Wiki Actu it

May 11, 2007

Fano, studente aggredito per una maglietta antifascista

Fano, studente aggredito per una maglietta antifascista

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 11 maggio 2007

«Antifascista tolleranza zero»: era questo il messaggio stampato su una t-shirt indossata da uno studente liceale di Fano (PU), aggredito ieri da tre ragazzi di età compresa tra i 15 e i 16 anni. L’episodio ha avuto luogo davanti al Liceo Classico “Nolfi” della cittadina pesarese, frequentata dal 17enne picchiato.

I tre aggressori avrebbero intimato al ragazzo di togliersi la maglietta e, al suo rifiuto, lo avrebbero colpito con un calcio. I ragazzi sarebbero stati identificati dalla Polizia e sarebbero tutti simpatizzanti dell’estrema destra.

In una nota, i centri sociali della città hanno ricordato che «l’antifascismo è un valore basilare della Costituzione e le forze dell’ordine devono farlo rispettare, chiudendo tutti gli spazi che incitano all’intolleranza razziale, alla discriminazione sessuale e al neofascismo».

Il centro sociale “Oltrefrontiera”, frequentato dal liceale aggredito, ha indetto per domani per domani un presidio in segno di protesta contro quanto accaduto.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 18, 2006

Referendum popolare alta Valmarecchia

Referendum popolare alta Valmarecchia – Wikinotizie

Referendum popolare alta Valmarecchia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 18 dicembre 2006

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Questione dei confini regionali.

Domenica 17 e lunedì 18 dicembre 2006 si è tenuto un referendum popolare consultivo nei sette comuni dell’alta Valmarecchia (Casteldelci, Maiolo, Novafeltria, Pennabilli, San Leo, Sant’Agata Feltria e Talamello), attualmente nella regione Marche, in provincia di Pesaro e Urbino, per il passaggio alla regione Emilia-Romagna sotto la provincia di Rimini.

Il quesito proposto diceva:

« Volete che il territorio dei Comuni di Casteldelci, Maiolo, Novafeltria, Pennabilli, Sant’Agata Feltria, San Leo e Talamello sia separato dalla Regione Marche per entrare a far parte integrante della Regione Emilia-Romagna ? »

Dei 16.140 aventi diritto, il 67,51% ha votato e il risultato è stato:

83,91%
No
16,09%

Il referendum popolare era di natura consultiva ed a questo fondamentale passaggio potranno seguire il pronunciamento non vincolante delle Regioni interessate, fino ad arrivare alla discussione in Parlamento. Nel frattempo, i territori dei Comuni rimangono parte integrante della Regione Marche, ma il risultato netto del referendum è considerato un primo ma deciso passo a favore del passaggio all’Emilia-Romagna.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 5, 2006

Mondolfo (PU): carabiniere in pensione uccide la moglie

Mondolfo (PU): carabiniere in pensione uccide la moglie

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

5 agosto 2006

Gli uomini della Stazione Carabinieri di Mondolfo (PU) hanno arrestato Angelo Accinni, 48 anni, ex brigadiere dell’Arma oggi in pensione. L’accusa per Accinni è quella di omicidio volontario della moglie, Oriana Benvenuti, 50 anni.

Nel pomeriggio di ieri l’uomo stava pulendo il proprio fucile, regolarmente denunciato, nel garage della propria abitazione, dove si trovava anche la moglie. Accidentalmente, secondo la tesi di Accinni, sarebbero partiti dall’arma due colpi, che hanno colpito la donna alle spalle. Inutile l’intervento dei sanitari, allertati dall’uomo: all’arrivo dell’ambulanza del 118, la Benvenuti era già morta.

La versione dell’ex sottufficiale dei Carabinieri non ha però convinto il sostituto procuratore Massimo Di Patria, titolare dell’inchiesta, che nella notte ha firmato il provvedimento di fermo. Lunedì dovrebbero essere disponibili i risultati dell’esame autoptico disposto dalla magistratura pesarese, che sarà eseguita dalla dottoressa Loredana Buscemi.

Fonte

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress