Wiki Actu it

September 6, 2010

Spagna: l\’ETA annuncia la fine della lotta armata per l\’indipendenza

Spagna: l’ETA annuncia la fine della lotta armata per l’indipendenza

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 6 settembre 2010

Simbolo dell’ETA, l’organizzazione militante-terroristica che vuole ottenere l’indipendenza dei Paesi Baschi dalla Spagna e dalla Francia

Stemma dei Paesi Baschi

L’ETA, celebre organizzazione terroristico-militante basca, ha dichiarato in un video trasmesso dalla BBC di non intendere compiere più azioni armate per l’indipendenza della regione autonoma. Alcuni membri del gruppo basco vengono ripresi con il viso coperto e l’effigie dell’organizzazione in alto. L’intenzione dei separatisti è quella di «mettere in moto un processo democratico» in modo da raggiungere l’obiettivo attraverso la via pacifica. La tregua è stata dichiarata attraverso il giornale spagnolo in lingua basca Gara.

Secondo il premier José Luis Rodríguez Zapatero la tregua non basta, mentre il segretario del PSOE, Leire Pajin, «gli spagnoli vogliono solo un annuncio dall’ETA: che abbandoni definitivamente le armi, si sciolga e rinunci alla violenza per sempre».

Secondo la BBC, che dichiara di aver l’esclusiva di questo video, non è chiaro se la tregua sia permanente o temporanea, come quella dichiarata nel marzo 2006 e respinta dal premier spagnolo Zapatero dopo che due ecuadoregni sono stati uccisi da una bomba nell’aeroporto di Madrid. L’organizzazione combattente in quarant’anni di attività terroristica ha fatto più di 850 vittime a causa degli attentati organizzati.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 21, 2008

Spagna: autobomba a Calahorra

Spagna: autobomba a Calahorra – Wikinotizie

Spagna: autobomba a Calahorra

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 21 marzo 2008

Un’autobomba è esplosa alle 15:00 CET provocando otto feriti non gravi a Calahorra, nella comunità autonoma di La Rioja, dove si stava svolgendo una processione per i riti del Venerdì Santo.

Le autorità hanno dichiarato che l’attentato è riconducibile all’ETA, il movimento separatista basco. Secondo le fonti giornalistiche spagnole l’area era già stata evacuata, a seguito di una soffiata telefonica da parte di uno dei membri dell’organizzazione terroristica, giunta alle 14:28 CET al soccorso stradale e indicante anche colore, modello e marca del veicolo.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 30, 2006

Madrid: autobomba in aeroporto

Madrid: autobomba in aeroporto – Wikinotizie

Madrid: autobomba in aeroporto

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Madrid, sabato 30 dicembre 2006
Attorno alle 9.00 CET di oggi, un’autobomba è esplosa nel parcheggio del terminal 4 dell’aeroporto Barajas di Madrid. Pare che l’ordigno fosse stato posizionato all’interno di un furgone Renalt. L’azione era stata preannunciata dall’ETA al servizio di soccorso stradale “Dya” e questo fatto ha contenuto il bilancio dell’attentato: la zona era stata, infatti, sgomberata e si registrano solo quattro feriti. Tra di essi vi sono due poliziotti che stavano pattugliando l’area.

L’organizzazione terrorista separatista basca Euskadi Ta Askatasuna (ETA) aveva dichiarato, lo scorso marzo, il cessate il fuoco e la rinuncia a compiere azioni violente, tanto da spingere il premier spagnolo, José Luis Rodríguez Zapatero, ad annunciare in giugno l’avvio di un processo di pace. In novembre, tuttavia, i separatisti avevano denunciato lo stallo nel quale si erano arenate le trattative.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress