Wiki Actu it

May 11, 2008

Travaglio attacca Schifani: polemiche bipartisan

Travaglio attacca Schifani: polemiche bipartisan

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 11 maggio 2008

Il 10 maggio 2008 Marco Travaglio, durante il programma televisivo “Che tempo che fa” condotto da Fabio Fazio, ha attaccato il presidente del Senato Renato Schifani: lo ha paragonato, riciclando due battute dette da Daniele Luttazzi nel 2001 a “Satyricon” sui politici italiani e su Rutelli, a un “lombrico” e alla “muffa”; e ha ripreso le accuse di aver avuto delle amicizie con dei mafiosi riportate nel libro “I complici” di Lirio Abbate e Peter Gomez, criticando fortemente l’assenza di professionalità dei giornalisti e rimproverando loro d’essere al servizio dei politici.

« Schifani ha avuto delle amicizie con dei mafiosi? Io non scrivo che Schifani ha avuto delle amicizie con dei mafiosi perché non lo vuole né la destra né la sinistra: e io che c’entro con la destra e con la sinistra? Loro prendano le posizioni politiche che vogliono, ma io devo fare il giornalista. »

Fazio ha mostrato una certa preoccupazione, ad un certo punto ha detto di non essere d’accordo con lui su niente, e poi ha anche ipotizzato che Travaglio non abbia in simpatia De André: cosa che invece lui ha smentito categoricamente. Le parole più caustiche che Travaglio abbia pronunciato su Schifani sono state quelle relative alla ‘muffa’. In sostanza ha detto: partendo da nomi illustri come De Gasperi, si arriva a Schifani, e ha ipotizzato quali orrori il futuro avrebbe riservato ancora, scendendo al livello di ‘muffe e lombrichi’. Ma poi si è corretto: ‘almeno con la muffa ci si fa la penicillina, quindi è utile’.

Il giorno successivo Fabio Fazio all’inizio della puntata di “Che tempo che fa” ha letto una lettera di scuse da parte del direttore generale Claudio Cappon:

« In relazione alle dichiarazioni rilasciate ieri da Marco Travaglio nel corso di questa trasmissione, non solo si dissocia a nome della Rai e manifesta nei confronti del presidente del Senato Renato Schifani la più alta considerazione e rispetto, ma non può che stigmatizzare un comportamento inaccettabile in qualsiasi programma del servizio pubblico che mette in campo critiche, insulti e affermazioni diffamanti senza alcuna possibilità di contraddittorio. »

Subito dopo Fazio si è associato alla lettera chiedendo scusa ai telespettatori.

A seguito di quanto detto da Marco Travaglio diversi esponenti politici hanno rilasciato le loro dichiarazioni. Lo stesso Renato Schifani dice che “si tratta di fatti inconsistenti o manipolati che non hanno nemmeno la dignità per generare sospetto”.

Sia Altero Matteoli (PDL) che Anna Finocchiaro (PD) hanno criticato duramente l’intervento di Marco Travaglio, mentre Mario Adinolfi (PD) e Antonio Di Pietro (IdV) lo hanno sostenuto. Per la Finocchiaro ha dichiarato infatti: «Trovo inaccettabile che possano essere lanciate accuse così gravi, come quella di collusione mafiosa, nei confronti del presidente del Senato, in diretta tv su una rete pubblica, senza possibilità di contraddittorio».

Marco Travaglio ha in seguito risposto alle polemiche dicendo di essere stato fin troppo buono con Schifani e che tutto quanto è documentato sul suo libro Se li conosci li eviti. Sul fatto sollevato da alcune persone, tra le quali Anna Finocchiaro, per il quale le accuse non hanno avuto un contraddittorio, Travaglio ha risposto di non aver lanciato alcuna accusa, ma di aver fatto solo cronaca.

« A me fa piacere che il neo capogruppo di Forza Italia Cicchitto invochi un clima di pace e serenità anche nel settore dell’informazione – ha detto Giulietti. Non avevo colto questa sua vocazione perché non avevo mai sentito la sua voce né quella di alcuni dirigenti Rai (e non tutti di destra) all’epoca dell’editto bulgaro e neppure alcune settimane fa quando a reti semiunificate è stato consentito l’elogio di Mangano, senza contraddittorio alcuno o quando vi è stata un’esaltazione dei fucili padani, subito derubricata a goliardata da compiacenti reggimicrofono. In quel caso ci fu un signorile silenzio tombale. »

Di Pietro, in netta controtendenza anche con il Partito Democratico ha preso le difese di Travaglio con veemenza nel suo post odierno, che ha ricevuto oltre 600 repliche nel suo blog. In cui dice tra l’altro:

« Un giornalista che racconta, citando episodi specifici, non ha bisogno di alcun contraddittorio. Questo, semmai, deve essere fatto dai politici quando si confrontano tra di loro. Il cronista racconta come sono andati i fatti e paradossalmente vorrebbe dire che ogni qualvolta egli scrive o riporta la cronaca di una rapina, si dovrebbe ascoltare anche la versione del rapinatore. »


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 2, 2007

L\’archivio segreto di Via Nazionale

L’archivio segreto di Via Nazionale – Wikinotizie

L’archivio segreto di Via Nazionale

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 2 ottobre 2007

L’archivio segreto di Via Nazionale consiste in centinaia di dossier preparati dal funzionario del Sismi Pio Pompa (il coordinatore) e relativi a giornalisti, magistrati e numerose personalità della politica e non solo, tra le quali Romano Prodi, Vincenzo Visco ed altre importanti figure del centrosinistra. Gli obiettivi del dossieraggio erano in larga parte persone ritenute “nemici” del centrodestra”.

L’archivio conterrebbe inoltre materiale per operazioni contro potenziali avversari politici del centro-destra, piani di “occupazione” della pubblica amministrazione e degli organi di sicurezza legati al governo, promemoria sui sequestri degli ostaggi italiani in Iraq, materiale relativo a crisi internazionali in Africa e nell’est Europa. L’archivio sarebbe stato realizzato utilizzando informazioni riservate ottenute da persone introdotte in procure, nelle Forze Armate, nella pubblica amministrazione e negli organi di stampa. Secondo gli inquirenti, l’archivio serviva per effettuare una vera e propria campagna di disinformazione ai danni delle personalità pubbliche oggetto di spionaggio.

L’attività illecita ha avuto inizio nell’estate 2001 ed è proseguita fino al 2006. Alcuni dei protagonisti di questo scandalo sono inoltre coinvolti anche nel caso Abu Omar e nello scandalo Telecom-Sismi.

Dai primi risultati delle indagini, appare che dall’insediamento di Pollari al vertice del Sismi (avvenuto con nomina da parte dell’appena insediato governo di centrodestra guidato da Berlusconi), sia stata inoltre avviata una attività di sistematica sostituzione (“bonifica”) degli uomini ritenuti non fidati nella struttura di Palazzo Chigi e di “epurazione” della pubblica amministrazione, con l’inserimento di persone direttamente rispondenti ai nuovi vertici del servizio ed ad esse assolutamente leali.

Pompa ha inoltre ammesso durante gli interrogatori che il direttore Pollari era informato in ogni momento del procedere dell’attività di spionaggio condotta sui magistrati ritenuti “ostili” a Silvio Berlusconi.

La scoperta dell’archivio

La scoperta dell’archivio risale all’estate del 2006, nel periodo in cui la Procura di Milano indagava sul caso Abu Omar. In tale circostanza, è stato rinvenuto l’archivio segreto in Via Nazionale, contenente i dossier e le documentazioni ora al vaglio dei magistrati. Nei primi di luglio del 2006 la Procura di Milano ha disposto l’esame tecnico dell’archivio. L’anno successivo (2007) ha passato la documentazione alla Procura di Roma.

Le indagini

Dal giugno 2007 Pio Pompa e l’ex direttore del Sismi Nicolò Pollari sono indagati dalla procura di Roma con l’accusa di peculato e possesso abusivo di informazioni riservate. All’attività di Pompa avrebbe collaborato attivamente anche Renato Farina, giornalista del quotidiano Libero. Pompa è accusato di trattamento illecito di dati personali sensibili, procacciamento di notizie concernenti la sicurezza dello Stato e possesso ingiustificato di documenti e cose atte a fornire notizie concernenti la sicurezza dello Stato.

Il 26 giugno 2007 Pio Pompa è stato sottoposto a perquisizione. Nella sua auto è stata trovata copia informatica dell’enorme mole di dati, articoli e dossier che costituiscono l’archivio.

Nell’interrogatorio del 3 luglio 2007 Pio Pompa, ha dichiarato di aver ottenuto le proprie informazioni da fonti pubbliche.

Il 4 luglio 2007 il Consiglio Superiore della Magistratura è intervenuto accusando il SISMI dell’attività di spionaggio, portando avanti “un’attività estranea ai compiti dei servizi fatta per intimidire e far perdere credibilità” ai magistrati. Il CSM ha accusato il Sismi non solo della raccolta di materiale informativo sui magistrati, ma anche di averne seguito gli spostamenti e di averne spiato la posta elettronica, allo scopo di intralciare le indagini dei magistrati stessi, sorvegliarli, intimidirli e screditarli, utilizzando anche mezzi di informazione compiacenti. Secondo il CSM, i membri delle Procure di Milano, Torino, Roma e Palermo sono stati oggetto di spionaggio e schedatura. Sarebbero inoltre stati spiati vari consiglieri dell’Associazione Nazionale Magistrati, oltre a 47 giudici italiani e 156 giudici di diversi Paesi Europei.

Nei giorni successivi Silvio Berlusconi dichiara: “Non sapevo nulla, ma i dossier sequestrati (al Sismi) non hanno niente di illecito”. Viene inoltre avanzata la proposta da parte del Ministro della Giustizia Clemente Mastella della creazione di una Commissione parlamentare di inchiesta sul caso. Pollari successivamente dichiara di voler raccontare la propria versione dei fatti, cosa a suo dire impossibile per via del segreto di stato. L’11 luglio 2007 il governo tuttavia ribadisce che sulla vicenda non è stato mai apposto alcun segreto di stato.

Il 17 luglio, Nicolò Pollari, interrogato dal Copaco, fornisce ben pochi elementi conoscitivi sulla questione, asserendo inoltre che l’ufficio era attivo solo dal 2004.

Con la riforma dei servizi di informazione varata ai primi di agosto 2007, sono state fissate pene severe (con il carcere da 3 a 10 anni), per chi compie attività di “dossieraggio”. Sono stati inoltre messi al bando gli archivi riservati.

Fonti


Ricerca originale
Questo articolo (o parte di esso) si basa su informazioni frutto di ricerche o indagini condotte da parte di uno o più contributori della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 28, 2007

Omicidio di Chiara Poggi

Omicidio di Chiara Poggi – Wikinotizie

Omicidio di Chiara Poggi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Martedì  28 agosto 2007

Digitale-crimi.png

Segui lo speciale Omicidio Chiara Poggi
su Wikinotizie.

Il 13 agosto 2007 è stata ritrovata morta Chiara Poggi, una ragazza 26enne residente a Garlasco (PV)

Secondo una prima ricostruzione, la sera di domenica 12 agosto 2007, Chiara Poggi ed il fidanzato Alberto Stasi hanno cenato assieme. Stasi ha dichiarato che, dopo cena, ha lasciato la villetta della famiglia Poggi per tornare a casa sua e trascorrervi la notte e, la mattina seguente, ha tentato inutilmente di contattare la Poggi al telefono cellulare.

Attorno alle 14 del 13 agosto, il ragazzo si è recato nuovamente presso l’abitazione della Poggi e lì ha trovato la porta aperta: entrato in casa, ha trovato il corpo esanime della ragazza, riverso per terra in un lago di sangue. Lasciata la casa, lo Stasi si è recato presso la vicina caserma dei Carabinieri per dare l’allarme.

I genitori della ragazza si trovavano, al momento del delitto, in montagna, per trascorrervi le ferie estive.

L’aggressione[]

Secondo gli inquirenti, la Poggi è stata uccisa con un oggetto pesante, non ancora ritrovato, colpita più volte da una persona che probabilmente conosceva, alla quale ha aperto la porta in pigiama, e con la quale ha avuto una breve conversazione sfociata nel dramma. Sotto le unghie della vittima sono state ritrovate tracce organiche, forse appartenenti all’omicida.

La vittima[]

Chiara Poggi al momento della morte aveva 26 anni. Da poco laureatasi e impiegata presso un’azienda informatica, aveva da 4 anni un legame sentimentale con il ventiquattrenne Alberto Stasi, anch’egli di Garlasco, studente all’Università Bocconi di Milano.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 3, 2007

Concerto di Laura Pausini allo Stadio Meazza di Milano

Concerto di Laura Pausini allo Stadio Meazza di Milano

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 3 giugno 2007
Il Concerto di Laura Pausini allo Stadio Meazza di Milano, si è tenuto ieri a Milano. Ritenuto rivoluzionario per molti aspetti nel panorama concertistico italiano, esso ha introdotto tecnologie mai sperimentate prima in Italia per le grandi manifestazioni, ed è stato inoltre il primo ed unico concerto tenuto da un’artista femminile allo Stadio milanese meglio noto come San Siro.

Allo stadio milanese, infatti, gli unici due concerti previsti per una donna, in questo caso le grandi popstar Madonna e Céline Dion a distanza di anni l’una dall’altra, saltarono a causa dell’opposizione delle due squadre fruitrici della struttura sportiva, Milan e Inter. Ma il concerto di Laura Pausini è stato regolarmente autorizzato, ed ha avuto luogo davanti a un pubblico di circa 70.000 spettatori a stadio esaurito. Il pubblico, assai eterogeneo, è stato alimentato non solo dai numerosi gruppi organizzati provenienti da tutta l’Italia, ma inoltre da numerosi fan dell’artista emiliana accorsi da tutto il mondo, perfino da Messico, Brasile e Giappone. Presenti tra gli ospiti più illustri gli amici della Pausini da lei personalmente invitati Biagio Antonacci ed Eros Ramazzotti, i giocatori del Milan, di cui è tifosa, oltre agli stilisti di fama mondiale Roberto Cavalli, Giorgio Armani, Dan e Dean Caten.

Per il grande evento è stato allestito un palco a forma di vela della larghezza di 70 m, una profondità di 24 e 20 m d’altezza. Consiste l’uso di moderne tecnologie dello show business, come i maxischermi: quello centrale, di faraoniche dimensioni, avente una superficie di 90 mq, e quelli laterali di 40 mq. Il maxischermo centrale ha proiettato videoclip girati appositamente dalla cantante, mentre quelli laterali hanno trasmesso in diretta il concerto.

La coreografia ha inoltre previsto 300 mq di Mistrip, strisce di schermi utilizzate per ricreare effetti grafici, che in Italia non erano mai stati introdotti prima.

L’impianto di illuminazione, inoltre, prevedeva 260 fari motorizzati e 350 corpi illuminanti, in grado di generare complessivamente 1 GigaWatt di potenza.

Imponente anche l’impianto audio, costituito da 64 casse Main Cluster, 40 casse per Sub, circa 20 punti Delay sul secondo e terzo anello, 207 casse e 18 Sub, in grado di generare un totale di 500.000 Watt di potenza.

Dietro le quinte, è stata al lavoro una produzione di 120 persone trasportata da 18 Tir e 700 addetti supplementari.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 12, 2007

Oggi si svolge il Family Day

sabato 12 maggio 2007

La manifestazione di piazza San Giovanni in Laterano

La manifestazione di piazza San Giovanni in Laterano

Si tiene oggi a Roma, in piazza San Giovanni in Laterano il Family Day, una manifestazione volta ad una rivalutazione del matrimonio e della famiglia tradizionale come nucleo della società. Secondo molti però, il vero motivo che ha innescato la necessità dell’evento è la contrarietà al recente disegno di legge riguardante i diritti delle coppie di fatto (DICO) e pertanto la difesa del matrimonio inteso dal diritto vigente come unica forma di legittimazione della famiglia. La manifestazione chiede ai suoi partecipanti la condivisione dei principi espressi nel Manifesto “Più famiglia” ed è organizzata dal Forum delle Associazioni Familiari, di cui sono portavoce Eugenia Roccella e Savino Pezzotta.

Dati della manifestazione

Il family day è iniziato alle ore 15 con la conduzione di Paola Rivetta e Alessandro Zaccuri messa in onda dal canale televisivo Sat2000. È stato inoltre trasmessa da varie emittenti radiofoniche e televisive come Skytg24 e Rai2.

Numerosa è stata la presenza del mondo politico con esponenti di entrambe le coalizioni. Tra i presenti si ricorda il ministro guardasigilli Clemente Mastella, il Ministro dell’istruzione Giuseppe Fioroni, Silvio Berlusconi, Gianfranco Fini, Pierferdinando Casini, Giulio Andreotti.

Secondo gli organizzatori i partecipanti sono stati più di 1 milione, mentre secondo le stime della Questura di Roma la presenza si è attesta sui 250-300 mila.

Manifestazione parallela

Parallelamente, la Rosa nel pugno, lo SDI e il Partito radicale hanno organizzato per lo stesso pomeriggio, in Piazza Navona, una manifestazione-concerto per il Coraggio laico, nel trentatreesimo anniversario del referendum sul divorzio. Anche in questo caso, secondo il commento di molti tra giornalisti e politici il motivo non secondario dell’indizione di questo evento è stata una contrapposizione alla manifestazione di piazza San Giovanni.

Dura è stata la polemica per l’assenza di molti esponenti dei Democratici di Sinistra. Presenti anche personaggi del mondo dello spettacolo come Alessandro Cecchi-Paone. La partecipazione si è attestata alle 10 000 persone secondo gli organizzatori.

Fonti

Collegamenti esterni

  • Sito ufficiale


GNU head È concesso il permesso di copiare, ridistribuire o modificare questo documento secondo i termini della Licenza della Documentazione Libera della GNU, versione 1.2 o una qualsiasi delle versioni successive pubblicate dalla Free Software Foundation; senza Sezioni invarianti, senza Testo di Copertina, e senza Testo di Retro-copertina. Una copia (in inglese) della licenza è inclusa in “Testo della GNU Free Documentation License” (traduzione in italiano).
This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Roma: oggi si svolge il Family Day

Roma: oggi si svolge il Family Day – Wikinotizie

Roma: oggi si svolge il Family Day

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 12 maggio 2007

La manifestazione di piazza San Giovanni in Laterano

Si tiene oggi a Roma, in piazza San Giovanni in Laterano il Family Day, una manifestazione volta ad una rivalutazione del matrimonio e della famiglia tradizionale come nucleo della società. Secondo molti però, il vero motivo che ha innescato la necessità dell’evento è la contrarietà al recente disegno di legge riguardante i diritti delle coppie di fatto (DICO) e pertanto la difesa del matrimonio inteso dal diritto vigente come unica forma di legittimazione della famiglia.

La manifestazione chiede ai suoi partecipanti la condivisione dei principi espressi nel Manifesto “Più famiglia” ed è organizzata dal Forum delle Associazioni Familiari, di cui sono portavoce Eugenia Roccella e Savino Pezzotta.

Dati della manifestazione

Il family day è iniziato alle ore 15 con la conduzione di Paola Rivetta e Alessandro Zaccuri messa in onda dal canale televisivo Sat2000. È stato inoltre trasmessa da varie emittenti radiofoniche e televisive come Skytg24 e Rai2.

Numerosa è stata la presenza del mondo politico con esponenti di entrambe le coalizioni. Tra i presenti si ricorda il ministro guardasigilli Clemente Mastella, il Ministro dell’istruzione Giuseppe Fioroni, Silvio Berlusconi, Gianfranco Fini, Pier Ferdinando Casini, Giulio Andreotti.

Secondo gli organizzatori i partecipanti sono stati più di 1 milione, mentre secondo le stime della Questura di Roma la presenza si è attesta sui 250-300 mila.

Manifestazione parallela

Parallelamente, la Rosa nel pugno, lo SDI e il Partito radicale hanno organizzato per lo stesso pomeriggio, in Piazza Navona, una manifestazione-concerto per il Coraggio laico, nel trentatreesimo anniversario del referendum sul divorzio. Anche in questo caso, secondo il commento di molti tra giornalisti e politici il motivo non secondario dell’indizione di questo evento è stata una contrapposizione alla manifestazione di piazza San Giovanni.

Dura è stata la polemica per l’assenza di molti esponenti dei Democratici di Sinistra. Presenti anche personaggi del mondo dello spettacolo come Alessandro Cecchi-Paone. La partecipazione si è attestata alle 10 000 persone secondo gli organizzatori.

Fonti

Collegamenti esterni

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 2, 2006

Football Association Cup 2006-2007/Secondo Turno

Filed under: Calcio,Europa,GFDL,Gran Bretagna — admin @ 5:00 am

Football Association Cup 2006-2007/Secondo Turno

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

2 dicembre 2006

Current sport.svg

Segui il Football Association Cup 2006-2007 su Wikinotizie!

Il secondo turno si gioca il 2 dicembre 2006.

  1. Milton Keynes Dons 0-2 Blackpool 3.837
  2. Scunthorpe United 0-2 Wrexham 5.054
  3. Brighton & Hove Albion 3-0 Stafford Rangers 5.741
  4. Bristol City 4-3 Gillingham
  5. Hereford United 4-0 Port Vale 4.076
  6. Macclesfield Town 2-1 Hartlepool United 1.992
  7. Stockport County 2-1 Wycombe Wanderers 3.821
  8. Bury 2-2 Chester City 3.428
      Chester City 1-3 Bury (12 dicembre)
  9. Barnet 4-1 Northampton Town 2.786
  10. Tranmere Rovers 1-2 Peterborough United 6.308
  11. King’s Lynn 0-2 Oldham Athletic 5.444
  12. Darlington 1-3 Swansea City 4.183
  13. Salisbury City 1-1 Nottingham Forest
      Nottingham Forest 2-0 Salisbury City (12 dicembre)
  14. Torquay United 1-1 Leyton Orient 2.392
      Leyton Orient 1-2 Torquay United (12 dicembre)
  15. Bristol Rovers 1-1 Bournemouth 6.252
      Bournemouth 0-1 Bristol Rovers (12 dicembre)
  16. Bradford City 0-0 Millwall 4.346
      Millwall 1-0 dts Bradford City (12 dicembre)
  17. Swindon Town 1-0 Morecambe 5.942
  18. Mansfield Town 1-1 Doncaster Rovers 4.837
      Doncaster Rovers 2-0Mansfield Town (12 dicembre)
  19. Aldershot Town 1-1 Basingstoke Town 4.525
      Basingstoke Town 1-3 Aldershot Town (12 dicembre)
  20. Rushden & Diamonds 1-2 Tamworth 2.815

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

November 11, 2006

Football Association Cup 2006-2007/Primo Turno

Filed under: Calcio,Europa,GFDL,Gran Bretagna — admin @ 5:00 am

Football Association Cup 2006-2007/Primo Turno

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

11 novembre 2006

Current sport.svg

Segui il Football Association Cup 2006-2007 su Wikinotizie!

Si gioca il 11 novembre 2006. Ammesse al turno le 32 qualificate dal turno precedente e le 48 squadre dei campionati Championship e League One. Si sono rigiocate 9 gare.

  1. A.F.C. Bournemouth 4-0 Boston United
  2. Wycombe Wanderers 2-1 Oxford United
  3. Peterborough United 3-0 Rotherham United
  4. Torquay United 2-1 Leatherhead
  5. Morecambe 2-1 Kidderminster Harriers
  6. Tranmere Rovers 4-2 Woking
  7. Salisbury City 3-0 Fleetwood Town
  8. Chelmsford City 1-1 Aldershot Town
      Aldershot Town 2-0 Chelmsford City(21 novembre)
  9. Weymouth 2-2 Bury
      Bury 4-3 Weymouth(21 novembre)
  10. Nottingham Forest 5-0 Yeading
  11. Stafford Rangers 1-1 Maidenhead United
      Maidenhead United 0-2 Stafford Rangers (21 novembre)
  12. Shrewsbury Town 0-0 Hereford United
      Hereford United 2-0 Shrewsbury Town (21 novembre)
  13. Northampton Town 0-0 Grimsby Town
      Grimsby Town 0-2 Northampton Town (21 novembre)
  14. Wrexham 1-0 Stevenage Borough
  15. Chesterfield 0-1 Basingstoke Town
  16. Gainsborough Trinity 1-3 Barnet
  17. Lewes 1-4 Darlington
  18. Clevedon Town 1-4 Chester City
  19. Barrow 2-3 Bristol Rovers
  20. Rushden & Diamonds 3-1 Yeovil Town
  21. Burton Albion 1-2 Tamworth
  22. Farsley Celtic 0-0 Milton Keynes Dons
      Milton Keynes Dons 2-0 Farsley Celtic(21 novembre)
  23. Brentford 0-1 Doncaster Rovers
  24. Gillingham 4-1 Bromley
  25. York City 0-1 Bristol City
  26. Bishop’s Stortford 3-5 King’s Lynn
  27. Exeter City 1-2 Stockport County
  28. Newport County 1-3 Swansea City
  29. Kettering Town 3-4 Oldham Athletic
  30. Rochdale 1-1 Hartlepool United
      Hartlepool United 0-0dts (4-2dcr) Rochdale (20 novembre)
  31. Brighton & Hove Albion 8-0 Northwich Victoria
  32. Mansfield Town 1-0 Accrington Stanley
  33. Cheltenham Town 0-0 Scunthorpe United
      Scunthorpe United 2-0 Cheltenham Town (21 novembre)
  34. Macclesfield Town 0-0 Walsall
      Walsall 0-1 Macclesfield Town (21 novembre)
  35. Bradford City 4-0 Crewe Alexandra
  36. Leyton Orient 2-1 Notts County
  37. Swindon Town 3-1 Carlisle United
  38. Huddersfield Town 0-1 Blackpool
  39. Havant & Waterlooville 1-2 Millwall (giocata a Portsmouth)
  40. Port Vale 2-1 Lincoln City

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 28, 2006

Football Association Cup 2006-2007/Quarto Turno di Qualificazione

Filed under: Calcio,Europa,GFDL,Gran Bretagna — admin @ 5:00 am

Football Association Cup 2006-2007/Quarto Turno di Qualificazione

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

28 ottobre 2006

Current sport.svg

Segui il Football Association Cup 2006-2007 su Wikinotizie!

Si gioca il 28 ottobre 2006. Sono ammesse di diritto al turno, oltre alle 20 squadre regolarmente qualificate, le 44 squadre di Conference e League Two, per un totale di 64 squadre. Si sono dovute rigiocare 2 partite.

  1. Barrow 3-2 Marine
  2. Stafford Rangers 3-0 Scarborough
  3. Tamworth 3-1 Harrogate Town
  4. Gainsborough Trinity 2-0 Whitley Bay
  5. Kings Lynn 3-0 Hucknall Town
  6. Newcastle Banfield (Bay Plastics) 0-1 York City
  7. Fleetwood Town 3-0 Wisbech Town
  8. Rushden & Diamonds 3-0 Altrincham
  9. Burton Albion 1-0 Halifax Town
  10. Northwich Victoria 2-0 Cambridge United
  11. Farsley Celtic 2-1 Cambridge City
  12. Southport 0-1 Kettering Town
  13. Kidderminster Harriers 5-1 Droylsden
  14. Moor Green 1-2 Morecambe
  15. Worcester City 1-1 Basingstoke Town
      Basingstoke Town 1-1dts (7-6dcr) Worcester City (31 ottobre)
  16. Crawley Town 2-3 Lewes
  17. Dover Athletic 0-0 Bishop’s Stortford
      Bishop’s Stortford 3-2 Dover Athletic (31 ottobre)
  18. Hungerford Town 0-3 Weymouth
  19. Woking 3-2 Potters Bar Town
  20. Maidenhead United 1-0 Merthyr Tydfil
  21. Welling United 0-3 Clevedon Town
  22. Stevenage Borough 4-1 Forest Green Rovers
  23. Tonbridge Angels 0-1 Newport County
  24. Dagenham & Redbridge 0-1 Oxford United
  25. Yeading 2-1 St Albans City
  26. Haverhill Rovers 0-4 Aldershot Town
  27. Exeter City 2-1 A F C Wimbledon
  28. A F C Sudbury 1-2 Leatherhead
  29. Chelmsford City 1-0 Gravesend & Northfleet
  30. Grays Athletic 1-2 Bromley
  31. Fisher Athletic 0-1 Salisbury City
  32. Brackley Town 0-2 Havant & Waterlooville

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 14, 2006

Football Association Cup 2006-2007/Terzo Turno di Qualificazione

Filed under: Calcio,Europa,GFDL,Gran Bretagna — admin @ 5:00 am

Football Association Cup 2006-2007/Terzo Turno di Qualificazione

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

14 ottobre 2006

Current sport.svg

Segui il Football Association Cup 2006-2007 su Wikinotizie!

Le partite si giocano il 14 ottobre 2006. Vi prendono parte le 80 squadre qualificatesi dal precedente turno; non vi sono nuove squadre che entrano nella competizione. Si sono dovute rigiocare 10 partite.

  1. Ossett Albion 1-1 Scarborough
      Scarborough 2-0 Ossett Albion (17 ottobre)
  2. Durham City 0-1 Barrow
  3. Woodley Sports 0-2 Gainsborough Trinity
  4. Droylsden 3-2 Skelmersdale United
  5. Whitley Bay 2-2 Blyth Spartans
      Blyth Spartans 1-2 Whitley Bay (17 ottobre)
  6. Trafford 0-1 Harrogate Town
  7. Guiseley 0-1 Newcastle Benfield (Bay Plastics)
  8. Marine 3-2 Stalybridge Celtic
  9. Witton Albion 1-1 Farsley Celtic
      Farsley Celtic 1-0dts Witton Albion (17 ottobre)
  10. Fleetwood Town 2-0 Warrington Town
  11. Halesowen Town 1-2 King’s Lynn
  12. Nuneaton Borough 0-1 Hucknall Town
  13. Bedford Town 0-2 Moor Green
  14. Solihull Borough 1-2 Wisbech Town
  15. Cambridge City 0-0 Matlock Town
      Matlock Town 2-3dts Cambridge City (17 ottobre)
  16. Woodford United 1-3 A F C Sudbury
  17. Kettering Town 2-1 Rocester
  18. Worcester City 1-1 Hemel Hempstead Town
      Hemel Hempstead Town 0-2 Worcester City (17 ottobre)
  19. Bishop’s Stortford 2-0 Stratford Town
  20. Rugby Town 1-3 Chelmsford City
  21. Haverhill Rovers 2-1 Kidsgrove Athletic
  22. Quorn 0-0 Brackley Town
      Brackley Town 2-1 Quorn (17 ottobre)
  23. Mangotsfield United 1-1 Leatherhead
      Leatherhead 4-1 Mangotsfield Unites (17 ottobre)
  24. Bashley 1-2 Hungerford Town
  25. Maidenhead United 3-1 Worthing United
  26. Dorchester Town 0-4 Lewes
  27. Heybridge Swifts 2-3 Dover Athletic
  28. Hayes 1-3 Bromley
  29. Margate 1-2 Potters Bar Town
  30. A F C Hornchurch 1-1 Welling United
      Welling United 3-1 A F C Hornchurch (18 ottobre)
  31. Clevedon Town 1-1 Hitchin Town
      Hitchin Town 2-2dts (3-4dcr) Clevedon Town (17 ottobre)
  32. Fisher Athletic London 6-1 Metropolitan Police (13 ottobre)
  33. Cheshunt 1-2 Tonbridge Angels
  34. Eastleigh 0-1 Salisbury City
  35. Newport County 4-2 Bishop’s Cleeve
  36. A F C Wimbledon 2-1 Evesham United
  37. Merthyr Tydfil 2-0 Slimbridge
  38. Havant & Waterlooville 2-0 Carshalton Athletic
  39. Farnborough Town 1-1 Yeading
      Yeading 3-0 Farnborough Town (17 ottobre)
  40. Basingstoke Town 3-0 Ashford Town (Middx)

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress