Wiki Actu it

August 21, 2016

Giochi olimpici 2016: si chiude il capitolo tuffi con quelli da piattaforma 10 m maschile

Giochi olimpici 2016: si chiude il capitolo tuffi con quelli da piattaforma 10 m maschile

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 21 agosto 2016

Wikinotizie di oggi
21 agosto
Collabora con noi
  • Scrivi un articolo
  • Cosa scrivere
  • Come scriverlo
  • Scrivania
  • Portale:Comunità

Il Centro Aquático Maria Lenk, dove hanno gareggiato i tuffatori di questi Giochi

La Cina chiude i tuffi da piattaforma 10 metri maschile riprendendosi un oro perso due olimpiadi fa grazie ai ben 585,30 punti quadagnati da Chen Aisen. Arriva all’argento con 532,70 punti il messicano Germán Sanchez e al bronzo lo statunitense David Boudia con 525,25 punti.

Eccellente la prestazione tuffatoria di Chen Aisen, che distanzia di 50,6 punti il secondo classificato; una serie di tuffi con punteggi impressionanti se si considera che semifinale e finale sono state svolte nel medesimo giorno ed in un centro all’aperto. La sequenza di punteggi nei sei tuffi che è valsa il meritato oro ad Aisen è: 96,90 – 78,75 – 102,60 – 93,60 – 105,45 – 108,00. L’ultimo è il miglior tuffo in assoluto a questi Giochi.

Delude invece la quinta posizione del connazionale Qiu Bo, già medagliato argento ai Giochi olimpici di Londra 2012, perché, nonostante due ottimi tuffi da +100, la sua media è stata rovinata da due tuffi valutati circa 47 punti.

David Boudia, oro a Londra 2012, riesce a salvarsi eseguendo un tuffo da 102,60 punti che lo porta a compensare il successivo, ed ultimo, di solo 68,45.

Il britannico Tom Daley, dopo dei preliminari da paura anche per i cinesi, esce già in semifinale, non riuscendo a difendere il bronzo di Londra 2012.

Olympic rings with white rims.svg
Segui lo Speciale dedicato ai Giochi della XXXI Olimpiade!
Wikinews-logo.svg


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 18, 2016

Giochi olimpici 2016: doppietta cinese nella gara femminile di tuffi da piattaforma 10 m

Giochi olimpici 2016: doppietta cinese nella gara femminile di tuffi da piattaforma 10 m

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 18 agosto 2016
Si è conclusa al Centro Aquático Maria Lenk l’ultima gara di tuffi femminili dei Giochi olimpici di Rio de Janeiro, quella dalla piattaforma da 10 m. A vincere, con 439,25 punti su cinque tuffi, è stata la cinese Ren Qian, davanti alla connazionale Si Yajie, che ha totalizzato 419,40 punti, e alla canadese Meaghan Benfeito, che ne ha totalizzati 389,20.

Ren Qian, classe 2001, ha sopreso per il gran miglioramento qualitativo dei propri tuffi rispetto a preliminari e semifinale (nei quali aveva ottenuto anche un brutto 46,20), riuscendo a fare incetta di punti ad ogni tuffo, specialmente negli ultimi tre, sempre sopra il 90. Anche Si Yajie, sempre prima nei preliminari e in semifinale, ha giovato di un sensibile aumento qualitativo che le ha fatto oltrepassare i 400 punti, anche se non è mai arrivata al 90 nei singoli tuffi. Benfeito è a sua volta riuscita a riconfermare la prestazione di bronzo dei Giochi di Londra 2012 (allora fu medagliata nel sincro in coppia con Roselin Filion), lasciando ai piedi del podio la messicana Paola Espinosa. La statunitense Jessica Parratto, seconda in semifinale, non è invece riuscita a riprendersi dopo aver sbagliato il terzo tuffo, valutato solo 44,80 (il peggiore della serata), e ha concluso solo 10ª.

Così come accaduto per i tuffi da trampolino 3 m maschile, la finale odierna è stata caratterizzata dall’assenza dell’attuale campionessa mondiale di specialità, la nordcoreana Kim Kuk-hyang, che nemmeno si è qualificata per la semifinale, avendo eseguito tuffi anche molto scadenti, finendo 25ª su 28. La ben meno favorita connazionale Kim Un-hyang al contrario ha avuto un crescendo che l’ha portata dai 289,45 punti da 18º posto del primo giorno ai 357,90 del settimo di stasera.

Inizia domani la gara maschile dei tuffi da piattaforma da 10 metri: la finale, l’ultima per la disciplina dei tuffi a questi Giochi, è prevista per il 20 agosto.

Olympic rings with white rims.svg
Segui lo Speciale dedicato ai Giochi della XXXI Olimpiade!
Wikinews-logo.svg


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Giochi olimpici 2016: proposta di matrimonio dopo la finale di tuffi individuali 3 m femminile

Giochi olimpici 2016: proposta di matrimonio dopo la finale di tuffi individuali 3 m femminile

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 18 agosto 2016

Terminata la cerimonia di premiazione della finale di tuffi individuali 3 m femminile, vinta dalla tuffatrice cinese Shi Tingmao davanti all’altra cinese He Zi e all’italiana Tania Cagnotto, il Centro Aquático Maria Lenk è stato teatro di un fuoriprogramma durante le tradizionali foto di rito.

Il tuffatore cinese Qin Kai, vincitore del bronzo nella gara sincro 3 m maschile, ha infatti chiesto all’argento He Zi di sposarlo, inginocchiandosi e mettendole l’anello al dito, ricevendo poi una risposta affermativa tra gli applausi di tutto l’impianto.

La notizia è stata ripresa internazionalmente da numerosi media.

Olympic rings with white rims.svg
Segui lo Speciale dedicato ai Giochi della XXXI Olimpiade!
Wikinews-logo.svg


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 17, 2016

Giochi olimpici 2016: finale di tuffi da trampolino 3 m maschile

Giochi olimpici 2016: finale di tuffi da trampolino 3 m maschile

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 17 agosto 2016

Wikinotizie di oggi
16 agosto
Collabora con noi
  • Scrivi un articolo
  • Cosa scrivere
  • Come scriverlo
  • Scrivania
  • Portale:Comunità

Si è da poco svolta la finale di tuffi da trampolino di 3 metri maschile al Centro Aquático Maria Lenk, vinta dal cinese Cao Yuan con un punteggio di 547,60. Medaglia d’argento per il britannico Jack Laugher (523,85 punti) e di bronzo per il tedesco Patrick Hausding (498,90 punti).

In soli due tuffi su sei Yuan è sceso sotto ai 90 punti, dimostrando grande costanza nella qualità dei vari tuffi presentati. Il cinese è riuscito bene persino nel tuffo con salto mortale quadruplo e mezzo raggruppato: un tuffo che in questi Giochi ha dato molti grattacapi.

La finale si svolge senza errori gravi, come al contrario accaduto a vari tuffatori nei preliminari e nella semifinale. Il più preciso nei giorni scorsi, il messicano Rommel Aghmed Pacheco Marrufo, non riesce però a stare alto in classifica a causa dei primi due tuffi che si rivelano quasi i peggiori di tutti (fa peggio solo l’ultimo, il colombiano Sebastian Morales Mendoza), relegandolo al 7° posto.

La finale di oggi è caratterizzata dalla mancata presenza, data al contrario per scontata, in particolare di due tuffatori: il russo Il’ja Zacharov, campione olimpico ai Giochi di Londra 2012, ed il cinese He Chao, campione del mondo ai mondiali di Kazan 2015.

Il’ja Zacharov entra per pochissimo in semifinale chiudendo al 18° posto i preliminari, ma in semifinale arriva ultimo anche a causa di una spanciata da 0,00 punti al quarto tuffo. He Chao nemmeno riesce ad entrare in semifinale, a causa di una serie di tuffi scarsi, tra i quali uno da solo 27,75 punti.

Olympic rings with white rims.svg
Segui lo Speciale dedicato ai Giochi della XXXI Olimpiade!
Wikinews-logo.svg


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 14, 2016

Giochi olimpici 2016: doppietta cinese nella gara femminile di tuffi da trampolino 3 m, terza Tania Cagnotto

Giochi olimpici 2016: doppietta cinese nella gara femminile di tuffi da trampolino 3 m, terza Tania Cagnotto

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 14 agosto 2016
Si è svolta oggi, al Centro Aquático Maria Lenk di Rio de Janeiro, la finale olimpica femminile dei tuffi individuali da trampolino 3 metri. La gara si è conclusa con la vittoria della medaglia d’oro da parte della cinese Shi Tingmao, capace di totalizzare ben 406,05 punti. Al secondo posto, con 387,90 punti, si è classificata l’altra cinese He Zi, mentre la medaglia di bronzo è andata all’altoatesina Tania Cagnotto, che ha messo a referto 372,80 punti.

Shi Tingmao, già oro in questi Giochi insieme a Wu Minxia nella gara di sincronizzato da 3 metri, ha superato la soglia dei 400 punti, ritenuta molto difficile da raggiungere nei tuffi, ed ha eseguito anche il miglior tuffo della finale (il terzo), valutato 84,00 punti. Oltre all’ottima esecuzione in volo, sia Shi che He sono riuscite ad entrare in acqua nel modo “pulito” che solitamente le contraddistingue.

Tania Cagnotto ha eseguito tuffi comprendenti avvitamenti, generalmente meno frequenti, e nell’ultimo tuffo ha eguagliato il punteggio del tuffo di Shi, un buon 81,00, assicurandosi la seconda medaglia olimpica in carriera (e in questi Giochi) dopo l’argento vinto nel sincronizzato da 3 metri in coppia con Francesca Dallapé.

Olympic rings with white rims.svg
Segui lo Speciale dedicato ai Giochi della XXXI Olimpiade!
Wikinews-logo.svg


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 11, 2016

Cina: esplosione in centrale elettrica causa almeno 21 morti

Cina: esplosione in centrale elettrica causa almeno 21 morti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 11 agosto 2016

Almeno 21 morti e 5 feriti causati da un’esplosione nella centrale elettrica cinese di Dangyang, nella provincia di Hubei.

Pare, secondo i media locali, che si sia trattato di un cedimento di una condotta di vapore altamente pressurizzato.

Al momento non si conoscono ulteriori dettagli.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 3, 2016

Cina: aperta la passerella di vetro sul monte Tianmen

Questa notizia contiene informazioni turistiche

Cina: aperta la passerella di vetro sul monte Tianmen

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 3 agosto 2016

La montagna Tianmen

Sul monte Tianmen, situato all’interno del Parco nazionale della montagna Tianmen a Zhangjiajie, nell’Hunan nordoccidentale in Cina, è stata aperta una passerella di vetro.

La passerella è la seconda opera architettonica in vetro inaugurata nel parco, dopo che nel 2015 è stato aperto un ponte in vetro di 300 m a 180 m d’altezza.

Per passeggiare sulla passerella, lunga circa 100 m, vengono fornite delle scarpe speciali che non graffiano e lasciano integro il vetro.


Fonti[]

Wikivoyage

Wikivoyage in lingua inglese ha un articolo su Tianmen Mountain.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 21, 2016

Inizia l\’orrore del festival della carne di cane in Cina

Questa notizia contiene informazioni turistiche

Inizia l’orrore del festival della carne di cane in Cina

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 21 giugno 2016

Oggi è partito il festival di Yulin (Cina) della carne di cane. Migliaia di cani verranno uccisi. Molti animalisti, anche locali, si oppongono.

Il festival nacque nel 2009 per incentivare il turismo. Da un sondaggio risulta che la maggioranza dei cinesi non mangia carne di cane e non vuole il festival.


Fonti[]

Wikipedia

Wikipedia in lingua inglese ha una voce su Lychee and Dog Meat Festival.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 28, 2013

Cina: rivoluzionato il sistema del controllo delle nascite

Cina: rivoluzionato il sistema del controllo delle nascite

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 28 dicembre 2013
Dopo 34 anni, in Cina è stata modificata la legge per il controllo delle nascite. È stata, infatti, approvata la nuova legge che consente alle famiglie di avere due figli, che va a sostituire la vecchia legislazione che prevedeva che una coppia potesse avere solo un figlio. La legge precedente, promulgata da Deng Xiaoping nel 1979, non comprendeva le minoranza etniche, le famiglie rurali che avevano avuto una bambina come figlio primogenito e le famiglie in cui i due genitori sono figli unici. La nuova legge, invece, si estende anche alle famiglie in cui almeno uno dei due genitori è figlio unico.

Oltre a questa legge, il governo cinese ha approvato l’abolizione dei campi di lavoro forzato, i laogai (勞改, abbreviazione di laodong gaizao, 勞動改造, in cinese “riforma attraverso il lavoro”) a cui erano costretti i condannati che non avevano subito un processo equo. Le pene dei detenuti, tuttavia, non verranno diminuite.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

November 27, 2013

Diatriba isole Senkaku, tensione Usa-Cina

Questa notizia contiene informazioni turistiche

Diatriba isole Senkaku, tensione Usa-Cina

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 27 novembre 2013

Posizione delle isole (rettangolo giallo e riquadro).

Sale la tensione tra Pechino e Washington dopo che quest’ultima ha deciso di sorvolare con due aerei B-52 le isole nel Mar cinese orientale senza informare prima le autorità cinesi. Azione dimostrativa dettasi necessaria secondo gli americani, dopo che lo scorso sabato la Cina aveva dichiarato unilateralmente di sua pertinenza lo spazio aereo sulle isole Senkaku/Dyaou non tenendo in nessun conto le rivendicazioni del Giappone, storico alleato degli Usa.

Le isole infatti sono attualmente contese dai due Paesi asiatici e da Taiwan, nonostante facciano ufficialmente parte del territorio giapponese dal 1972, dopo che l’amministrazione statunitense le restituì a Tokyo negli accordi successivi alla seconda guerra mondiale. La Cina, tuttavia, ne rivendica la scoperta, l’amministrazione dal XVI secolo al 1895 e dal 1971, la sovranità. Dopo la decisione di Pechino di stabilire una “zona di identificazione per la difesa aerea” che comprende anche le isole contese, il governo giapponese ha mosso una protesta formale informando di fatto gli alleati americani. Il governo cinese ha espresso «forte insoddisfazione» per la decisione del governo nipponico, definendo il gesto come un «comportamento dalle conseguenze imprevedibili». Le compagnie aree giapponesi hanno deciso di rispettare tale zona di identificazione, per tutelare la sicurezza dei propri passeggeri. Infatti ora gli aerei stranieri, per poter sorvolare tale aerea, avranno bisogno di chiari permessi, e la sua violazione non segnalata comporterebbe un intervento dell’aviazione militare cinese.

Gli aerei americani sono decollati dalla vicina base di Guam, violando lo spazio aereo cinese senza preavviso. Successivamente, il Pentagono ha dichiarato che si trattava di aerei disarmati, per non alimentare ulteriormente le tensioni tra i due Paesi. La Cina comunque, non ha fatto seguire nessun intervento di natura bellicosa, limitandosi a prendere atto dell’azione statunitense.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress