Wiki Actu it

February 22, 2014

Nasce il Governo Renzi

Nasce il Governo Renzi – Wikinotizie

Nasce il Governo Renzi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

22 febbraio 2014
Oggi, alle 11.00 al Quirinale si è tenuto il giuramento nelle mani del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e, il nuovo Presidente del Consiglio Matteo Renzi, si tratta del più giovane governo della storia repubblicana, l’età media dei ministri è 47 anni, inoltre c’è un’assoluta parità tra donne e uomini, ovvero 16 ministri 8 uomini e 8 donne. Nel pomeriggio si è tenuto lo scambio di consegne con il premier uscente Enrico Letta il quale è stato molto freddo e distaccato non concedendo nemmeno uno sguardo al neo premier Renzi. Lunedì si terrà il voto di fiducia al Senato.

I Ministri del Governo Renzi[]

  • Sottosegretario alla Presidenza del consiglio: Graziano Delrio
  • Ministero dell’Interno: Angelino Alfano
  • Ministero dell’Economia: Pier Carlo Padoan
  • Ministero della Cultura: Dario Franceschini
  • Ministero della Salute: Beatrice Lorenzin (già nel )
  • Ministero per i Rapporti col Parlamento e Riforme: Maria Elena Boschi
  • Ministero della Giustizia: Andrea Orlando (ministro dell’ambiente nel Governo Letta)
  • Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: Maurizio Lupi (già nel Governo Letta)
  • Ministero dell’Istruzione e della Ricerca: Stefania Giannini
  • Ministero delle Politiche Agricole: Maurizio Martina
  • Ministero degli Esteri: Federica Mogherini
  • Ministero dello Sviluppo Economico: Federica Guidi
  • Ministero del Lavoro: Giuliano Poletti
  • Ministero della Difesa: Roberta Pinotti
  • Ministero della semplificazione e Pubblica Amministrazione: Marianna Madia
  • Ministero dell’Ambiente: Gian Luca Galletti
  • Ministero degli Affari regionali: Maria Carmela Lanzetta


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

February 13, 2014

Governo, il giorno del giudizio

Governo, il giorno del giudizio – Wikinotizie

Governo, il giorno del giudizio

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

13 febbraio 2014

Oggi, alla Direzione nazionale del PD il Segretario Matteo Renzi spiegherà quali sono i motivi per cui sarebbe giusto un cambio di guida, Il Presidente del Consiglio Enrico Letta non ha partecipato dichiarando: «Si decida con serenità».

L’arrivo e la contestazione[]

Il Segretario del PD Matteo Renzi

L’arrivo di Renzi al Nazareno non è stato di certo caloroso nonostante la grande popolarità che ha secondo gli ultimi sondaggi, il Segretario è stato accolto da urla e insulti. Il segretario non ha risposto alle domande dei giornalisti. L’ingresso era anche stato bloccato per un brevissimo lasso di tempo da lavoratori dell’ex-Lsu che stavano protestando questa mattina.

Da Palazzo Chigi[]

Il Presidente del Consiglio Enrico Letta

Il Presidente Letta dichiara così in un tweet la sua decisione: «Preferisco aspettare a palazzo Chigi le determinazioni che verranno prese in modo che tutti si sentano liberi di esprimere valutazioni e di esplicitare le decisioni che ritengono opportune» Scelta che è stata subito criticata da Roberto Giacchetti che sempre con un tweet ironizza citando l’Ecce Bombo di Nanni Moretti: «Mi si nota di più se vengo e sto in disparte o se non vengo?».

Le ultime Trattative[]

Nella mattinata si era a lungo discusso tra gli staff dei due contendenti nel cercare un accordo e si era ipotizzata un’uscita onorevole del premier e di affidargli il Ministero dell’Economia così da potergli garantire la continuità del piano economico da lui iniziato Impegno Italia ma la la proposta è stata respinta dallo stesso Letta definendo che non siamo al mercato.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

February 12, 2014

Gelo Letta-Renzi. Premier: \”Vado avanti, pronto patto ai partiti\”

Gelo Letta-Renzi. Premier: “Vado avanti, pronto patto ai partiti”

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 12 febbraio 2014

L’incontro a Palazzo Chigi,tenutosi stamane, tra il presidente del Consiglio Letta e il segretario del Partito Democratico Renzi si è concluso con un nulla di fatto. Prosegue il muro contro muro sulle sorti del Governo. Il colloquio è durato poco più di un’ora. Tema il destino del Governo,appunto. Dalla fonti di Palazzo Chigi si apprende che il premier in tarda serata terrà una conferenza, intorno alle 18, dove ribadirà l’intenzione di andare avanti e di aver preparato un patto “che convincerà tutti, anche il PD”.

Dopo l’incontro, il segretario dem su twitter ha affermato di voler parlare a viso aperto nella direzione che si terrà domani alle 15 (anticipata di una settimana rispetto alla data prevista del 20). Il presidente della Repubblica Napolitano, ieri, aveva dichiarato che ora “la parola spetta al PD”, ma riafferma l’infondatezza dell’ipotesi di un voto anticipato. Dai partiti della maggioranza, si fa sempre più spazio l’ipotesi di una staffetta Letta-Renzi a Palazzo Chigi; il vicepremier e leader del Nuovo Centrodestra Angelino Alfano ha aperto spiragli ad una successione del sindaco di Firenze come presidente del Consiglio ribadendo che però “nulla è scontato”. Dai partiti di opposizione, arriva la chiusura di Forza Italia all’ipotesi staffetta e un possibile sostegno di SEL e Lega Nord ad un eventuale esecutivo guidato da Matteo Renzi.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress