Cambogia: arrestati due esponenti dei Khmer rossi accusati di crimini contro l’umanità

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 12 novembre 2007
Sono stati arrestati e incarcerati a Phnom Penh due esponenti dei Khmer rossi, Ieng Sary e sua moglie Khieu Thirith. Contro i due era da tempo stato emesso un mandato di cattura. Sary è l’ex ministro degli esteri e vice premier di Pol Pot, ed è accusato di crimini di guerra e contro l’umanità, mentre la moglie, cognata di Pol Pot ed ex ministro degli affari sociali, è accusata di crimini contro l’umanità. L’arresto dei due (ultra ottantenni) è stato effettuato questa mattina nella loro casa di Phnom Penh. Saranno interrogati dal tribunale sul genocidio, composto da tre giudici cambogiani e due internazionali, nominati dalle Nazioni Unite. Lo stesso tribunale ha raccolto prove che dimostrano il coinvolgimento di Sary nella programmazione dei crimini compiuti dal regime di Pol Pot.

Fonti