Wiki Actu it

August 10, 2016

Portogallo: almeno tre vittime negli incendi di Madeira

Questa notizia contiene informazioni turistiche

Portogallo: almeno tre vittime negli incendi di Madeira

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 10 agosto 2016

Localizzazione di Madera

Nell’isola portoghese di Madera, situata al largo delle coste africane, violenti incendi hanno causato la morte di tre persone e di migliaia di evacuati nella a Funchal. Le tre persone morte, stando alle parole delle autorità, erano tutte anziane.

Più di trecento persone sono state ricoverate a causa di bruciature lievi e per aver inalato i fumi tossici, mentre una persona risulta ancora dispersa.

Gli incendi, causati dalla forte ondata di calore estiva e alimentati dai forti venti dell’isola, hanno distrutto molte case e alcuni hotel nelle colline vicino la città.

Le autorità locali hanno annunciato che gli incendi dovrebbero essere ora sotto controllo, nonostante le fiamme continuino a bruciare l’isola.


Fonti[]

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Madera.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 22, 2012

Euro 2012: il Portogallo brilla nella sfida contro la Repubblica Ceca

Euro 2012: il Portogallo brilla nella sfida contro la Repubblica Ceca

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 22 giugno 2012

Cristiano Ronaldo, qui impegnato in allenamento, è stato il match-winner dell’incontro

La prima partita dei quarti di finale di Euro 2012 che si è svolta ieri sera a Varsavia, ha visto trionfare il Portogallo per 1-0 sulla Repubblica Ceca.

La gara è stata a senso unico e ha visto dominare il Portogallo dal primo all’ultimo minuto. Il gol che ha deciso tutto è arrivato però solo nella ripresa, al 79′ di gioco, grazie a un colpo di testa messo a segno da Cristiano Ronaldo, che ha anticipato il difensore ceco Gebre Selassie e colto di sorpresa il portiere Čech.

Il Portogallo grazie a questa vittoria giunge in semifinale, dove affronterà la vincente della sfida tra Spagna e Francia.


Fonti

  • Valerio Clari «Cronaca live!»La Gazzetta dello Sport, 21 giugno 2012

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 25, 2012

Addio allo scrittore Antonio Tabucchi

Addio allo scrittore Antonio Tabucchi – Wikinotizie

Addio allo scrittore Antonio Tabucchi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Lisbona, domenica 25 marzo 2012

Antonio Tabucchi (1943-2012)

Lutto nel mondo della cultura: si è spento oggi nella sua casa di Lisbona lo scrittore italiano Antonio Tabucchi, aveva 68 anni ed era malato da tempo.

Tabucchi era nato a Pisa il 24 settembre 1943. Già insegnante di lingua e letteratura portoghese (era uno dei massimi conoscitori dell’opera dello scrittore portoghese Fernando Pessoa), aveva esordito come scrittore nel 1975 con il romanzo Piazza d’Italia.

Viveva da anni a Lisbona, città dove aveva ambientato gran parte dei suo romanzi, tra cui Sostiene Pereira, del 1994, premiato con il Premio Campiello, da cui è stato tratto l’omonimo film con Marcello Mastroianni. I suoi romanzi sono stati tradotti in oltre 40 lingue.

Messaggi di cordoglio per la scomparsa sono stati espressi, tra gli altri, dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e dallo scrittore Roberto Saviano.

I funerali si terranno a Lisbona giovedì prossimo.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

November 20, 2010

Vertice NATO a Lisbona, Stati Uniti e Russia verso l\’intesa

Vertice NATO a Lisbona, Stati Uniti e Russia verso l’intesa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, il Presidente dell’Afghanistan Hamid Karzai, il segretario di stato americano Hillary Clinton e il Generale David Petraeus si incontrano al vertice NATO di Lisbona.

sabato 20 novembre 2010
La guerra fredda è davvero finita. A 21 anni dal crollo del Muro di Berlino la NATO ha definito una nuova Strategia, identificando le minacce del XXI secolo ed ha aperto le porte alla Russia. La sicurezza occidentale è “indivisibile” da quella russa, è stato ripetuto a Lisbona, dove è stata offerta al Cremlino un’intesa politica che si basa su due elementi: un comune mini-Scudo regionale e su un impegno più attivo in Afghanistan. I russi sono stati quasi sorpresi da questa accelerata impressa dagli occidentali e da così ampie aperture, primo frutto della nuova politica del “reset” voluta da Barack Obama. Hanno, però, accettato di confrontarsi in modo trasparente tenendo a mente sia l’isolamento in cui si trovarono per le scelte unilateraliste di George W. Bush dal 2006 al 2008 sia ricordando gli enormi problemi provocati dalle infiltrazioni radicali in Asia centrale ed in Caucaso dopo la presa di Kabul nel 1996. Intanto Mosca ha concesso più ampie possibilità logistiche di transito per la Nato, che inizia a ritirarsi dall’Afghanistan a partire dal 2011. Poi ha dato disponibilità a studiare gli aspetti tecnico-militari per il mini-Scudo. Il presidente Usa Obama ha invitato il Senato a ratificare l’accordo START II, firmato con il Cremlino in primavera, entro la fine dell’anno. Se ciò non avvenisse, ha detto Medvedev in conferenza stampa a Lisbona, “il mondo di certo non sarebbe più sicuro”.


Articoli correlati[]

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 13, 2008

Estoril: nel MotoGP vittoria di Lorenzo su Pedrosa, Rossi staccato

Filed under: Europa,Motociclismo,Portogallo,Pubblicati,Sport — admin @ 5:00 am

Estoril: nel MotoGP vittoria di Lorenzo su Pedrosa, Rossi staccato

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 13 aprile 2008

Oggi grande vittoria di Jorge Lorenzo nella terza prova del MotoGP all’Estoril, in Portogallo.

Jorge Lorenzo, il vincitore dell’Estoril

Partenza con Lorenzo in pole (per la terza volta su tre gare da quando è in MotoGP), Pedrosa in seconda, Valentino Rossi in terza, Stoner in nona (è stato protagonista anche di un errore combinato con l’ex-collega Capirossi ora alla Suzuki, che gli aveva occupato la posizione sbagliando la schiera di partenza, quasi come ulteriore ‘segno’ delle attuali difficoltà del campione della MotoGp..). Rossi parte bene: si trova secondo, poi entro un giro sorpassa anche Lorenzo, mentre Dovizioso gli sta dietro a ruota. Nel frattempo la pioggia cade leggera anche se a tratti, tanto che ad un certo punto nei box sulle moto di riserva hanno cominciato a cambiare gli pneumatici per montare quelli da pioggia.

Ma il sole ha prevalso e la pista è rimasta sostanzialmente accettabile per gli pneumatici ‘slick’, come confermato da Dovizioso dopo la fine della gara. Nel frattempo Stoner stava dibattendosi nelle retrovie, con Toseland e DuPuniet, tanto che ad un certo punto si è ritrovato undicesimo. L’ex-campione mondiale Nicky Hayden era partito male, ma ad un certo punto stava recuperando forte, marcando tempi sotto il minuto e 38 e avvicinandosi ai primi 4 che stavano attorno al minuto e 38 abbondante, distanti poco oltre 2 secondi.

A 16 giri dalla fine (su 28) era chiaro che Rossi stesse già soffrendo: doveva sfruttare le Bridgestone al meglio possibile e prima possibile, perché poi sarebbero ‘cadute’ in prestazioni. Lorenzo, che era riuscito a superare Pedrosa poco prima ritrovandosi secondo dietro Rossi, l’ha infilato in una curva a cavatappi con un grande sorpasso, poi è arrivato anche Pedrosa. Girava fortissimo anche Dovizioso, incollato ai primi tre. 3 giri dopo, a 14 tornate dalla fine, anche Pedrosa è riuscito a sorpassare Rossi, che stavolta non ha fatto praticamente resistenza. Con Valentino che non riusciva più a stare alla pari dei primi due (sotto il minuto e 38), Dovizioso era nella condizione con la sua moto argentea di sorpassare Rossi; ma nel 16imo giro (-13 dal termine) gli è partito il posteriore per una frenata troppo brusca ed è finito fuori dalla pista capitombolando con la moto.

Lorenzo nel frattempo ha continuato a stare davanti, nonostante il dolore al braccio che lo affliggeva. Pedrosa cercava di raggiungerlo ma nel rettilineo la Yamaha non era inferiore in velocità alla Honda, così le ‘aperture’ di Dani non hanno avuto successo: alla fine del rettilineo era ancora dietro, senza guadagno. In effetti, a Pedrosa è riuscito di sorpassare Lorenzo solo una volta, quando si è posizionato secondo dietro Rossi, attorno al decimo giro.

Se a 13 giri dal termine Dovizioso è uscito, appena un giro dopo è toccato anche ad Hayden, penalizzato da una brutta partenza ma capace di correre con tempi all’altezza dei migliori, e che era all’inseguimento di Rossi, marcando tempi sotto il minuto e 38 (circa mezzo secondo meglio): questo doppio ritiro ha salvato verosimilmente il podio per Rossi, che negli ultimi 13 giri ha calato grandemente il ritmo di gara e dopo avere resistito alcuni giri ad una distanza ridotta, ha perso tempo ad ogni passaggio e alla fine è risultato distaccatissimo.

Lorenzo ha perso qualcosa verso la fine, forse segno della sua sofferenza fisica o forse solo un modo di amministrare la sua posizione, mentre Pedrosa cercava di recuperare i due secondi scarsi di ritardo. Ma gli ultimi due giri Lorenzo ha ricominciato a macinare ottimi tempi tanto da marcare un incredibile 1:37’40” nell’ultimo giro. Rossi è arrivato dopo 12 secondi (di cui 6 persi negli ultimi sei giri, quando ha girato su tempi altissimi), mentre Pedrosa era già arrivato da 10. Ora entrambi gli spagnoli sono in testa alla classifica del MotoGp con 61 punti a testa. Jorge Lorenzo, tre pole in altrettante gare dal suo debutto in questa categoria, 1 vittoria e prima posizione (ex aequo) con Pedrosa, è diventato la rivelazione dell’inizio stagione.

E Stoner? Mentre Rossi ha potuto beneficiare del podio con ogni evidenza grazie alle cadute di Dovizioso e Hayden, nettamente più veloci, Stoner è riuscito a passare alcuni dei suoi immediati contendenti e a macinare ottimi tempi, anche se solo nei giri finali. Alla fine è arrivato sesto, risultato non disprezzabile per il campione australiano, considerando come la gara prometteva e stava mantenendo fino a quando la sua Ducati, negli ultimi 10 giri (forse per l’alleggerimento del serbatoio) ha cominciato a girare decisamente forte.

Giornata sfortunata per Hayden:partito quarto, è caduto nella stessa posizione a 13 giri dal termine

Ordine d’arrivo:

  • 1° Jorge Lorenzo (Spa) Yamaha in 45’53″089
  • 2° Dani Pedrosa (Spa) Honda a 1″817
  • 3° Valentino Rossi (Ita) Yamaha a 12″723
  • 4° Colin Edwards (USA) Yamaha a 17″223
  • 5° John Hopkins (USA) Kawasaki a 23″752
  • 6° Casey Stoner (Aus) Ducati a 26″688
  • 7° James Toseland (Gbr) Yamaha a 32″631
  • 8° Chris Vermeulen (Aus) Suzuki a 36″382
  • 9° Loris Capirossi (Ita) Suzuki a 38″268
  • 10° Shinya Nakano (Jap) Honda a 39″476

Classifica mondiale piloti:

  • 1° Jorge Lorenzo (Spa) Yamaha, 61 punti
  • 2° Dani Pedrosa (Spa) Honda, 61
  • 3° Valentino Rossi (Ita) Yamaha, 47
  • 4° Casey Stoner (Aus) Ducati, 40
  • 5° James Toseland (Gbr) Yamaha, 29
  • 6° Loris Capirossi (Ita) Suzuki, 26
  • 7° John Hopkins (USA) Kawasaki, 24
  • 8° Colin Edwards (USA) Yamaha, 22
  • 9° Andrea Dovizioso (Ita) Honda, 21
  • 10° Nicky Hayden (USA) Honda, 19

Le altre gare[]

In 250 vittoria per Alvaro Bautista su Aprilia: lo spagnolo su moto italiana ha preceduto un Simoncelli e Mika Kallio, ben staccati. Partito praticamente a ruota a Simoncelli, dal 6o giro lo ha staccato fino ad oltre 8 secondi, poi gestiti con comodo: è la terza volta che Bautista vince consecutivamente all’Estoril, per sua grande gioia e nonostante una pista umida dalla leggera pioggia caduta.

Ordine d’arrivo:

  • 1° Alvaro Bautista (Spa/Aprilia) in 44’34″257
  • 2° Marco Simoncelli (Ita/Gilera) a 7″050
  • 3° Mika Kallio (Fin/KTM) 7″063
  • 4° Thomas Luethi (Svi/Aprilia) 12″998
  • 5° Hiroshi Aoyama (Gia/KTM) 14″666

Classifica mondiale piloti:

  • 1° Mika Kallio (Fin/KTM) 57 punti
  • 2° Mattia Pasini (Ita/Aprilia) 45
  • 3° Hector Barbera (Spa/Aprilia) 39
  • 4° Yuki Takahashi (Gia/Honda) 37
  • 5° Alvaro Bautista (Spa/Aprilia) 35

Nella Classe 125 vittoria di Simone Corsi, strappata per 3 decimi appena su di un ennesimo spagnolo, Joan Olive.

Ordine d’arrivo:

  • 1° Simone Corsi (ITA/Aprilia) 40:56.168
  • 2° Joan Olive (ESP/Derbi) a 0.299
  • 3° Nicolas Terol (ESP/Aprilia) 6.355
  • 4° Stevie Bonsey (USA/Aprilia) 14.973
  • 5° Danny Webb (GBR/Aprilia) 15.532

Classifica mondiale piloti:

  • 1° Simone Corsi (ITA/Aprilia) a 59 punti
  • 2° Nicolas Terol (ESP/Aprilia)a 42
  • 3° Joan Olive (ESP/Derbi) a 40
  • 4° Stefan Bradl (GER/Aprilia)a 37
  • 5° Sergio Gadea (ESP/Aprilia)a 32

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 15, 2007

Rugby Coppa del Mondo 2007: Inghilterra travolta, Nuova Zelanda a valanga, Irlanda a fatica

Rugby Coppa del Mondo 2007: Inghilterra travolta, Nuova Zelanda a valanga, Irlanda a fatica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 15 settembre 2007

VI Coppa del Mondo di rugby

Nel big match della prima fase della VI Coppa del Mondo di rugby, disputatosi ieri sera allo Stade de France, il Sud Africa ha travolto l’Inghilterra campione del mondo con un umiliante 36-0. Mai in partita, gli inglesi hanno subìto 3 mete (trasformate) e 5 calci piazzati dagli Springboks.

Una delle mete sudafricane nell’incontro di ieri

A peggiorare le cose, la perdita di Robinson (strappo dei legamenti), che fu il marcatore della meta inglese nella finale del 2003 contro l’Australia, ha segnato la definitiva resa degli inglesi, che già devono partecipare al torneo senza il loro miglior uomo, Jonny Wilkinson. Nonostante il largo punteggio i sudafricani non hanno conseguito il bonus per via delle sole tre mete realizzate, mentre adesso l’Inghilterra è terza a pari punti di Figi, seconda per differenza mete. Sugli scudi Montgomery, autore di 18 dei 36 punti sudafricani: allo stato attuale i verde-oro di Johannesburg sembrano gli unici seri contendenti della Nuova Zelanda per il titolo finale.

Nei match odierni, nel girone dell’Italia è toccato al Portogallo il compito di tentar di reggere a Lione l’impatto proprio della citata Nuova Zelanda, con scarsi risultati: gli All Blacks hanno sepolto i lusitani sotto 16 mete (14 trasformate) per un totale di 108-13. Nonostante la sconfitta, i portoghesi sono riusciti ad andare in meta una volta e a realizzare un calcio e un drop, e non hanno mai rinunciato a proporre il loro gioco, benché il compito fosse proibitivo fin dal primo minuto di gioco. Nuova Zelanda a punteggio pieno nel girone, e che probabilmente recriminerà sul fatto che il bonus venga assegnato solo una volta per incontro al raggiungimento della quarta meta.

Al Millennium Stadium di Cardiff ha conquistato il bonus pure l’Australia, che ha battuto 32-20 un combattivo Galles. 4 mete (2 trasformate) a 2 lo score per i Wallabies finalisti del 2003, che hanno arrotondato lo score con due piazzati (su 5). Un piazzato e un drop gallese hanno poi consolidato il punteggio.

Infine, in serata a Bordeaux, l’Irlanda ha vinto ma non convinto contro un’ostica Georgia che ha dato battaglia fino all’ultimo minuto, e alla quale sono mancati un paio di metri nel finale per realizzare la meta che le avrebbe dato una clamorosa vittoria. 2 mete a 1 per gli irlandesi, e un piazzato per i georgiani avevano infatti fissato il punteggio sul 14-10, che i verdi stavano tenendo a fatica. Proprio allo scadere, un recupero provvidenziale della linea arretrata ha impedito che la Georgia andasse a marcare i 5 punti che le avrebbe permesso il sorpasso. Quattro punti all’Irlanda e 1 alla Georgia, che esce a testa alta dal campo.

Tabellino[]

Saint-Denis (Francia), Stade de France, 14 settembre 2007, ore 21

SUD AFRICA – INGHILTERRA 36-0 (20-0)

Marcatori: 6’ Smith meta (trasf. Montgomery), 11’ Steyn c.p., 36’, 46’, 55’ e 79’ Montgomery c.p, 38’ e 64’ Pietersen meta (2 trasf. Montgomery).

SUD AFRICA: Montgomery; Pietersen, Fourie, Steyn, Habana; James, du Preez; du Randt, Smit, B.J. Botha, Bakkies Botha, Matfield, van Heerden, Smith, Rossouw.
A disposizione: du Plessis, van der Linde, Muller, Skinstad, Pienaar, Pretorius, Olivier.
Allenatore: Jake White.

INGHILTERRA: Robinson; Sackey, Noon, Farrell, Lewsey; Catt, Perry; Sheridan, Regan, Stevens; Shaw, Kay; Corry, Rees, Easter.
A disposizione: Chuter, Freshwater, Borthwick, Moody, Gomarsall, Richards, Tait.
Allenatore: Brian Ashton

ARBITRO: Flag of France.svg Joël Jutge

Gli altri risultati[]

Nuova Zelanda – Portogallo 108-13
Australia – Galles 32-20
Irlanda – Georgia 14-10

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 9, 2007

Rugby Coppa del Mondo 2007: nessuna sorpresa, vincono anche Sud Africa e Irlanda

Rugby Coppa del Mondo 2007: nessuna sorpresa, vincono anche Sud Africa e Irlanda

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 9 settembre 2007

VI Coppa del Mondo di rugby

Nella terza giornata della VI Coppa del Mondo di rugby, in Francia, esordio senza sorprese di quattro tra le nazionali meglio piazzate nel ranking mondiale, tutte vittoriose nei rispettivi impegni.

Montgomery, sudafricano, in azione contro Samoa

Nel primo incontro della giornata, il Sud Africa opposto al Parco dei Principi di Parigi alle Isole Samoa va in meta 8 volte (5 trasformazioni) contro una sola (trasformata) degli oceanici, e incamera anche il punto supplementare di bonus. Tre calci piazzati arrotondano il punteggio degli Springboks che chiudono 59-7. Nel pomeriggio, a Nantes è andato in scena l’incontro tra i gallesi e i volenterosi canadesi, che si sono comportati tutto sommato bene di fronte a una nazionale di maggior caratura tecnica e tradizione: i nordamericani sono andati in meta tre volte, di cui due nel primo tempo (una trasformazione), chiudendo in vantaggio per 12-9, poi nella ripresa c’è stato il ritorno dei britannici, che hanno realizzato 33 punti (a 5) grazie alle 5 mete (di cui 4 trasformate) che sono anche le uniche del match, visto che i 9 punti della prima frazione sono state frutto di tre calci piazzati.

A Saint-Étienne gli scozzesi, verosimilmente coloro contro i quali l’Italia dovrà disputarsi il secondo posto nel girone D, hanno sconfitto il Portogallo per 56-10, con 28 punti per tempo (i lusitani hanno marcato i loro punti tutti nella prima frazione, con una meta trasformata e un calcio piazzato). Eguale anche la ripartizione delle mete scozzesi, 4 per tempo, tutte trasformate.

In serata, infine, a Bordeaux l’Irlanda ha avuto ragione della Namibia, ma ha dovuto subire nella ripresa il ritorno degli africani: in vantaggio per 20-3 al giro di boa grazie a due mete trasformate, un drop tra i pali e un calcio piazzato, la nazionale del trifoglio ha subìto due mete e un calcio, e solo una meta nel finale ha impedito che la vittoria fosse di un margine più stretto: 32-17 lo score finale.

Domani vi sarà una giornata di riposo; gli incontri riprenderanno martedì 11 settembre.

Risultati[]

Sud Africa – Isole Samoa 59-7

Galles – Canada 42-17

Scozia – Portogallo 56-10

Irlanda – Namibia 32-17

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 8, 2007

Scomparsa di Maddie, anche il padre fra gli indagati

Scomparsa di Maddie, anche il padre fra gli indagati

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 8 settembre 2007
Anche il padre di Madeleine McCann, Gerry McCann, è stato indagato per la scomparsa della figlia, insieme alla moglie, Kate McCann.

La polizia portoghese crede che i genitori della bambina siano responsabili della morte accidentale della bambina, però al momento sono indagati ma non incriminati.

Intanto gli inquirenti hanno proposto ai due coniugi il patteggiamento della pena con la possibilità di scontare 2 anni di carcere se confesseranno di aver ucciso la loro figlia, ma hanno rifiutato. I signori McCann continuano, infatti, a professarsi innocenti e chiedono aiuto per il ritrovamento della loro bambina.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 7, 2007

Scomparsa di Maddie, nuovo indagato

Scomparsa di Maddie, nuovo indagato – Wikinotizie

Scomparsa di Maddie, nuovo indagato

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 7 settembre 2007

La polizia portoghese ha annunciato di aver iscritto una nuova persona nell’elenco degli indagati per la scomparsa di Madeleine McCann, dopo aver interrogato, dalle 2 di ieri pomeriggio fino all’1 di questa notte, Kate McCann, la madre della bambina scomparsa lo scorso 3 maggio mentre era in vacanza nell’Algarve. L’altro uomo indagato è Robert Murat, un cittadino britannico che abita a Praia da Luz, ma al momento non è stato ancora arrestato.

Come previsto dalla legge, la polizia non ha potuto rivelare l’identità del nuovo indagato, però appare chiaro che si tratti proprio di Kate McCann, anche se comunque al momento non è necessario che venga portata in carcere. Se verrà confermata l’accusa alla donna, lei non potrà lasciare il Portogallo e potrà essere sottoposta ad altri interrogatori, avvalendosi, però della facoltà di non rispondere.

Al termine dell’interrogatorio di Kate McCann, è entrato, per essere sentito a sua volta, il marito, Gerry. Nel pomeriggio la signora McCann è tornata nuovamente, accolta dai fischi della folla, per essere interrogata per altre cinque ore.

La svolta nelle indagini è arrivata dopo una prova raccolta dalla scientifica nell’appartamento ad Algarve.

Alcune indiscrezioni rivelano inoltre che sia stata trovata una macchia di sangue nell’auto noleggiata dai due coniugi ma che non ci sia la certezza che appartenga a Maddie e che Kate sa che ci sia la possibilità che venga arrestata a breve.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 7, 2007

Annunciate le nuove sette meraviglie del mondo

Annunciate le nuove sette meraviglie del mondo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Lisbona, sabato 7 luglio 2007

La piramide di Cheope, l’unica fra le sette meraviglie del mondo antico ancora esistente.

Sono state proclamate a Lisbona le sette meraviglie del mondo moderno. La cerimonia si è svolta allo “Stadio della luce”, dalle 22:30 alle 24:00 (ora italiana), è stata trasmessa in diretta streaming sul sito ufficiale ed ha avuto come presentatori le attrici Hilary Swank, Bipasha Basu e l’attore Ben Kingsley. Tra le varie personalità che vi hanno partecipato ci sono stati: Jennifer Lopez, Jose Carreras, Cristiano Ronaldo, Dulce Pontes, Chaka Khan, Alessandro Safina, Joaquín Cortés, Neil Armstrong, Bertrand Piccard, Frederico Mayor.

I siti vincitori

Il sondaggio, terminato alla mezzanotte (UTC) di ieri, ha raccolto in totale circa 100 milioni di voti.

Meraviglia Località Immagine
La Grande muraglia cinese Flag of the People's Republic of China.svg Cina The Great Wall in the winter
Il sito archeologico di Petra Flag of Jordan.svg Giordania The Treasury at Petra
Il Cristo redentore Flag of Brazil.svg Rio de Janeiro, Brasile Cristo redentore a Rio de Janeiro
La città perduta di Machu Picchu Flag of Peru.svg Cuzco, Perù View of Machu Picchu
Il complesso di Chichen Itza Flag of Mexico.svg Yucatán, Messico El Castillo being climbed by tourists
Il Colosseo Flag of Italy.svg Roma, Italia The Colosseum at dusk: exterior view of the best-preserved section
Il Taj Mahal Flag of India.svg Agra, India Taj Mahal

Fonti

Collegamenti esterni

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress