Wiki Actu it

October 21, 2007

Automobilismo, Räikkönen è campione della stagione 2007 di Formula 1

Automobilismo, Räikkönen è campione della stagione 2007 di Formula 1

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 21 ottobre 2007

Autódromo José Carlos Pace (AKA Interlagos) track map.svg

clicca per ingrandire
Gran premio del Brasile di Formula 1™

Lunghezza 4,309 km
Numero di giri 71
Totale 305,909 km

Il finlandese Kimi Räikkönen (Ferrari) è il vincitore del 57° campionato del mondo di Formula 1. Räikkönen si è aggiudicato il titolo grazie alla vittoria nel Gran Premio del Brasile, disputatosi sul circuito di Interlagos. Alle sue spalle si è piazzato il suo compagno di scuderia, il brasiliano Felipe Massa, autore della pole position e lo spagnolo Fernando Alonso (McLaren, anch’egli in lotta per il titolo. La Ferrari spazza il banco e non lascia neppure le briciole: a parte il titolo mondiale realizza l’ennesima doppietta, poi pole position e giro più veloce in gara.

Räikkönen partiva da una posizione difficile ed era obbligato alla vittoria, ma non bastava: terzo in classifica generale con 100 punti alle spalle dei due piloti della McLaren (107 Hamilton, 103 Alonso), oltre alla vittoria il finlandese doveva sperare in una concatenazione di eventi, segnatamente che Alonso non facesse meglio del terzo posto e Hamilton del quinto, situazione che si è concretizzata effettivamente in gara, visto che il britannico si è piazzato settimo incassando solo 2 punti e fermandosi a 109, a pari merito del suo compagno di scuderia. Ma i 109 punti dei due piloti McLaren non sono bastati contro i 110 di Räikkönen: ce ne sarebbero voluti 111, perché a parità di punti il ferrarista sarebbe stato comunque in vantaggio per via delle 6 gare vinte.

La gara[]

Kimi Räikkönen festeggia dopo aver vinto il Gran Premio del Brasile e il campionato del mondo

Nelle qualifiche del sabato, Massa aveva conquistato la pole davanti all’inglese della McLaren; dalla seconda fila sono partiti Raikkonen e Alonso. Ottimo lo spunto delle rosse, che subito ricoprono le prime posizioni e lasciano sfida aperta ai due contendenti della McLaren. Hamilton, sopravanzato in partenza anche da Alonso, va quasi al contatto alla terza curva con quest’ultimo, ma entra nella via di fuga, perdendo ulteriore terreno. Il pilota tenta subito la disperata rimonta, però al 7° giro un problema al cambio lo costringe a rallentare e ad essere sfilato dalle vetture. Altra ripartenza, dalla diciottesima, nonché terzultima posizione (dopo il ritiro per collisione di Fisichella e Yamamoto).

Se la gara risulta in salita per le McLaren, le Ferrari sono sugli scudi, incamerando una serie di giri veloci. Hamilton è costretto a cambiare strategia per guadagnare posizioni e anticipa l’uso delle gomme morbide. Ad ogni modo, le posizioni primarie restano praticamente congelate, con i soli Kubica (BMW) e Alonso che si alternano tra terzo e quarto piazzamento.

Hamilton risale fino nella zona punti, ma non basta. Raikkonen supera, nella girandola delle soste ai box, anche Felipe Massa e vince il sesto Gran Premio stagionale. Alonso è terzo, Hamilton settimo. Il finlandese, alla prima vittoria mondiale, succede proprio al pilota spagnolo della McLaren.

Da segnalare anche diversi incidenti in gara; spettacolare quello di Kovalainen, in testacoda alla “S” Senna e finito contro le barriere. Inoltre, l’esordiente Kazuki Nakajima (Williams – Toyota) investe, senza gravi conseguenze, due suoi meccanici durante il pit-stop.

Il giallo del dopo-gara[]

L’esito del mondiale è stato incerto anche nelle fasi successive al Gran Premio: infatti, sotto inchiesta da parte della FIA sono state poste le due BMW Sauber di Kubica e Heidfled e le Williams Toyota di Rosberg e Nakajima. Secondo taluni riscontri, pare che la benzina utilizzata dalle quattro vetture non fosse conforme al regolamento (la temperatura di questa era di 2-3 gradi in meno al minimo ammesso). Se i piloti fossero stati squalificati, dal settimo posto, Hamilton sarebbe balzato al quarto e avrebbe guadagnato i punti necessari per strappare il titolo dalle mani di Kimi Räikkönen. Ma, dopo una lunga discussione, i commissari hanno lasciato immutata la classifica del GP del Brasile.
La McLaren-Mercedes non si è arresa e, come annunciato nella notte, ha presentato ricorso. Intervistato sull’accaduto da una rete televisiva spagnola, l’altro pilota della McLaren, Fernando Alonso, ha detto che l’assegnazione del titolo ad Hamilton a tavolino sarebbe “vergognosa”. Il capo della Mercedes-Benz, Haug, ha comunque dichiarato che il ricorso non servirebbe per richiedere il titolo ma solo “per chiarimenti”.

Classifiche[]

Gara[]

Pos. Pilota Nazionalità Squadra Tempo Punti
1 Kimi Räikkönen Flag of Finland.svg Finlandia Ferrari 71 giri in 1h 28′ 15″ 270 (m. 207,972 Km/h) 10
2 Felipe Massa Flag of Brazil.svg Brasile Ferrari a 1″ 493 8 (Pole)
3 Fernando Alonso Flag of Spain.svg Spagna McLaren Mercedes a 57″ 019 6
4 Nico Rosberg Flag of Germany.svg Germania Williams Toyota a 1′ 2″ 848 5
5 Robert Kubica Flag of Poland.svg Polonia BMW Sauber a 1′ 10″ 957 4
6 Nick Heidfeld Flag of Germany.svg Germania BMW Sauber a 1′ 11″ 317 3
7 Lewis Hamilton Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito McLaren Mercedes a 1 giro 2
8 Jarno Trulli Flag of Italy.svg Italia Toyota a 1 giro 1
9 David Coulthard Flag of Scotland.svg Scozia Red Bull Renault a 1 giro
10 Kazuki Nakajima Flag of Japan.svg Giappone Williams Toyota a 1 giro
11 Ralf Schumacher Flag of Germany.svg Germania Toyota a 1 giro
12 Takuma Sato Flag of Japan.svg Giappone Super Aguri Honda a 2 giri
13 Vitantonio Liuzzi Flag of Italy.svg Italia Toro Rosso Ferrari a 2 giri
14 Anthony Davidson Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito Super Aguri Honda a 3 giri

Non classificati: Adrian Sutil (Spyker Ferrari, Flag of Germany.svg Germania), Rubens Barrichello (Honda, Flag of Brazil.svg Brasile), Heikki Kovalainen (Renault, Flag of Finland.svg Finlandia), Sebastian Vettel (Toro Rosso Ferrari, Flag of Germany.svg Germania), Jenson Button (Honda, Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito), Mark Webber (Red Bull Renault, Flag of Australia.svg Australia), Giancarlo Fisichella (Renault, Flag of Italy.svg Italia), Sakon Yamamoto (Spyker Ferrari, Flag of Japan.svg Giappone)

Giro veloce: Kimi Raikkonen (66°) in 1’12” 445

Piloti[]

Pos. Pilota Nazionalità Squadra Punti
1 Kimi Raikkonen Flag of Finland.svg Finlandia Ferrari 110
2 Fernando Alonso Flag of Spain.svg Spagna McLaren Mercedes 109
3 Lewis Hamilton Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito McLaren Mercedes 109
4 Felipe Massa Flag of Brazil.svg Brasile Ferrari 94
5 Nick Heidfeld Flag of Germany.svg Germania BMW Sauber 61
6 Robert Kubica Flag of Poland.svg Polonia BMW Sauber 39
7 Heikki Kovalainen Flag of Finland.svg Finlandia Renault 30
8 Giancarlo Fisichella Flag of Italy.svg Italia Renault 21
9 Nico Rosberg Flag of Germany.svg Germania Williams Toyota 20
10 David Coulthard Flag of Scotland.svg Scozia Red Bull Renault 14
11 Alexander Wurz Flag of Austria.svg Austria Williams Toyota 13
12 Mark Webber Flag of Australia.svg Australia Red Bull Renault 10
13 Jarno Trulli Flag of Italy.svg Italia Toyota 8
14 Sebastian Vettel Flag of Germany.svg Germania Toro Rosso Ferrari / BMW Sauber 6
15 Jenson Button Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito Honda 6
16 Ralf Schumacher Flag of Germany.svg Germania Toyota 5
17 Takuma Sato Flag of Japan.svg Giappone Super Aguri Honda 4
18 Vitantonio Liuzzi Flag of Italy.svg Italia Toro Rosso Ferrari 3
19 Adrian Sutil Flag of Germany.svg Germania Spyker Ferrari 1

Scuderie[]

Pos. Squadra Nazionalità Punti
1 Ferrari Flag of Italy.svg Italia 204
2 BMW Sauber Flag of Germany.svg Germania – Flag of Switzerland.svg Svizzera 101
3 Renault Flag of France.svg Francia 51
4 Williams Toyota Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito – Flag of Japan.svg Giappone 32
5 Red Bull Renault Flag of Austria.svg Austria – Flag of France.svg Francia 24
6 Toyota Flag of Japan.svg Giappone 13
7 Toro Rosso Ferrari Flag of Italy.svg Italia 8
8 Honda Flag of Japan.svg Giappone 6
9 Super Aguri Honda Flag of Japan.svg Giappone 4
10 Spyker Ferrari Flag of the Netherlands.svg Paesi Bassi – Flag of Italy.svg Italia 1
11 McLaren Mercedes Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito 0[1]
  1. Punti azzerati in seguito alla sentenza FIA nelle indagini sulla vicenda spy-story.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 7, 2007

Formula 1, Gran Premio di Cina 2007: Hamilton fuori, vince Räikkönen e il mondiale si riapre

Filed under: Asia,Cina,Formula Uno,Formula Uno 2007,Pubblicati,Sport — admin @ 5:00 am

Formula 1, Gran Premio di Cina 2007: Hamilton fuori, vince Räikkönen e il mondiale si riapre

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 7 ottobre 2007

GrandPrix Circuit China 2006.svg

clicca per ingrandire
Gran premio di Cina di Formula 1™

Lunghezza 5,451 km
Numero di giri 56
Totale 305,066 km

A sorpresa, la corsa al mondiale piloti di Formula Uno 2007 si riapre: Louis Hamilton, il pilota della McLaren che sembrava a un passo dalla vittoria definitiva, esce di gara al giro 31, e regala il podio ai suoi diretti avversari. Primo giunge Kimi Räikkönen, seguito da Fernando Alonso e da Felipe Massa.

Adesso, con una sola gara ancora da correre, il mondiale è tutt’altro che chiuso. Hamilton rimane primo nella classifica piloti, ma adesso Alonso è a sole quattro lunghezze, mentre Raikkonen è a -7 dal leader. Sorprese anche oltre il podio: al quarto posto si piazza la Toro Rosso di Sebastian Vettel, seguito da Jenson Button, su Honda, e da Vitantonio Liuzzi, sempre su Toro Rosso. Con il quarto e il sesto posto, la Toro Rosso, che montano un motore Ferrari, scavalca tutte la altre piccole avversarie, e passa dall’ultimo al settimo posto.

Ma quel che ha sorpreso di più è stato l’errore che ha deciso la gara, ed è tutto del giovane pilota inglese: in pista con le gomme intermedie e l’asfalto asciutto, in vista del pit stop, Hamilton ha dato il massimo, ma con le gomme deteriorate non è facile rimanere in pista, e infatti non ci è riuscito. Il biondo finlandese della Ferrari, Räikkönen lo aveva già sorpassato approfittando proprio dell’errore con le gomme e stava già volando verso la vittoria. A Hamilton sarebbe bastato anche un terzo posto per mettere una seria ipoteca sul mondiale, invece ha guidato in modo incosciente (a trecento chilometri all’ora le gomme deteriorate possono esplodere), e la fortuna non l’ha aiutato. Il britannico è finito sulla ghiaia ed è stato costretto al ritiro perché la gru non ha potuto rimettere la vettura in pista (come al contrario era già accaduto in un altro G.P.).

Vince Räikkönen, davanti ad Alonso e Massa, e il campionato del mondo è riaperto. Hamilton ha 107 punti, Alonso 103, Raikkonen 100, e gli scenari che si profilano davanti ai tre piloti in Brasile sono molti. Hamilton è in vantaggio per quanto riguarda i punti del mondiale, ma è ultimo quanto a gran premi vinti. Il primo, nella classifica che decide il campionato in caso di parità, è Raikkonen, con cinque gran premi vinti, seguito da Alonso, con quattro, mentre Hamiton ne ha solo tre. Insomma, tutto è possibile quando, in Brasile, fra quindici giorni, si correrà l’ultima gara della stagione. Per gli appassionati, e per gli sponsor, si tratta di un ritorno al passato con un grande precedente: l’ultima volta che tre piloti si sono disputati il mondiale all’ultima gara è stato nel 1986, ma all’epoca in pista a giocarsi il titolo c’erano Nelson Piquet, Nigel Mansell e Alain Prost. La gara la vinse Prost, superando nella classifica piloti, il driver della William Mansell, leader fino a quel momento e che non arrivò a punti. Il precedente favorisce la McLaren, l’auto che guidava Prost, ma in una stagione delle sorprese, come quella che si sta chiudendo, tutto è ancora da scrivere.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 26, 2007

Formula 1, Gran Premio di Turchia 2007, doppietta per la Ferrari

Formula 1, Gran Premio di Turchia 2007, doppietta per la Ferrari

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Istanbul, domenica 26 agosto 2007

GrandPrix Circuit Turkey 2006.svg

clicca per ingrandire
Gran premio di Turchia di Formula 1™

Lunghezza 5,34 km
Numero di giri 58
Totale 309,356 km

Doppietta per la Ferrari in Turchia: i piloti della scuderia del cavallino rampante, infatti, si sono aggiudicati il primo e il secondo posto, seguiti da Fernando Alonso su McLaren Mercedes. Quarto posto per Nick Heidfeld con la BMW Sauber, davanti a Lewis Hamilton con la McLaren, che continua a guidare la classifica iridata.

Ottima la prova delle Ferrari: Felipe Massa, partito in pole position, è riuscito a rimanere in testa alla gara sino alla fine, mentre il suo compagno di squadra, il finlandese Kimi Raikkonen, è riuscito a superare Hamilton alla partenza, approfittando anche della pista gommata. Buona anche la prova di Alonso che dopo la partenza si era ritrovato sesto.

La doppietta ridà speranze di vittoria iridata alla scuderia di Maranello: ridotto il distacco con le frecce d’argento, che guidano comunque la classifica costruttori con 148 punti, mentre le Ferrari inseguono con 137 punti. Per quanto riguarda la classifica piloti, conduce sempre Hamilton, con 84 punti, secondo Alonso a 5 punti di distanza. Massa, con 70 punti, scavalca Raikkonen, che si trova quarto con 69 punti.

La prossima gara si svolgerà in Italia, a Monza, il 9 settembre.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 22, 2007

Automobilismo, Formula 1: Alonso vince il G.P. d\’Europa

Automobilismo, Formula 1: Alonso vince il G.P. d’Europa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 22 luglio 2007

Vittoria dello spagnolo Fernando Alonso su McLaren nel G.P. d’Europa di Formula 1, in programma sul circuito tedesco del Nürburgring.

Fernando Alonso

Una gara contraddistinta dalla pioggia battente in varie fasi del circuito ha comportato un rivoluzionamento completo della classifica finale: partite in testa le due Ferrari (rispettivamente Räikkönen, in pole-position, e Massa), subito al primo giro la pioggia ha provocato l’uscita di pista di vari piloti, tra cui il capoclassifica del campionato, il britannico Lewis Hamilton sull’altra McLaren. A seguito di ciò l’organizzazione di corsa ha esposto la bandiera rossa e la gara è stata fermata mentre, a sorpresa, era in testa l’esordiente tedesco Markus Winkelhock (figlio dello scomparso pilota Manfred).

Alla ripartenza, Massa e Alonso hanno subito sorpassato l’inesperto e provvisorio leader della gara, e pochi giri più tardi anche Räikkönen, nel frattempo scivolato al quinto posto per il gioco dei cambi ai box e risalito faticosamente dopo aver avuto ragione dell’ostico connazionale Kovalainen (Renault), si è riaccodato al duo di testa, ma un problema idraulico lo ha tuttavia tolto di gara a 24 giri dal termine. Stante la posizione di retrovia di Hamilton, il duello Ferrari-McLaren si è ridotto ai due piloti di testa Massa-Alonso. Lo spagnolo, dopo il quarto pit stop e un ulteriore piovasco, è riuscito – non senza polemiche per un contatto giudicato da Massa al limite del regolamento – a sorpassare il brasiliano a 6 giri dal termine e portare a casa 10 punti. Alle spalle dei due contendenti, un sorprendente Mark Webber, australiano della Red Bull e autore di una gara regolare e senza errori, è riuscito a chiudere al terzo posto e salire sul podio.

Hamilton, nono, non ha preso punti e adesso in classifica mondiale rimane fermo a 70 punti e si vede avvicinare in maniera significativa dal suo compagno di squadra Alonso che va a 68. Felipe Massa, con gli 8 punti della gara odierna, si attesta a 59. Räikkönen, anch’egli senza punti, rimane a 52 punti e perde una posizione a vantaggio di Massa.

La singolarità di giornata è stata vedere l’ex pilota tedesco – e attualmente tuttora uomo-Ferrari – Michael Schumacher consegnare il primo premio ad Alonso, appartenente alla scuderia rivale della McLaren, impegnata proprio contro la stessa Ferrari in un contenzioso disciplinare e giudiziario a causa delle accuse di presunto spionaggio industriale ai danni della scuderia italiana.

Ordine d’arrivo

  1. Flag of Spain.svg F. Alonso (McLaren) in 2h 06’ 26” 358
  2. Flag of Brazil.svg F. Massa (Ferrari) a 8” 120
  3. Flag of Australia.svg M. Webber (Red Bull) a 1’ 05” 630
  4. Flag of Austria.svg A. Wurz (Williams) a 1’ 05” 940
  5. Flag of the United Kingdom.svg D. Coulthard (Red Bull) a 1’ 13” 650
  6. Flag of Germany.svg N. Heidfeld (Sauber-BMW) a 1’ 20” 260
  7. Flag of Poland (bordered).svg R. Kubica (Sauber-BMW) a 1’ 22” 470
  8. Flag of Finland (bordered).svg H. Kovalainen (Renault) a 1 giro
  9. Flag of the United Kingdom.svg L. Hamilton (McLaren) a 1 giro
  10. Flag of Italy.svg G. Fisichella (Renault) a 1 giro
  11. Flag of Brazil.svg R. Barrichello (Honda) a 1 giro
  12. Flag of the United Kingdom.svg A. Davidson (Super Aguri), a 1 giro
  13. Flag of Italy.svg J. Trulli (Toyota), a 1 giro
  14. Flag of Finland (bordered).svg K. Räikkönen (Ferrari), ritirato a 24 giri dal termine
  15. Flag of Japan (bordered).svg T. Satō (Super Aguri), ritirato a 40 giri dal termine
  16. Flag of Germany.svg R. Schumacher (Toyota), ritirato a 41 giri dal termine
  17. Flag of Germany.svg M. Winkelhok (Spyker), ritirato a 47 giri dal termine
  18. Flag of Italy.svg V. Liuzzi (Toro Rosso), ritirato a 58 giri dal termine
  19. Flag of Germany.svg N. Rosberg (Williams), ritirato a 58 giri dal termine
  20. Flag of the United States.svg S. Speed (Toro Rosso), ritirato a 58 giri dal termine
  21. Flag of Germany.svg A. Sutil (Spyker), ritirato a 58 giri dal termine
  22. Flag of the United Kingdom.svg J. Button (Honda), ritirato a 58 giri dal termine

Classifica campionato del mondo piloti

  • 70 Flag of the United Kingdom.svg L. Hamilton
  • 68 Flag of Spain.svg F. Alonso
  • 59 Flag of Brazil.svg F. Massa
  • 52 Flag of Finland (bordered).svg K. Räikkönen
  • 36 Flag of Germany.svg N. Heidfeld
  • 24 Flag of Poland (bordered).svg R. Kubica
  • 17 Flag of Italy.svg G. Fisichella
  • 15 Flag of Finland (bordered).svg H. Kovalainen
  • 13 Flag of Austria.svg A. Wurz
  •  8 Flag of Australia.svg M. Webber
  •  8 Flag of the United Kingdom.svg D. Coulthard
  •  7 Flag of Italy.svg J. Trulli
  •  5 Flag of Germany.svg N. Rosberg
  •  4 Flag of Japan (bordered).svg T. Satō
  •  2 Flag of Germany.svg R. Schumacher
  •  1 Flag of Germany.svg S. Vettel
  •  1 Flag of the United Kingdom.svg J. Button

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 1, 2007

Automobilismo, Formula 1: le Ferrari ai primi due posti nel G.P. di Francia

Automobilismo, Formula 1: le Ferrari ai primi due posti nel G.P. di Francia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 1 luglio 2007
Doppietta Ferrari al G.P. di Francia di Formula 1, in programma sul circuito di Magny-Cours.

Kimi Räikkönen

Il finlandese Kimi Räikkönen ha tagliato il traguardo per primo, precedendo il compagno di scuderia, il brasiliano Felipe Massa di poco più di 2 secondi. Terzo si è piazzato il britannico Lewis Hamilton (McLaren), giunto a circa mezzo minuto dalla coppia ferrarista.

Il pilota campione del mondo, lo spagnolo Fernando Alonso, sull’altra McLaren, si è piazzato al 7° posto dopo una gara condotta interamente nelle retrovie: partito 10° in griglia, ha guadagnato alla prima curva 2 posizioni grazie a un incidente che ha visto coinvolti gli italiani Trulli (su Toyota) e Liuzzi (su Toro Rosso), ma ha dovuto faticare molto per sorpassare il tedesco Heidfeld (Sauber-BMW). Una volta settimo, nel finale non è riuscito ad aver ragione dell’unico italiano rimasto in gara, Giancarlo Fisichella su Renault.

Tornando alle posizioni di testa, la griglia di partenza vedeva il ferrarista Massa in pole-position, con Hamilton al suo fianco e Räikkönen in terza posizione, dietro alla vettura di Massa. Una partenza senza errori del finlandese gli ha permesso di mettersi in scia al suo compagno e scavalcare subito Hamilton, che alla prima curva era già terzo. Successivamente il pilota britannico si accontentava del terzo posto, utile a mantenere la testa della classifica, e Räikkönen, dopo il secondo pit-stop, approfittando di un rallentamento di Massa dovuto ai doppiaggi in pista, è uscito dalla corsia dei box per primo al 46° dei 70 giri previsti e ha mantenuto la posizione per tutti i 24 giri che mancavano al termine della gara.

Hanno tagliato il traguardo 17 delle 22 vetture in gara. A parte i citati Liuzzi e Trulli, protagonisti dell’incidente al primo giro che ha visto coinvolto anche il britannico Davidson su Super Aguri, ritiratosi anch’egli, lo statunitense Scott Speed ha abbandonato la gara al 55° giro per un guasto al cambio, che lo ha costretto a un parcheggio d’emergenza su una via di fuga in ghiaia lungo un rettilineo. Il ritiro più spettacolare – e potenzialmente pericoloso – di giornata è stato quello di Chris Albers, su Spyker: mentre era ai box per il rifornimento nel corso del 29° giro, il pilota olandese è ripartito senza attendere il via libera dal meccanico che manovra la paletta-semaforo: il bocchettone di rifornimento carburante è rimasto attaccato alla presa della benzina e la vettura ha trascinato via tutto il tubo di rifornimento, il quale per puro caso non ha colpito in maniera grave alcun meccanico.

La classifica del campionato del mondo piloti di Formula 1 vede sempre in testa Hamilton con 60 punti; rallenta Alonso, che guadagna solo 2 punti e si attesta a 50; Massa, con gli 8 punti del secondo posto sale a 47. Passo avanti di Räikkönen che accorcia il distacco con il trio di testa e va a 42, consolidando la quarta posizione. Nella classifica costruttori, la McLaren va a 110 punti e la Ferrari, con la doppietta odierna, riduce di poco le distanze e sale a 89 punti. Terza forza si conferma la Sauber-BMW, a 47 punti.

Ordine d’arrivo

  1. Flag of Finland (bordered).svg K. Räikkönen (Ferrari) in 1h 30’ 54” 200
  2. Flag of Brazil.svg F. Massa (Ferrari) a 2” 420
  3. Flag of the United Kingdom.svg L. Hamilton (McLaren) a 32” 120
  4. Flag of Poland (bordered).svg R. Kubica (Sauber-BMW) a 41” 740
  5. Flag of Germany.svg N. Heidfeld (Sauber-BMW) a 48” 850
  6. Flag of Italy.svg G. Fisichella (Renault) a 52” 260
  7. Flag of Spain.svg F. Alonso (McLaren) a 56” 570
  8. Flag of the United Kingdom.svg J. Button (Honda) a 58” 580
  9. Flag of Germany.svg N. Rosberg (Williams) a 1’ 8” 580
  10. Flag of Germany.svg R. Schumacher (Toyota) a 1 giro
  11. Flag of Brazil.svg R. Barrichello (Honda) a 1 giro
  12. Flag of Australia.svg M. Webber (Red Bull) a 1 giro
  13. Flag of the United Kingdom.svg D. Coulthard (Red Bull) a 1 giro
  14. Flag of Austria.svg A. Wurz (Williams) a 1 giro
  15. Flag of Finland (bordered).svg H. Kovalainen (Renault) a 1 giro
  16. Flag of Japan (bordered).svg T. Satō (Super Aguri) a 2 giri
  17. Flag of Germany.svg A. Sutil (Spyker) a 2 giri
  18. Flag of the United States.svg S. Speed (Toro Rosso), ritirato a 15 giri dal termine
  19. Flag of the Netherlands.svg C. Albers (Spyker), ritirato a 41 giri dal termine
  20. Flag of the United Kingdom.svg A. Davidson (Super Aguri), ritirato a 69 giri dal termine
  21. Flag of Italy.svg J. Trulli (Toyota), ritirato a 69 giri dal termine
  22. Flag of Italy.svg V. Liuzzi (Toro Rosso), ritirato a 70 giri dal termine

Classifica campionato del mondo piloti

  • 64 Flag of the United Kingdom.svg L. Hamilton
  • 50 Flag of Spain.svg F. Alonso
  • 47 Flag of Finland (bordered).svg K. Räikkönen
  • 42 Flag of Brazil.svg F. Massa
  • 30 Flag of Germany.svg N. Heidfeld
  • 17 Flag of Poland (bordered).svg R. Kubica
  • 16 Flag of Italy.svg G. Fisichella
  • 12 Flag of Finland (bordered).svg H. Kovalainen
  •  8 Flag of Austria.svg A. Wurz
  •  7 Flag of Italy.svg J. Trulli
  •  5 Flag of Germany.svg N. Rosberg
  •  4 Flag of the United Kingdom.svg D. Coulthard
  •  4 Flag of Japan (bordered).svg T. Satō
  •  2 Flag of Germany.svg R. Schumacher
  •  2 Flag of Australia.svg M. Webber
  •  1 Flag of Germany.svg S. Vettel
  •  1 Flag of the United Kingdom.svg J. Button

Classifica campionato del mondo costruttori

  • 114 Flag of the United Kingdom.svg McLaren
  •  89 Flag of Italy.svg Ferrari
  •  48 Flag of Germany.svg Sauber-BMW
  •  28 Flag of France.svg Renault
  •  13 Flag of the United Kingdom.svg Williams
  •   9 Flag of Germany.svg Toyota
  •   6 Flag of Austria.svg Red Bull
  •   4 Flag of Japan (bordered).svg Super Aguri
  •   1 Flag of the United Kingdom.svg Honda

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 10, 2007

Automobilismo, Formula 1: grave incidente a Kubica

Automobilismo, Formula 1: grave incidente a Kubica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 10 giugno 2007

Robert Kubica, pilota coinvolto nel drammatico incidente durante il Gran Premio del Canada.

Spettacolare incidente durante il Gran Premio del Canada di questa sera: al 27mo giro il pilota polacco Robert Kubica ha subito un grave incidente, che tuttavia non lo ha reso in gravi condizioni, come si era creduto in origine.

Il pilota stava tentando di sorpassare una Toyota in una fase convulsa della gara, dopo l’entrata ai box della Safety Car, sul percorso successivamente all’incidente del pilota Spyker Sutil.

La BMW del giovane pilota ha toccato le ruote della Toyota, perdendo così il controllo della sua auto e finendo fuori pista, iniziando un pericoloso volo. L’auto ha urtato prima la Toro Rosso di Speed (già ferma dai primi giri, parcheggiata a bordo pista), poi frontalmente le barriere per ribaltarsi successivamente diverse volte a gran velocità sul tracciato e terminando la sua corsa contro il guad rail sulla sinistra. La vettura è risultata quasi completamente distrutta: intatta solo la barra e la cellula di sicurezza, dove il pilota era alloggiato.

Si è temuto per diversi minuti per la vita del pilota, che non si muoveva nei secondi immediatamente successivi all’incidente: pronti i soccorsi, che hanno liberato Kubica dalla vettura e lo hanno trasportato al centro medico della pista. Il pilota sarebbe vivo e cosciente, e ha affermato di soffrire un leggero dolore al piede. In ogni caso, è stato trasportato in elicottero presso l’ospedale più vicino a Monteral.

Per la cronaca, il Gran Premio è andato a Lewis Hamilton (McLaren, prima vittoria), seguito da Heidfeld (compagno di Kubica) e Wurz (Williams). Molte le neutralizzazioni con Safety Car e due squalifiche per Fisichella e Massa.

Fonti[]

  • Diretta dell’evento su Rai 1

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 13, 2007

Automobilismo, Formula 1: Vittoria di Massa a Barcellona

Filed under: Formula Uno 2007,Pubblicati,Spagna,Sport — admin @ 5:00 am

Automobilismo, Formula 1: Vittoria di Massa a Barcellona

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 13 maggio 2007

Felipe Massa

Felipe Massa è il vincitore del Gran Premio di Spagna, il quarto del campionato mondiale di Formula 1.

Secondo posto per Lewis Hamilton e terzo per Fernando Alonso, entrambi della scuderia McLaren.

Quarto invece Kubica, della Bmw. Il quinto posto è per David Coulthard della Reb Bull davanti a Rosberg.

Il nono posto è di Giancarlo Fisichella.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 15, 2007

Automobilismo, Formula 1: Massa vince il G.P. del Bahrain

Filed under: Asia,Bahrain,Formula Uno 2007,Pubblicati,Sport — admin @ 5:00 am

Automobilismo, Formula 1: Massa vince il G.P. del Bahrain

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 15 aprile 2007
Nel Gran Premio del Bahrain, di Formula 1, di oggi il vincitore è stato il ferrarista Felipe Massa. Al secondo posto si è piazzato Lewis Hamilton, pilota inglese con la McLaren e terzo il finlandese Kimi Raikkonen, con la Ferrari. In questa gara non si è festeggiato con lo spumante, poiché la tradizione islamica vieta la vendita o il consumo di alcol.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 29, 2006

Automobilismo, Formula 1: Calendario 2007, niente G.P. di San Marino e d\’Europa

Automobilismo, Formula 1: Calendario 2007, niente G.P. di San Marino e d’Europa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì  29 agosto 2006

La Federazione Internazionale di Formula 1 (FIA) ha deciso di cancellare i Gran Premi di San Marino e d’Europa, che si disputavano a Imola e Nürburgring. Dunque anche le nazioni che ospitavano in precedenza due Gran Premi (ovvero Italia e Germania) adesso avranno la possibilità di ospitarne uno solo. Per Imola si tratta di una uscita di scena definitiva, poiché difficilmente riuscirà ad ospitare il gran Premio d’Italia che si corre a Monza, mentre per Nürburgring la speranza c’è, in quanto si prevede di fare una alternanza con Hockenheim, visto che il tracciato del Gp d’Europa è stato recentemente messo a nuovo.

Le gare da disputare saranno però 17, in quanto è stata riammessa anche la gara di Spa, ovvero il Gran Premio del Belgio, escluso nella stagione in corso, formata, invece, da 18 gare.

Ecco di seguito il calendario completo per il prossimo anno: si ricomincia, com’è consuetudine in Australia il 18 marzo (anche se quest’anno l’apertura è stata in Bahrein, in quanto l’Australia ospitava i giochi del Commonwealth), mentre la chiusura è prevista in Brasile il 21 ottobre.

Australia 18 marzo
Malesia 8 aprile
Bahrain 15 aprile
Spagna 13 maggio
Principato di Monaco 27 maggio
Canada 10 giugno
USA 17 giugno
Francia 1 luglio
Gran Bretagna 8 luglio
Germania 22 luglio
Ungheria 5 agosto
Turchia 26 agosto
Italia 9 settembre
Belgio 16 settembre
Cina 30 settembre
Giappone 7 ottobre
Brasile 21 ottobre

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress