Wiki Actu it

June 17, 2016

Alcune righe di codice confermano le indiscrezioni sui nuovi Macbook Pro

Alcune righe di codice confermano le indiscrezioni sui nuovi Macbook Pro

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 17 giugno 2016

La vecchia versione del Macbook Pro

Vista dall’alto

Alcune righe di codice, scoperte dal sito francese Mac Generation in macOS Sierra, confermano la presenza di una barra OLED nei nuovi Macbook Pro, che verranno presentati, secondo alcuni analisti, entro la fine dell’anno.

Le righe di codice parlano di kHID_usage e presentano le funzionalità più svariate.

La barra OLED potrebbe consentire di visualizzare lo stato della batteria, di gestire l’audio, di attivare la modalità Non Disturbare e di visualizzare lo stato della fotocamera. Una serie di funzionalità utili, ma non del tutto confermate.

È stato trovato anche un riferimento all’implementazione di un sistema di riconoscimento biometrico (molto probabilmente Touch-ID). Il riferimento è stato trovato dallo sviluppatore Felix Schwarz.

Non sono, comunque, chiare le intenzioni della società di Cupertino riguardo ai prossimi Macbook Pro, ma si pensa, comunque, che l’azienda stia lavorando a grandi modifiche rispetto alla versione precedente.

Anche la data dell’evento è a sorpresa. Alcuni analisti pensano che la presentazione dei nuovi Mac avverrà durante il Q4 di quest’anno, ma non ci sono conferme ufficiali.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 6, 2011

È morto Steve Jobs

È morto Steve Jobs – Wikinotizie

È morto Steve Jobs

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 6 ottobre 2011

Steve Jobs (1955-2011)

Lutto nel mondo dell’informatica: si è spento infatti ieri mattina nella sua casa di Palo Alto, in California Steve Jobs, co-fondatore della Apple, multinazionale tra le prime produttrici di personal computer. Jobs, che aveva 56 anni, ha perso la sua battaglia contro la malattia, una rara forma di tumore al pancreas che minava il suo corpo dal 2003. Per questo motivo, Jobs, lo scorso 24 agosto, aveva annunciato le sue dimissioni dall’azienda, passando il testimone a Tim Cook.

La notizia della morte è stata annunciata dal sito della “Apple” con un messaggio che recita:

« Siamo profondamente rammaricati nel comunicare che Steve Jobs è deceduto oggi. La brillantezza di Steve, la passione e l’energia erano la sorgente di innumerevoli innovazioni che hanno arricchito e migliorato tutte le nostre vite. Il mondo è incommensurabilmente migliore grazie a Steve. Il suo più grande amore fu sua moglie, Laurene, e la sua famiglia. I nostri cuori vanno a loro e a tutti coloro che son stati coinvolti dai suoi straordinari doni. »

Inoltre, il 5 ottobre 2011, l’homepage della Apple Inc. ha mostrato una semplice foto di Jobs con date di nascita e morte. Cliccando l’immagine si ha accesso a un testo commemorativo che recita:

« Apple ha perso un genio creativo e visionario, e il mondo ha perso un fantastico essere umano. Chi fra noi ha avuto la fortuna di conoscere e lavorare con Steve ha perso un caro amico e un mentore ispiratore. Steve lascia dietro di sé una compagnia che solo lui avrebbe potuto costruire, e il suo spirito sarà sempre la base di Apple. »

Un indirizzo e-mail è stato inoltre reso pubblico per poter condividere memorie, condoglianze e pensieri.

Parole di cordoglio per la scomparsa di Steve Jobs sono state espresse anche da Bill Gates, fondatore dell’azienda concorrente, la Microsoft, e da Barack Obama, che ha commentato così la morte di Steve:

« Steve è stato fra i più grandi innovatori americani – tanto coraggioso da pensare in maniera differente, forte abbastanza da credere di poter cambiare il mondo, e con un talento sufficiente da permetterglielo. Creando una delle compagnie mondiali più di successo dal suo garage, ha esemplificato lo spirito dell’ingegnosità americana. Creando personal computer e collegandoli a internet dalle nostre tasche, non solo ha permesso che la rivoluzione dell’informazione fosse accessibile, ma intuitiva e divertente. E mettendo il suo talento nel raccontar storie, ha portato gioia a milioni di bambini e adulti. Steve era solito dire che viveva ogni giorno come fosse l’ultimo. Proprio per questo, lui ha trasformato le nostre vite, ridefinito intere industrie, e raggiunto uno dei più rari obiettivi nella storia umana: ha cambiato il modo in cui tutti noi vediamo il mondo »

Steve Paul Jobs era nato a San Francisco il 24 febbraio 1955. Nato dalla relazione tra due studenti, fu subito dato in adozione ad una coppia di californiani. Abbandonati gli studi, aveva fondato la Apple nel 1976 assieme a Steve Wozniak e a Ronald Wayne. Lascia sua moglie, Laurene, con cui è stato sposato per 20 anni, i suoi tre figli, e una quarta figlia, Lisa Brennan-Jobs, da una relazione precedente.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 27, 2011

Steve Jobs si dimette da CEO della Apple

Steve Jobs si dimette da CEO della Apple

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 27 agosto 2011

Steve Jobs che mostra l’iPad

Steve Jobs, fondatore della Apple, ha scelto di rinunciare al suo posto di CEO della azienda. L’ex direttore operativo, Tim Cook succederà a Jobs come CEO. Jobs ha rinunciato al suo posto dicendo:

[EN]
« I have always said if there ever came a day when I could no longer meet my duties and expectations as Apple’s C.E.O., I would be the first to let you know. Unfortunately, that day has come. »
[IT]
« Ho sempre detto che, se fosse mai arrivato il giorno in cui non avessi più potuto soddisfare i miei doveri e le aspettative come CEO della Apple, sarei stato il primo a dirvelo. Purtroppo, quel giorno è arrivato. »

Nella stessa lettera, Jobs ha dichiarato il suo desiderio di restare come presidente del Consiglio di amministrazione.

Steve Jobs sta combattendo contro un tumore al pancreas dal 2004 e da questo gennaio sta seguendo una terapia medica, il suo terzo allontanamento dal lavoro per ragioni mediche. Jobs è apparso brevemente al pubblico a marzo e a giugno per presentare l’iPad 2 e l’iCloud un servizio di cloud computing online.

Tim Cook fu personalmente raccomandato da Steve come suo erede. Prima di entrare nella Apple, Cook ha lavorato nella IBM e nella Compaq. Cook sarebbe anche la causa del successo dell’iPad e del MacBook Air.


Fonti[]

Wikinews

Questo articolo, o parte di esso, deriva da una traduzione di Apple executive Steve Jobs resigns, pubblicato su Wikinews in inglese.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 27, 2010

Si chiama iPad il nuovo nato in casa Apple

Si chiama iPad il nuovo nato in casa Apple

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 27 gennaio 2010
Si chiama iPad il nuovo nato in casa Apple. Ad annunciarlo è stato l’amministratore delegato della società di Cupertino (California) che, dopo tante attese, ha presentato il tablet della Apple. Si tratta, così come si mormorava già in internet dove la notizia rimbalzava da settimane, di un grande iPhone di 9,7 pollici e appena 14 millimetri di spessore. Le applicazioni per iPhone e Ipod Touch saranno compatibili con il nuovo iPad che svolge le stesse funzioni, ma con uno schermi più grande. Con iPad si potrà navigare in internet, leggere gli e-book, sentire la musica avendo le prestazioni di un vero e proprio portatile, oltre alla batteria che dura ben 10 ore.


Fonti[]


Ricerca originale
Questo articolo (o parte di esso) si basa su informazioni frutto di ricerche o indagini condotte da parte di uno o più contributori della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 29, 2008

ITunes presto anche per i non vedenti

ITunes presto anche per i non vedenti – Wikinotizie

ITunes presto anche per i non vedenti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca
Nota disambigua.svg

Il titolo di questa voce non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è iTunes presto anche per i non vedenti.

lunedì 29 settembre 2008

iTunes è il programma della Apple che permette di gestire la musica.

Apple e la Federazione Statunitense non Vedenti (National Federation of the Blind) hanno stretto un accordo con il quale il software di iTunes permetterà anche ai non vedenti di poter scaricare musica e video, ma sopratutto aiuterà gli studenti ciechi a poter scaricare le lezioni universitarie tramite iTunes U.

Le scritte saranno convertite in braille o voce-guida e l’accordo tra le due società prevede una collaborazione di un minimo di tre anni.

La Apple, inoltre, ha promesso che tutti i titoli di iTunes U saranno completamente accessibili entro il 31 dicembre 2008, e che, in seguito, a partire dal 30 giugno, tutto l’iTunes Store sarà disponibile per le persone affette da cecità.

Inoltre, la società della mela ha versato 250.000 $ alla Massachusetts Commission for the Blind per aiutare l’agenzia nell’acquisto di tecnologie per l’assistenza alla navigazione sul web per non vedenti.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 25, 2008

Songs for Tibet: il governo cinese blocca anche iTunes

Songs for Tibet: il governo cinese blocca anche iTunes

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 25 agosto 2008
Il governo cinese, nonostante le promesse preolimpiche di maggior democrazia, si conferma tutt’altro che aperto a critiche di qualsiasi tipo.

Ultimo in ordine di tempo a cadere nelle maglie della rigidissima censura telematica operata dal regime di Pechino è il servizio iTunes Store di Apple.

Gli utenti cinesi avevano, fino a pochi giorni fa, libero accesso all’iTunes Store internazionale, non esistendone una versione localizzata, ma improvvisamente alla vigilia della chiusura dei giochi olimpici, chiunque ha tentato di collegarsi all’iTunes Store ha ricevuto il laconico messaggio: «iTunes non può connettersi ad iTunes Store. Si è verificato un errore sconosciuto.».

Apple non ha a tutt’oggi commentato ufficialmente l’accaduto, e pertanto rimane in piedi, seppur flebile, l’ipotesi di un disservizio di natura tecnica.

Il governo cinese non ha perso tempo nel discolparsi, ma i più attenti tra gli analisti hanno fatto notare la contemporanea interruzione del servizio Amazon, e l’inaccessibilità di ulteriori contenuti legati all’album Songs for Tibet, un lavoro collettivo di grandi artisti internazionali per denunciare il dramma dell’occupazione del Tibet da parte della Cina.

La Art of peace foundation, promotrice dell’iniziativa, fa notare come l’interruzione del servizio sia seguita alla dichiarazione, rilasciata dalla stessa fondazione, secondo cui «40 atleti hanno manifestato il proprio supporto alla causa perseguita da Songs For Tibet»

Attualmente, in mancanza di notizie ufficiali, alcuni utenti asseriscono di poter nuovamente raggiungere dall’area di Pechino l’iTunes Store, dopo un restyling che avrebbe reso di fatto impossibile accedere alle canzoni pro-Tibet.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 5, 2007

Mac OS X Leopard verrà rilasciato il 26 ottobre

Mac OS X Leopard verrà rilasciato il 26 ottobre

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 5 ottobre 2007

Apple Store

Ieri il sito Appleinsider ha confermato le voci di corridoio sul rilascio di Mac OS X Leopard, la versione 10.5 del sistema operativo prodotto dalla Apple. L’informazione trapelata afferma che il lancio di Leopard è previsto per il 26 ottobre 2007.

La versione 10.4, nota come Tiger, era stata messa in commercio a partire dal 29 aprile 2005. Anche in quel caso il giorno scelto dall’azienda di Cupertino era stato l’ultimo venerdì del mese.

Gli avversari della Apple nel frattempo non stanno fermi a guardare. Ad esempio la prossima versione di Ubuntu, la distribuzione Linux finanziata dalla Canonical Ltd, è prevista per il 18 ottobre. Gutsy Gibbon (Gibbone Coraggioso) è già disponibile in versione beta.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 7, 2007

In Italia l\’iPhone solo nel 2008

In Italia l’iPhone solo nel 2008 – Wikinotizie

In Italia l’iPhone solo nel 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 7 luglio 2007

L’iPhone

Secondo le indiscrezioni del Financial Times, l’avveniristico telefonino della Apple, l’iPhone, uscito negli Stati Uniti d’America lo scorso 29 giugno, sarà in commercio in Italia solo dal 2008. Le voci non sono ancora né confermate, né smentite dall’azienda di Steve Jobs.

In precedenza il lancio in Europa era previsto per ottobre 2007, ma questo avverrà solo in tre paesi: Francia, con Orange, Germania, con T-Mobile, Regno Unito con O2. Probabilmente è dovuto all’enorme suddivisione degli operatori telefonici nel vecchio continente. L’At&T, infatti, copre l’intero territorio statunitense, mentre non c’è un analogo nel vecchio continente.

Per gli altri paesi, ed in Asia, l’Apple prende più tempo per definire i contratti con i vari operatori. In Italia, caso particolare, gli abbonamenti che comprendono cellulare e traffico sono poco diffusi, si preferisce invece tenere un telefonino di proprietà con scheda prepagata di traffico.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 1, 2007

Aperto primo Apple Store Italia, subito contestazione Greenpeace

Aperto primo Apple Store Italia, subito contestazione Greenpeace

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 1 aprile 2007
Ieri mattina a Roma si è tenuta l’inaugurazione del primo Apple Store dell’Europa continentale. Alla festa però si sono presentati anche degli attivisti di Greenpeace, inscenando una parodia riguardante la mela del logo della Apple e la mela di Adamo ed Eva.

Gli ecologisti hanno chiesto che la società si impegni maggiormente nella tutela dell’ambiente, in particolare predisponendo un ritiro gratuito dei loro prodotti, in modo tale che vengano riciclati nel migliore dei modi.

Steve Jobs ha dichiarato che la società tiene molto in considerazione l’ambiente ed è già impegnata nel riciclaggio.


Fonte

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 22, 2006

Microsoft presenta la sua sfida all\’iPod

Microsoft presenta la sua sfida all’iPod

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 22 luglio 2006
Dopo settimane di attesa, la Microsoft ha annunciato l’arrivo del lettore MP3 con il marchio della casa di Redmond: secondo il comunicato, il lancio avverrà entro la fine dell’anno, giusto in tempo per le spese di Natale.

La mossa era attesa ormai da tempo: il mercato della musica digitale è troppo ghiotto perché Microsoft lasciasse alla Apple e al suo iPod il monopolio (l’azienda guidata dall’informatico Steve Jobs, infatti, controlla il 75% del mercato).

Zune, questo il nome del prodotto, non si limiterà al semplice lettore, ma, almeno stando alle parole del responsabile marketing dell’azienda di Bill Gates, «permetterà agli utenti di scoprire insieme la musica». Questo vuol dire anche che l’assalto verrà dato anche al famoso negozio virtuale (sempre targato Apple) iTunes, leader del mercato a scapito anche di MSN Music, portale della Microsoft che ha avuto scarso successo.

Il lettore Zune si presenta come fortemente innovativo: oltre alla possibilità di riprodurre audio, potrà immagazzinare anche video e avrà la possibilità di legarsi wireless, a differenza del più famoso iPod, che con il suo successo di vendita (oltre 50 milioni di esemplari venduti nel mondo) ha anche risollevato le vendite di Macintosh, rivale storico della Microsoft.


Articoli correlati

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress