Wiki Actu it

May 2, 2011

Pakistan: ucciso Osama bin Laden

Pakistan: ucciso Osama bin Laden – Wikinotizie

Pakistan: ucciso Osama bin Laden

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 2 maggio 2011

Osama bin Laden

Il presidente Obama annuncia l’uccisione di Bin Landen. [EN] (9’27”)

A quasi 10 anni dagli attentati dell’11 settembre 2001, il leader di Al-Qaeda Osama bin Laden è stato ucciso dalle forze militari statunitensi nella città pakistana di Abbottabad, 75 km a nord della capitale Islamabad, con un colpo alla testa. L’annuncio è stato dato nella notte fra il 1º maggio e il 2 maggio secondo il fuso orario statunitense, dal presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama in diretta televisiva.

L’azione militare è stata condotta da truppe di terra statunitensi; la partecipazione di soldati pakistani, di cui si era inizialmente parlato, è stata poi smentita sia da fonti statunitensi che pakistane. Nell’azione sarebbero morti altri membri della sua famiglia. Il cadavere del terrorista più ricercato al mondo sarebbe poi stato seppellito in mare, andando contro ai precetti dell’Islam che prevedono che il cadavere di un defunto debba essere seppellito sotto terra con la testa rivolta verso La Mecca.

In seguito all’annuncio del presidente Obama, numerose folle si sono riversate per le strade negli Stati Uniti intonando cori, cantando l’inno americano e sventolando la bandiera nazionale.

Piuttosto unanimi le reazioni di giubilo dei vari governi nazionali, mentre il Vaticano, per mano del suo direttore della sala stampa padre Federico Lombardi, sottolinea come di fronte alla morte di un uomo un cristiano non possa mai rallegrarsi, “ma riflette sulle gravi responsabilità di ognuno davanti a Dio e agli uomini e spera e si impegna perché ogni evento non sia occasione di una crescita ulteriore dell’odio, ma della pace”.


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Pakistan.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 20, 2008

Bin Laden lancia minacce per l\’UE e per il Papa

Bin Laden lancia minacce per l’UE e per il Papa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 20 marzo 2008

L’introvabile sceicco del terrore, il capo di Al-Qaida Osama bin Laden, alla vigilia del quinto anniversario della guerra in Iraq fa sentire nuovamente la sua voce.

Della durata di circa cinque minuti, apparso su un sito internet che già in passato aveva pubblicato materiale di Al-Qaida, sotto il titolo di «La risposta sarà ciò che vedete, non quello che sentite», il messaggio contiene una minaccia di «grave punizione» per l’Unione Europea, colpevole di aver ripubblicato le vignette satiriche su Maometto.

Le invettive di Bin Laden non risparmiano neppure papa Benedetto XVI, complice a suo avviso, di essere a capo di una crociata anti-islamica.

L’ultimo suo messaggio risaliva al 29 novembre scorso quando aveva sollecitato i paesi europei a ritirare le loro truppe dall’Afghanistan.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 11, 2007

Bin Laden: secondo video in pochi giorni

Bin Laden: secondo video in pochi giorni

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 11 settembre 2007
La CNN ha rivelato che Osama bin Laden è ricomparso in un video diffuso oggi, nel sesto anniversario delle stragi delll’11 settembre, a pochi giorni di distanza dal video che segnava il ritorno di bin Laden dopo tre anni. Il sito “as-Sahab” aveva annunciato già ieri l’uscita del documento.

In questo video, della durata di poco più di 47 minuti, lo sceicco del terrore elogia, nei primi 15 minuti, il terrorista Waleed al Sheri che si trovava sul volo numero 11 della American Airlines che colpì la Torre Nord del World Trade Center, definendolo «una rarità fra gli uomini». La prima parte di questo video consiste in un fermo immagine (simile a un fotogramma dell’ultimo video), accompagnato dall’audio.

Il resto del filmato mostra al Sheri, al fianco di bin Laden, in una specie di testamento spirituale del terrorista. Al momento, gli esperti non sono ancora in grado di stabilire se il documento sia autentico o meno.

Fonte

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 7, 2007

Nuovo video di Osama bin Laden

Nuovo video di Osama bin Laden – Wikinotizie

Nuovo video di Osama bin Laden

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 7 settembre 2007
L’emittente televisiva Al Jazeera ha trasmesso il nuovo video di Osama bin Laden, della durata di circa 30 minuti, di cui il sito Al- Sahab aveva precedentemente mostrato in rete un fotogramma. Il video è stato diffuso in vista del sesto anniversario degli attentati delll’11 settembre 2001.

Nel video, di cui gli esperti americani stanno valutando l’autenticità, Osama bin Laden fa dei riferimenti al neo-presidente francese Nicolas Sarkozy e loda il linguista Noam Chomsky.

Bin Laden appare per la prima volta dopo circa 3 anni; l’ultimo video risale infatti al 29 ottobre 2004, pochi giorni prima delle elezioni presidenziali statunitensi, mentre nel 2006 erano stati diffusi degli audio attribuiti al signore del terrore.

Intanto il direttore della CIA, Michael Hayden, ha rivelato che Al Qaeda sta organizzando nuovi attentati terroristici. Negli scorsi giorni sono stati degli attentati in Danimarca e Germania.

Articoli correlati

Fonte

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 23, 2006

Secondo un\’informativa dei servizi francesi, Bin Laden sarebbe morto di tifo

Secondo un’informativa dei servizi francesi, Bin Laden sarebbe morto di tifo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 23 settembre 2006
Da indiscrezioni trapelate dagli ambienti dei servizi segreti francesi, Bin Laden sarebbe morto; lo rivela la stampa francese, affermando che Osāma bin Lāden sarebbe morto il 23 agosto scorso di tifo, complice l’isolamento dovuto allo stato d’assedio provocato dalla caccia all’uomo che prosegue incessantemente dal dicembre del 2001 nella regione tra il Pakistan e l’Afghanistan.

Bin Laden sarebbe stato colpito dalla malattia, che lo avrebbe paralizzato. Allo sceicco del terrore non sarebbero state praticate le necessarie cure a causa dell’impossibilità di giungere in strutture adatte. La notizia è stata pubblicata dal giornale regionale francese “L’Est Republicaine”, che ha affermato di giudicare “solitamente” attendibile la fonte, aggiungendo che i servizi segreti sauditi avrebbero ricevuto le prime notizie il 4 settembre scorso, e stanno cercando il luogo della sepoltura per poterne confermare la morte.

Se queste informazioni si rivelassero esatte si avrebbe anche la conferma che lo sceicco, leader di Al Qaeda, fosse nascosto ancora in quella regione. Tuttavia, da quando è scattata la caccia all’uomo, Bin Laden è stato più volte dato per morto, ma è sempre ritornato con messaggi audio e video, l’ultimo dei quali nel 2004. Negli ultimi mesi, sono giunti messaggi audio di bassa qualità.

Una parziale conferma delle notizie è arrivata dal Ministero della difesa francese, che pur non confermando le ipotesi, ha aperto un’inchiesta sulla fuga di notizie. Il Pakistan, intanto, ha affermato di non avere ricevuto alcuna informativa in tal senso.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 23, 2006

Bin Laden: nuovo messaggio audio

Bin Laden: nuovo messaggio audio – Wikinotizie

Bin Laden: nuovo messaggio audio

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

23 aprile 2006

La televisione araba Al Jazeera ha trasmesso un audiomessaggio di Osama Bin Laden, nel corso del quale lo sceicco ha affermato che l’occidente sta attuando “una vera e propria crociata sionista contro i musulmani”, come avrebbe dimostrato con la decisione di “tagliare i fondi al governo palestinese di Hamas”.

Netto l’appello rivolto «ai mujahidin e ai loro sostenitori perché preparino una lunga guerra» contro le forze delle Nazioni Unite, paragonate a “saccheggiatori crociati del Sudan occidentale”. Bin Laden è anche intervenuto sull’episodio delle vignette satiriche pubblicate a febbraio in Danimarca, giudicate “blasfeme” in molti Paesi islamici, invitando i musulmani a boicottare economicamente l’occidente.

Notizie precedenti

Fonte

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 19, 2006

Trasmesso messaggio audio di Bin Laden

Trasmesso messaggio audio di Bin Laden – Wikinotizie

Trasmesso messaggio audio di Bin Laden

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

19 gennaio 2006

La televisione araba al-Jazeera ha trasmesso un messaggio audio registrato di Osama Bin Laden, leader di Al-Qaeda. Nel messaggio ha offerto una tregua a lungo termine per poter ricostruire l’Iraq e l’Afghanistan e ha avvertito che stanno organizzando nuovi attacchi contro gli Stati Uniti d’America.

Ecco alcuni passi del messaggio:

« L’intensificazione delle misure di sicurezza negli Stati Uniti non sono il motivo del fatto che non ci sono più stati attacchi suicidi dopo l’11 settembre 2001, infatti ci sono delle operazioni in via di preparazione e le vedrete presto. Questo perché è meglio non combattere i Musulmani nella loro terra e proponiamo una tregua a lungo termine per poter ricostruire l’Iraq e l’Afghanistan. La cosa orribile è che questa soluzione ci impedisce di far sprecare miliardi di dollari ai commercianti della guerra. Con questo voglio dire che la guerra contro l’America e i suoi alleati non sarà limitata all’Iraq. L’Iraq è diventato come in un magnete per attrarre e addestrare combattenti di talento. Operazioni simili avverranno anche in America, è solo questione di tempo. Sono in fase di progettazione e le vedrete nel cuore della vostra terra non appena saranno ultimate.»

«Questo messaggio è circa le guerre in Iraq e Afghanistan e come concluderle. Non era mia intenzione parlarne con voi dato che queste guerre stanno volgendo definitivamente a nostro favore. Ma la cosa che ha innescato il mio desiderio di comunicare con voi è la continua e deliberata disinformazione da parte del vostro presidente Bush, mentre guardando i sondaggi nel vostro paese si rileva che la maggior parte della vostra gente è disposta a ritirare le armate USA dall’Iraq.»

«Se il vostro desiderio di pace, stabilità e riconciliazione è sincero, qui rispondiamo alla vostra richiesta. Voglio ricordarvi che tutto sta piegando a nostro vantaggio e che il numero dei vostri morti sta aumentando, secondo quanto risulta al Pentagono. Le nuove operazioni di Al-Qaida non sono avvenute non perché non potremmo penetrare le misure di sicurezza. Sono in preparazione e le vedrete molto presto nella vostra patria. Ricordo ancora che proponiamo di stabilire una tregua a lungo termine tra noi e voi. »

(Osama Bin Laden)

Le analisi sulla voce effettuate dalla CIA, a confronto con le precedenti registrazioni, hanno confermato che è un nastro autentico e che è la voce di Bin Laden.

Michael Scheuer, capo della divisione della CIA su Bin Laden, afferma che il messaggio «dimostra 2 cose: che non è morto e che, nonostante tutto ciò che diciamo a proposito del suo isolamento, domina chiaramente i media internazionali a suo piacimento.»

Judith Yaphe, analista della CIA per il Medio Oriente ora all’Università per la Difesa Nazionale a Washington, è dell’idea che Bin Laden «sta dicendo che qualsiasi misura noi abbiamo preso non gli ha creato problemi. Sta assicurando la gente che è vivo e vegeto.»

Nessuna condizione è stata posta alla tregua nella porzione del messaggio divulgata.

Al-Jazeera ha aggiunto che il video fu registrato durante il mese santo Musulmano, nel dicembre 2005.

Fonti

Wikinews

Questo articolo, o parte di esso, deriva da una traduzione di Al Jazeera airs new Osama Bin Laden tape, pubblicato su Wikinews in lingua inglese.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress