Myanmar: grandi manifestazioni contro la giunta militare

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 24 settembre 2007

Flag of Myanmar.svg

Segui lo speciale Crisi in Myanmar 2007
su Wikinotizie.

Il Myanmar (ex Birmania)

In Myanmar (ex Birmania) in numerose città si stanno svolgendo varie manifestazioni di protesta guidate dai monaci buddisti. Le proteste sono dirette contro la giunta militare che da oltre quindici anni governa lo stato con una dittatura considerata tra le più feroci.

Le proteste, le più grandi da quando nel 1990 la giunta ha rifiutato l’esito delle elezioni democratiche mettendo fuori legge i principali partiti, vertono anche in questo caso sull’introduzione della democrazia, e si sono accese a causa del recente aumento dei prezzi (in particolare del carburante) in un paese estremamente povero. I monaci buddisti, infrangendo l’ordine di rientrare nei monasteri, stanno capeggiando numerose manifestazioni pacifiche, caratterizzate dalla preghiera, che sembra abbiano raccolto oltre 300mila persone in più di venti città.

Il governo militare del Myanmar annuncia che prenderà provvedimenti, ed in passato ha solitamente represso con la violenza ogni manifestazione.

Le manifestazioni da alcuni giorni sono guardate con attenzione da vari capi di stato, ed in particolare il segretario di Stato americano Condoleezza Rice ha espresso attenzione e supporto alle richieste di democrazia provenienti dalla Birmania.

Fonte[]