Wiki Actu it

August 21, 2016

Giochi olimpici 2016: si chiude ai rigori il calcio maschile

Giochi olimpici 2016: si chiude ai rigori il calcio maschile

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 21 agosto 2016

Wikinotizie di oggi
21 agosto
Collabora con noi
  • Scrivi un articolo
  • Cosa scrivere
  • Come scriverlo
  • Scrivania
  • Portale:Comunità

Stasera al Maracanã si è chiusa ai rigori la finale del torneo di calcio maschile tra Germania e Brasile. La partita è stata sull’1-1 dal 59° minuto e si è poi risolta con l’errore di Nils Petersen all’ultimo rigore tedesco, finendo 5 a 4 per il Brasile. Medaglia di bronzo per la Nigeria che batte le Honduras per 3 a 2.

Il primo dei due gol della finale è stato segnato dal Brasile al 23° minuto, nel secondo tempo i tedeschi segnano il secondo. La Germania verso la fine ha scelto la soluzione di non giocare, nel senso che ha cominciato a temporeggiare passando improduttivamente tra i propri giocatori la palla. Il recupero ed i due tempi supplementari sono stati scarsamente sfruttati dalla Germania, che ha prevalentemente persistito nella condotta conservativa, mentre i brasiliani hanno cercato qualche volta in più di fare breccia o comunque di rompere la serie di rimpalli tra gli avversari. Ai rigori il Brasile non sbaglia e si garantisce, grazie a Neymar, il primo oro olimpico calcistico, il quale va ad aggiungersi ai 3 argenti e 2 bronzi già in possesso; con questa specie di rivincita viene un po’ rimarginata la ferita del 7-1 subito ai mondiali del 2014. La Germania torna a casa con la prima medaglia della storia, visto che il bronzo vinto ai Giochi olimpici di Seul 1988 è stato vinto dalla Germania Ovest (quando la Germania era divisa).

Le nazionali tedesche riescono quindi a vincere una medaglia “nobile” su tutti e due i fronti: argento maschile ed oro femminile.

Proprio i tedeschi infatti vincono il torneo femminile, battendo per 2 a 1 la Svezia (merito anche di un autogol di Linda Sembrant) e guadagnando la prima medaglia olimpica della nazionale femminile. Nel torneo femminile il Brasile invece è arrivato solo quarto, venendo battuto per 2 a 1 dal Canada, che riconferma il bronzo di quattro anni prima.

Una curiosità è che le brasiliane siano andate ai rigori dopo uno 0-0 sia ai quarti, sia in semifinale. Sempre tra le curiosità, durante il torneo la Germania maschile ha visto anche la propria miglior vittoria di sempre, battendo per 10 a 0 le Figi.

L’Italia è assente dalla classifica, perché per la seconda volta consecutiva non è riuscita a qualificarsi.

Olympic rings with white rims.svg
Segui lo Speciale dedicato ai Giochi della XXXI Olimpiade!
Wikinews-logo.svg


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 6, 2011

Assegnato il premio Nobel per la letteratura 2011

Assegnato il premio Nobel per la letteratura 2011

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 6 ottobre 2011
Oggi a Stoccolma è stato assegnato il Premio Nobel per la letteratura, quest’anno andato a Tomas Tranströmer

« perché, attraverso le sue immagini condensate e traslucide, ci da accesso a nuove realtà »

Tranströmer, scrittore e poeta svedese, è nato a Stoccolma il 15 aprile 1931. Laureatosi come psicologo, il suo primo libro, 17 dikter, è del 1954.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 5, 2011

Assegnato il premio Nobel per la chimica 2011

Assegnato il premio Nobel per la chimica 2011

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 5 ottobre 2011
Oggi a Stoccolma, poco prima di mezzogiorno ora europea, è stata comunicata l’assegnazione del Premio Nobel per la chimica 2011. Il premio è stato assegnato a Daniel Shechtman

« per la scoperta dei quasicristalli »

Shechtman, infatti, studiando un cristallo di alluminio con il 10–14% di manganese, scoprì una struttura leggermente differente rispetto a quella cristallina usuale. La struttura, infatti, presentava una simmetria identica a quella di un icosaedro che però non si conservava per traslazione del reticolo. Venivano così scoperti i quasicristalli, ovvero delle strutture atomiche ordinate ma non periodiche.

Articolo scientifico[]

  • Shechtman, D., Blech, I., Gratias, D., & Cahn, J. (1984). Metallic Phase with Long-Range Orientational Order and No Translational Symmetry Physical Review Letters, 53 (20), 1951-1953. DOI: 10.1103/PhysRevLett.53.1951


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 4, 2011

Assegnati i Premi Nobel 2011 per la fisica

Assegnati i Premi Nobel 2011 per la fisica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 4 ottobre 2011
Oggi a Stoccolma è stato annunciato il Premio Nobel per la fisica. Quest’anno il premio è stato assegnato agli americani Saul Perlmutter e Adam Riess e all’australo-statunitense Brian P. Schmidt

« per la scoperta dell’espansione accelerante dell’universo tramite l’osservazione delle supernove più distanti »

La teoria classica dell’evoluzione dell’universo affermava che, dopo un periodo di espansione accelerata, la velocità di espansione dell’universo stesso sarebbe diminuita a causa dell’azione della gravità. Tra il 1998 e il 1999, però, uscirono separatamente su due articoli le ricerche dei gruppi di Perlmutter, che aveva fondato il suo gruppo nel 1988, e di Schmidt e Riess, fondato nel 1994, grazie ai quali, osservando le supernove di classe Ia, si ebbero le prime osservazioni sperimentali sull’espansione accelerata dell’universo. In parole povere l’universo non solo non stava rallentando, ma le galassie si allontanavano una dall’altra sempre più velocemente.

Questa scoperta, una volta confermata, cambiò letteralmente il mondo della cosmologia, introducendo il concetto di energia oscura come possibile spiegazione all’accelerazione nell’espansione dello spaziotempo.

Articoli scientifici[]

  • Riess, A., et al. (1998) Observational Evidence from Supernovae for an Accelerating Universe and a Cosmological Constant, Astronomical Journal, 116, 1009-1038. DOI: 10.1086/300499
  • Perlmutter, S., et al. (1999) Measurment of Ω and Λ from 42 High-Redshift Supernovae, Astrophysical Journal, 517, 565-586. DOI: 10.1086/307221
  • Perlmutter, S. and Schmidt, B.P. (2003) Measuring Cosmology with Supernovae, Lecture Notes in Physics. arXiv:astro-ph/0303428


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 3, 2011

Assegnati i Premi Nobel 2011 per la medicina

Assegnati i Premi Nobel 2011 per la medicina

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 3 ottobre 2011
Oggi a Stoccolma è stato annunciato il primo Premio Nobel per la medicina. Quest’anno il premio è stato assegnato all’americano 54enne Bruce A. Beutler e al lussemburghese 70enne Jules A. Hoffmann

« per le loro scoperte riguardanti l’attivazione dell’immunità innata »

e al canadese 68enne Ralph M. Steinman, morto tre giorni fa per un tumore al pancreas

« per la sua scoperta delle cellule dendritiche e per il suo contributo all’immunità adattativa »

Le loro ricerche sul sistema immunitario hanno aperto la strada ai “vaccini terapeutici” contro il cancro e a comprendere meglio il funzionamento del sistema immunitario durante un’infiammazione patologica. La consegna del riconoscimento avverrà a Stoccolma il 10 dicembre.

« Hanno rivoluzionato la nostra comprensione del sistema immunitario scoprendo i principi chiave per la sua attivazione »
(Una nota del Karolinska Institutet di Stoccolma che assegna il premio)


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 12, 2010

Stoccolma: esplodono due autobombe, un morto

Stoccolma: esplodono due autobombe, un morto

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 12 dicembre 2010

Un’immagine di Drottninggatan, dove è esplosa la prima autobomba

Due autobombe sono esplose ieri sera nel centro di Stoccolma, capitale della Svezia, provocando un morto e diversi feriti. L’attentato sarebbe stato rivendicato da terroristi islamici che hanno ricondotto le esplosioni alla presenza delle forze armate svedesi in Afghanistan e sulle vignette satiriche di Lars Vilks sul profeta Maometto.

Le esplosioni di due automobili cariche di esplosivo sono avvenute quasi contemporaneamente nel centro della capitale all’ora di massimo traffico pedonale per gli acquisti natalizi: la prima è detonata all’incrocio tra Olof Palme e Drottninggatan alle 16:52. La seconda esplosione avvenuta alle 17:05, ha provocato una vittima che si trovava fuori dall’esercizio commerciale “Scorett”.

Inizialmente, in seguito al ritrovamento di un cadavere, cui vicino giaceva una borsa contenente alcuni chiodi, si era vagliata la possibilità di un attentato suicida. I giornalisti, comunque, citando testimoni oculari hanno riferito di esplosioni accidentali a catena scatenate da alcuni fuochi d’artificio e una bombola di gas presenti nel baule di un’auto, che avrebbero causato l’incendio generale, cogliendo una prima conferma da Petra Sjoelander, capo della polizia locale. Tuttavia l’esplosione poco dopo di un incendio in un negozio a Bryggargatan, che ha lasciato a terra un morto, andava facendo trasparire col tempo un collegamento tra i due fatti, confermando sulla sera tardi la pista dell’attentato.

Pochi minuti prima degli attacchi, l’agenzia nazionale TT e la polizia hanno ricevuto una e-mail con allegato due nastri (uno in svedese e uno in arabo) nella quale si rivendicavano le azioni terroristiche come rappresaglia alla «vostra guerra contro l’Islam, le umiliazioni al profeta e il vostro stupido sostegno al maiale Vilks», in riferimento al silenzio mediatico circa le vignette del giornalista e la presenza di un contingente svedese in Afghanistan.

Ad indagare sugli attentati sono stati incaricati la polizia svedese e la Sapo, il servizio di sicurezza nazionale.


Fonti

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Stoccolma.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 7, 2010

Premio Nobel per la letteratura 2010 assegnato a Mario Vargas Llosa

Premio Nobel per la letteratura 2010 assegnato a Mario Vargas Llosa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 7 ottobre 2010

Il Premio Nobel Mario Vargas Llosa al Festival della Letteratura di Pietrasanta, in Toscana

Il Premio Nobel per la letteratura 2010 è stato assegnato dalla Reale Accademia Svedese allo scrittore peruviano Mario Vargas Llosa con la seguente motivazione:

« Per la sua cartografia delle strutture del potere e per le acute immagini della resistenza, rivolta e sconfitta dell’individuo »

Llosa, personaggio culturale e politico di rilievo, ha anche partecipato alle elezioni per la presidenza del Perù nel 1990, ma è stato sconfitto da Alberto Fujimori. Nel 1993, la Spagna lo ha insignito della cittadinanza onoraria, ed è inoltre membro dell’Accademia Spagnola della Lingua.


Fonti[]

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Mario Vargas Llosa.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 30, 2009

La Germania conquista il campionato europeo di calcio Under-21 2009

La Germania conquista il campionato europeo di calcio Under-21 2009

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 30 giugno 2009

Mesut Özil, nominato Man of the Match

Si è chiusa con un punteggio netto la finale del campionato europeo di calcio Under-21 disputata ieri sera allo Swedbank Stadion di Malmö, Svezia. I giovani tedeschi si sono infatti imposti per 4 reti a 0 sui pari età dell’Inghilterra, andando a conquistare per la prima volta il titolo europeo di categoria.

Horst Hrubesch, commissario tecnico della Nazionale tedesca, ha dovuto far fronte all’assenza dell’attaccante Ashkan Dejagah rimpiazzandolo con Sandro Wagner; Stuart Pearce, allenatore degli inglesi, si è trovato anch’egli senza attaccanti (Campbell e Agbonlahor erano squalificati) e ha dovuto schierare l’ala Theo Walcott come prima punta. In porta è andato Scott Loach, dal momento che il titolare Joe Hart, diffidato, aveva rimediato un’ammonizione durante la serie di rigori in semifinale contro la Svezia.

Alle 20:45 l’arbitro olandese Bjorn Kuipers, coadiuvato da De Bruyn e Ring, ha dato il fischio d’inizio. Dopo un sostanziale equilibrio iniziale, già al 23′ minuto il punteggio si è sbloccato: il fantasista tedesco Mesut Özil ha servito un pallone in verticale per l’accorrente Gonzalo Castro, che con un tocco sotto ha superato Loach per il vantaggio tedesco. La risposta inglese non ha tardato ad arrivare, ma la difesa avversaria (un solo gol subito nelle precedenti quattro gare della rassegna) si è dimostrata ancora una volta solida.

Tre minuti dopo il fischio d’inizio della ripresa, è arrivato il raddoppio della Germania. A realizzare la rete è stato Mesut Özil, con un calcio di punizione dalla distanza che ha sorpreso il portiere Loach, autore di un errore nell’intervento sulla non impossibile traiettoria del pallone. Al 58′ minuto l’Inghilterra si è resa pericolosa con un tiro da fuori di Cattermole, ma il pallone ha colpito solo la parte alta della traversa. Due successive occasioni hanno poi portato l’Inghilterra nuovamente vicina alla rete, ma in entrambi i casi (prima un tentativo di colpo di tacco su un assist dalla destra, poi un colpo di testa su corner) è stato il terzino destro Andreas Beck a salvare il risultato.

Al 77′ minuto un traversone basso di Özil non è stato sfruttato da Wagner, servito davanti alla porta vuota. L’attaccante si è comunque rifatto due minuti dopo su un contropiede innescato ancora una volta dal centrocampista del Werder Brema, e con un preciso rasoterra fra le gambe del portiere ha realizzato il 3-0. Cinque minuti dopo Wagner ha messo la firma sulla propria doppietta andando a rete con un destro dalla distanza sul palo lontano per il 4-0 finale.

Al termine della gara Mesut Özil, autore di una rete e due assist, è stato nominato miglior uomo in campo.

È il terzo titolo giovanile ottenuto dalla Germania nell’ultimo anno solare, dopo la vittoria dell’Europeo Under-19 nel luglio 2008 e la conquista del trofeo continentale Under-17 nel mese scorso.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 17, 2009

Diritto d\’autore: condannati i responsabili di Pirate Bay

Diritto d’autore: condannati i responsabili di Pirate Bay

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 17 aprile 2009

Il celeberrimo logo di Pirate Bay

Il tribunale penale di Stoccolma, al termine di un processo durato 3 settimane, ha emesso una condanna pesantissima per i responsabili di Pirate Bay, il sito di condivisione di contenuti multimediali, accusati di aver aiutato a rendere disponibile materiale coperto da diritti d’autore; è stata riconosciuta fondata anche l’imputazione di favoreggiamento nella violazione di copyright, che si era aggiunta alla precedente nella seconda udienza del dibattimento. Lo ha reso noto lo stesso tribunale, in un comunicato stampa.

Un anno di carcere ciascuno è la pena per Peter Sunde, il trentenne fondatore del sito, per Carl Lundström, quarantottenne finanziatore, e per Fredrik Neij e Gottfrid Svartholm, ma è forse ancora più pesante l’aspetto economico della condanna: i responsabili dovranno corrispondere 30 milioni di corone svedesi (circa 2,7 milioni di euro, cioè circa 5 miliardi e mezzo di lire) alle cosiddette major, le industrie discografiche e cinematografiche che avevano intentato la causa. Assai meno rispetto alle pretese avanzate dalle major, 117 milioni di corone (10,6 milioni di euro, cioè circa 20 miliardi di lire) a titolo di risarcimento e interessi per le perdite asseritamente causate loro dalla sterminata quantità di download di file attraverso il sito, ma coincidente con quanto indicato dal pubblico ministero nella requisitoria.

The Pirate Bay (spesso abbreviato “TPB”) non ospita in realtà i contenuti contestati, ma li rende disponibili attraverso link a file scaricabili con il software di condivisione BitTorrent (che resta perfettamente legale).

Il funzionamento della condivisione di file in rete (peer to peer): ogni computer connesso diventa una sorta di “ripetitore” e ritrasmette il file, o parti di esso, a tutti gli altri

Su questo si è perciò basata la difesa degli imputati, affermando che non è possibile attribuire ad essi la responsabilità delle azioni degli utenti del sito, ma la corte ha dato loro torto, ritenendo che con la programmazione, la gestione ed il finanziamento del sito gli utenti siano stati “incentivati” a violare le norme sul copyright.

Fra le compagnie che avevano portato in tribunale i quattro, ci sono – ricorda Reuters – Warner Bros. (che sta lanciando un videogame per iPod dal suggestivo titolo di “Justice is coming“, “la giustizia sta per arrivare”), MGM, Columbia Pictures, 20th Century Fox Films, Sony BMG, Universal e EMI.

Proprio il giorno prima della sentenza, a poca distanza dal palazzo di giustizia dove si stavano per decidere le sorti del principale sito al mondo di file-sharing, paradossalmente il museo della Tecnica di Stoccolma nel frattempo accoglieva nel suo repertorio uno dei server che erano stati già sequestrati a Pirate Bay. Come riferito da La Stampa, secondo Nils Olander, che dirige la prestigiosa istituzione, si tratta di “un oggetto della società contemporanea, e i musei collezionano questo genere di oggetti. Fa parte della missione istituzionale e non si possono evitare le questioni spinose”.

Peter Sunde, il fondatore di Pirate Bay

Nessun commento personale ancora sul blog personale di Peter Sunde, fermo ad un post del giorno precedente la sentenza e riguardante critiche al modo in cui alcune testate giornalistiche, in particolare il canale televisivo svedese TV4, hanno dato il coverage della vicenda. Invece nella home page di TPB c’è un lungo video di commento alla sentenza, definita “crazy”, in una sorta di anticonvenzionale conferenza stampa; insieme alla nota che, come nei migliori film, i “buoni” all’inizio perdono, ma vincono alla fine. BBC riferisce che Sunde, il quale aveva detto ad un giornalista britannico che TPB è come Google (limitandosi a linkare riferimenti esterni), non può e non vuole pagare quanto ordinatogli, e che ha scritto su Twitter che nulla accadrà a TPB, si tratterebbe solo di “teatro per i media”. Sempre la stessa testata riporta anche la posizione delle major, impersonate dal responsabile della International Federation of the Phonographic Industry, che per ventura si chiama John Kennedy: TPB non starebbe sostenendo posizioni di principio, ma i quattro imputati sarebbero, senza meritorietà, intenti a curare gli interessi delle proprie tasche.

The Pirate Bay era stato reso irraggiungibile dall’Italia nell’agosto 2008 per disposizione della procura di Bergamo, provocando una piccata risposta pubblica del sito intitolata “Uno stato fascista censura Pirate Bay“.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 10, 2008

Premio Nobel per la pace 2008 assegnato a Martti Ahtisaari

Premio Nobel per la pace 2008 assegnato a Martti Ahtisaari

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 10 ottobre 2008

Il Premio Nobel per la pace 2008 Martti Ahtisaari

È il finlandese Martti Oiva Kalevi Ahtisaari il Premio Nobel per la pace per l’anno 2008. L’ambito riconoscimento è stato deciso questa mattina dall’Accademia Svedese, che ha voluto riconoscere l’ex Presidente della Repubblica scandinava «per i suoi importanti sforzi, in molti continenti e per più di tre decenni, per risolvere i conflitti internazionali».

Nato a Viipuri il 23 giugno 1937, da padre norvegese, Ahtisaari collaborò sin da giovane con il Ministero degli Affari Esteri finnico, per poi divenire ambasciatore presso la Tanzania. Fu presidente della Finlandia dal 1° marzo 1994 al 1° marzo 2000, predecessore dell’attuale presidente, Tarja Halonen, con il Sosialidemokraattinen Puolue (Partito Social-Democratico). Sempre nel 2000, fece parte della Commissione dei Tre Saggi dell’Unione Europea che dovette esprimersi sulla legittimità democratica del neo-eletto governo nazionalista austriaco del partito di Jörg Haider, il governatore della regione della Carinzia, deceduto l’11 ottobre.

Nell’annuncio per l’assegnazione del Premio, inoltre, si ricordano le azioni diplomatiche intraprese dall’ex presidente Ahtisaari: «Per più di 20 anni, nella quale si ricorda il suo impegno in Namibia, Aceh, Kosovo e Iraq – è stato una figura di primo piano negli sforzi per risolvere molti conflitti gravi e duraturi. Ha anche dato contributi costruttivi alla soluzione dei conflitti nell’Irlanda del Nord, in Asia centrale e nel Corno d’Africa».

Il neo-Nobel riceverà inoltre un premio in denaro, corrispondente a circa 1,4 milioni di euro.


Fonti

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Martti Ahtisaari.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress