Wiki Actu it

September 5, 2018

Altro autobus incendiato a Roma

Filed under: Disastri e incidenti,Europa,Incendi,Italia,Lazio,Pubblicati,Roma — admin @ 5:00 am

Altro autobus incendiato a Roma – Wikinotizie

Altro autobus incendiato a Roma

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

Jump to navigation Jump to search

mercoledì 5 settembre 2018

Wikinotizie di oggi
5 settembre

Collabora con noi
  • Scrivi un articolo
  • Cosa scrivere
  • Come scriverlo
  • Scrivania
  • Portale:Comunità

Interno di un autobus romano

Due sere fa un altro autobus, operato da ATAC, la municipalizzata dei trasporti romana, ha preso fuoco in via Aurelia Antica; la vettura in questione è la 6074, un Mercedes-Benz Citaro che stava rientrando in deposito. È il 28° caso dall’inizio del 2018.

Di seguito è riportata la tabella aggiornata degli autobus ATAC andati a fuoco del 2018:

2018
Data Linea Indirizzo Vettura
1 7 gennaio 63 Piazza di Monte Savello 7564
2 24 gennaio 451 Viale Palmiro Togliatti 4XX
3 2 febbraio 30 Via Marcantonio Colonna 3035
4 21 febbraio 014 Viale Cardinal Ginnasi 6032
5 2 marzo 03 Via di Macchia Palocco 60XX
6 6 marzo 313 Via Prenestina 4XXX
7 13 aprile 409 Via di Portonaccio 466
8 20 aprile 16 Via Volturno 5978
9 8 maggio 63 Via del Tritone 7614
10 06 Viale di Castel Porziano 6172
11 10 maggio 46 Piazza Venezia 7670
12 18 maggio 906 Via Boccea 6150
13 2 giugno 3 Via dei Reti 9210
14 8 giugno 881 Piazza Pio XI 6110
15 30 Viale Giuseppe Mazzini 3106
16 21 giungo // Grande Raccordo Anulare 3049
17 26 giugno 508 Via Roccalumera 5411
18 078 Via Pontina 9771
19 1° luglio 983 Primavalle 3099
20 12 luglio 3-19 Viale Regina Elena 7679
21 17 luglio 907 Via Monti di Primavalle 9517
22 19 luglio 07 Via Litoranea 495
23 24 luglio 791 Viale Guglielmo Marconi 514
24 1° agosto 985 Via della Maglianella 9855
25 10 agosto 046 Via di Carcaricola 8127
26 19 agosto N2 Grande Raccordo Anulare 4316
27 23 agosto 04B Via Sarnico 20XX
28 3 settembre 98 Via Aurelia Antica 6074


Notizie correlate[]

  • Incendio ad Acilia, vittima l’ennesimo autobus romano

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 30, 2018

Crolla a Roma il tetto della chiesa di S. Giuseppe dei falegnami

Crolla a Roma il tetto della chiesa di S. Giuseppe dei falegnami

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

Jump to navigation Jump to search

giovedì 30 agosto 2018

La facciata di San Giuseppe dei Falegnami

Alle ore 15 di oggi 30 agosto 2018 è crollata, a Roma, la volta della chiesa di San Giuseppe dei falegnami, non lontana dal Campidoglio e dai Fori. Fortunatamente al momento del crollo la chiesa era chiusa, di conseguenza non ci si aspettano morti o feriti.

Poco dopo il crollo, i Vigili del Fuoco hanno provveduto alla messa in salvo delle opere d’arte, tra cui “Lo sposalizio delle vergini”, di Orazio Bianchi, “La morte di San Giuseppe”, di Bartolomeo Colombo, e “La natività” di Carlo Maratta. Per quanto riguarda il soffitto, splendida opera del ‘600, sembra irrimediabilmente perduto. Risulta lievemente danneggiato anche il vicino Carcere Mamertino, posto nel seminterrato della chiesa.

Secondo alcune ipotesi, il crollo sarebbe stato causato da alcune infiltrazioni o dal cedimento di una capriata.

In previsione dell’arrivo della stagione autunnale, è stata posta una copertura provvisoria.

Il soffitto crollatto


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 26, 2018

Incendio ad Acilia, vittima l’ennesimo autobus romano

Filed under: Europa,Italia,Lazio,Pubblicati,Roma,Traffico stradale,Trasporti — admin @ 5:00 am

Incendio ad Acilia, vittima l’ennesimo autobus romano

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

Jump to navigation Jump to search

domenica 26 agosto 2018

Mercedes-Benz Citaro di ATAC

Ieri 25 agosto, ad Acilia, in via Sarnico, ha preso fuoco un Irisbus Europolis di ATAC (l’azienda che gestisce buona parte del trasporto pubblico romano, sottoposta alla procedura di concordato preventivo) operante sulla linea 04B. Questo non è il primo autobus del TPL romano a prender fuoco, infatti pochi giorni prima è toccato ad un Iveco CityClass, sempre di ATAC, operante sulla linea N2, sul Grande Raccordo Anulare, ancora prima un Mercedes-Benz Citaro della linea 046 in via di Carcaricola.

Contrariamente a quanto si crede e si dice, questi eventi non sono una “specialità romana”, infatti in molte altre città, italiane e non, è avvenuto un evento simile: ad esempio a Milano, il 21 giugno 2018, un altro Iveco CityClass di ATM (concessionaria del trasporto pubblico milanese) ha preso fuoco in via Viotti, un Mercedes-Benz Citaro di SETA a Modena il 26 aprile 2018, o anche una navetta per l’aeroporto a Londra, presso Stansted, il 31 marzo 2018.

Tornando a Roma, la piaga dei cosiddetti “Flambus” non colpisce solo ATAC, ma anche l’altra azienda che gestisce il servizio su gomma della capitale: Roma TPL, infatti il 1° agosto 2018, un BredaMenarinibus Avancity sulla linea 985 ha preso fuoco in via della Maglianella.

Le cause[]

Sfatando un altro mito, la causa principale di questi incendi non è l’età dei mezzi bensì la loro (mancata) manutenzione, infatti molti incendi colpiscono anche vetture relativamente giovani, considerando che alcuni mezzi superano i 20 anni di servizio.

Si è ipotizzato, basandosi sulla provenienza delle vetture distrutte dalle fiamme, che la causa principale sia il sabotaggio da parte dei meccanici, o degli autisti o di altri dipendenti della municipalizzata. Secondo una mappa, che riporta i 47 flambus dal 2016 al maggio 2018, 12 vetture provenivano dal deposito di Tor Sapienza, seguito a ruota dalla rimessa di Portonaccio (11) e dalla rimessa di Tor Vergata (7), le poche altre vetture provenivano dalle rimesse di Acilia (4), Grottarossa (4), Magliana (3), Tor Pagnotta (3) e Maglianella (3) (Roma TPL). Tuttavia queste osservazioni rimangono pure e semplici speculazioni ad oggi.

I numeri[]

Nel triennio 2016-18 più di 60 vetture, sia di ATAC che di Roma Tpl, hanno preso fuoco, di seguito sono riportate 3 tabelle che mostrano i mezzi andati “flambé” suddivisi per anno:

2016
Data Linea Indirizzo Vettura
1 26 febbraio 60 Largo Sergio Pugliese 3004
2 31 marzo 709 Via Cristoforo Colombo 6007
3 3 aprile 115 Passeggiata del Gianicolo 1754
4 10 maggio N28 Via Casilina 5019
5 1° giugno 495 Via del Muro Torto 3944
6 16 giugno XXX (Roma TPL) Circonvallazione Cornelia 9592
7 2 luglio // Lungotevere in Sassia 7522
8 28 luglio 070 Piazzale Amerigo Vespucci 4178
9 8 agosto 337 Via Nomentana 5206
10 20 settembre 80 Via Virgilio Talli 7666
11 25 settembre C2 Tangenziale Est 7XXX
12 16 novembre 40 Piazza dei Cinquecento 407
13 18 novembre N2 Viale Ferdinando Baldelli 75XX
14 8 dicembre 451 Viale Palmiro Togliatti 8163
2017
Data Linea Indirizzo Vettura
1 5 febbraio 98F Via Marino Mazzacurati 3194
2 14 febbraio 46 Circonvallazione Cornelia 4179
3 25 febbraio N1 Via della Pineta Sacchetti 4XXX
4 9 marzo 86 Via Salaria 5928
5 17 marzo 170 Piazza dei Cinquecento 4454
6 21 marzo 515 Viale John Fitzgerald Kennedy 8188
7 26 marzo 506 Via Tuscolana 8120
8 5 aprile 649 Circonvallazione Tiburtina 7551
9 14 maggio 029 Via della Stazione di Grottarossa 2032
10 26 maggio 20 Via Vincenzo Giudice 462
11 27 maggio 508 Viale Palmiro Togliatti 3751
12 30 maggio 664 Via Appia 8170
13 29 luglio C6 (Roma TPL) Via Cassia 9817
14 6 settembre // (Roma TPL) Via Ipogeo degli Ottavi 9518
15 6 ottobre 500 Via della Sorbona 8159
16 9 ottobre 556 Via Davide Campari 8166
17 19 ottobre // Rimessa Tor Sapienza 4394
18 28 ottobre 714 Piazza dei Cinquecento 481
19 10 novembre 188 Via della Camilluccia 1769
20 18 novembre 46 Via Aurelia 7664
21 28 novembre 509 Via Tuscolana 81XX
22 30 novembre 88 Ponte delle Valli 7574
2018
Data Linea Indirizzo Vettura
1 7 gennaio 63 Piazza di Monte Savello 7564
2 24 gennaio 451 Viale Palmiro Togliatti 4XX
3 2 febbraio 30 Via Marcantonio Colonna 3035
4 21 febbraio 014 Viale Cardinal Ginnasi 6032
5 2 marzo 03 Via di Macchia Palocco 60XX
6 6 marzo 313 Via Prenestina 4XXX
7 13 aprile 409 Via di Portonaccio 466
8 20 aprile 16 Via Volturno 5978
9 8 maggio 63 Via del Tritone 7614
10 06 Viale di Castel Porziano 6172
11 10 maggio 46 Piazza Venezia 7670
12 18 maggio 906 Via Boccea 6150
13 2 giugno 3 (tram) Via dei Reti 9210
14 8 giugno 881 Piazza Pio XI 6110
15 30 Viale Giuseppe Mazzini 3106
16 21 giugno // Grande Raccordo Anulare 3049
17 26 giugno 508 Via Roccalumera 5411
18 078 (Roma TPL) Via Pontina 9771
19 1° luglio 983 Primavalle 3099
20 12 luglio 3-19 (servizio bus sostitutivo) Viale Regina Elena 7679
21 17 luglio 907 (Roma TPL) Via Monti di Primavalle 9517
22 19 luglio 07 Via Litoranea 495
23 24 luglio 791 Viale Guglielmo Marconi 514
24 1° agosto 985 (Roma TPL) Via della Maglianella 9855
25 10 agosto 046 Via di Carcaricola 8127
26 19 agosto N2 Grande Raccordo Anulare 4316
27 23 agosto 04B Via Sarnico 20XX


Notizie correlate[]

  • Autobus vecchi nell’occhio del mirino

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 11, 2016

Roma, mostra: Paolo Salvati e l\’Espressionismo tra colore e sapore

Roma, mostra: Paolo Salvati e l’Espressionismo tra colore e sapore

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 11 luglio 2016

Wikinotizie di oggi
11 luglio
  • Per il presidente dell’Eurogruppo le banche italiane devono risolvere da sole i loro problemi
  • Roma, mostra: Paolo Salvati e l’Espressionismo tra colore e sapore
  • Gli smartphone si potranno smaltire nei negozi
  • Il chitarrista Joe Perry ricoverato d’urgenza
Collabora con noi
  • Scrivi un articolo
  • Cosa scrivere
  • Come scriverlo
  • Scrivania
  • Portale:Comunità

“L’Espressionismo tra colore e sapore, Vita e Opera di Paolo Salvati 1939-2014”, la mostra si è tenuta a Roma giovedì 7 luglio, presso la Sala Di Liegro di Palazzo Valentini, ha ricevuto il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT), della Regione Lazio e di Roma Capitale. L’appuntamento è stato dedicato ad un grande artista e cittadino romano, esattamente a due anni dalla morte di Paolo Salvati, attraverso l’esposizione di tre dipinti significativi per la storia dell’arte moderna e contemporanea come la “Pietra Blu” del 1973, “Albero Blu” del 1982 e “Isabò” del 2010.

Le tematiche delle opere esposte sono il peso dell’esistenza per il dipinto “Pietra Blu” e la speranza per il dipinto “Albero Blu”, nel dipinto intitolato “Isabò” una confessione di arte nel volto della donna, quest’ultima opera appartiene ad una collezione dedicata a bottiglie d’autore.

Il percorso artistico di Paolo Salvati è caratterizzato da una straordinaria diversità di moduli espressivi che spaziano dalla pittura espressionista al ritratto, dal restauro alla liuteria. Si è ispirato a Lorrain, Poussin, Turner, Lautrec, Monet e Van Gogh, pur mantenendo la sensibilità di un artista che si sente figlio del proprio tempo, scevro da formalismi accademici.

Wikiquote

Wikiquote ha una voce su Paolo Salvati.


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 28, 2016

È morto Bud Spencer

È morto Bud Spencer – Wikinotizie

È morto Bud Spencer

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 28 giugno 2016

Bud Spencer

Ieri sera alle 18:15, ad 86 anni, a Roma, è morto l’attore Carlo Pedersoli, alias Bud Spencer. L’ultima parola che ha pronunciato è stata «Grazie» e, stando alle parole del figlio, non ha sofferto.

Era nato a Napoli, il 31 ottobre del 1929. Prima di iniziare a lavorare come attore ha partecipato a numerose competizioni di nuoto vincendo 12 medaglie d’oro e 5 d’argento. Da attore è stato protagonista in numerosi film, anche campioni d’incassi.


Fonti[]

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Bud Spencer.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 22, 2016

Conferito il riconoscimento Altiero Spinelli a Giorgio Napolitano

Conferito il riconoscimento Altiero Spinelli a Giorgio Napolitano

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Roma, 22 gennaio 2016

Wikinotizie di oggi
22 gennaio

Collabora con noi
  • Scrivi un articolo
  • Cosa scrivere
  • Come scriverlo
  • Scrivania
  • Portale:Comunità

Immagine di repertorio di Giorgio Napolitano al Parlamento europeo di Strasburgo

Il Movimento Federalista Europeo oggi ha conferito al Presidente emerito della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano il riconoscimento “Altiero Spinelli ai Costruttori dell’Europa Federale”. La cerimonia si è svolta nella Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani a partire dalle 12:00, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, e sono intervenuti il Presidente del Senato Pietro Grasso, il Presidente del MFE Giorgio Anselmi, infine Giorgio Napolitano.

Dopo il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi (2007), Giorgio Napolitano è la seconda persona a ricevere questo riconoscimento.

La cerimonia[]

L’evento è stato aperto da Pietro grasso, che ha ribadito il proprio rigetto delle idee da lui considerate di arretramento liberale e civile, riferendosi agli eventi recenti di messa in discussione di principi europei come la libera circolazione (Accordi di Schengen). Successivamente ha preso la parola Giorgio Anselmi che ha lodato l’impegno effettivo dimostrato da Giorgio Napolitano per la costruzione d’un Europa Federale politicamente unita, il quale ha affrontato un Unione europea sempre più euroscettica ed in crisi d’identità a causa dell’instabilità politica internazionale; al termine dell’intervento è stata consegnata la pergamena del riconoscimento. La cerimonia si è conclusa col discorso di Giorgio Napolitano, che ha ripercorso brevemente la storia politica europea fino ad arrivare ai giorni nostri: al nuovo coacervo di rischi e di sfide che l’Italia deve contribuire ad affrontare secondo il messaggio di Altiero Spinelli.

Motivazioni[]

Sulla pergamena è scritto:

« Giorgio Napolitano, nella sua veste di parlamentare europeo, Presidente della Commissione Affari costituzionali del Parlamento europeo, Capo dello Stato, ha saputo sempre mettere al centro della propria azione nelle istituzioni nazionali europee l’obbiettivo dell’unione politica federale dell’Europa, nel Solco tracciato dal Manifesto di Ventotene. Nel suo alto magistero di Presidente della Repubblica ha difeso con fermezza ed orgoglio la tradizionale politica italiana a sostegno dell’unificazione politica dell’Europa, in piena sintonia e continuità con Luigi Einaudi, Alcide de Gasperi ed Altiero Spinelli, i padri fondatori dell’Europa Federale. A Giorgio Napolitano, i militanti federalisti esprimono la loro gratitudine. »


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 5, 2015

Addio a Pino Daniele

Addio a Pino Daniele – Wikinotizie

Addio a Pino Daniele

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 5 gennaio 2015

Pino Daniele. (1955-2015)

A nemmeno un mese di distanza dalla scomparsa di Mango, il cantautorato italiano perde un’altra delle sue voci più rappresentative e anche in questo caso si è trattato di una morte improvvisa: un infarto si è infatti portato via nella notte, a soli 59 anni, il cantante napoletano Pino Daniele. Il cantante, che avrebbe compiuto sessant’anni tra due mesi e mezzo, soffriva da molti anni di problemi cardiaci.

Pino Daniele è stato colto dal malore che poi si è rivelato fatale nella serata di ieri nella sua casa nel Grossetano. Il cantante è stato quindi trasportato d’urgenza all’Ospedale Sant’Eugenio di Roma, dove ogni tentativo di soccorso si è rivelato purtroppo vano.

A diffondere per primo la notizia sul web della scomparsa di Pino Daniele è stato il collega ed amico Eros Ramazzotti. In seguito la notizia è stata confermata anche dalla famiglia e dal manager del cantautore partenopeo.

Giuseppe “Pino” Daniele era nato a Napoli il 19 marzo 1955.

Tra le sue canzoni più famose, ricordiamo Napule è, Je so’ pazzo, Quando, Quanno chiove, O scarrafone, Che male c’è, Amore senza fine, Io per lei, ecc.

Pino Daniele si era esibito in pubblico appena qualche giorno fa, a Courmayeur, in occasione del concerto di Capodanno patrocinato dalla Rai.

Come detto, la notizia dell’improvvisa scomparsa di Pino Daniele è stata diffusa sul web da Eros Ramazzotti, che ha postato le seguenti parole: “Anche Pino ci ha lasciato. Grande amico mio ti voglio ricordare con il sorriso, mentre io, scrivendo, sto piangendo”.

Inizialmente, si è sperato che si potesse trattare dell’opera di un hacker, ma le conferme sono arrivate successivamente dai tweet di altri cantanti, come quello postato alle 2.45 da Giuliano Sangiorgi, il cantante di Negramaro, che ha confermato “È tutto maledettamente vero. Il nostro Pino non c’è più”.

Anche il produttore cinematografico e presidente del Calcio Napoli Aurelio De Laurentiis ha voluto lasciare un messaggio di cordoglio, dicendo che con Pino Daniele “scompare un’icona della musica napoletana, italiana, ed internazionale”.

In seguito sono arrivati i messaggi di cordoglio non solo di altre personalità del mondo dello spettacolo, ma anche delle autorità, come quello del sindaco di Napoli De Magistris, che ha annunciato la volontà di proclamare il lutto cittadino. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, presente, tra l’altro, in occasione dell’ultima apparizione sul palco di Pino Daniele, ha definito “unica” la voce dell’artista scomparso.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 5, 2014

Romics 2014 – Edizione Autunnale

Romics 2014 – Edizione Autunnale – Wikinotizie

Questa notizia contiene informazioni turistiche

Romics 2014 – Edizione Autunnale

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 5 ottobre 2014

Romics 2014 - Edizione Autunnale 22.JPG
Romics 2014 - Edizione Autunnale 32.JPG

Si conclude oggi la sedicesima edizione del Romics, il festival romano, organizzato come ogni anno nei padiglioni della Nuova Fiera di Roma, dedicato al mondo dei cosplay, fumetti, manga e animazione.

Anche in questa edizione è da segnalare la notevole affluenza di pubblico, che ha letteralmente intasato i mezzi pubblici che collegano la fiera con Roma.

L’unica nota dolente da segnalare è il malore sopraggiunto a 28 persone a causa del cibo avariato venduto da uno stand, che, in seguito, le autorità hanno provveduto a mettere sotto sequestro.

La prossima edizione dell’evento si terrà nel primo week end di aprile 2015.


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

Sito web Romics. URL consultato il 5 ottobre 2014.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 25, 2014

È morto Ciro Esposito, il tifoso napoletano ferito prima della finale di Coppa Italia

È morto Ciro Esposito, il tifoso napoletano ferito prima della finale di Coppa Italia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 25 giugno 2014
Non ce l’ha fatta Ciro Esposito, il trentenne tifoso napoletano ferito da un colpo d’arma da fuoco la sera di sabato 3 maggio durante gli scontri tra ultras avvenuti al di fuori dello Stadio Olimpico di Roma, che hanno preceduto la partita di calcio tra Fiorentina e Napoli, gara valida come finale di Coppa Italia. Il giovane è deceduto in mattinata al Policlinico “Gemelli” per un’insufficienza multiorganica.

Il comunicato ufficiale sul decesso di Eposito, le cui condizioni si erano improvvisamente aggravate nella giornata di ieri (tanto che alcune fonti d’informazione nel pomeriggio avevano già diffuso erroneamente la notizia della morte), è stato diramato alle ore 7 dal Prof. Antonelli, che ha anche rivolto un messaggio di condoglianze alla famiglia.

Per la morte di Ciro Esposito, il sindaco di Napoli ha proclamato il lutto cittadino. La Procura di Roma ha invece disposto l’autopsia sul corpo dello sfortunato tifoso, per la morte del quale è già da oltre un mese a mezzo agli arresti il presunto responsabile, un ultras romanista, per cui ora si prospetta l’accusa di omicidio volontario.

La famiglia di Eposito ha chiesto provvedimenti drastici nei confronti di coloro che in quella maledetta sera del 3 maggio si sia macchiato di errori ed omissioni. Lo zio del tifoso ha invece invocato la calma rivolgendosi ai tifosi affinché non sfoghino la propria rabbia nella violenza in nome di suo nipote.

La camera ardente verrà allestita nel Palazzetto dello Sport di Scampia, mentre i funerali non si terranno prima di venerdì.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 7, 2014

Fuoriserie 2014

Fuoriserie 2014 – Wikinotizie

Questa notizia contiene informazioni turistiche

Fuoriserie 2014

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 7 giugno 2014

Fuoriserie 2014 158.JPG

È iniziata oggi, sabato 7 giugno, l’edizione 2014 di Fuoriserie, la rassegna dedicata alla auto e moto d’epoca, svoltasi come tradizione nei padiglioni della Nuova Fiera di Roma.

Negli anni, questa manifestazione è divenuta un punto di ritrovo per commercianti, restauratori e privati, adatta per mettere in esposizione i loro modelli allo scopo di scambiare un’ampia compravendita e un grande scambio di informazioni tra gli appassionati del settore.

La manifestazione si concluderà nella giornata di domani.

Commons

Commons contiene immagini e file multimediali su Fuoriserie 2014.

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Roma.


Fonti[]


Ricerca originale
Questo articolo (o parte di esso) si basa su informazioni frutto di ricerche o indagini condotte da parte di uno o più contributori della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

Collegamenti esterni[]

Sito Web di Fuoriserie. URL consultato il 7 giugno 2014.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress