Wiki Actu it

May 6, 2012

Giro d\’Italia 2012: Cavendish non sbaglia, sua la seconda tappa

Giro d’Italia 2012: Cavendish non sbaglia, sua la seconda tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Herning, domenica 6 maggio 2012

Mark Cavendish, campione del mondo in carica, si è imposto oggi nella prima tappa in linea del Giro 2012

Al primo appuntamento per le ruote veloci, l’iridato Mark Cavendish non sbaglia. Sua è la vittoria nella seconda tappa del Giro d’Italia 2012, 206 chilometri con partenza e arrivo a Herning. Battuti, in uno sprint caratterizzato da una caduta di gruppo all’ultima curva, l’australiano Matthew Goss, il francese Geoffrey Soupe e lo statunitense Tyler Farrar.

Già vincitore l’ a Teramo e Ravenna, Cannonball Cavendish ottiene oggi l’ottavo successo di tappa in carriera al Giro d’Italia. Lo statunitense Taylor Phinney mantiene la maglia rosa di leader della generale, mentre il giovane Alfredo Balloni, oggi in fuga insieme ad altri due atleti, va a vestire la maglia azzurra del Gran Premio della Montagna.

Resoconto[]

IL PERCORSO — Per la seconda tappa, la partenza e l’arrivo sono ancora nel comune di Herning, sempre in Danimarca. Sono 206 i chilometri di corsa, quasi completamente pianeggianti. Il percorso, dopo il via, porta i ciclisti, attraverso le campagne dello Jutland, verso l’abitato di Ringkøbing e quindi sulle coste del mare del Nord. Si va verso nord per circa 50 chilometri, costeggiando il mare. La strada volge quindi verso l’interno, prima avvicinandosi alle rive del fiordo di Lim, e poi, dopo essere entrati nel comune di Struer, verso sud, in direzione Herning. Gli ultimi dodici chilometri, un circuito cittadino, sono sulle strade di Herning, e il traguardo è lo stesso di ieri. Sul tracciato sono posti un traguardo volante e, dopo 118 chilometri, un Gran Premio della Montagna di quarta categoria: si assegna così oggi la prima maglia azzurra – era verde fino all’anno scorso – di questo Giro 2012.

I tre fuggitivi transitano nei pressi di Holstebro

TRE IN FUGA — La fuga di giornata prende forma pochi secondi dopo il via ufficiale della tappa. A farsi promotore dell’azione è il ventinovenne belga Oliver Kaisen, in forza alla Lotto-Belisol, seguito poco dopo da altri due atleti, il colombiano Miguel Ángel Rubiano (Androni-Venezuela) e dal ventiduenne viterbese Alfredo Balloni (Farnese-Selle Italia). I tre prendono così il largo lungo le strade pianeggianti della Danimarca continentale, arrivando a toccare, dopo circa 50 chilometri di corsa, il vantaggio massimo, 13 minuti e 15 secondi. Dietro si segnala solo cadute senza conseguenze per Sonny Colbrelli (Colnago-CSF), Jack Bauer e Ramūnas Navardauskas (entrambi della Garmin), Dennis van Winden (Rabobank) e Gianni Meersman (Lotto-Belisol).

Il gruppo, dopo aver lasciato spazio ai tre in avanscoperta e aver mantenuto a lungo un’andatura turistica, si organizza e, trainato prima dagli uomini BMC e poi da quelli della Sky di Mark Cavendish, comincia a lavorare per ridurre via via il margine. L’obiettivo è infatti la volata. L’epilogo è scontato: i fuggitivi vengono ripresi a 40 chilometri dall’arrivo. Poco dopo prova il contrattacco il danese Lars Bak (anche lui della Lotto): la sua azione solitaria, che lo porta a guadagnare un massimo di 45 secondi sugli inseguitori, si esaurisce però quando all’arrivo mancano ancora 18 chilometri. E così cominciano i preparativi per la volata.

Lars Bak all’attacco

PRIMO CAVENDISH, DIETRO CADUTA — Ai meno 8 il leader della generale Taylor Phinney è costretto a fermarsi per un salto di catena: riparte con una trentina di secondi di ritardo dal gruppo, ma riesce a rientrare, anche grazie all’aiuto di tre compagni di squadra, e a tenere sulle spalle il simbolo del primato. Davanti si va a tutta, e provano a organizzarsi i treni dell’Orica-GreenEDGE per Goss, della Rabobank per Bos, della Garmin-Barracuda per Farrar, della FDJ-BigMat per Démare, della Farnese-Selle Italia (per Guardini. Sono tanti gli sfidanti del favorito, l’iridato Cavendish, ci sono anche Modolo e i fratelli Haedo.

Quando già lo sprint sta per essere lanciato, tuttavia, una caduta all’uscita dell’ultima curva, ai meno 500 metri, spezza la testa del gruppo in due: vanno a terra tra gli altri Theo Bos (sembra lui ad innescare la caduta), Andrea Guardini, il norvegese Alexander Kristoff, Sonny Colbrelli. Davanti restano poco più di dieci corridori. Thor Hushovd è uno di essi, e prova ad andarsene di potenza sul rettilineo in leggerissima salita: lo superano però Farrar, il ventiquattrenne francese Geoffrey Soupe (FDJ-BigMat), Cavendish, Goss. In quattro si giocano la vittoria, il trionfo va al più forte, al favorito, al campione del mondo Mark Cavendish. Sulla piazza d’onore Matthew Goss, terzo è il sorprendente Soupe. Poi Farrar, mentre a completare la top 5 è l’italiano Roberto Ferrari.

DOMANI ULTIMA TAPPA IN DANIMARCA — Come detto Phinney, nonostante il problema meccanico, è ancora in rosa. E domani di nuovo occhi puntati sui velocisti: partenza ed arrivo a Horsens, 190 chilometri di pianura, per l’ultima delle tre tappe in terra danese prima del rientro in Italia. Una frazione che verrà corsa nel ricordo di Wouter Weylandt, morto il 9 maggio di un anno fa sulle strade del Giro, e del sindaco del comune di Horsens, Jan Trøjborg, deceduto questa mattina per un infarto mentre prendeva parte a una cicloturistica organizzata in attesa del passaggio della “Corsa Rosa”.

Ordine d’arrivo[]

Herning Herning – 206 km
# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of the United Kingdom.svg Mark Cavendish Flag of the United Kingdom.svg Sky Procycling 4h53’12”
42,156 km/h
2 Flag of Australia.svg Matthew Goss Flag of Australia.svg Orica-GreenED. s.t.
3 Flag of France.svg Geoffrey Soupe Flag of France.svg FDJ-Bigmat s.t.
4 Flag of the United States.svg Tyler Farrar Flag of the United States.svg Garmin s.t.
5 Flag of Italy.svg Roberto Ferrari Flag of Italy.svg Androni Gioc. s.t.
6 Flag of Australia.svg Mark Renshaw Flag of the Netherlands.svg Rabobank s.t.
7 Flag of Norway.svg Thor Hushovd Flag of the United States.svg BMC s.t.
8 Flag of Italy.svg Daniele Bennati Flag of Luxembourg.svg RadioShack s.t.
9 Flag of France.svg William Bonnet Flag of France.svg FDJ-Bigmat s.t.
10 Flag of the United Kingdom.svg Geraint Thomas Flag of the United Kingdom.svg Sky Procycling s.t.
11 Flag of Germany.svg Timon Seubert Flag of Germany.svg Team NetApp s.t.
12 Flag of France.svg Mickaël Delage Flag of France.svg FDJ-Bigmat s.t.
13 Flag of South Africa.svg Robert Hunter Flag of the United States.svg Garmin s.t.
14 Flag of Austria.svg Matthias Brandle Flag of Germany.svg Team NetApp s.t.
15 Flag of South Africa.svg Daryl Impey Flag of Australia.svg Orica-GreenED. s.t.

Classifiche[]

Classifica generale – Maglia rosa[]

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of the United States.svg Taylor Phinney Flag of the United States.svg BMC 5h03’38”
42,426 km/h
2 Flag of the United Kingdom.svg Geraint Thomas Flag of the United Kingdom.svg Sky Procycling a 9″
3 Flag of Denmark.svg Alex Rasmussen Flag of the United States.svg Garmin a 13″
4 Flag of Italy.svg Manuele Boaro Flag of Denmark.svg Saxo Bank a 15″
5 Flag of Sweden.svg Gustav Larsson Flag of the Netherlands.svg Vacansoleil a 22″
6 Flag of Lithuania.svg Ramūnas Navardauskas Flag of the United States.svg Garmin s.t.
7 Flag of Australia.svg Brett Lancaster Flag of Australia.svg Orica-GreenED. a 23″
8 Flag of Italy.svg Marco Pinotti Flag of the United States.svg BMC a 24″
9 Flag of New Zealand.svg Jesse Sergent Flag of Luxembourg.svg RadioShack a 26″
10 Flag of Portugal.svg Nélson Oliveira Flag of Luxembourg.svg RadioShack a 27″
11 Flag of Lithuania.svg Tomas Vaitkus Flag of Australia.svg Orica-GreenED. s.t.
12 Flag of the United Kingdom.svg Mark Cavendish Flag of the United Kingdom.svg Sky Procycling s.t.
13 Flag of the Netherlands.svg Stef Clement Flag of the Netherlands.svg Rabobank a 28″
14 Flag of South Africa.svg Robert Hunter Flag of the United States.svg Garmin s.t.
15 Flag of New Zealand.svg Jack Bauer Flag of the United States.svg Garmin s.t.

Classifica a punti – Maglia rossa[]

# Corridore Squadra Punti
1 Flag of the United Kingdom.svg Mark Cavendish Flag of the United Kingdom.svg Sky Procycling 28
2 Flag of the United Kingdom.svg Geraint Thomas Flag of the United Kingdom.svg Sky Procycling 26
3 Flag of the United States.svg Taylor Phinney Flag of the United States.svg BMC 25
4 Flag of Australia.svg Matthew Goss Flag of Australia.svg Orica-GreenED. 20
5 Flag of Denmark.svg Alex Rasmussen Flag of the United States.svg Garmin 16

Gran Premio della Montagna – Maglia azzurra[]

# Corridore Squadra Punti
1 Flag of Italy.svg Alfredo Balloni Flag of the United Kingdom.svg Farnese Vini 3
2 Flag of Colombia.svg Miguel Ángel Rubiano Flag of Italy.svg Androni Gioc. 2
3 Flag of Belgium (civil).svg Oliver Kaisen Flag of Belgium (civil).svg Lotto-Belisol 1

Classifica giovani – Maglia bianca[]

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of the United States.svg Taylor Phinney Flag of the United States.svg BMC 5h03’38”
42,426 km/h
2 Flag of Italy.svg Manuele Boaro Flag of Denmark.svg Saxo Bank a 15″
3 Flag of Lithuania.svg Ramūnas Navardauskas Flag of the United States.svg Garmin a 22″
4 Flag of New Zealand.svg Jesse Sergent Flag of Luxembourg.svg RadioShack a 26″
5 Flag of Portugal.svg Nélson Oliveira Flag of Luxembourg.svg RadioShack a 27″

Trofeo Fast Team[]

# Squadra Tempo
1 Flag of the United States.svg Team Garmin-Barracuda 15h11’57”
2 Flag of the United States.svg BMC Racing Team s.t.
3 Flag of Australia.svg Orica-GreenEDGE a 20″

Trofeo Super Team[]

# Squadra Punti
1 Flag of the United States.svg Team Garmin-Barracuda 77
2 Flag of Australia.svg Orica-GreenEDGE 51
3 Flag of the United Kingdom.svg Sky Procycling 50

Altri premi[]

  • Traguardi Volanti: Miguel Ángel Rubiano, 5 punti
  • Azzurri d’Italia: Taylor Phinney, 4 punti
  • Premio della Fuga: Alfredo Balloni, 166 punti
  • Premio della Combattività: Mark Cavendish, 8 punti
  • Premio Fair Play: sedici squadre a 0 punti


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 15, 2010

Tour de France 2010: nell\’undicesima tappa il tris di Mark Cavendish

Tour de France 2010: nell’undicesima tappa il tris di Mark Cavendish

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Bourg-lès-Valence, giovedì 15 luglio 2010

Mark Cavendish, qui alla presentazione della corsa il 1º luglio, ha concesso oggi il tris vincendo a Bourg-lès-Valence

Oggi tappa per velocisti, e volata è stata. Per la terza volta in questo Tour de France 2010 si impone il britannico Mark Cavendish, in forza al Team HTC-Columbia: è per lui il tredicesimo acuto totale nella Grande Boucle. Battuti Alessandro Petacchi e Tyler Farrar. Il settimo posto di Thor Hushovd consegna la maglia verde al velocista italiano della Lampre-Farnese Vini, le altre classifiche restano invariate, con Andy Schleck sempre in giallo. Polemiche sullo sprint finale e sul comportamento di Mark Renshaw, apripista di Cavendish, che prima prende a testate Julian Dean per lasciar strada al compagno, poi ostacola la risalita di Farrar.

Resoconto[]

La partenza della frazione di oggi è a Sisteron, nel dipartimento della Alpi dell’Alta Provenza; si arriva a Bourg-lès-Valence, nel dipartimento della Drôme, dopo 184,5 chilometri di corsa nella Francia meridionale. Solo una salita di rilievo sul tracciato, il Col de Cabre dopo 50 chilometri dal via – è un Gran Premio della Montagna di terza categoria. Due i traguardi intermedi per la classifica a punti, l’arrivo è al termine di un rettilineo lungo più di un chilometro.

Via ufficiale alle ore 12:55 con 179 ciclisti iscritti, non sono presenti il sudafricano Robert Hunter, caduto ieri, e il britannico Charlie Wegelius, che pare abbia sofferto di problemi di stomaco. Pochi metri e, a differenza dei giorni scorsi, subito va via la fuga buona: sono solo in tre, i francesi Anthony Geslin della FDJ e Stéphane Augé della Cofidis, e lo spagnolo José Alberto Benítez della Footon-Servetto. Dopo 35 chilometri hanno circa 4 minuti di vantaggio, il massimo margine è ai 47 dal via quando tocca i 5 minuti e 5 secondi.

Dietro solo un po’ di bagarre sul Col de Cabre, ove scattano gli uomini che si contendono la maglia a pois, sono Carlos Barredo, Damiano Cunego, Anthony Charteau e Jérôme Pineau. Il primo a transitare sul GPM e a prendersi l’unico punticino in palio è Pineau; ora ha due lunghezze in classifica su Charteau. Davanti intanto i tre battistrada continuano a pedalare a tutta, ma il gruppo non sembra ovviamente intenzionato a lasciarli andare: l’arrivo di oggi è per velocisti. Il distacco oscilla così sempre tra il minuto e mezzo e i tre minuti nella parte centrale della frazione; scende sotto il minuto quando mancano circa 40 chilometri al traguardo.

Ai meno 27 viene ripreso Geslin, mentre gli altri due, dopo essersi stretti la mano in segno di vicendevole ringraziamento, sono di nuovo in gruppo ai meno 22. Ai meno 8 provano l’eroico attacco il solito Sylvain Chavanel, già due giorni in maglia gialla, e Yaroslav Popovych; l’avventura dura però pochissimo e meno di milleseicento metri dopo il peloton è di nuovo compatto. Ai meno tre tempi neutralizzati, provano ad organizzarsi le squadre dei velocisti, come al solito la HTC-Columbia per Mark Cavendish, la Lampre-Farnese Vini per Alessandro Petacchi e la Garmin-Transitions per Tyler Farrar; movimenti anche da parte di uomini del Team Sky. L’ultima curva è a più di un chilometro, poi rettilineo.

Il neozelandese Julian Dean, apripista di Farrar, e l’australiano Mark Renshaw, ultimo uomo per Cavendish, sono in testa affiancati ai 300 metri dall’arrivo. A sessanta all’ora in rettifilo ecco allora Renshaw prendere a testate Dean per farlo spostare più sulla destra e favorire lo scatto del compagno sulla sinistra. Ai meno 250 parte Cavendish, Renshaw intanto è ancora protagonista ostacolando, sembrerebbe volontariamente, la risalita di Farra sempre sulla sinistra. Ne approffitta dall’altro lato della carreggiata Alessandro Petacchi, ma la sua rimonta è solo parziale e Cavendish va a prendersi il tris in questo Tour.

A fine gara la condotta di Renshaw viene giudicata scorretta dalla giuria e il corridore viene declassato ed espulso dalla corsa. Intanto Alessandro Petacchi è la nuova maglia verde: il secondo posto odierno, accompagnato da 30 punti, lo porta a 161 in classifica e gli consente di staccare Thor Hushovd, il quale, oggi solo settimo (19 punti), sale a quota 157. Gli italiani, per la cronaca, hanno portato a Parigi la maglia verde solo nel Tour de France 1968 con Franco Bitossi. Le altre classifiche sono invariate.

Domani frazione con arrivo a Mende; percorso vallonato, sono possibili alcune variazioni in classifica generale soprattutto per via dell’ultima salita, la Côte de la Croix-Neuve, che, seppur breve (sono solo 3 chilometri), presenta una pendenza media del 10% e potrebbe fare selezione.

Risultati[]

Classifica di tappa[]

Sisteron Bourg-lès-Valence – 184,5 km
# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of the United Kingdom.svg Mark Cavendish Flag of the United States.svg HTC-Columbia 4.42’29”
2 Flag of Italy.svg Alessandro Petacchi Flag of Italy.svg Lampre s.t.
3 Flag of the United States.svg Tyler Farrar Flag of the United States.svg Garmin s.t.
4 Flag of Spain.svg José Joaquín Rojas Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. s.t.
5 Flag of Australia.svg Robbie McEwen Flag of Russia.svg Katusha s.t.
6 Flag of Japan.svg Yukiya Arashiro Flag of France.svg Bbox Bouygues s.t.
7 Flag of Norway.svg Thor Hushovd Flag of Switzerland.svg Cervélo s.t.
8 Flag of France.svg Lloyd Mondory Flag of France.svg AG2R La M. s.t.
9 Flag of Belgium (civil).svg Jurgen Roelandts Flag of Belgium (civil).svg Omega Pharma s.t.
10 Flag of Germany.svg Gerald Ciolek Flag of Germany.svg Milram s.t.

Classifica generale – Maglia gialla[]

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of Luxembourg.svg Andy Schleck Flag of Denmark.svg Saxo Bank 53.43’25”
2 Flag of Spain.svg Alberto Contador Flag of Kazakhstan.svg Astana a 41″
3 Flag of Spain.svg Samuel Sánchez Flag of Spain.svg Euskaltel a 2’45”
4 Flag of Russia.svg Denis Menchov Flag of the Netherlands.svg Rabobank a 2’58”
5 Flag of Belgium (civil).svg Jurgen Van Den Broeck Flag of Belgium (civil).svg Omega Pharma a 3’31”
6 Flag of the United States.svg Levi Leipheimer Flag of the United States.svg RadioShack a 3’59”
7 Flag of the Netherlands.svg Robert Gesink Flag of the Netherlands.svg Rabobank a 4’22”
8 Flag of Spain.svg Luis León Sánchez Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. a 4’41”
9 Flag of Spain.svg Joaquim Rodríguez Flag of Russia.svg Katusha a 5’08”
10 Flag of Italy.svg Ivan Basso Flag of Italy.svg Liquigas a 5’09”

Classifica a punti – Maglia verde[]

# Corridore Squadra Punti
1 Flag of Italy.svg Alessandro Petacchi Flag of Italy.svg Lampre 161
2 Flag of Norway.svg Thor Hushovd Flag of Switzerland.svg Cervélo 157
3 Flag of Australia.svg Robbie McEwen Flag of Russia.svg Katusha 138
4 Flag of the United Kingdom.svg Mark Cavendish Flag of the United States.svg HTC-Columbia 132
5 Flag of Spain.svg José Joaquín Rojas Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. 122

Classifica squadre – Numero giallo[]

# Squadra Tempo
1 Flag of Spain.svg Caisse d’Epargne 161.14’29”
2 Flag of the United States.svg Team RadioShack a 31″
3 Flag of Kazakhstan.svg Astana a 14’54”
4 Flag of the Netherlands.svg Rabobank a 15’38”
5 Flag of France.svg AG2R La Mondiale a 16’52”

Classifica scalatori – Maglia a pois[]

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of France.svg Jérôme Pineau Flag of Belgium (civil).svg Quick Step 92
2 Flag of France.svg Anthony Charteau Flag of France.svg Bbox Bouygues 90
3 Flag of France.svg Christophe Moreau Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. 62
4 Flag of Belgium (civil).svg Mario Aerts Flag of Belgium (civil).svg Omega Pharma 58
5 Flag of Italy.svg Damiano Cunego Flag of Italy.svg Lampre 56

Classifica giovani – Maglia bianca[]

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of Luxembourg.svg Andy Schleck Flag of Denmark.svg Saxo Bank 53.43’25”
2 Flag of the Netherlands.svg Robert Gesink Flag of the Netherlands.svg Rabobank a 4’22”
3 Flag of the Czech Republic.svg Roman Kreuziger Flag of Italy.svg Liquigas a 5’11”
4 Flag of France.svg Cyril Gautier Flag of France.svg Bbox Bouygues a 30’18”
5 Flag of France.svg Julien El Fares Flag of France.svg Cofidis a 30’29”

Premio combattività – Numero rosso[]

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of France.svg Stéphane Augé Flag of France.svg Cofidis


Fonti[]


Le tappe del Tour de France 2010

Scegli la tappa: prol ·   ·  2ª ·   ·   ·   ·   ·   ·   ·   ·  10ª ·  11ª ·  12ª ·  13ª ·  14ª ·  15ª ·  16ª ·  17ª ·  18ª ·  19ª ·  20ª

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 9, 2010

Tour de France 2010: a Gueugnon seconda vittoria per Mark Cavendish

Tour de France 2010: a Gueugnon seconda vittoria per Mark Cavendish

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Gueugnon, venerdì 9 luglio 2010

Mark Cavendish fotografato il 1º luglio a Rotterdam nel corso della presentazione delle squadre partecipanti al Tour 2010

Dopo il trionfo di ieri si è ripetuto anche oggi Mark Cavendish, il velocista britannico del Team HTC-Columbia: a lui va infatti la sesta tappa in linea del , 227,5 chilometri da Montargis a Gueugnon. Un predominio netto allo sprint – battuti lo statunitense Tyler Farrar e Alessandro Petacchi – che porta così a dodici il bottino totale delle vittorie di Cavendish alle Grande Boucle. Classifiche invariate, Cancellara sempre in giallo in attesa delle montagne.

Resoconto

La tappa più lunga di questa edizione del Tour de France prendeva il via a mezzogiorno in punto dalla città sede d’arrivo di ieri, Montargis, nel dipartimento del Loiret. 227,5 i chilometri da percorrere, con quattro Gran Premi della Montagna di quarta categoria, ovvero la Côte de Bouhy, la Côte de La Chapelle-Saint-André, la Côte des Montarons e la Côte de la Croix de l’Arbre; a Saint-Fargeau, Moulins-Engilbert e Luzy anche tre traguardi intermedi per la classifica a punti. Percorso non molto vallonato.

Pochi minuti dopo il via, ancora nel primo chilometro, ecco prendere vita la classica fuga da lontano: in tre vanno in avanscoperta, sono il francese Mathieu Perget della Caisse d’Epargne, il tedesco Sebastian Lang della Omega Pharma-Lotto e lo spagnolo Rubén Pérez dell’Euskaltel-Euskadi. Partono a tutta, e dopo soli 18 chilometri dalla partenza hanno già un margine di sei minuti e 50 secondi sul gruppo. La tappa però è lunga.

Al 53º chilometro i tre raggiungono il massimo vantaggio, otto minuti tondi sugli inseguitori, i quali da lì in poi cominciano ad organizzarsi più seriamente per ridurre progressivamente il gap. Sulla Côte de Bouhy, sulla Côte de La Chapelle-Saint-André e sulla Côte des Montarons passa per primo Perget, già nove punti per lui nella classifica scalatori; nel peloton intanto a tirare è per buona parte del tempo la HTC-Columbia di Cavendish, aiutata solo dal Team Saxo Bank di Cancellara e Andy Schleck.

Ai meno 31, poco prima del traguardo intermedio di Luzy, piccola caduta nel gruppo: uno dei coinvolti è Lars Boom, ma tutti riescono a rimettersi in sella e a ripartire. Davanti hanno ormai poco più di un minuto di margine. Ai 25 dall’arrivo scatta ed esce dal gruppo Dimitri Champion dell’AG2R La Mondiale, seguito poco dopo da Anthony Charteau della Bbox Bouygues Telecom; in breve vanno a raggiungere i tre davanti formando un drappello di cinque atleti. Sulla Côte de la Croix de l’Arbre passa per primo ancora Perget (dodici punti totali, che però non bastano per soffiare la maglia a pois a Jérôme Pineau, a quota 13), seguito a circa 10-15 secondi dagli altri quattro; il gruppo è a 25 secondi.

A 19 chilometri dall’arrivo i cinque ritornano compatti, ma l’avventura dura ancora poco: il gruppone li riprende appena dopo l’arco dei meno 10. Si organizzano perciò, o provano a farlo, i treni dei velocisti, nella fattispecie la HTC-Columbia, la Lampre-Farnese Vini e la Garmin-Transitions. Alcune curve negli ultimi mille metri, ed ecco quindi Robert Hunter, Danilo Hondo e Mark Renshaw lanciare rispettivamente Farrar, Petacchi e Cavendish. Allo sprint ha la meglio quest’ultimo, uscito dalla ruota di un ottimo Renshaw solo ai meno 150 dall’arrivo; gli altri due contendenti possono invece solo accontentarsi delle piazze d’onore. Quarto è Robbie McEwen, quinto Gerald Ciolek, sesto per la terza volta consecutiva Sébastien Turgot.

Le classifiche rimangono immutate, anche se variano leggermente alcuni distacchi: i ciclisti del gruppo piazzati dalla 15ª posizione in poi, e tra essi Cancellara, vengono infatti registrati non con lo stesso tempo, ma a 3 secondi dagli altri. Thor Hushovd, decimo, difende sempre la maglia verde. Premio di combattivo di giornata al francese Mathieu Perget, uno dei tre fuggitivi di oggi. Domani è attesa una certa selezione, qualcosa potrebbe cambiare in classifica: su un percorso collinare tre sono i Gran Premi della Montagna di seconda categoria, e l’arrivo è fissato ai 1 145 metri s.l.m. della Station des Rousses.

Risultati

Classifica di tappa

Montargis Gueugnon – 227,5 km
# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of the United Kingdom.svg Mark Cavendish Flag of the United States.svg HTC-Columbia 5.37’42”
2 Flag of the United States.svg Tyler Farrar Flag of the United States.svg Garmin s.t.
3 Flag of Italy.svg Alessandro Petacchi Flag of Italy.svg Lampre s.t.
4 Flag of Australia.svg Robbie McEwen Flag of Russia.svg Katusha s.t.
5 Flag of Germany.svg Gerald Ciolek Flag of Germany.svg Milram s.t.
6 Flag of France.svg Sébastien Turgot Flag of France.svg Bbox Bouygues s.t.
7 Flag of Spain.svg José Joaquín Rojas Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. s.t.
8 Flag of Norway.svg Edvald Boasson Hagen Flag of the United Kingdom.svg Sky s.t.
9 Flag of South Africa.svg Robert Hunter Flag of the United States.svg Garmin s.t.
10 Flag of Norway.svg Thor Hushovd Flag of Switzerland.svg Cervélo s.t.

Classifica generale – Maglia gialla

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of Switzerland.svg Fabian Cancellara Flag of Denmark.svg Saxo Bank 28.37’30”
2 Flag of the United Kingdom.svg Geraint Thomas Flag of the United Kingdom.svg Sky a 20″
3 Flag of Australia.svg Cadel Evans Flag of the United States.svg BMC a 39″
4 Flag of Canada.svg Ryder Hesjedal Flag of the United States.svg Garmin a 46″
5 Flag of France.svg Sylvain Chavanel Flag of Belgium (civil).svg Quick Step a 1’01”
6 Flag of Luxembourg.svg Andy Schleck Flag of Denmark.svg Saxo Bank a 1’09”
7 Flag of Norway.svg Thor Hushovd Flag of Switzerland.svg Cervélo a 1’16”
8 Flag of Kazakhstan.svg Alexandre Vinokourov Flag of Kazakhstan.svg Astana a 1’31”
9 Flag of Spain.svg Alberto Contador Flag of Kazakhstan.svg Astana a 1’40”
10 Flag of Belgium (civil).svg Jurgen Van Den Broeck Flag of Belgium (civil).svg Omega Pharma a 1’42”

Classifica a punti – Maglia verde

# Corridore Squadra Punti
1 Flag of Norway.svg Thor Hushovd Flag of Switzerland.svg Cervélo 118
2 Flag of Italy.svg Alessandro Petacchi Flag of Italy.svg Lampre 114
3 Flag of Australia.svg Robbie McEwen Flag of Russia.svg Katusha 105
4 Flag of Spain.svg José Joaquín Rojas Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. 92
5 Flag of the United Kingdom.svg Mark Cavendish Flag of the United States.svg HTC-Columbia 85

Classifica squadre – Numero giallo

# Squadra Tempo
1 Flag of Denmark.svg Team Saxo Bank 85.56’25”
2 Flag of the United States.svg Garmin-Transitions a 5″
3 Flag of the United Kingdom.svg Sky Pro Cycling a 19″
4 Flag of Kazakhstan.svg Astana a 2’21”
5 Flag of the United States.svg BMC Racing Team a 2’50”

Classifica scalatori – Maglia a pois

# Corridore Squadra Punti
1 Flag of France.svg Jérôme Pineau Flag of Belgium (civil).svg Quick Step 13
2 Flag of France.svg Mathieu Perget Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. 12
3 Flag of France.svg Sylvain Chavanel Flag of Belgium (civil).svg Quick Step 8
4 Flag of Estonia.svg Rein Taaramäe Flag of France.svg Cofidis 8
5 Flag of Germany.svg Sebastian Lang Flag of Belgium (civil).svg Omega Pharma 7

Classifica giovani – Maglia bianca

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of the United Kingdom.svg Geraint Thomas Flag of the United Kingdom.svg Sky 28.37’50”
2 Flag of Luxembourg.svg Andy Schleck Flag of Denmark.svg Saxo Bank a 49″
3 Flag of the Czech Republic.svg Roman Kreuziger Flag of Italy.svg Liquigas a 2’04”
4 Flag of Spain.svg José Joaquín Rojas Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. a 2’12”
5 Flag of Germany.svg Tony Martin Flag of the United States.svg HTC-Columbia a 2’15”

Premio combattività – Numero rosso

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of France.svg Mathieu Perget Flag of Spain.svg Caisse d’Ep.


Fonti


Le tappe del Tour de France 2010

Scegli la tappa: prol ·   ·  2ª ·  3ª ·  4ª ·   ·   ·   ·   ·  9ª ·  10ª ·  11ª ·  12ª ·  13ª ·  14ª ·  15ª ·  16ª ·  17ª ·  18ª ·  19ª ·  20ª

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 8, 2010

Tour de France 2010: nella quinta tappa il primo acuto di Mark Cavendish

Tour de France 2010: nella quinta tappa il primo acuto di Mark Cavendish

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Montargis, giovedì 8 luglio 2010
Si sblocca finalmente il britannico Mark Cavendish, vincitore oggi in volata della quinta tappa in linea del , da Épernay a Montargis. Dopo aver fatto sue sei tappe nel , il ciclista dell’Isola di Man era sembrato sotto pressione in queste prime giornate e non aveva brillato, ma oggi è riuscito nel gran colpo. Alla ricerca del tris, il grande favorito Alessandro Petacchi è invece rimasto chiuso e si è classificato solo ottavo. Fabian Cancellara mantiene la maglia gialla.

Resoconto

Altra tappa pianeggiante su strade di campagna e tra i campi del nord della Francia. Due Gran Premi della Montagna di quarta categoria, la Côte d’Orbais l’Abbaye dopo 18,5 chilometri e la Côte de Mécringes dopo 36,5. Tre i traguardi intermedi validi per la classifica a punti. Il via alle ore 12:50 a Épernay, nel dipartimento della Marna. 188 alla partenza, si è ritirato Amets Txurruka, ieri caduto. Lance Armstrong, per la cronaca, non si è presentato al foglio firma e si è preso una multa di 100 franchi svizzeri.

Dopo soli sei chilometri parte la solita “fuga lunga”: se ne vanno in tre, sono il belga Jürgen Van De Walle della Quick Step, il campione nazionale spagnolo José Iván Gutiérrez della Caisse d’Epargne e il francese Julien El Fares della Cofidis. Intorno al 30º chilometro raggiungono un vantaggio massimo di sette minuti e 55 secondi.

Dietro già si muovono, come ieri, le squadre dei velocisti: il Team HTC-Cloumbia per Mark Cavendish, la Lampre-Farnese Vini per Alessandro Petacchi ed il Cervélo TestTeam per la maglia verde Thor Hushovd. La gara procede tranquilla, senza cadute né particolari scossoni in questa calda giornata di luglio. E il gap dagli uomini davanti comincia già a diminuire: a 98 km dall’arrivo è di 3’52”, ai meno 56 è di soli due minuti e 16″.

A 20 chilometri dal traguardo Van De Walle, Gutiérrez ed El Fares hanno così solo un minuto e 17″, distacco sceso a 37 sparuti secondi nei seguenti 10 000 metri. Così ai meno 6,5 Gutiérrez prova l’allungo solitario, probabilmente un po’ velleitario perché dietro il gruppone risale inesorabilmente. Un chilometro dopo vengono ripresi Van De Walle ed El Fares, mentre il tentativo dello spagnolo, che alla fine della tappa riceverà anche il premio di combattivo di giornata, si esaurisce poco dopo lo striscione dei quattro chilometri all’arrivo.

Si organizzano quindi i treni dei velocisti: la testa del gruppo viene presa dagli uomini della Garmin-Transitions, la squadra di Tyler Farrar, con David Millar, Robert Hunter e Julian Dean. L’ultima curva, a destra, ai 650 metri dall’arrivo non crea problemi. Sul rettilineo finale Mark Renshaw tira la volata a Mark Cavendish, che parte ai meno 200 e con uno sprint potente riesce a lasciarsi indietro tutti i rivali. Secondo è il velocista del Team Milram, il tedesco Gerald Ciolek, mentre ancora terzo è l’ottimo norvegese Edvald Boasson Hagen, in forza alla Sky. Petacchi, che cercava il tris dopo i successi a Bruxelles e Reims, rimane chiuso sulle transenne e conclude solo ottavo. Farrar è invece decimo.

Le classifiche rimangono tutte invariate; in quella a punti Thor Hushovd mantiene la leadership con il quinto posto odierno. Domani frazione di 227,5 chilometri, la più lunga di questa Grande Boucle 2010, da Montargis a Gueugnon; il percorso è un po’ più vallonato, ma si dovrebbe giungere ancora una volta con una volata di gruppo.

Risultati

Classifica di tappa

Épernay Montargis – 187,5 km
# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of the United Kingdom.svg Mark Cavendish Flag of the United States.svg HTC-Columbia 4.30’50”
2 Flag of Germany.svg Gerald Ciolek Flag of Germany.svg Milram s.t.
3 Flag of Norway.svg Edvald Boasson Hagen Flag of the United Kingdom.svg Sky s.t.
4 Flag of Spain.svg José Joaquín Rojas Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. s.t.
5 Flag of Norway.svg Thor Hushovd Flag of Switzerland.svg Cervélo s.t.
6 Flag of France.svg Sébastien Turgot Flag of France.svg Bbox Bouygues s.t.
7 Flag of Australia.svg Robbie McEwen Flag of Russia.svg Katusha s.t.
8 Flag of Italy.svg Alessandro Petacchi Flag of Italy.svg Lampre s.t.
9 Flag of France.svg Lloyd Mondory Flag of France.svg AG2R La M. s.t.
10 Flag of the United States.svg Tyler Farrar Flag of the United States.svg Garmin s.t.

Classifica generale – Maglia gialla

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of Switzerland.svg Fabian Cancellara Flag of Denmark.svg Saxo Bank 22.59’45”
2 Flag of the United Kingdom.svg Geraint Thomas Flag of the United Kingdom.svg Sky a 23″
3 Flag of Australia.svg Cadel Evans Flag of the United States.svg BMC a 39″
4 Flag of Canada.svg Ryder Hesjedal Flag of the United States.svg Garmin a 46″
5 Flag of France.svg Sylvain Chavanel Flag of Belgium (civil).svg Quick Step a 1’01”
6 Flag of Luxembourg.svg Andy Schleck Flag of Denmark.svg Saxo Bank a 1’09”
7 Flag of Norway.svg Thor Hushovd Flag of Switzerland.svg Cervélo a 1’19”
8 Flag of Kazakhstan.svg Alexandre Vinokourov Flag of Kazakhstan.svg Astana a 1’31”
9 Flag of Spain.svg Alberto Contador Flag of Kazakhstan.svg Astana a 1’40”
10 Flag of Belgium (civil).svg Jurgen Van Den Broeck Flag of Belgium (civil).svg Omega Pharma a 1’42”

Classifica a punti – Maglia verde

# Corridore Squadra Punti
1 Flag of Norway.svg Thor Hushovd Flag of Switzerland.svg Cervélo 102
2 Flag of Italy.svg Alessandro Petacchi Flag of Italy.svg Lampre 88
3 Flag of Australia.svg Robbie McEwen Flag of Russia.svg Katusha 81
4 Flag of Spain.svg José Joaquín Rojas Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. 73
5 Flag of Norway.svg Edvald Boasson Hagen Flag of the United Kingdom.svg Sky 64

Classifica squadre – Numero giallo

# Squadra Tempo
1 Flag of Denmark.svg Team Saxo Bank 69.03’10”
2 Flag of the United States.svg Garmin-Transitions a 11″
3 Flag of the United Kingdom.svg Sky Pro Cycling a 25″
4 Flag of Kazakhstan.svg Astana a 2’21”
5 Flag of the United States.svg BMC Racing Team a 2’50”

Classifica scalatori – Maglia a pois

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of France.svg Jérôme Pineau Flag of Belgium (civil).svg Quick Step 13
2 Flag of France.svg Sylvain Chavanel Flag of Belgium (civil).svg Quick Step 8
3 Flag of Estonia.svg Rein Taaramae Flag of France.svg Cofidis 8
4 Flag of Belgium (civil).svg Jürgen Van De Walle Flag of Belgium (civil).svg Quick Step 6
5 Flag of Belgium (civil).svg Maxime Monfort Flag of the United States.svg HTC-Columbia 5

Classifica giovani – Maglia bianca

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of the United Kingdom.svg Geraint Thomas Flag of the United Kingdom.svg Sky 23.00’08”
2 Flag of Luxembourg.svg Andy Schleck Flag of Denmark.svg Saxo Bank a 46″
3 Flag of the Czech Republic.svg Roman Kreuziger Flag of Italy.svg Liquigas a 2’01”
4 Flag of Spain.svg José Joaqín Rojas Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. a 2’12”
5 Flag of Germany.svg Tony Martin Flag of the United States.svg HTC-Columbia s.t.

Premio combattività – Numero rosso

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of Spain.svg José Iván Gutiérrez Flag of Spain.svg Caisse d’Ep.


Fonti


Le tappe del Tour de France 2010

Scegli la tappa: prol ·   ·  2ª ·  3ª ·  4ª ·   ·   ·   ·   ·   ·  10ª ·  11ª ·  12ª ·  13ª ·  14ª ·  15ª ·  16ª ·  17ª ·  18ª ·  19ª ·  20ª

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 22, 2009

Ciclismo: Mark Cavendish è il vincitore della Classicissima 2009

Ciclismo: Mark Cavendish è il vincitore della Classicissima 2009

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 22 marzo 2009
Il britannico Mark Cavendish ha vinto la 100ª edizione della Milano-Sanremo.

Il corridore dell’Isola di Man, del Team Columbia, è riuscito a vincere la volata per soli 11 centimetri che lo separavano dal tedesco Haussler, secondo classificato. Gli italiani solo al quinto posto con Alessandro Petacchi.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress