Wiki Actu it

May 2, 2016

È morto l\’ex rugbista Nelie Smith, portò lo scudetto a Rovigo

È morto l’ex rugbista Nelie Smith, portò lo scudetto a Rovigo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

2 maggio 2016

Wikinotizie di oggi
2 maggio
Collabora con noi
  • Scrivi un articolo
  • Cosa scrivere
  • Come scriverlo
  • Scrivania
  • Portale:Comunità

Nelie Smith, ex giocatore e allenatore sudafricano di rugby a 15, è morto nella mattinata di oggi a Città del Capo, a 82 anni ancora da compiere.

In Italia è noto per essere stato l’allenatore che diede al Rugby Rovigo lo scudetto della Stella nel 1988.

Nato a Bloemfontein l’8 maggio 1934, Smith, il cui nome completo era Cornelius Michael, militò nella formazione provinciale dell’Orange Free State per 9 stagioni con 60 partite; in Nazionale sudafricana dal 1963, esordì contro l’Australia a Johannesburg e successivamente divenne capitano in quattro dei sette incontri che disputò in due anni fino al 1965; dopo l’attività agonistica divenne allenatore: guidò il Free State alla sua prima Currie Cup nel 1976, gli Springbok nel biennio 1980-81 e fu in Italia, al Rovigo, dal 1986 al 1989. In Veneto guidò la squadra alla conquista del suo decimo scudetto alla fine della stagione 1987-88.

Tornato in Sudafrica, guidò ancora il Free State e successivamente l’Eastern Province.

Vedovo, viveva a Strand, sobborgo di Città del Capo, e in mattinata, sei giorni prima del suo 84° compleanno, è morto a causa di un’insufficienza cardiaca. Gli sopravvivono tre figli.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 19, 2010

È morto l\’ex rugbista Andy Ripley

È morto l’ex rugbista Andy Ripley – Wikinotizie

È morto l’ex rugbista Andy Ripley

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

East Grinstead, sabato 19 giugno 2010

Il rugby inglese piange la scomparsa di Andy Ripley.

Nato a Liverpool nel 1947, fu uno degli ultimi grandi esponenti del rugby dilettantistico del suo Paese: proveniente da una città con grandi tradizioni calcistiche ma non rugbistiche, iniziò a giocare a rugby a 19 anni e fu Nazionale inglese per quattro anni, dal 1972 al 1976, nel corso dei quali vinse tutte le partite giocate nell’emisfero Sud contro Australia, Sudafrica e Nuova Zelanda, ma non vinse mai un Cinque Nazioni, se non l’edizione aggiudicata a pari merito a tutte e cinque le Nazionali nel 1973.

Anche dopo la fine dell’attività internazionale continuò a giocare a rugby con il Rosslyn Park fino al 1988, a 41 anni; è stato anche invitato diverse volte dai Barbarians.

Funzionario di banca, praticò anche altre discipline tra cui l’atletica; vincitore di un premio sportivo, ne regalò il controvalore economico alla Rugby Football Union perché non riteneva corretto che un rugbista potesse guadagnare denaro praticando sport.

Colpito da cancro alla prostata nel 2005, sembrò avere sconfitto il male, ma una nuova insorgenza della malattia ne ha provocato la morte, che lo ha colpito il 17 giugno scorso a East Grinstead, nel West Sussex. Lascia la moglie e tre figli.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress