Ugento: ucciso consigliere comunale dell’Italia dei Valori

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Ugento, domenica 15 giugno 2008
Giuseppe Basile, esponente a livello provinciale dell’Italia dei Valori, è stato ucciso la notte scorsa nel comune di Ugento (provincia di Lecce), dove viveva. Il cadavere è stato ritrovato per strada, a notte inoltrata, da alcuni suoi vicini di casa.

Basile, 61enne imprenditore, viveva da tempo solo dopo la separazione con la moglie; era molto conosciuto in paese per la sua attività politica: era infatti sia consigliere comunale di opposizione, che consigliere presso il consiglio provinciale. Alle elezioni politiche del 13 e 14 aprile scorso, era candidato alla Camera dei Deputati, sempre con il partito guidato da Antonio di Pietro.

Le sue proposte ed iniziative in consiglio comunale suscitavano spesso sentimenti contrastanti; Basile, nel marzo scorso, era stato al centro di una polemica con la polizia municipale del piccolo comune dove viveva, poiché questi avevano fatto rimuovere il suo striscione elettorale, apposto sul balcone della sede dell’IdV. L’uomo aveva preannunciato ricorsi in magistratura.

Le indagini per stabilire l’autore del delitto sono condotte dai Carabinieri, che, per il momento, dicono di non escludere nessuna ipotesi sul movente.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.