Wiki Actu it

October 3, 2011

Assegnati i Premi Nobel 2011 per la medicina

Assegnati i Premi Nobel 2011 per la medicina

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 3 ottobre 2011
Oggi a Stoccolma è stato annunciato il primo Premio Nobel per la medicina. Quest’anno il premio è stato assegnato all’americano 54enne Bruce A. Beutler e al lussemburghese 70enne Jules A. Hoffmann

« per le loro scoperte riguardanti l’attivazione dell’immunità innata »

e al canadese 68enne Ralph M. Steinman, morto tre giorni fa per un tumore al pancreas

« per la sua scoperta delle cellule dendritiche e per il suo contributo all’immunità adattativa »

Le loro ricerche sul sistema immunitario hanno aperto la strada ai “vaccini terapeutici” contro il cancro e a comprendere meglio il funzionamento del sistema immunitario durante un’infiammazione patologica. La consegna del riconoscimento avverrà a Stoccolma il 10 dicembre.

« Hanno rivoluzionato la nostra comprensione del sistema immunitario scoprendo i principi chiave per la sua attivazione »
(Una nota del Karolinska Institutet di Stoccolma che assegna il premio)


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 7, 2008

Premio Nobel per la medicina 2008 assegnato a Françoise Barré-Sinoussi, Luc Montagnier e Harald zur Hausen

Premio Nobel per la medicina 2008 assegnato a Françoise Barré-Sinoussi, Luc Montagnier e Harald zur Hausen

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 7 ottobre 2008

Luc Montagnier

Ieri Hans Jörnvall, presidente del comitato del Nobel per la medicina, ha annunciato l’assegnazione dei premi 2008, da parte del Karolinska Institutet, al tedesco Harald zur Hausen e ai francesi Françoise Barré-Sinoussi e Luc Montagnier.

I due francesi hanno ricevuto il riconoscimento per la scoperta del virus dell’immunodeficienza umana (HIV).

«La scoperta è uno dei prerequisiti per la comprensione moderna della biologia delle malattie e delle loro cure antivirali» ha spiegato l’Accademia illustrando la motivazione dell’assegnazione del Nobel ai due ricercatori francesi. «Inoltre [la scoperta] ha portato allo sviluppo dei metodi per diagnosticare la malattia nei pazienti e per esaminare i prodotti sanguigni, che hanno limitato la diffusione della pandemia».

Harald zur Hausen ha ricevuto il Nobel per aver postulato «un ruolo per il virus del papilloma umano (HPV) nel cancro della cervice».

Wikinews

Questo articolo, o parte di esso, deriva da una traduzione di Dos franceses y un alemán son laureados con el Premio Nobel de Medicina, pubblicato su Wikinews in spagnolo.

Hausen riceverà metà del premio in denaro, mentre Barré-Sinoussi e Montagnier divideranno la parte restante.


Collegamenti esterni[]

[EN] Annuncio dei vincitori del Nobel per la medicina 2008 (sito ufficiale)

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 8, 2007

Nobel per la medicina 2007 assegnato a un italoamericano per ricerche sulle staminali

Nobel per la medicina 2007 assegnato a un italoamericano per ricerche sulle staminali

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 8 ottobre 2007

Mario Capecchi

Il premio Nobel per la medicina è stato assegnato questa mattina allo studioso italo-americano Mario Capecchi, insieme ai colleghi inglesi Martin Evans e Oliver Smithies: il merito che il Karolinska Institutet a loro riconosciuto è il lavoro svolto nel campo delle cellule staminali. Gli studi hanno permesso l’introduzione di una tecnica speciale, chiamata “gene targeting” che viene definita di immensa importanza.

Questa tecnica permette agli studiosi di individuare quale gene deve mutare e come deve farlo. In questo modo è più facile verificare quali sono le conseguenze che una determinata mutazione su un determinato gene può apportare. L’applicazione di questa tecnica sta avendo risvolti interessanti in molti campi, come la lotta al cancro, l’embriogenesi, l’immunologia, la neurobiologia e, data l’importanza dei geni, in generale contro tutte le malattie. Con questa tecnica, infatti, è possibile intervenire su animali da laboratorio per provocare le mutazioni genetiche che causano la malattia e quindi permettere un’analisi di tale mutazione che può facilitare la creazione di un adeguato trattamento medico per curarla.

Mario Capecchi è nato a Verona il 6 ottobre 1937, ma vive dall’età di 7 anni negli Stati Uniti d’America, dove ha studiato e lavorato, conseguendo una laurea in biofisica presso l’università di Harvard. Per la tesi di PhD, Capecchi ha avuto uno degli scopritori del DNA, James Watson. Capecchi aveva già conseguito molti riconoscimenti, ad esempio nel 2002 dalle mani del presidente George W. Bush, mentre il 12 maggio scorso l’Università di Bologna lo aveva insignito della laurea honoris causa in Biotecnologie mediche. L’assegnazione del Nobel non ha dunque colto di sorpresa la comunità scientifica, che già da tempo utilizzava la sua tecnica per “costruire” topi portatori di mutazioni genetiche create con la sua tecnica.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 3, 2005

Assegnato premio Nobel medicina 2005

Assegnato premio Nobel medicina 2005 – Wikinotizie

Assegnato premio Nobel medicina 2005

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

3 ottobre 2005

Oggi la fondazione del premio Nobel ha reso noto che l’Assemblea dei Nobel del Karolinska Institutet ha deciso di conferire il premio nobel per la medicina congiuntamente a Barry J. Marshall e J. Robin Warren, entrambi australiani. Il premio è diviso a metà tra i due vincitori. La motivazione ufficiale è: per la scoperta del “batterio Helicobacter pylori e il suo ruolo nelle gastriti e nelle malattia dell’ulcera peptica“.

Robin Warren patologo del Royal Hospital in Australia vide quello che tutti vedevano: strani batteri all’interno dello stomaco. Insieme con Barry Marshal si mise a studiarli e a coltivarli. I batteri furono chiamati prima Campylobacter pylori e in seguito Helicobacter pylori. Provarono su se stessi la possibilità che fossero causa dell’ulcera e ingerirono le colture, ma senza successo: ebbero la gastrite ma non l’ulcera.

Il rapporto da Helicobacter e ulcera fu quindi messo in discussione, fino agli studi di popolazione, e tutto fu chiarito. L’Helicobacter è responsabile del 70% dell ulcere dello stomaco, del 90% delle ulcere del duodeno e del 60% dei tumori allo stomaco.

Fonti

Riferimenti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.