Wiki Actu it

March 24, 2015

Viaggio umanitario del CIS in Etiopia-Sudan

Questa notizia contiene informazioni turistiche

Viaggio umanitario del CIS in Etiopia-Sudan

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 24 marzo 2015

Genova imbarco ambulanza

Partenza[]

Il giorno 8 febbraio 2015 siamo a Genova all’aeroporto; Lucio, primario cardiochirurgo al Gaslini, Piero ed io dobbiamo andare a Gibuti a sdoganare l’ambulanza donataci dalla Croce Verde di Nizza M.to su cui ho caricato un ecocardiografo, due defibrillatori, diverso materiale monouso per sala operatoria, un centinaio di scarpe nuove per il centro dei bambini di strada dei salesiani di Addis Abeba e le solite bottiglie di vino da omaggiare a tutti quelli che ci hanno aiutato. Guideremo il mezzo da Gibuti all’ospedale di Debrè Birhan in Etiopia come da accordi con le autorità etiopi.

Gibuti[]

Gibuti Città.

Gibuti è una città affascinate dall’aspetto coloniale francese con begli edifici decadenti di fine ottocento, troviamo molti militari europei, l’impronta africana si mescola a quella occidentale, qui anche gli alcoolici nei locali pubblici sono permessi, le ragazze indossano jeans attillati e le donne con il velo sono una rarità.

Prima amara sorpresa: al porto ci dicono che il mezzo non ci verrà consegnato perché le pratiche per ottenere l’esenzione dal dazio iniziate mesi fa non sono ancora ultimate, dovremmo raggiungere Addis Abeba e Khartoum con mezzi propri. Ultimate le pratiche doganali il mezzo verrà portato all’ospedale da personale dello stesso nosocomio. Dobbiamo coprire oltre 2500 km e ci attiviamo a trovare i mezzi pubblici.

Buona permanenza a Gibuti dal vescovo italiano monsignor Bertin che ci ospita in una dependance vicino la cattedrale. Poco fuori città visitiamo l’ex ospedale italiano Balbala gestito da nostri connazionali, è molto funzionale, del chirurgo dr. Carlo che vi lavora da alcuni anni con la moglie psicologa ci hanno detto all’aeroporto che per loro è un mito! Il console onorario dr. Rizzo ci ragguaglia sulle tante difficoltà burocratiche doganali etiopi mentre quelle di Gibuti si risolvono in genere in pochi giorni; ci sembra che l’Etiopia non incoraggi per nulla la donazione di materiale sanitario!

Verso sera partiamo con un mini bus per la frontiera con l’Etiopia ma stranamente, anziché fare la comoda strada asfaltata che tutti gli autocarri percorrono, il pulmino si dirige prima verso la Somalia per poi deviare su una stradina tortuosa che ci porta vicino alla frontiera etiope, raggiunta in piena notte, e da cui in territorio etiope partirà poi una pista di circa 205 km! Stranezze africane.

Etiopia[]

Si dorme all’addiaccio ed alle 5 partenza per la frontiera con entrata in Etiopia. Pensiamo d’ora in poi di viaggiare bene ma il peggio dovrà ancora venire. Se prima il conducente era un ragazzo che masticava continuamente ciat pianta euforizzante e raramente guardava la strada ora l’autista è più tranquillo, ma l’asfalto si trasforma in una infernale pista ciottolosa con saliscendi continui che termina alle cinque della sera nella cittadina di Dire Dawa dopo avere mangiato chili di polvere ed aver goduto uno spettacolo molto interessante e vario con famiglie di scimpanzé lungo la strada.

Il giorno successivo ci rilassiamo, si fa per dire, andando a visitare una bella antica cittadina vicino la Somalia, Harer. In effetti il luogo merita una deviazione perché è suggestivo. In questa città dicono che ci sia il miglior caffè d’Etiopia che gustiamo a casa di una famiglia. Per prepararci il caffè anzi i tre caffè di rito bisogna attendere circa 45 minuti perché la preparazione è molto laboriosa ed è interamente fatta a mano come anche la tostatura, i chicchi vengono lentamente pestati.

Il mattino seguente prima dell’alba nuovo bus per Addis Abeba, questa volta il mezzo è un normale pullman, si attraversa una delle zone più affascinati dell’Etiopia tra cui la stupenda Rift Valley, si incontrano fiumi, montagne sempre oltre 2000 m, laghi, pianure, gole e paesaggi fiabeschi; è stato da poco raccolto il grano e si vedono ancora le piante di mais più piccole delle nostre e con meno file di chicchi che ormai secche sono raccolte in covoni. Le piante di banane si alternano a rari baobab ed eucalipti. Sembra che la gente svolga il lavoro con serenità e pazienza due caratteristiche che incontreremo sempre in questo viaggio.

Verso sera finalmente arriviamo ad Addis Abeba dopo aver percorso per oltre 57 km anche un tratto di nuovissima autostrada a tre corsie. La capitale è come ogni città africana caotica, il pullman si ferma al capolinea a due passi dalla quasi ultimata linea della metropolitana costruita con criteri ultramoderni dai soliti cinesi che anche qui hanno l’appalto di gran parte della rete stradale. A dir la verità la città non mi entusiasma molto, è troppo recente ed è un gigantesco cantiere in costruzione. La parte più bella della città è senz’altro quella collinare sede di numerosi ministeri ed ambasciate.

Nella bellissima Villa Italia in un vasto parco ha sede la nostra ambasciata. Il dr. Melloni capo della Cooperazione italiana avvisato dall’ambasciatore dr. Mistretta, purtroppo fuori sede, ci aggiorna sull’iter burocratico di sdoganamento del mezzo. Rimaniamo ospiti per tre giorni dei salesiani di cui visitiamo le innumerevoli opere sociali come scuole professionali e non, centri per orfani, per bambini di strada, per prostitute e ragazze madri, per adozioni a distanza ecc. Simpatica la visita alla missione di don Mario sul lago Zway e Langano quest’ultimo completamente rosa per la presenza di alghe. Altra visita a Nazret all’ospedale oftalmico St.Francis gestito con maestria dal CUAMM di Padova, è attrezzato bene, pulito, l’igiene regna sovrana, caratteristica tipica delle suore anche qui presenti.

Etiopia: Lago Tana.

La sera il collegamento con radio Veronica di Torino ci permette di sentire un po’ di aria natia. Dobbiamo ripartire con direzione Sudan non prima di aver visitato il suggestivo lago Tana con i suoi bellissimi monasteri ortodossi dei secoli XIII e XIV ricchi di antichi manoscritti custoditi gelosamente e scampati per miracolo alle distruzioni durante il periodo di Menghistu.

Etiopia Gonder un castello

La perla dell’Etiopia cioè Gonder “la Camelot africana” così chiamata per i suoi quattro castelli costruiti nel secolo XVII e che dominano la città dall’alto è indubbiamente una città ricca di fascino per il suo glorioso passato per essere stata anche capitale della nazione. La sera Piero e Lucio insistono per andare a cenare in un bel ristorante frequentato da europei; in effetti si gustano ottimi piatti locali peccato che abusino troppo di incenso, più che in un ristorante mi sembra di essere in una chiesa.

Sudan[]

Sudan: sito di Meroe

Il giorno successivo dobbiamo trovarci alla frontiera col Sudan al mattino presto, partiamo di notte con altro minibus dopo averlo aspettato per quasi un’ora con il dubbio che l’autista non venisse, la sera prima aveva già intascato metà dei soldi pattuiti, invece devo ricredermi, arriva e riempie completamente il mezzo, non c’è più posto per nessuno. Come promesso arriviamo alle 8 alla frontiera con il Sudan dove incontriamo puntualissimo Mortada, ottimo autista dell’agenzia viaggi Levi che abbiamo contattato per evitare problemi nell’attraversamento di questa zona di confine.

Khartoum è come sempre una città interessante, la nostra ambasciata e l’ufficio della Cooperazione italiana ci supportano non poco invitandoci anche a pranzo. Visita di rito all’efficiente centro di cardiochirurgia Salaam di Emergency di Gino Strada dove Lucio ritrova un vecchio amico.

Abbiamo anche l’opportunità di visitare il sito archeologico di Meroe che sembra sbucare fra le dune dopo un’ora di assolata pista. È meraviglioso e suggestivo con le sue piramidi nere risalenti a circa 500 anni prima di Cristo. È una zona archeologica molto ampia e che andrebbe meglio valorizzata.

Incidente[]

La sera della diretta con la radio di Torino nel tratto di strada che ci riporta in hotel il tuc tuc su cui viaggiamo a causa di una grossa buca dell’asfalto sta per ribaltarsi, il ragazzo che lo guida cerca di sterzare ma finisce sulla carreggiata opposta mentre sta per sopraggiungere un’auto a velocità sostenuta, è un attimo, ci buttiamo subito fuori dell’abitacolo e l’ape finisce la sua folle corsa sul marciapiede, siamo incolumi, più tardi in camera stentiamo ad addormentarci.

Sull’aereo che ci riporta a casa ripenso alle esperienze vissute, alla fatica che ho visto fare per tirare su l’acqua da un pozzo, e dire che a noi basta un piccolo gesto della mano per avere subito acqua pulita pronta da bere, invece sovente beviamo quella in bottiglia.

Ringrazio Lucio e Piero con cui ho condiviso le esperienze del viaggio; entro Marzo arriveranno in Italia due bambini di 12 anni per operarsi al cuore Elisabeth dal Senegal e Gueoue bambino dalla Costa d’Avorio; hanno in comune oltre all’età la malattia congenita e la povertà. Questi interventi come gli altri sono pagati interamente dalle onlus Ana Moise di Aosta e CIS di Canelli. Verranno operati al Gaslini di Genova dal dr. Santoro dell’equipe del prof. Lucio Zannini che ha fatto il viaggio con noi. Ringrazio di cuore tutti coloro che ci hanno aiutato e che ci aiuteranno ancora perché hanno capito che noi siamo più fortunati nascendo anche in un posto bellissimo.


Galleria fotografica[]

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Etiopia.

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Sudan.

Fonti[]

Resoconto di Pier Luigi Bertola, presidente onlus CIS (Cooperazione italiana solidarietà).

Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 4, 2014

Viaggio umanitario del CIS in Costa d\’Avorio

Questa notizia contiene informazioni turistiche

Viaggio umanitario del CIS in Costa d’Avorio

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

4 marzo 2014

Resoconto del viaggio riportato da Pier Luigi B., presidente onlus CIS.[1]

Strada per Nouakchott, Mauritania

La Partenza

Il 23 gennaio in una fredda giornata invernale dopo la sosta di rito alla Medicina dell’ospedale di Nizza m.to per i saluti ed un breve caffè il CIS (Cooperazione Italiana Solidarietà) riparte da Canelli con imbarco dell’ambulanza sul traghetto a Genova per Tangeri. Siamo in quattro: Bruno, Piergabriele e Luciano più il sottoscritto. Due giorni di ottima navigazione con arrivo nel primo pomeriggio al porto nuovo di Tangeri circa 40 km ad est della città.

Marocco

Appena arrivati in dogana comincia subito l’incubo che durerà per tutto il viaggio: ci faranno passare? Negli anni precedenti non abbiamo incontrato alcun problema pagando le solite cauzioni ma ora ci fermano ed i doganieri dicono che l’ambulanza non può entrare in Marocco anche se solo per transito, oltre ai mille documenti fatti fra cui quello del Ministero della sanità della Costa d’Avorio che dichiara di accettare il mezzo con i materiali, le autorità marocchine pretendono un certificato redatto dall’Ambasciata della Costa d’Avorio in Marocco a (Rabat) che dice di accettare il dono. È sabato e gli uffici sono chiusi, non c’è problema dicono perché con un transiteur lunedì mattina in un attimo ripartiremo; è una pura formalità burocratica. Decidiamo di andare in città ma con autobus perché il mezzo è sequestrato in dogana. La Medina di Tangeri è molto suggestiva come anche il mercato del pesce; lunedì mattina alle 8 come concordato siamo in dogana, il transiteur questa volta dice invece che ci sono problemi e ci affida al capo dogana, arcigno signore sulla cinquantina dallo sguardo glaciale che ci dice senza mezzi termini di tornare indietro perché l’ambasciata a Rabat dovrà ricevere il nulla osta dal Ministero della Costa d’Avorio! Cerco con ogni mezzo di risolvere il problema ma lui è irremovibile. Cerco e trovo una persona già incontrata in precedenza che per un congruo contributo si presta ad aiutarci nelle tante pratiche. La sera dopo un estenuante via vai agli uffici doganali Ciano ed io siamo stanchi, abbiamo il morale a terra, non abbiamo mangiato, fa freddo, piove, insieme raggiungiamo gli amici e comunichiamo loro che possiamo partire il giorno dopo.

Mauritania.strada fra Nouakchott ed Aleg

Altra notte a Tangeri. Martedì mattina partenza con arrivo a Tiznit la sera via Casablanca ed Agadir ; un buon pesce con patatine fritte servitoci alle ore 23 ci rincuora un po’. Due giorni dopo nella famigerata terra di nessuno ci insabbiamo e la spinta per tirarci fuori ci costa € 40.

Mauritania

Siamo in Mauritania dove in dogana si ripete la stessa musica del Marocco, ci dicono che dobbiamo accettare una scorta pagata profumatamente ma che partirà fra qualche giorno, alle mie rimostranze verbali, avevo portato lì e donato ambulanza 3 anni fa accettano di farci passare. La sera siamo a Nouadhibou da padre Jerome già noto per altre 2 visite. Per qualche ora ci rilassiamo in compagnia. Un sacerdote francese a cena ci tranquillizza sulla strada che avevamo scelto per arrivare in Malì e che dalle notizie fornite ci era stata indicata come molto pericolosa per sequestri; visito un bambino di 2 anni affetto da grave malformazione encefalica, purtroppo il caso è inoperabile e spiego la cosa alla povera mamma con il dovuto tatto. Scarichiamo materiale per l’ospedale e per la missione, sono molto poveri! Siamo in ritardo sulla tabella di marcia e decidiamo di tentare la strada più corta evitando quella più sicura del Senegal. Per oltre 450 km non troviamo rifornimento di benzina, in pieno deserto l’ambulanza vola letteralmente sulla strada costellata da paurose buche e plana su una di queste. Risultato 2 cerchioni rotti con gomme afflosciate. Piero alla guida aiutato da Luciano navigatore ma intento a filmare se la prende con chi doveva aggiustare la strada responsabile secondo lui dell’incidente! Abbiamo una sola ruota di scorta, come si fa? Fermiamo due camionisti che si prodigano all’inverosimile per aiutarci, decidiamo di fare aggiustare la ruota di scorta da un meccanico molto più in là. La caotica capitale Nouakchott non suscita particolare interesse e proseguiamo in direzione di Aleg. È l’una, il sole picchia implacabile, da ore non si vede un posto riparato per pranzare, vedo un po’ d’ombra sotto un’acacia cui è legata una capra ma Luciano, l’aristocratico del gruppo, si rifiuta di mangiare in compagnia di quell’animale selvatico! Dopo un po’ appare una tenda di tuareg, chiedo ai proprietari di poter mangiare all’ombra sotto la tenda, i 3 pastori gentilmente accettano e ci scambiamo del cibo, è un’atmosfera simpatica e curiosa, prima di ripartire Bruno regala una confezione di dolci che ci viene prestamente restituita perché scaduta!

Malì, strada Nioro Sikasso

Che figura! Verso sera il paesaggio è molto suggestivo perché le dune illuminate dal sole calante assumono un colore rossiccio a volte roseo, spuntano rari alberi di acacie alternati a più frequenti fichi d’India che dominano il paesaggio. È sera cala lentamente il buio, la prudenza ci consiglia di fare sosta a Boutilimit ridente paese nel cuore della Mauritania ma i cui distributori di benzina riforniscono solamente gasolio cosa che avevamo già in parte capito appena entrati in Mauritania. Poco più in là una coppia di turisti francesi nel 2009 erano stati vittima di un grave attentato. La mattina successiva all’alba si riparte, strada costellata di buche che presto cede il posto ad una pista di oltre 100 km, la cosa strana è che di fianco alla pista corre la nuova strada in via di asfalto ma il traffico per circa 100 km è deviato sulla vecchia pista molto malconcia col risultato che a causa del transito di camion il fondo stradale è sconnesso e la polvere sollevata da questi automezzi ci ricopre di una sabbia rossiccia che arriva anche in bocca, si infila persino negli zaini ed inceppa alcune macchine fotografiche. Stiamo attraversando una delle zone più belle ma più pericolose del paese, verso le nove di sera la gendarmeria stupita della nostra presenza ci ferma affidandoci ad una scorta armata che ci conduce ad una cittadina di confine Ayoùn el Atroùs circa 210 km dopo Kiffa. La polizia ci avverte che da lì in poi la strada sarà molto pericolosa per noi occidentali e la responsabilità di quanto ci potrà accadere sarà solamente nostra!

Mali

Il mattino dopo siamo in Malì ed a Nioro la gendarmeria dice che anche qui non possiamo procedere oltre per gravi motivi di sicurezza e ci porta nella loro sede squallido campo senza bagno dove restiamo fermi per oltre 26 ore insieme ad altri 3 equipaggi di europei ignari della data di partenza. Non possiamo assolutamente uscire da soli se non scortati. Dobbiamo rinunciare a mangiare in città perché la scorta se n’è andata senza avvertirci! Alle nostre rimostranze i militari ci urlano di rimanere in ambulanza. Pazienza ceniamo e dormiamo in ambulanza preparata per l’occorrenza dal solerte ed ingegnoso Bruno. Dopo un giorno di forzato riposo finalmente ripartiamo per raggiungere la frontiera della Costa d’Avorio con sosta per la notte in un hotel della capitale Bamakò grande metropoli di stampo occidentale.

Periferia di Bamakò, Malì

Dobbiamo scaricare materiale sanitario per l’ospedale, come facciamo con quei gendarmi alle calcagna? Chiamo Yacouba l’amico maliano sindaco di Kassarò comune distante circa 100 km, lo aspetto per tutta la notte ma lo incontro solamente alle 7 di mattina fuori dell’albergo; chiediamo ai militari se ci lasciano scaricare il materiale per l’ospedale ma invano ci salutiamo poco dopo, non mi do per vinto rifaccio la stessa domanda con più vigore e questa volta il soldato accetta, tiro un respiro di sollievo e dopo aver scaricato il materiale medico ripartiamo.

Centro di Bamakò, capitale del Malì.

Il Malì contrariamente alla Mauriania è un paesaggio ricco di acqua e quindi di verde,piante dal fusto alto.Forse il tenore di vita sembra migliore a giudicare dal numero impressionante di moto e di venditori di ogni cosa! Breve sosta a Sikasso per pranzare in uno squallido ristorantino dove la nostra USL non oserebbe neppure entrare, riprendiamo il viaggio verso le ore 15; forse se non perdiamo altro tempo possiamo ancora farcela, gli amici sono stanchi, la strada è pessima, decidono senza consultarmi di fare il viaggio con la coppia di belgi che si fermano prima per la perdita di acqua dal radiatore e poi per una foratura con grave danneggiamento del cerchione. Li aiutiamo per la foratura ed aspettiamo pazientemente che il meccanico aggiusti la ruota di scorta. Per esperienza so che in questi casi le persone dopo un viaggio stancante cercano ogni scusa per fermarsi, è comprensibile! Il tempo passa si avvicina la sera, insisto per andare subito in dogana perché penso che chiudano alle 18, gli amici mi dicono invece che è aperta tutta la notte, so che non è vero!

Costa d’Avorio

Arriviamo in dogana alle 20, come prevedevo è chiusa e dobbiamo pernottare lì. Il programma va cambiato, non possiamo più portare il mezzo all’ospedale prescelto ma tirare diritto per la capitale per chiedere il visto all’ambasciata della Guinea. Il capo dogana assente perché ammalato di malaria viene ugualmente a salutarci per ringraziarci per il dono dell’ambulanza attrezzata! In meno di tre ore le pratiche doganali sono concluse; un pignolo impiegato sanitario pretenderebbe anche il certificato contro la meningite che non abbiamo fatto perché non obbligatorio. Alle 11 ripartiamo per Nielle, gli “amici belgi” non ci hanno aspettato, ma Bruno, Ciano e Piero sperano invano di essere da loro contattati per una visita della città come promesso! Avverto suor Rosanna di venirci incontro. Nella nuova capitale Yamoussoukro, di fronte ad una mastodontica chiesa copia di San Pietro a Roma con il colonnato perfettamente identico all’originale del Bernini avviene il tanto desiderato incontro con suor Rosanna della missione delle suore salesiane di Duekouè. Doniamo anche alla suora il gagliardetto della sezione alpini di Asti che ci ha sempre aiutato nei nostri viaggi. Sono emozionato, abbiamo terminato il viaggio umanitario e consegnato l’ambulanza, mi viene un nodo alla gola. Ci siamo persi purtroppo la cerimonia di consegna del mezzo con tanto di festa in mezzo ai bambini e la diretta radiofonica. Pazienza non si può sempre avere tutto! In serata suor Rosanna ci accompagna dai salesiani ad Abidjan, mangiamo in tarda serata stanchi ma contenti. Utilizziamo le ottime razioni di cibo che Bruno ha pazientemente ed intelligentemente portato dall’Italia e che ci sono servite per colazione e pranzo a volte anche per cena durante tutto il viaggio, brindiamo con l’ottima barbera dell’amico Domenico recentemente scomparso. Qui almeno possiamo bere il vino in tranquillità perché non ci vede nessuno! Mattino dopo giovedì in ambasciata per il visto rilasciatoci in 24 ore dopo una mia telefonata in Guinea per contattare un dirigente del Ministero senza il cui aiuto non avremmo di certo ottenuto il visto in così poco tempo perché, tanto per cambiare l’impiegato ci aveva escluso di darci il visto prima dei soliti tre giorni. Alla missione salesiana di Abidjan in Costa d’Avorio efficiente struttura di allegri giovani sacerdoti ho visitato un prete con grave restringimento delle arterie coronariche, diabete, obesità,colesterolo, pressione ed acidi urici alle stelle e che non mostrava alcun sintomo. Ho insistito con i suoi superiori per ulteriori esami, gli ho fatto io stesso un ECG risultato molto alterato! Al rientro mi hanno poi detto che attualmente il sacerdote si trova in Spagna per esami. Sono in contatto via e-mail con questo caso che seguirò personalmente. Abidjan è come ogni città africana caotica e colorita, ha una bella laguna con un lungomare ricco di costruzioni francesi dei primi del secolo e con palmeti a ridosso della spiaggia. Anche qui persone gentili e non invadenti. Ottima cena (con pastasciutta) e serata dalle intraprendenti e simpatiche suore salesiane che danno l’opportunità a Bruno ed a Luciano di parlare finalmente delle proprie impressioni di viaggio.

Yamoussoukro, Costa d’Avorio. Incontro dei partecipanti con suor Rosanna

A parte le visite mediche di rito la cosa che mi ha più colpito è stata la visita al campo salesiano di recupero dei bambini di strada; bambini dai 6-7 ai 12 anni che letteralmente vivono di espedienti sulla strada immaginatevi le bambine !Qui dopo 3 mesi di accoglienza vengono dati in carico ad un altro centro gestito dalle suore che insegnano loro a leggere e scrivere cercando di rintracciare qualche familiare che li possa poi seguire. Il giorno successivo siamo all’aeroporto per andare da Riccardo in Guinea, ma le sorprese non sono finite; il volo è stato cancellato, dobbiamo ripartire il giorno successivo. Al momento della partenza in dogana a Piero e Luciano vengono sequestrate le 2 bottiglie di vino che dovevamo portare a Riccardo. Insisto con un’impiegata, le bottiglie ci vengono restituite! Luciano contento le rispedisce impacchettate in stiva.Viaggio tranquillo con l’ottima compagnia Air Cote d’Ivoire .

Guinea

A Sobanè (Bofanet)vicino Boffa Riccardo e Daniela ci accolgono con la solita simpatia nella loro Maison des enfants eccezionale villaggio da loro creato in mezzo alla foresta ed in riva all’oceano atlantico! Siamo rimasti colpiti da quanto riesce a fare per i 450 bambini orfani questa coppia di bresciani che di certo non è più nel fiore degli anni e comincia ad avere qualche problema di salute. La cosa per loro più importante è dare amore ai piccoli, forse quell’amore che a Lui Riccardo bambino orfano è mancato. La bellissima spiaggia bianca tropicale, le rocce eruttive vulcaniche, il sole caldo ma mitigato dal vento, la moltitudine di festosi bambini mi ripagano da tante fatiche e tensioni, mi mescolo volentieri fra loro, mi vogliono tutti toccare, abbracciare, salutare. Qui visito anche un bambino di 7 anni con grave malformazione cardiaca. Per un eventuale intervento ho chiesto esami di approfondimento. Sarà il prossimo caso dopo la piccola Aminata del Senegal che verrà operata al Gaslini a metà Marzo; sarò presente in sala operatoria;il CIS si è fatto carico di metà della spesa per l’intervento. Purtroppo la diretta prevista con radio Veronica di Torino(che ci segue ormai da anni!) per cui mio fratello Gian Carlo si era attivato non può essere fatta per problemi di connessione, nella foresta non ci sono ripetitori e rimane quella fatta ad Abidjan.

Yamoussoukro,Basilica Nostra Signora della Pace Costa d’Avorio

Il giorno successivo ritorniamo a Conakry, in attesa del volo notturno chiamo il dott. Abbass del Ministero della Salute che ci aveva aiutato lo scorso anno ed anche in questo viaggio. Un’ultima serata in ristorante in terra d’Africa in sua compagnia ci fa chiudere questo viaggio ricco di avventure, imprevisti, sensazioni ed emozioni così diverse ma che credo ci hanno lasciato dentro qualche cosa che ci rimarrà per sempre. Ringrazio tutti gli amici che hanno partecipato al viaggio da Bruno a Piero ed a Luciano che ha portato a termine il suo compito in modo impareggiabile, non potevo scegliere persona migliore, ha deciso con la moglie di adottare a distanza un bambino del villaggio. Mi hanno sopportato per tutti questi 20 giorni, ed io ho sopportato loro! Grazie a tutti coloro che ci hanno aiutato con materiale e con denaro, a mia moglie Ivana che ho stressato per mesi per la preparazione, a suor Rosanna che ci ha accompagnati per 2 giorni ad Abidjan, ai salesiani che ci hanno accolto, a padre Jerome, a Riccardo e Daniela, a mio fratello Gian Carlo, a Silvana di Castino, ai giornalisti che ci hanno seguito con i loro articoli.

I bambini di strada dai salesiani ad Abidjan.Costa d’Avorio


Galleria fotografica

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Costa d’Avorio.

Fonti


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

Note

  1. In considerazione della tipologia di articolo. Gli edit di altri contributori, similmente a quanto avviene con le interviste, devono mantenere la natura di resoconto e restare fedeli al racconto originale.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 26, 2013

Viaggio umanitario del CIS in Guinea

Viaggio umanitario del CIS in Guinea – Wikinotizie

Questa notizia contiene informazioni turistiche

Viaggio umanitario del CIS in Guinea

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 26 agosto 2013

Resoconto del 3 febbraio 2013 a cura di Pier Luigi B. Presidente del CIS.

Mauritania Deserto

Il CIS (Cooperazione Italiana Solidarietà) riparte. Acquistata l’ambulanza e caricata di materiale sanitario insieme a Bruno, Piero e Marzio ci imbarchiamo al porto di Genova e dopo due giorni di ottima navigazione con tempo splendido anche se freddo (siamo partiti il 12 gennaio!) si arriva a Tangeri, ridente città marocchina sullo stretto di Gibilterra con un nuovissimo e funzionale porto che ci accoglie la sera con una temperatura mite. Stranamente in meno di un’ora sbrighiamo le pratiche doganali ed iniziamo il viaggio via terra che ci porterà attraverso il Marocco, l’ex Sahara Occidentale diventato ora una regione del Marocco, la Mauritania, il Senegal fino in Guinea.

Mauritania strada per Nouakchott

Dopo esserci alternati alla guida per quasi l’intera notte in prima mattinata ci godiamo un buon tè alla menta alla periferia di Agadir al termine dell’autostrada. Pranzo al sacco con le ottime provviste di Bruno incaricato del vettovagliamento, mangiamo anche le sue piccole ma saporite mele del Monferrato, purtroppo il vino che ho portato non lo beviamo per la promessa fatta alla partenza di aprirlo solamente al termine del viaggio, eccetto Marzio che su questo punto si rimangia subito la promessa. Pernottamento e cena in un piccolo albergo a Tarfaya ed all’alba si riparte con arrivo in tarda mattinata alla frontiera con la Mauritania. Breve insabbiamento nella critica terra di nessuno ed in serata arriviamo alla missione di padre Jerome a Nouadhibou.

Il mattino successivo Marzio decide di fermarsi per completare le pratiche per un eventuale intervento di neurochirurgia ad una bimba che abbiamo incontrato nella missione e che soffre di una grave malformazione congenita al cervello. Piero cerca di ammutinarsi dicendo che vuole fermarsi ancora lì, ma dopo la mia ferma decisione di ripartire, a malincuore ci segue ed in serata siamo a Nouakchott, capitale della Mauritania, dopo esserci goduti strada facendo uno stupendo tramonto sul deserto con riflessi dorati a sfumature rosee sulle dune.

Il giorno successivo arriviamo a Rosso, caotica città di confine con il Senegal sul fiume omonimo. Traghettiamo dopo 7-8 ore di attesa ma ormai ci siamo abituati a questi tempi africani. Qualche ora dopo arriviamo a Saint Louis, antica capitale del Senegal di chiaro stampo francese, che conserva un fascino ottocentesco con il ponte in ferro costruito dall’ingegner Eiffel, lo stesso della torre. Ci fermiamo in un albergo dell’epoca coloniale prospiciente il ponte. Ogni oggetto è ricco di storia che ci riporta indietro di 150 anni. Ai muri sono appesi antichi trofei di caccia grossa accanto a quadri che incorniciano ingialliti documenti d’epoca.

Termitaio in Guinea arrivando dal Senegal

Il mattino successivo un buon cappuccino ci rimette subito in sesto per riprendere il viaggio fino a Dakar dove una allegra festa alla missione don Bosco ci rilassa scambiando quattro chiacchiere a tavola con ospiti locali. Non abbiamo neppure il tempo di salutare i numerosi amici senegalesi perché la mattina successiva dobbiamo arrivare alla missione di padre Feliciano a Tambacounda, nell’est del Senegal, pare una delle città più calde del Paese!

Formicai vicino Koundara.Guinea

All’alba del giorno successivo ripartiamo per la Guinea che raggiungiamo nel primo pomeriggio. L’ambulanza viene fermata alla dogana di Koundara in attesa di informazioni dal Ministero. Il mattino successivo ripartiamo con un doganiere a bordo. La strada asfaltata termina dopo pochi chilometri e si entra quindi nella foresta con strada sterrata di color rossiccio. Ci separano circa 1000 km dalla capitale Conakry dove dobbiamo arrivare per consegnare l’ambulanza ed il materiale all’ospedale pubblico. Durante il tragitto incontriamo rarissimi autocarri e dobbiamo aiutare l’autista di un furgone in panne caricandoci le numerose taniche di benzina ed altro materiale. Con quel caldo opprimente nell’ambulanza si avverte solo odore di benzina! Nella notte si arriva a Boké completamente ricoperti da terra rossa, ma contenti per aver potuto tenere un collegamento con una radio di Torino che ci segue nel viaggio grazie all’interessamento di mio fratello Gian Carlo. Nel piccolo albergo l’acqua della doccia scende con il contagocce ma almeno con un po’ di pazienza possiamo toglierci tutta la polvere.

Alla Maison des enfants a Sobanè in Guinea

Il mattino seguente dopo aver attraversato numerosi villaggi, alcuni di mattoni, altri di paglia arriviamo nella capitale Conakry, che ci sommerge con il suo caos e smog. Lasciamo l’ambulanza in dogana, iniziamo le pratiche per lo sdoganamento ed incontriamo un angelo custode ad un ufficio ministeriale che ci prende in consegna e non ci molla per due giorni fino al termine della lunga procedura burocratica che sembra non finire mai.

Rientrati in possesso dell’ambulanza ed opportunamente lavata la consegnamo al principale ospedale della città. Siamo quindi ricevuti dalla moglie del presidente della Repubblica, che ci ringrazia meravigliata per l’ottimo mezzo. Ci dice che è la prima ambulanza che ricevono.

Il giorno dopo andiamo a vedere un sogno realizzato. Nel cuore della foresta in riva al mare, l’oceano Atlantico, sorge un villaggio di 450 orfani che ricevono un pasto caldo, un’educazione con scuole professionali sia per bambini che bambine e soprattutto tanto amore ed affetto. Riccardo ex orfano e sua moglie Daniela da dieci anni si sono trasferiti da Brescia fino qui a Boffa per realizzare il sogno di Riccardo: restituire quanto ricevuto! Siamo stati due giorni a contatto con questa eccezionale coppia ed è impossibile non venirne contagiati. Ho visitato oltre 140 bambini in ottime condizioni di salute. Abbiamo dato loro quanto ci rimaneva del nostro denaro con la promessa, ritornati a casa di concretizzare un aiuto per questi bambini. Il villaggio completamente fatto da volontari italiani ha un ordine ed una pulizia esemplari: utilizza pannelli solari ed è autonomo in tutto, possiede una barca da pesca, un campo di riso (che però non è sufficiente a sfamare tutti questi voraci bambini!) ed acqua corrente. Al mattino c’è persino l’alzabandiera con tanto di inno.

Al ritorno a Dakar visito la bambina che avevo fatto operare al cuore mesi prima. La piccola che ora ha sei anni mi corre incontro felice, non finisce più di parlare, adesso è serena così come i suoi genitori. Visito un’altra bambina con malformazione al cuore e mi impegno a farla operare in Italia. Breve visita in ambasciata per consegnare un ricordo dell’Associazione Nazionale Alpini di Asti e per predisporre le pratiche per l’intervento della piccola. Il segretario ci rimprovera bonariamente perché ci aveva sconsigliato il viaggio via terra per le criticità dell’attraversamento dell’ex Sahara Occidentale, della Mauritania e per l’entrata in Guinea, perché pare che nei pressi della frontiera qualche mese prima turisti italiani siano stati depredati di quanto avevano! Qualche buona bottiglia di moscato di Canelli migliora il clima della conversazione. Questo non è il solito turismo e ti lascia sempre qualche cosa dentro!

Tramonto sul deserto in Mauritania

Galleria fotografica

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Guinea.

Fonti


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 4, 2013

Viaggio umanitario del CIS in Senegal e Mali

Questa notizia contiene informazioni turistiche

Viaggio umanitario del CIS in Senegal e Mali

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 4 giugno 2013

Senegal.Isola di Gorè (degli schiavi)

18 Maggio 2012

Il viaggio del CIS (Cooperazione italiana solidarietà) per portare un’ambulanza all’ospedale di Kità in Malì è terminato e siamo rientrati a casa.

Carlo, Piero ed io[1] eravamo partiti a fine Aprile dopo un ennesimo rinvio per il colpo di stato ma avevamo deciso di fermarci alla dogana e di consegnare il mezzo a Yacouba, l’amico maliano che l’avrebbe guidata fino a Kità. Sdoganata l’ambulanza al porto di Dakar in Senegal comincia qui il viaggio via terra attraverso una delle zone più suggestive di questo bellissimo stato africano che pur tra mille problemi sembra non abbia dimenticato la voglia di vivere e divertirsi. In spiaggia tantissimi giovani praticano sport e non ti infastidiscono minimamente, dell’Italia ricordano il nome delle squadre più famose; per le strade è rarissimo incontrare coppie di giovani in atteggiamenti disinvolti come è raro vedere fumatori.

Dakar.Insegnamento del Corano

La capitale Dakar è immersa in un traffico caotico con una miriade di taxi giallo neri quasi tutti con la carrozzeria ricoperta da bolli. I salesiani come sempre sono contenti di ospitarci e partecipiamo alla festa di don Bosco.

Al porto di Dakar

Lungo la strada che attraversa da ovest a est il Paese si incontra una moltitudine di gente a qualsiasi ora che cammina portando con sé qualche piccolo ortaggio o frutta da vendere al mercato. Siamo colpiti dal desolante spettacolo dei “bambini di strada” che i genitori affidano ad un precettore per l’insegnamento dell’Islam ma che in alcuni casi non si interessa neppure di procurar loro vitto ed alloggio.

Dopo un breve pernottamento dai salesiani di Tambacounda ci dirigiamo al confine con il Malì con apprensione perché abbiamo notizie di continui scontri fra i governativi e le truppe di guerriglieri che stanno poco per volta conquistando tutto il nord del Malì seminando terrore fra la popolazione; si parla di distruzioni di scuole, ospedali, chiese e strade.

Arrivati di prima mattina alla dogana ci rendiamo subito conto che nonostante tutto c’è una lunga fila di camion in attesa di essere sdoganati, incontriamo l’amico Yacouba ma dopo le prime ore di attesa ci viene detto che per pagare il dazio per importare il mezzo dobbiamo arrivare alla prima città (Kaies) oltre 100 km dalla frontiera, non c’è molto da scegliere e decidiamo di entrare nel Paese ma senza l’ambulanza che ci viene sequestrata in attesa del pagamento.

Dopo qualche ora di attesa, un rarissimo sgangherato taxi con 9 persone più una sul tetto in compagnia di un caprone ci porta a Kaies; partiamo che è quasi buio, attraversiamo una interminabile foresta di baobab ancora un po’ illuminata da qualche raggio di sole, dopo un rapido controllo ai cheek-point siamo in città che ci appare molto tranquilla, la gente affolla i bar ed i negozi che qui rimangono aperti fino a tardi; a giudicare da come si vive in questi posti pare strano che nella capitale a Bamakò ci sia il coprifuoco! La gente è molto cordiale e raramente parla del recentissimo colpo di stato.

Ci tranquillizza il fatto che la vita scorra regolarmente e ci gustiamo il buon pollo arrosto con patatine che ci viene servito non prima però di esserci lavati le mani in un piccolo catino con brocca d’acqua che ci viene offerto a tavola.

Il mattino successivo paghiamo il dazio pur avendo presentato il certificato di esenzione e ripartiamo con un pullman per Dakar per essere puntuali all’aereoporto per il rientro in Italia. Il viaggio è epico perché prendiamo posto fra bambini che piangono, ragazzi che cantano, mamme che allattano, vecchietti sdentati che mangiano un frutto, bagagli un po’ dappertutto, finestrini sigillati con aria condizionata non funzionante e temperatura di circa 45 gradi! Mi sembra di svenire, sono completamente madido di sudore, un passeggero pensa bene di aprire un finestrotto del tetto ed un getto di aria fastidiosa mi colpisce al petto. Tra le mille voci e pianti cerchiamo di prendere sonno ma invano, abbiamo finito le scorte di acqua ed aspettiamo con ansia di arrivare alla frontiera.

Durante il soggiorno a Dakar presso l’ambulatorio delle suore avevo visitato una bambina di 6 anni affetta da una grave malformazione cardiaca, alla mamma che mi supplicava ho promesso il mio aiuto. Dopo qualche mese e mille problemi burocratici sono riuscito a farla operare al Gaslini di Genova da un’ottima equipe che le ridà la vita; i colleghi temevano per la sopravvivenza della piccola perché normalmente in Italia questi casi vengono operati entro il primo anno di età. La mia Onlus è riuscita a pagare parte delle spese e sono raggiante quando vedo la piccola camminare e sorridere serena!

Galleria fotografica

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Senegal.

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Mali.

Fonti


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

Note

  1. Pier Luigi B.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 4, 2011

Viaggio umanitario del C.I.S.S. in Mauritania

Viaggio umanitario del C.I.S.S. in Mauritania

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 4 ottobre 2011

Insegna dell’Ospedale di Nouadhibou (Mauritania)

Nel 2011 la Onlus C.I.S.S. (Cooperazione internazionale solidarietà sanitaria) di Canelli ha portato all’ospedale di Nouadhibou in Mauritania due tonnellate di materiale sanitario, fra cui due lampade sialitiche dell’ex ospedale di Asti, farmaci ed un’ambulanza.

La spedizione, da Canelli, è giunta in Spagna dopo 2000 km di viaggio senza sosta notturna, da dove sarebbe poi partita per Tangeri, in Marocco. Come spesso è avvenuto per altri viaggi umanitari in passato, anche in questo caso vi sono stati problemi e intoppi burocratici alla dogana di destinazione. Ciò nonostante, non è impossibile poter godere del paesaggio marocchino che, a dispetto di quanti ci si potrebbe aspettare per un Paese che si affaccia sul Sahara, vede la parte occidentale piena di verde e corsi d’acqua, mentre le montagne dell’Atlante sono addirittura ammantate di neve.

Il paesaggio, tuttavia, presto cambia radicalmente: dopo una sosta a Rabat e a Tiznit, il viaggio passa nella zona del Sahara Occidentale occupata dal Marocco. Qui, infatti, il panorama alterna savane dai colori rossastri a colori violetti o completamente bianchi, la sabbia è ovunque ed in alcuni tratti di strada è molto difficile procedere perché ha invaso l’intera carreggiata per il forte vento ed in alcuni punti è possibile rimanere insabbiati. Inoltre la presenza del fronte Polisario contribuisce ad accrescere la tensione. Per questi motivi si decide di procedere in fretta per quella zona: in caso si finisse insabbiati, infatti, la cittadina più vicina da raggiungere risulta lontana centinaia di chilometri. Si tratta di percorrere 1500 km, sulla vecchia tratta della Parigi-Dakar, i più difficili di tutto il viaggio, sotto un sole implacabile e con innumerevoli posti di blocco con militari gentili ma spesso troppo pretenziosi.

La spedizione arriva quindi a Layounne e Tan-Tan, con tutto il loro fascino dell’Oriente: la prima completamente rossa mentre l’altra di un azzurro tenue. La gente è sempre cordiale e gentile, compresi poliziotti e gendarmi.

Si prosegue quindi verso il confine mauritano. Il traffico è più scorrevole per l’assenza di camion e roulotte, mentre alla destra l’Oceano alterna viste simili al mare Adriatico italiano a luoghi con bellissime coste rocciose. Negli ultimi 460 km non si incontra più alcun villaggio e le pompe di benzina sono sempre più rare.

Il passaggio dal Marocco alla Mauritania è una delle zone più pericolose da sorpassare, non solo per via della sabbia, ma anche per la presenza di campi minati e di banditi con il “vizio” del sequestro. Per tale motivo appena entrati in Mauritania (dopo le solite lungaggini doganali), i membri del CISS decidono di prendere a bordo una guida.

Il viaggio quindi prosegue nella Mauritania inoltrata. Lungo la strada verso la città è possibile scorgere il famoso treno merci del ferro lungo oltre 2,500 km una delle attrattive della Mauritania con un viaggio epico di oltre 24 ore.

Il giorno seguente si giunge finalmente a Nouadhibou, presso il cui ospedale viene scaricato il materiale, ambulanza compresa, la prima per questo nosocomio, in cui abbondano le attrezzature rotte o prive di pezzi di ricambio. Segue una visita alla locale missione cattolica di padre Jerome, cui il CISS dona denaro per potere rifornire di farmaci l’infermeria.

Anche questa volta il CISS ha compiuto la propria missione umanitaria per aiutare bambini, donne e uomini della Mauritania, e, fra i loro sorrisi e saluti, si riprende la strada verso casa.


Galleria fotografica

Articoli correlati

Fonte


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 19, 2010

Viaggio umanitario del C.I.S.S. in Eritrea

Viaggio umanitario del C.I.S.S. in Eritrea

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 19 settembre 2010

Quest’anno la Onlus Cooperazione Internazionale Solidarietà Sanitaria (C.I.S.S.) ha effettuato un viaggio umanitario in Sudan ed Eritrea per trasportare materiale sanitario proveniente dall’ex ospedale di Asti per un ospedale eritreo.

Personale dell’ospedale Salam

La spedizione africana inizia a Khartoum in Sudan, presso l’ospedale Emergency “Salam” di Gino Strada, struttura decisamente all’avanguardia sul territorio. Pur trovandosi molto distante dal centro, in una zona periferica a sud della capitale, l’ospedale meraviglia per le soluzioni ultramoderne che permettono le attività sanitarie nel rispetto dell’ambiente: dei pannelli solari attivano un sistema di filtraggio e raffreddamento dell’aria polverosa del deserto, e tecnologie simili permettono lo svolgimento di delicate operazioni chirurgiche, ad esempio una sostituzione valvolare con circolazione extracorporea, intervento fra i più difficili, eppure, anche in Africa, dove pure le emergenze mediche sono all’ordine del giorno, si ritrova la medesima professionalità che nei Paesi sviluppati.

Pochi giorni dopo avviene la partenza per l’Eritrea: il viaggio è sconsigliato dalle autorità, specialmente nel tragitto che proprio dal Sudan porta all’Eritrea, via terra, tuttavia le persone come anche i militari si rivelano essere gentili e cordiali fino alla frontiera. L’attraversamento dei confini si rivela difficoltoso sia per il caldo sia per le infinite discussioni con le polizia di frontiera: l’arrivo sul suolo eritreo non è avvenuto che a notte calata, quando le strade sono chiuse, e pertanto è stato necessario fare una sosta nella cittadina di Tesseney, dove, sorprendentemente, è possibile trovare bar in cui si vende birra e che fungono da ritrovo per i giovani.

Sulle strade dell’Eritrea

Al mattino si riparte in direzione di Asmara con un minipullman. Le difficoltà burocratiche, tuttavia, non sono finite: a Barentù la spedizione è fermata ad un posto di blocco per diverse ore, prima di ricevere il visto per dirigersi finalmente ad Asmara. Le infrastrutture come strade, ferrovie e teleferica si rivelano essere quelle italiane, certo vecchie di decenni, ma tuttavia ancora funzionali.

Asmara si trova a circa 2400 metri sul livello del mare, ed è necessario che i pullman salgano la montagna. La scalata rivela una grande ricchezza di villaggi con casette in muratura e tetto in paglia, fiori multicolori ed allevamenti di capre, pecore, qualche cammello ed i consueti asinelli che tirano i carretti guidati da ragazzi, trasportando sacchetti di farina o cipolle rosse. Non mancano animali meno domestici, come i babbuini che sono spesso un ostacolo per le vetture. Anche la flora si rivela affascinante: gli eucalipti si alternano alle palme ed ai cactus giganti. Man mano che si sale, infatti, si perdono le temperature desertiche in favore di altre più primaverili.

L’arrivo ad Asmara avviene al calare della notte, fra bellissimi alberi ricoperti di fiori azzurri. Il mattino successivo la spedizione riesce anche a trovare un po’ di Italia rimasta in Eritrea: nel centro di Asmara c’è un bar chiamato “Impero” dove è possibile fare colazione con cappuccino e brioche. Non mancano neppure italiani, sia pure d’origine: un sarto di nome Giovanni Mazzola si è offerto di aiutare la spedizione a sbrigare le pratiche burocratiche che si riveleranno essere piuttosto gravose: infatti il Ministero della Salute ha bloccato il furgone della Iveco di Asti con gli aiuti al porto di Massawa.

Sono difficili gli spostamenti in Eritrea: non è possibile uscire da Asmara senza un permesso delle autorità, che viene consegnato solitamente dopo dieci giorni per i locali e ventiquattro ore per i turisti. Nonostante la burocrazia, però, è possibile trovare autentici gioielli dello sviluppo, come la scuola professionale di Dekemhare, gestita dai salesiani.

Due giorni dopo è la volta di Massawa, nel tentativo di sbloccare il furgone carico di materiale. La città riserva un’accoglienza fiabesca grazie ad i suoi edifici storici, ma la realtà si rivela essere più complicata: il carico imbarcato a Genova dalla compagnia di navigazione di Ignazio Messina cinquanta giorni prima della partenza non è ancora pronto per essere sbloccato e quindi utilizzato.

Il ritorno ad Asmara è più piacevole: presso la casa degli italiani, che è anche sede ANA, è possibile sia per gli italiani che per i locali godere di un po’ d’Italia. È possibile ad esempio trovare una trattoria dove è possibile mangiare spaghetti al dente, caso unico in Eritrea. L’ospitalità è ricambiata da una sincera ammirazione verso gli italiani, in particolare gli alpini, che si sono spesso contraddistinti per gli aiuti concreti e lo spirito umanitario che li contraddistingue al di là dell’immagine folkloristica ed un po’ guascone che spesso con essi si confonde.

Pochi giorni dopo il carico di strumenti sanitari, che comprende fra l’altro delle lampade per la sala operatoria dell’ex-ospedale di Asti, viene sbloccato ed è possibile completare la missione consegnando il tutto all’ospedale Orotta di Asmara. La spedizione ha anche concluso un gemellaggio fra l’ospedale Massaia di Asti e quello Orotta di Asmara grazie all’accordo con il direttore generale degli ospedali eritrei dottor Weldu.


Galleria fotografica

Articoli correlati

Fonte


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 6, 2009

Viaggio umanitario del C.I.S.S. in Georgia

Viaggio umanitario del C.I.S.S. in Georgia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 6 giugno 2009

La ONLUS Cooperazione Internazionale Solidarietà Sanitaria (C.I.S.S.) ha effettuato una missione umanitaria che li ha portati da Canelli (AT) a Tbilisi, capitale della Georgia. Lo scopo era di portare aiuti umanitari, ovvero coperte, stufette elettriche e materiale sanitario, ai campi profughi dell’Ossezia del Sud attualmente stanziatisi in Georgia dopo la guerra dell’agosto scorso con la Russia, che da allora occupa militarmente la regione.

Per evitare di correre rischi alle dogane, la missione ha deciso di attraversare Slovenia, Ungheria, Romania (attraversando il Danubio su traghetto, poiché non vi erano ponti), quindi Bulgaria, Turchia, per giungere finalmente in Georgia dopo tre giorni, il 5 aprile. L’entrata in territorio georgiano è avvenuto dalla parte del mar Nero a Batumi, a circa 450 km da Tbilisi. Qui la missione è stata accolta dalla Caritas, diretta dall’intraprendente padre polacco Widolt, che svolge un ruolo importante nella regione, con dipendenti preparati e umanamente dediti alla popolazione georgiana in difficoltà.

La Georgia vive un momento politico estremamente delicato. I dipendenti della Caritas Italiana avvertono che di lì a due giorni si sarebbe svolta una grande manifestazione di protesta per fare deporre l’attuale presidente, avviso ripetuto poi dall’ambasciata italiana, che avverte di non muoversi dalla Caritas perché normalmente queste dimostrazioni sono la spia di una rivoluzione nascente, con conseguenti tumulti.

Nonostante il divieto, alcuni membri della missione hanno deciso di recarsi ugualmente presso il parlamento: tutta la città era come paralizzata da tantissima gente, polizia ed esercito ovunque, con i manifestanti decisi a presidiare i ministeri.

Il giorno successivo è avvenuta la prima visita ai campi profughi, dove sono presenti oltre 120 000 persone. Sono tutti ospitati in casette prefabbricate di cemento, umide, con il bagno all’esterno: esse sono state costruite a ottobre per l’emergenza. Gori, città natale di Stalin, non mostra più alcun segno del passato bombardamento durante il conflitto.

L’Ossezia del sud è, invece, off-limits, essendo attualmente la zona è controllata dai soldati russi. Le grosse città hanno numerosi quartieri costruiti dal precedente regime ed in evidente sfascio, tantissime persone anziane vendono ogni cosa nel loro piccolo tavolino persino le maglie di lana che con pazienza riescono ancora a fare a mano. Il costo della vita è paragonabile a quello dei Paesi occidentali (i prezzi di frutta e verdura sono simili a quelli italiani), tuttavia lo stipendio di un operaio è 150 euro, mentre la pensione di circa 70.

Nonostante le difficoltà, la popolazione è molto fiera di essere georgiana, che, come dicono i locali, significa essere ben diversi dai russi (anche l’alfabeto non è cirillico, bensì georgiano). Purtroppo come in tanti Paesi del blocco sovietico o nordici anche qui la piaga è l’alcoolismo; numerose sono le fabbriche dismesse e fa un certo effetto vedere chilometri di fabbriche completamente abbandonate con i vetri rotti ed i materiali arrugginiti. Forte, tuttavia, è la nostalgia dell’Unione Sovietica: gli anziani affermano che all’epoca avevano assicurati il lavoro, la scuola, la casa, la salute ed anche le ferie al mare, quindici giorni pagati dallo Stato. Oggi, invece, anche dopo l’ultima crisi finanziaria, la qualità di vita è precipitata in un abisso da cui i georgiani non sanno come uscirne.


Articoli correlati

Fonti


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 9, 2008

Viaggio umanitario del C.I.S.S. in Sudan

Viaggio umanitario del C.I.S.S. in Sudan

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 9 maggio 2008

Bambini sudanesi

Da Alessandria d’Egitto, storica città nota anche per la sua antica biblioteca riedificata in stile ultramoderno, è iniziato il viaggio via terra della ONLUS C.I.S.S. (Cooperazione internazionale solidarietà sanitaria) con il compito di portare materiale sanitario ad un ospedale del Sudan dove la situazione sanitaria è molto carente è la mortalità infantile elevata. Il gruppo era formato da Pier Luigi Bertola, suo fratello Gian Carlo e da Piero Sburlati di Monastero Bormida. L’arrivo non è stato facile: alla dogana egiziana sono state richieste ingenti tasse per il carico arrivato da Genova. Per raggiungere Assuan, distante 1 250 km, è stato necessario ingaggiare a pagamento anche un funzionario doganale.

In Egitto la vita si svolge prevalentemente lungo il Nilo, dove si vedono carretti trainati da sparuti asinelli che trasportano patate, cipolle od insalata. La suggestione è notevole perché dopo le piramidi di Giza il paesaggio è arricchito da case di fango che si alternano a palme lungo il greto del fiume che regala sovente orti ben coltivati, fiori e prati verdi. Poco più in là comincia il deserto che, seppur attraversato da belle strade asfaltate sovente illuminate, rappresenta un’incognita.

Poco dopo Quena il viaggio diviene quasi impossibile con numerosissimi posti di blocco controllati da militari pignoli all’inverosimile e molto esigenti. Il funzionario cerca di fare il possibile per ridurre i numerosi pedaggi. La compagnia arriva quindi a Luxor, che riesce sempre ad abbagliare i visitatori con l’imponenza dei suoi templi, in particolare quelli della valle dei Re ed il tempio di Karnak, che domina la pianura con le sue possenti colonne ingentilite da palme ed incisioni.

Si giunge quindi ad Assuan con la grandiosa diga sul Nilo che ha creato il lago Nasser lungo oltre 300 km, la cui propaggine meridionale entra in Sudan. I maestosi templi di Abu Simbel sono stati spostati di oltre 5 km per evitare che fossero sommersi dal fiume. La frontiera di terra fra Egitto e Sudan è inesistente, l’unico modo di entrare in Sudan via terra è utilizzare il traghetto che parte ogni lunedì sera da Assuan e che dopo 19 ore circa arriva in Sudan: i veicoli devono essere imbarcarli sopra una chiatta che arriva il giorno dopo. Il viaggio sul traghetto è stato allucinante, e probabilmente il viaggiatore prova la stessa sensazione che provano i clandestini, stipati su gommoni verso Lampedusa. Sul traghetto sono presenti anche dei turchi, due tedeschi e una ragazza giapponese.

Recuperato il furgone si entra a Wadi Halfa dove c’è pure una vecchia stazione ferroviaria ancora attiva se pur in modo discontinuo che fa ricordare quelle sperdute nel Far West. Gli abitanti si prodigano a rendere gradevole il soggiorno e si nota subito una cortesia particolare con mite gentilezza. Anche qui tutte le donne portano il velo mentre gli uomini indossano il caffettano. Da qui in poi diventa molto difficile filmare e fotografare. Il cibo in Sudan è simile a quello egiziano ed anche qui è proibito l’alcool come anche la semplice birra. Il gruppo del C.I.S.S. aveva anche 30 litri di vino da regalare con sé: i doganieri, tuttavia, una volta trovato e sequestrato il vino, hanno accettato di scambiarlo con farmaci, ma no prima di averlo assaggiato.

Piste del deserto

Comincia qui quella che diverrà la parte più dura del viaggio. Fatto il pieno di gasolio e riempitene altre tre taniche, comprate le provviste di acqua e viveri, inizia la traversata del deserto insieme ad alcuni compagni di viaggio turchi che con la loro auto stracarica pretendono di fare la traversata con il rischio di insabbiarsi sovente, anche perché per il treno bisogna aspettare alcuni giorni e non si è neppure sicuri di arrivare a destinazione nel tempo stabilito; qui il tempo si allunga a dismisura e la gente accetta ogni ritardo, anche se notevole, con rassegnazione e con un bel sorriso.

I compagni turchi dicono di conoscere bene la strada, ma il ragazzo e la ragazza tedeschi conosciuti sul traghetto preferiscono coprire con le loro moto pochi chilometri al giorno e visitare meglio il posto ricchissimo di piramidi e tombe di faraoni; i due sono partiti da Stoccarda ed intendono arrivare in moto fino a Città del Capo. La ragazza giapponese non ha problemi di tempo perché è già da alcuni mesi che sta facendo il giro del mondo e se la prende comoda.

I primi 400 km di piste si rilevano subito un percorso infernale, non solamente per la temperatura oltre 57 gradi, ma soprattutto per le condizioni della pista: la carovana si è insabbiata più volte, e di notte con il vento sferzante e la temperatura scesa a 15 gradi è molto difficile disincagliare un furgone con i suoi 35 quintali. Avendo perso la direzione, viene decisa una sosta fino all’alba per andare alla ricerca della giusta via. L’ansia aumenta, non si vede nessuno per diverse ore, non c’è alcun punto di riferimento, e qualcuno mostra di non apprezzare l’uso del GPS in dotazione al C.I.S.S., confidando invece nella sola esperienza.

Ritrovato finalmente l’asfalto, la situazione migliora: nonostante l’avviso che sulla strada erano sparsi numerosi posti di blocco, la carovana ne incrocia pochi, e non viene mai fermata. I militari si dimostrano molto gentili ed affabili, e non chiedono nulla. Dopo oltre 32 ore di viaggio arriviamo a Khartum, capitale del Sudan, dove la carovana viene accolti dai salesiani, che offrono un buon pasto ai volontari. Finalmente è possibile anche fare un buon bagno per togliere la polvere rossa che sembra entrare persino nelle ossa.

Cammelli

Il giorno successivo, scaricato il materiale oggetto della missione e visitata l’ambasciata italiana, il gruppo viene invitato per la cena dal nunzio apostolico. Intanto prosegue la missione umanitaria, con visite a scuole e campi profughi. Dopo pochi giorni è tempo di programmare il ritorno: dopo avere portato il furgone a Port Sudan sul mar Rosso per l’imbarco, è tempo di ripartire. Il viaggio verso il mar Rosso dura 27 ore e 1 200 km, attraverso una delle zone più suggestive per la bellezza dei luoghi (vicini all’Eritrea ed all’Etiopia), la gentilezza delle popolazioni, la tipologia delle abitazioni che cambiano stile continuamente, e specie per il sorriso dei bambini che gettano terra sulle numerose buche della strada in cambio di un po’ di cibo. I cammelli non si contano e sovente formano una lunga fila.

Galleria fotografica


Articoli correlati

Fonti


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 31, 2007

Viaggio umanitario del C.I.S.S. in Libano

Viaggio umanitario del C.I.S.S. in Libano

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 31 maggio 2007

Beirut-1.JPG

Partiti da Canelli (AT) con un furgone Iveco della concessionaria Garelli di Asti grazie all’interessamento del dott. Franco Oriolo, dirigente Iveco a Torino, dopo una breve sosta a Taranto per un ulteriore carico ci siamo imbarcati a Brindisi per Igoumenitsa in Grecia dopo aver pagato una onerosa somma per il furgone. Attraversata la Grecia in circa 16 ore siamo arrivati alla frontiera turca dove abbiamo dovuto ugualmente versare una non indifferente cauzione per il carico. Dopo 22 ore di viaggio ininterrotto siamo arrivati al confine turco-siriano e rimandati indietro per la chiusura della dogana. Antiochia in Turchia conserva sempre un suo fascino particolare abbarbicata come è sul fianco di ardite montagne rocciose. Altra cauzione onerosa in Siria con strane supertasse per i possessori di motori diesel. Nel primo pomeriggio entriamo nel magico paesaggio orientale con le dune desertiche dipinte di rosa ed i monumentali ritratti dell’attuale presidente e del padre, la gente però non sembra farci caso. Si nota una cordialità diffusa con molteplici segni di simpatia e gentilezza, molti i punti internet e le ragazze con il velo non sono molto frequenti.

Personale dell’associazione a Beirut

Purtroppo per questioni doganali per noi incomprensibili appena entrati in Siria abbiamo ricevuto una scorta armata che ci ha accompagnati direttamente alla frontiera libanese raggiunta verso le ore 24, anche qui per chiusura degli uffici abbiamo dovuto pernottare in dogana sul furgone aiutati molto dall’ospitalità del personale doganale gentile all’inverosimile.In tarda mattinata siamo entrati a Beirut sud dove sono molto visibili i segni dell’ultimo bombardamento israeliano con notevoli case distrutte, i ponti tutti inservibili e molte strade con enormi voragini causate da bombe.

Una parte della popolazione dei quartieri orientali della città ci è subito sembrata ostile. I 3 giorni successivi sono trascorsi visitando ospedali e centri della salute nel sud del Libano dove abbiamo fatto base a Tiro bellissima città balneare con numerosi resti romani. I soldati dell’UNIFIL sono ovunque e per arrivare qui i posti di blocco non si contano, e alcuni di questi sono controllati dalle forze Hezbollah. Notiamo un’ottima assistenza dei paz, specie se indigenti per la gratuità dei servizi medicine incluse. Qualche ospedale è stato anche donato da alcuni stati arabi come l’Iran, il Kuwait e l’Arabia Saudita.

Non c’è nessun aiuto visibile da parte dei paesi occidentali anche se i nostri amici libanesi ripetono che l’Europa coopera per progetti sanitari e sociali. Simpatica la visita al nostro contingente di stanza a sud di Tiro con momenti toccanti. Molto più drammatica la visita poco dopo di un campo profughi che ospita oltre 10 000 persone con l’accesso alle strade sbarrato.

Nel ritorno a Beirut purtroppo abbiamo assistito ad una sparatoria nel quartiere dove eravamo ospiti per cui ci è stato vivamente consigliato di non uscire di casa per tutta la permanenza in città. Durante il viaggio compiuto con Vincenzo Leone, cardiologo a Taranto e Guido Imanon, manager marketing a Torino, abbiamo tenuto 5 collegamenti in diretta con Radio Veronica One di Torino. Tutti gli obiettivi posti sono stati raggiunti riuscendo a scaricare nell’ospedale pubblico di Tiro presso l’associazione volontaria di assistenza sanitaria il materiale consistente in 2 apparecchi radiologici portatili completi, un defibrillatore, una centrifuga, una lampada scialitica per sala operatoria, 9 computer, 8 carrozzelle e numerosi farmaci. Se non avessimo guidato ininterrottamente giorno e notte non avremmo potuto farcela nel tempo stabilito di 14 giorni.

Articoli correlati

Fonte


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress