Leo Chiosso è morto oggi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

26 novembre 2006
Leo Chiosso, famoso paroliere che ha legato il suo nome alle canzoni di Fred Buscaglione, è morto oggi a Chieri. Aveva 86 anni.

Nato a Torino l’8 agosto 1920, incontrò Buscaglione nel 1938 e divennero subito amici. L’amicia si interruppe a causa della guerra, Buscaglione fu internato in Sardegna dagli americani e Chiosso fu deportato in Polonia. Si ritrovarono grazie ad una radio, alla quale Chiosso riconobbe un’interpretazione di Buscaglione. I due amici si ritrovarono a Torino e formarono una coppia artistica eccezionale. Per Buscaglione scrisse famosissime canzoni, come Che notte, Eri piccola così, Sgancia e pedala, Teresa non sparare, Lontano da te, Portfirio Villarosa, Love in Portofino (ripresa poi anche da Johnny Dorelli.

Chiosso scrisse anche Parole, parole, parole (Mina e Alberto Lupo) e Torpedo blu (Giorgio Gaber). Insieme a Lelio Lutazzi, scrisse nel 1964 Bum … ahi, che colpo di luna per Mina.

La sua attività non si limitò alle canzoni, ma servì anche altre aree dello spettacolo. Nel 1960 esordì in televisione con La tintarella condotta da Gino Bramieri, seguito, nel 1965, da Le avventure di Laura Storm, scenegiallo giallo-rosa con protagonista Lauretta Masiero. Scrisse anche i testi di Stasera: Rita!, insieme a Lina Wertmuller, trasmissione televisiva condotta da Rita Pavone. Seguirono Teatro 10 (1972) e L’appuntamento (1973).

Fu anche sceneggiatore cinematografico: Noi duri (1960), È forte un casino (1982). Quest’anno aveva scritto una biografia sul suo grande amico: I giorni di terra.


Fonti