Wiki Actu it

April 10, 2007

Somalia: 1000 morti negli scontri degli ultimi giorni

Somalia: 1000 morti negli scontri degli ultimi giorni

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 10 aprile 2007
Un Comitato della Somalia riunito per valutare i danni degli scontri degli ultimi giorni ha detto che sarebbero almeno 1.084 i morti degli scontri degli ultimi giorni a Mogadiscio i peggiori da più di 15 anni. I feriti sarebbero circa 4.300 e più di metà della popolazione della città sarebbe fuggita (circa 1.400.000 su 2,4 milioni).

“La nostra è solo una stima e il bilancio finale è destinato a crescere perché noi non abbiamo osato avventurarci al di là delle vie principali”, ha detto all’agenzia Reuters il colonnello Hussein Siayaad, “I cadaveri sono ancora là e ci vorranno settimane per raccoglierli tutti”.

Articoli correlati[]

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 1, 2007

Somalia: a Mogadiscio ancora scontri

Somalia: a Mogadiscio ancora scontri – Wikinotizie

Somalia: a Mogadiscio ancora scontri

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 1 aprile 2007

Secondo gli abitanti locali, verso le 8.30, dei colpi di mortaio sono esplosi nella capitale della Somalia, Mogadiscio; provenivano dalla zona a sud dello stadio cittadino più importante e hanno diffuso il panico. Questo è il quarto giorno di combattimento tra le truppe somale ed etiopi da una parte e le milizie islamiche dall’altra.

Secondo il Comitato Internazionale della Croce Rossa, i combattimenti di questi quattro giorni sono i più gravi da almeno 15 anni.

«Siamo sotto un pesante bombardamento. I colpi di mortaio vengono sparati dalla zona sud di Mogadiscio. La gente è molto spaventata», ha riferito un abitante del quartiere della capitale, Tawqif, che ha preferito non rivelare il suo nome.

Gli scontri sono iniziati per via dell’offensiva scagliata da parte delle truppe etiopi, accompagnate da carri armati ed elicotteri, contro i rimanenti delle milizie islamiche.

Il numero più alto di vittime si registra però, purtroppo, tra i civili. Sono infatti circa 200 i morti e gli ospedali sono sovraffollati e i feriti non riescono a volte ad entrare o a trovare posti letto.

Nel frattempo l’organizzazione Human Rights Watch accusa Etiopia, Kenya e Usa di avere un programma segreto di detenzione dato che molti somali fuggiti sono misteriosamente scomparsi.

Fonte[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress