Wiki Actu it

August 12, 2018

Madre falsifica certificato vaccinale e si vanta su Facebook: la scuola la denuncia

Madre falsifica certificato vaccinale e si vanta su Facebook: la scuola la denuncia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

Jump to navigation Jump to search

domenica 12 agosto 2018

Wikinotizie di oggi
12 agosto

Collabora con noi
  • Scrivi un articolo
  • Cosa scrivere
  • Come scriverlo
  • Scrivania
  • Portale:Comunità

Una madre contro i vaccini appartenente al movimento no-vax ha falsificato l’autocertificazione vaccinale da inviare alla scuola, prevista dalla legge italiana ed obbligatoria per frequentare le scuole del Paese, scrivendo su Facebook: «Io mi sono fatta furba!! Andato tutto bene!!» e che sarebbe bastato modificare la data ad un foglio dell’Azienda Sanitaria Locale.

La scuola, la paritaria Maria Bambina ad Esine, ha ricevuto numerose segnalazioni rispondendo che avrebbe preso provvedimenti ed infine ha denunciato la donna.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 13, 2016

È morto Bernardo Provenzano

È morto Bernardo Provenzano – Wikinotizie

È morto Bernardo Provenzano

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 13 luglio 2016

Stamattina, nell’ospedale San Paolo di Milano, è morto, all’età di 83 anni, l’ex boss di Cosa nostra Bernardo Provenzano. L’uomo si trovava in carcere dal 2006, catturato dopo quarantatré anni di latitanza.

Provenzano era al San Paolo in regime di 41 bis dal 2014, dopo che gli era stato diagnosticato un tumore alla vescica. A causa delle condizioni fisiche dell’uomo, tutti i processi in cui era imputato erano stati sospesi, poiché Provenzano era impossibilitato a partecipare alle udienze. L’avvocato del boss, Rosalba Di Gregorio, per le stesse ragioni, aveva chiesto alla Cassazione la sospensione dell’esecuzione della pena, ma la corte aveva comunque confermato il regime di carcere duro per Provenzano, perché, se avesse lasciato la camera di sicurezza dell’ospedale San Paolo, sarebbe stato a «rischio sopravvivenza».


Articoli correlati[]

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

February 11, 2015

Iseo al buio per M\’illumino di meno

Filed under: Ambiente,Europa,Iseo,Italia,Lombardia,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Iseo al buio per M’illumino di meno – Wikinotizie

Iseo al buio per M’illumino di meno

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 11 febbraio 2015

Palazzo Vantini

Iseo – Con un voto unanime della giunta, lunedì 9 febbraio, il comune d’Iseo ha decretato la partecipazione alla giornata di sensibilizzazione energetica M’illumino di meno organizzata dal programma radiofonico di Rai Radio 2 Caterpillar e giunta ormai all’undicesima edizione.

Come comunicato dallo stesso sindaco, Riccardo Venchiarutti, in collegamento alla trasmissione, le luci di Palazzo Vantini, sede del Municipio, verranno spente dalle 18 alle 19.30. In concomitanza con il passaggio sopra l’Italia della Stazione Spaziale Internazionale con a bordo Samantha Cristoforetti, alle 18.38, verranno inoltre spente “tutte le luci non indispensabili”.

Con la delibera, la giunta si è inoltre impegnata a sollecitare tutti gli esercizi commerciali iseani a utilizzare fonti energetiche alternative.

Molti altri comuni hanno deciso di imitare l’iniziativa promulgato ordinanze simili alla cosiddetta “Carta di Iseo”, tra questi quello di Delia in provincia di Caltanissetta.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 28, 2014

Breno: convegno «Napoleone nelle Alpi. Le montagne d\’Europa tra Rivoluzione e Restaurazione»

Breno: convegno «Napoleone nelle Alpi. Le montagne d’Europa tra Rivoluzione e Restaurazione»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 28 settembre 2014

Napoleone Bonaparte valica le Alpi (Jacques-Louis David)

Val Camonica
Val Camonica

Si è svolto nel giorno di sabato 27 settembre presso il Palazzo della Cultura di Breno (Valle Camonica) il convegno «Napoleone nelle Alpi. Le montagne d’Europa tra Rivoluzione e Restaurazione», realizzato dalla sezione I.S.T.A. (Incontri per lo Studio delle Tradizioni Alpine) dell’associazione non profit naturalistico-culturale LOntànoVerde.

L’argomento dell’incontro sono stati i cambiamenti avvenuti a seguito delle campagne napoleniche fino all’epoca della Restaurazione, con l’obiettivo di illustrare, in un’ottica di comparazione, fatti, personaggi, trasformazioni sociali, economiche e politiche che sono accadute tra gli anni 1796-1815 e che hanno portato alla fine dell’antico regime

La giornata è stata moderata da Leonida Tedoldi e ha previsto le seguenti relazioni:

  • Fausto Bonomelli – Ivan Faiferri: La Valle Camonica nell’età napoleonica)
  • Giancarlo Marchesi: La Valle Sabbia rivoluzionaria e napoleonica)
  • Gianluigi Garbellini: Un cantone svizzero per la Valtellina?
  • Carlo Romeo: Il Tirolo in età napoleonica.

In mattinata si è svolta la visita guidata “Breno napoleonica” dedicata alla scoperta dei luoghi legati al periodo napoleonico, con visita all’Albero della Libertà, ed in compagnia dei rievocatori in costume dell’11ème Regiment d’Infanterie Légère dell’Associazione Napoleonica d’Italia.


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 28, 2014

Terremoto sul Garda: nessun danno a cose o persone

Terremoto sul Garda: nessun danno a cose o persone

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 28 agosto 2014

Immagine di repertorio

Alle ore 19.49 e 19 i sismografi dell’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) hanno registrato una scossa si terremoto di magnitudo 4 con epicentro nel Lago di Garda e ipocentro a 2,6 km di profondità. 3 minuti dopo (19.52.30) una seconda scossa, più profonda e meno intensa.

Il sisma è stato avvertito con forza nei paesi del Lago di Garda e, anche se meno intensamente, in gran parte della Provincia di Brescia e Verona.

Alle 20.23 i Vigili del Fuoco fanno sapere che, anche se continuano le telefonate ai loro centralini, non si registrano danni a cose o persone.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 16, 2014

Il Ferragosto di Iseo diviso in due appuntamenti per il cattivo tempo

Questa notizia contiene informazioni turistiche

Il Ferragosto di Iseo diviso in due appuntamenti per il cattivo tempo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Iseo, sabato 16 agosto 2014

Vista di Iseo dal Battello

Da più di 50 anni la cittadina del Lago d’Iseo organizza per ferragosto uno spettacolo pirotecnico preceduto da un concerto della banda cittadina.

Quest’anno l’organizzazione dei tradizionali fuochi artificiali è stata molto difficile: il comune, come ormai avviene da anni, non è stato in grado di coprire per intero il costo della manifestazione (11 mila e 500 euro) e ha chiesto aiuto agli esercenti e negozianti del comune. Questi, solo dopo un lungo tira e molla sono riusciti a trovare un accordo.

Tutto sembrava andare per il verso giusto, ma il meteo si è messo di traverso: la pioggia che ha continuato a cadere per tutta la mattina ha spinto la giunta comunale a rimandare i fuochi a domenica 17 agosto alle ore 23.15, quando, secondo le previsioni meteorologiche, il tempo sarà migliore.

Tutti i turisti che si erano recati a Iseo non sono rimasti però senza alcun spettacolo: la banda cittadina di Iseo ha confermato il proprio tradizionale appuntamento in Piazza Garibaldi. Il concerto, incentrato sia su colonne sonore di film famosi sia su musiche tradizionali come la Traviata, è stato un successo: quasi tutti i posti a sedere occupati e molta gente in piedi. Il prossimo appuntamento della banda sarà sabato 13 settembre sul sagrato della Pieve di S. Andrea per aiutare la raccolta di firme e voti organizzata dal FAI giovani – delegazione del Sebino, Franciacorta e Valcamonica per salvare la Chiesa di S. Silvestro.


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

Raccolta firme organizzato dal Fondo Ambiente Italiano per la salvaguardia della Chiesa di San Silvestro

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 24, 2014

Opinioni a confronto sull\’utilizzo della sperimentazione animale all\’Università dell\’Insubria

Opinioni a confronto sull’utilizzo della sperimentazione animale all’Università dell’Insubria

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 24 aprile 2014

Martedì 15 aprile si è tenuto a Busto Arsizio l’incontro intitolato “I risultati della ricerca attraverso le diverse forme di sperimentazione scientifica”, organizzato dal comune allo scopo di mettere a confronto favorevoli e contrari alla sperimentazione animale.

Le opinioni[]

L’allevamento di topi che l’Università degli Studi dell’Insubria intende attivare a servizio della sperimentazione nei laboratori ha messo in conflitto chi ritiene la sperimentazione animale superata e chi invece necessaria.

La manifestazione[]

A seguito di una manifestazione contraria all’allevamento, il sindaco di Busto Arsizio ha organizzato un confronto.

L’incontro[]

Alle 20.30, nella sala del Consiglio Comunale, circa 200 partecipanti hanno potuto ascoltare informazioni e pareri sull’utilizzo degli animali nella ricerca. L’ampia partecipazione testimonia l’interesse per l’argomento. Il confronto non ha però mosso le opinioni opposte ed è stato definito a tratti molto acceso. Quattro le relazioni portate, due a favore dell’utilizzo degli animali e due a sfavore. “Gli animali vengono tenuti in condizioni ottimali” è la posizione considerata controversa da chi non appoggia la sperimentazione animale.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 14, 2014

Cinisello: un distretto e una biblioteca digitale innovano la didattica

Cinisello: un distretto e una biblioteca digitale innovano la didattica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 14 aprile 2014

Villa Forno, sede della biblioteca digitale dell’Università Bicocca, aperta alla cittadinanza

A Cinisello Balsamo, un comune di 73.000 abitanti nelle immediate vicinanze di Milano, è stata aperta una biblioteca esclusivamente digitale che per le sue dimensioni trova ben pochi precedenti anche a livello internazionale. Ospitata nella settecentesca Villa Breme Forno, costituisce la biblioteca dell’Università di Milano Bicocca, unicamente in forma digitale, e che per una convenzione con il Comune, per due giorni alla settimana è aperta a tutta la cittadinanza.

Il comune di Cinisello ha organizzato anche un convegno della durata di due giorni (l’undici e il dodici aprile) per presentare il distretto digitale: un grosso impegno dell’amministrazione pubblica per dotare le scuole delle infrastrutture informatiche, che potrà permettere grandi novità nel campo della didattica. Tutti i docenti sono interessati ad un piano di formazione svolto con l’aiuto dell’università Bicocca: il registro elettronico, una comunicazione costante con le famiglie sono realtà già acquisite. Una piattaforma permetterà anche di raccogliere e mettere in comune il materiale didattico elaborato e, volendo, una biblioteca scolastica digitale articolata per livello di scuola.

Per quello che riguarda le scuole superiori, molti sono gli istituti di Cinisello che stanno ricevendo le dotazioni informatiche previste dal programma della Regione Lombardia “Generazione web”. Ad esempio il Liceo Casiraghi avrà 10 nuove classi informatizzate con un contributo di € 100 000.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 11, 2014

Milano: calca, pericolo, disorganizzazione, lavori in corso e mezzi pubblici insufficienti al Fuorisalone 2014

Milano: calca, pericolo, disorganizzazione, lavori in corso e mezzi pubblici insufficienti al Fuorisalone 2014

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Milano, venerdì 11 aprile 2014

Prosegue il Fuori Salone 2014 a Milano, in concomitanza con il Salone Internazionale del Mobile, ma la disorganizzazione crea gravi problemi.

Disagi pedonali[]

Venerdì 11 aprile 2014, in alcuni luoghi di maggior richiamo di persone (molte delle quali semplici curiosi attratti dalla movida che il Fuori Salone aumenta) e anche a causa di collocazioni di non facile accesso (come nella zona di via Tortona, vicino a Porta Genova, sbarrata a est da una linea ferroviaria, a sud da un naviglio[1] superabili solo in alcuni punti) si è creata calca, che ha generato situazioni di disordini e di pericolo.

Ad esempio lo stretto ponte pedonale tra pedonale tra Piazzale Stazione Genova (dove si trova la stazione della metropolitana Porta Genova) e via Tortona era strapieno di persone, e la mancanza di una divisione tra i flussi nei due sensi di marcia ha creato una situazione di vero e proprio ingorgo pedonale. Ad aggravare la situazione, non solo persone che trasportavano passeggini, biciclette o altri oggetti, persone che avendo perso altre del proprio gruppo si fermavano per aspettarle ostruendo così il passaggio ma anche gruppi di ragazzi che per scherzo si muovevano volutamente dove vi era maggior flusso nel verso opposto urtando altre persone, facendo anche schiamazzi. La ripidità e la scivolosità delle scale in metallo hanno ulteriormente reso pericolosa la situazione.

Altri problemi causati da schiamazzi, vetri di bicchieri e di bottiglie per terra, persone che urinavano contro i muri (tra le proteste dei residenti), auto che transitavano nelle vie chiuse al traffico (presumibilmente dirette o provenienti da un luogo all’interno dell’area chiusa al traffico).

Poca presenza delle forze dell’ordine[]

Due persone della Polizia locale presenti all’incrocio poco dopo mezzanotte tra via Savona, via Tortona e via Orseolo hanno sostenuto che era impossibile regolare il traffico a causa dei pedoni. E hanno riferito che era impossibile per loro far fronte a tutte le problematiche della zona poiché erano solo in due, e che il loro comando era a conoscenza di tali problematiche e della scarsità di personale sul posto e che la Prefettura era a conoscenza che questa manifestazione crea problemi ogni anno. Alcune persone presenti sul luogo hanno dichiarato di non aver visto altre forze dell’ordine in tutta la zona, tranne un minibus della Polizia locale parcheggiato in Piazzale Stazione Genova, con due agenti seduti sui sedili posteriori.

Carenza di trasporti[]

Inoltre, i lavori in corso e la scarsità di mezzi di trasporto pubblico hanno creato ulteriori disagi e problemi.

Piazza XXIV maggio e vie limitrofe sono interessati a lavoro di riqualificazione che comportano anche decisioni e limitazioni di linee di trasporto pubblico, il che ha reso più complicato giungere in zona, spingendo più persone a utilizzare mezzi privati o la linea 2 della metropolitana. ATM ha consigliato di utilizzare anche la fermata di Sant’Agostino della linea 2 oltre a quella di Porta Genova. Però, poiché non è stato posticipato l’orario di termine servizio della metropolitane (previsto solo per la notte di sabato 12) chi ha seguito tale consiglio per il ritorno dopo mezzanotte è stato impossibilitato a salire sugli autobus sostitutivi della metropolitana in direzione del centro città, provenienti dalla precedente fermata di Porta Genova già pieni.

Durante tutti questi disagi, si sentivano varie persone commentare negativamente queste vicende e come fosse stata male organizzata la progettazione e la gestione, esprimendo anche dubbi e preoccupazioni per cosa avverrà durante Expo 2015


Note[]

  1. http://www.openstreetmap.org/?mlat=45.45382&mlon=9.16881#map=19/45.45382/9.16881 – Mappa del luogo

Fonti[]


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 2, 2014

Scuole lombarde: i tablet si moltiplicano

Scuole lombarde: i tablet si moltiplicano

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 2 aprile 2014

Un tablet PC

Il bando della Regione Lombardia per distribuire una dotazione informatica per un costo di 10.000 euro per classe ha avuto un numero di adesioni estremamente ampio. In poche ore 500 scuole hanno presentato domanda. La regione aveva perciò deciso di ampliare la somma di 8 milioni di euro inizialmente messa a disposizione portandola a 15 milioni. Era rimasto uno strascico di polemiche, perché il sistema informatico non aveva retto alla massa di domande ed era andato in tilt. Anche per questo motivo la regione ha dato comunicazione alle scuole interessate che la cifra messa a disposizione sale a 27 milioni, che permetteranno la distribuzione in 2.700 classi di quasi 70.000 tablet

Notizie correlate[]


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress