon, Federer supera il record di Slam di Pete Sampras, che aveva eguagliato con la storica vittoria al Roland Garros nello scorso giugno contro Robin Söderling, giustiziere del quattro volte campione Rafael Nadal agli ottavi di finale.

Il primo set della gara è stato sostanzialmente equilibrato, fino al 5-5 servizio Roddick, durante il quale Federer ha avuto diverse palle break. Lo statunitense è riuscito a tenere il servizio e a strapparlo all’avversario nel game successivo: 7-5 il primo set a favore di Roddick.

Il secondo set è stata la fotocopia del primo: pochi scambi, giocatori molto solidi al servizio. Questa volta, tuttavia, Federer ha tenuto il servizio per tentare il tutto per tutto al tie-break. Roddick scappa subito e ottiene 4 set point sul 6-2, ma li spreca tutti e 4, e alla fine cede il set per 8 punti a 6.

Anche il terzo set non ha visto l’ombra di break, e si è ovviamente concluso al tie-break. Qui Federer ha giocato bene i punti importanti e si è aggiudicato il terzo set per 7 punti a 5.

Nel quarto set si è rivisto Roddick, che riesce a strappare il servizio nei primi giochi e in seguito a tenere agevolmente la battuta e protraendo il match al quinto set: 6-3 il punteggio del quarto set a favore dello statunitense.

Il quinto set è stata una vera e propria bagarre che ha visto il servizio dominare. Si è andati avanti fino a al 15-14 per Federer, con Roddick al servizio. Qui, Federer riesce a concretizzare il primo match point della gara, grazie a un diritto fuori misura di Roddick.

Federer, grazie a tre tornei vinti consecutivamente (Madrid, Roland Garros e Wimbledon), tornerà domani 6 luglio 2009 in vetta alla classifica ATP, dopo 46 settimane di dominio Nadal.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Tennis, Roger Federer vince il suo sesto Wimbledon e batte il record di Slam di Pete Sampras

Filed under: Europa,Gran Bretagna,Pubblicati,Roger Federer,Sport,Tennis — admin @ 5:00 am

domenica 5 luglio 2009

Wikinotizie di oggi
Collabora con noi!

La 123esima edizione del Torneo di Wimbledon si è conclusa con la vittoria del già pentacampione Roger Federer. Lo svizzero ha battuto in finale lo statunitense Andy Roddick, dopo 4 ore e 14 minuti, con il punteggio di 5-7 7-6(6) 7-6(5) 3-6 16-14. Per Federer è la sesta vittoria nell’erba inglese che porta a 15 il numero di Slam totali vinti. Con la vittoria odierna a Wimbledon, Federer supera il record di Slam di Pete Sampras, che aveva eguagliato con la storica vittoria al Roland Garros nello scorso giugno contro Robin Söderling, giustiziere del quattro volte campione Rafael Nadal agli ottavi di finale.

Il primo set della gara è stato sostanzialmente equilibrato, fino al 5-5 servizio Roddick, durante il quale Federer ha avuto diverse palle break. Lo statunitense è riuscito a tenere il servizio e a strapparlo all’avversario nel game successivo: 7-5 il primo set a favore di Roddick.

Il secondo set è stata la fotocopia del primo: pochi scambi, giocatori molto solidi al servizio. Questa volta, tuttavia, Federer ha tenuto il servizio per tentare il tutto per tutto al tie-break. Roddick scappa subito e ottiene 4 set point sul 6-2, ma li spreca tutti e 4, e alla fine cede il set per 8 punti a 6.

Anche il terzo set non ha visto l’ombra di break, e si è ovviamente concluso al tie-break. Qui Federer ha giocato bene i punti importanti e si è aggiudicato il terzo set per 7 punti a 5.

Nel quarto set si è rivisto Roddick, che riesce a strappare il servizio nei primi giochi e in seguito a tenere agevolmente la battuta e protraendo il match al quinto set: 6-3 il punteggio del quarto set a favore dello statunitense.

Il quinto set è stata una vera e propria bagarre che ha visto il servizio dominare. Si è andati avanti fino a al 15-14 per Federer, con Roddick al servizio. Qui, Federer riesce a concretizzare il primo match point della gara, grazie a un diritto fuori misura di Roddick.

Federer, grazie a tre tornei vinti consecutivamente (Madrid, Roland Garros e Wimbledon), tornerà domani 6 luglio 2009 in vetta alla classifica ATP, dopo 46 settimane di dominio Nadal.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Tennis, Roger Federer vince il suo sesto Wimbledon e batte il record di Slam di Pete Sampras

Filed under: Europa,Gran Bretagna,Pubblicati,Roger Federer,Sport,Tennis — admin @ 5:00 am

domenica 5 luglio 2009

Wikinotizie di oggi
Collabora con noi!

L’esacampione di Wimbledon, Roger Federer, con la vittoria odierna raggiunge il record di 15 vittorie negli Slam (superando Pete Sampras a quota 14), si avvicina ai 7 Championships vinti proprio da Sampras e da lunedì 6 luglio torna al primo posto nel Ranking ATP

La 123esima edizione del Torneo di Wimbledon si è conclusa con la vittoria del già pentacampione Roger Federer. Lo svizzero ha battuto in finale lo statunitense Andy Roddick, dopo 4 ore e 14 minuti, con il punteggio di 5-7 7-6(6) 7-6(5) 3-6 16-14. Per Federer è la sesta vittoria nell’erba inglese che porta a 15 il numero di Slam totali vinti. Con la vittoria odierna a Wimbledon, Federer supera il record di Slam di Pete Sampras, che aveva eguagliato con la storica vittoria al Roland Garros nello scorso giugno contro Robin Söderling, giustiziere del quattro volte campione Rafael Nadal agli ottavi di finale.

Il primo set della gara è stato sostanzialmente equilibrato, fino al 5-5 servizio Roddick, durante il quale Federer ha avuto diverse palle break. Lo statunitense è riuscito a tenere il servizio e a strapparlo all’avversario nel game successivo: 7-5 il primo set a favore di Roddick.

Il secondo set è stata la fotocopia del primo: pochi scambi, giocatori molto solidi al servizio. Questa volta, tuttavia, Federer ha tenuto il servizio per tentare il tutto per tutto al tie-break. Roddick scappa subito e ottiene 4 set point sul 6-2, ma li spreca tutti e 4, e alla fine cede il set per 8 punti a 6.

Anche il terzo set non ha visto l’ombra di break, e si è ovviamente concluso al tie-break. Qui Federer ha giocato bene i punti importanti e si è aggiudicato il terzo set per 7 punti a 5.

Nel quarto set si è rivisto Roddick, che riesce a strappare il servizio nei primi giochi e in seguito a tenere agevolmente la battuta e protraendo il match al quinto set: 6-3 il punteggio del quarto set a favore dello statunitense.

Il quinto set è stata una vera e propria bagarre che ha visto il servizio dominare. Si è andati avanti fino a al 15-14 per Federer, con Roddick al servizio. Qui, Federer riesce a concretizzare il primo match point della gara, grazie a un diritto fuori misura di Roddick.

Federer, grazie a tre tornei vinti consecutivamente (Madrid, Roland Garros e Wimbledon), tornerà domani 6 luglio 2009 in vetta alla classifica ATP, dopo 46 settimane di dominio Nadal.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 25, 2009

Pillola del giorno dopo alle undicenni della Gran Bretagna

Pillola del giorno dopo alle undicenni della Gran Bretagna

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 25 marzo 2009

Nuovo progetto pilota in Gran Bretagna, per tentare di limitare le gravidanze fra le giovanissime: in sei scuole secondarie inglesi la pillola del giorno dopo è a disposizione delle ragazzine, che possono richiederla con un semplice sms. Si tratta di una risposta al problema delle gravidanze fra minorenni, cresciuto nella zona di quasi il dieci per cento in due anni.

Il servizio è atto a garantire l’anonimato: i genitori non ne sono informati, in nessun caso; inoltre la pillola è gratuita, e non sono state ancora specificate limitazioni di alcun genere, sicché possono richiederne a loro volontà.

Il progetto è attivo in due scuole di Banbury e in quattro di Oxford, ed è stato promosso dal Oxfordshire County Council e dal Oxfordshire Primary Care Trust.

Fra i sostenitori dell’iniziativa vi è l’assessore all’infanzia della contea dell’ Oxfordshire Louise Chapman: «Il nostro impegno è ridurre il numero di gravidanze nelle adolescenti e stiamo cercando il metodo più efficace. Non c’è alcuna intenzione da parte nostra di sostituirci ai genitori o ingannarli, e anzi incoraggiamo le giovani a parlare ai loro genitori sulla loro situazione».

Di tutt’altro avviso padre John Saward, sacerdote presso la chiesa cattolica dei Santi Gregorio e Agostino a Oxford, che ha dichiarato al Daily Mail: «Penso che sia orrendo. La presentazione di un programma come questo incoraggerà la promiscuità nei bambini». Con lui anche diversi fra sociologi e educatori, che giudicano l’iniziativa come un invito alla irresponsabilità completa, e in così giovane età.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress