Wiki Actu it

November 6, 2011

Papandreou si è dimesso da primo ministro

Filed under: Europa,Grecia,Politica e conflitti,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Papandreou si è dimesso da primo ministro

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 6 novembre 2011

George Papandreou, leader del PASOK, si è dimesso da primo ministro greco, dopo l’accordo col leader di Nuova Democrazia, Antonis Samaras

Il primo ministro della Grecia, George Papandreou, si è dimesso, in modo da formare un governo di unità nazionale. Si è quindi trovato un accordo tra Papandreu e il leader dell’opposizione Antonis Samaras. Le elezioni avverranno solo dopo l’approvazione di manovre finanziarie per salvare il Paese dalla crisi economica che l’attanaglia. Domani spunterà il nome del futuro premier. Compito del prossimo esecutivo sarà quello di approvare le misure chieste dall’Unione europea e dal Fondo Monetario Internazionale in modo da poter ricevere nuovi aiuti economici.

«Fintanto che Papandreou non decide cosa fare, costituirà un ostacolo a qualsiasi soluzione» e «Sono pronto a dare il mio aiuto; se il premier si dimette tutto seguirà il suo corso» sono alcune frasi pronunciate da Samaras che chiedeva insistentemente le dimissioni dell’attuale esecutivo in vista di un governo tecnico.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 5, 2009

Elezioni in Grecia: vincono i socialisti

Filed under: Europa,Grecia,Politica e conflitti,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Elezioni in Grecia: vincono i socialisti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 5 ottobre 2009

George Papandreou nel 2007

Con una percentuale del 43,9% di voti il Movimento Socialista Panellenico (PASOK), guidato dal leader George Papandreou, ha vinto le elezioni amministrative greche.

Ora i socialisti hanno 159 deputati su 300 nel Parlamento unicamerale, mentre l’uscente partito di destra della Nuova Democrazia controllerà 91 seggi. Il Partito Comunista (Kke) è arrivato terzo con il 7,5% dei voti e 21 seggi. I restanti posti spettano al partito di estrema destra Laos, 15 deputati, e alla Coalizione delle Sinistre Radicali, 13 posti.

Erano ben sei anni che la Grecia era governata da Kostas Karamanlis (Nuova Democrazia), che in queste elezioni ha raggiunto il 33,4% dei voti. Il leader della ND ha anche annunciato le dimissioni dal partito.

La svolta socialista è stata dettata dall’apprezzato programma elettorale del PASOK, che promette di far uscire il paese dalla crisi senza ulteriori sacrifici, adottando un piano anti-crisi da 3 miliardi di euro. «Lavorare insieme per cambiare il paese». È la frase che il neo-eletto Papandreou ha scelto per iniziare i suoi prossimi quattro anni di governo. Ha poi parafrasato il presidente statunitense Barack Obama dichiarando che «insieme ce la faremo: lo vogliamo, lo possiamo fare, ci riusciremo».


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 28, 2008

Grecia: l\’intero equipaggio di un mercantile infettato dalla tubercolosi

Filed under: Cronaca,Europa,Grecia,Nautica,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Grecia: l’intero equipaggio di un mercantile infettato dalla tubercolosi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 28 settembre 2008

Una nave nord coreana, che era ai lavori in un bacino, nel porto del Pireo (Grecia), è stata messa in quarantena, dopo che a tutto il suo equipaggio, composto da 34 marittimi, è stata, dalle autorità sanitarie locali, diagnosticata la tubercolosi.

Tutti i marittimi sono stati ospedalizzati e la nave sarà disinfettata.

Le autorità greche, per tentare di frenare la trasmissione della malattia, sono alla ricerca di persone che sono state a contatto con i marittimi di questa nave.


Articoli correlati[]

Fonti[]

  • [EN] – «Tb or not Tb»Shiptalk, 26 settembre 2008

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 11, 2008

Grecia: forse ritrovata Denise Pipitone

Grecia: forse ritrovata Denise Pipitone – Wikinotizie

Grecia: forse ritrovata Denise Pipitone

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 11 settembre 2008

Porto di Kos

A Coo, isola greca appartenente all’arcipelago del Dodecaneso, è stata ritrovata una bambina di 8 anni, che sembra somigliare a Denise Pipitone, la bambina scomparsa in Sicilia diversi anni fa.

La bambina, che parla perfettamente italiano, era insieme ad una donna di trent’anni, che vendeva braccialetti. Un turista italiano, che ha notato le differenze di lingua tra lei e la presunta madre, che non sapeva nulla di italiano, ha effettuato la segnalazione.

L’Interpol è quindi intervenuta per arrestare la donna e prelevare la bambina per sottoporla ai test del DNA, che hanno dimostrato che la donna con cui si trovava non era sua madre. Un campione del DNA è stato inviato in Italia per farlo confrontare con quello di Piera Maggio. Nel frattempo, attraverso i carabinieri sono state fatte vedere le foto di quella che potrebbe essere Denise.

La madre di Denise ha rilasciato i primi commenti sulla vicenda: «Gli occhi sono quelli di Denise. Il taglio degli occhi è uguale a quello di Denise, ma voglio stare con i piedi per terra, non è la prima volta che mi giungono segnalazioni simili».

Parlando delle foto, ha affermato: «È la procedura che si segue in questi casi. Ogni volta che mi hanno mostrato foto di bambine molto somiglianti a mia figlia ho richiesto l’esame del DNA, quando invece al primo sguardo capivo che non poteva essere lei ho sempre evitato il ricorso all’esame medico».

Si aspettano i risultati dell’esame, per confermare l’identità della bambina, che potrebbe essere Denise Pipitone.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 27, 2008

Calcio, Champions League: la Juve pareggia e va avanti. Passano anche Barça e Panathinaikos

Calcio, Champions League: la Juve pareggia e va avanti. Passano anche Barça e Panathinaikos

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 27 agosto 2008

Samuel Eto’o con la divisa del Barcellona

La Juventus ha pareggiato 1-1 ieri sera in casa dell’Artmedia Bratislava e, grazie al 4-0 dell’andata, accede alla fase a gironi della Champions League 2008/09. A farle compagnia, ci sono Barcellona e Panathinaikos, che si sono qualificate a discapito rispettivamente di Wisła Cracovia e Sparta Praga.

A Bratislava, la squadra di casa parte subito forte e passa in vantaggio al 12′ con la bellissima mezza rovesciata di Fodrek. Amauri pareggia i conti al 25′ su un cross dalla sinistra di Nedvěd. La partita scorre poi via liscia, senza pericoli per i due portieri Kamenár e Buffon, a parte un’occasione fallita da Nedvěd e varie scorribande offensive di Obžera. In virtù del 4-0 dell’andata, la Juve si qualifica alla fase a gironi.

Il Barcellona perde in casa del Wisła Cracovia per 1-0, grazie alla rete al 52′ di Cléber sull’angolo battuto da Jirsák. Al 58′ il Barça ha una ghiotta occasione per pareggiare con Samuel Eto’o (foto), il cui tiro, arrivato dopo un dribbling sul capitano polacco Baszczyński, viene deviato sopra la traversa proprio dal capitano del Wisła. La squadra di casa sfrutta le azioni di rimessa per creare grattacapi alla difesa e al portiere avversario, come al 68′ col pallonetto di Łobodziński, che termina a fil di traversa. Nei minuti finali il Barcellona continua la ricerca del goal del pareggio e all’86’ Abidal non sfrutta l’uscita maldestra del portiere polacco Pawełek sul calcio di punizione battuto da Daniel Alves. Dopo un minuto, Bojan Krkić spreca malamente una splendida sponda aerea di Thierry Henry, sparando alto a pochi passi da Pawełek. La partita termina 1-0 per il Wisła Cracovia, ma in virtù del 4-0 della partita d’andata, a passare è il Barcellona.

Nelle altre partite della giornata, il Panathinaikos batte 1-0 lo Sparta Praga e accede alla fase a gironi della Champions League, mentre in Coppa UEFA passano i serbi del Borac Čačak e i danesi del Nordsjælland. Il Borac ha pareggiato 1-1 contro il Lokomotiv Sofia, dopo aver vinto 2-1 all’andata; invece, il Nordsjælland ha battuto gli scozzesi del Queen of the South per 2-1, stesso risultato dell’andata.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 8, 2008

Forte scossa di terremoto colpisce la Grecia

Filed under: Disastri e incidenti,Europa,Grecia,Pubblicati,Terremoti — admin @ 5:00 am

Forte scossa di terremoto colpisce la Grecia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 8 giugno 2008

Mappa dell’epicentro

Una forte scossa di terremoto, di magnitudo 6,1[1], ha colpito la Grecia alle 14:25:29 (ora italiana). L’epicentro è situato a 12 km dal paese di Varda e a 35 km a sud-ovest dalla città di Patrasso, a 10 km di profondità (coordinate 38.029° N, 21.464° E); la protezione civile greca ha registrato lesioni nelle abitazioni più vecchie del porto della città.

Il sisma è stato avvertito in tutta la penisola ellenica, con scene di panico fra la popolazione, e anche nel sud Italia; il Dipartimento della Protezione civile, in una nota, assicura che non vi sono state conseguenze per il Meridione. L’ambasciata italiana di Atene esclude la presenza di italiani fra le persone coinvolte nell’evento.

La televisione di stato greca segnala almeno 37 feriti e due vittime (fra di loro, nessuno straniero), un sessantenne schiacciato nel crollo del soffitto della sua casa a Kato Ahaia e una donna di Patrasso, deceduta in ospedale; alcune persone si sarebbero gettate fuori dalle finestre e dai balconi in preda al panico. Lesioni alle abitazioni, in particolare agli edifici più antichi, e a una base militare. Le zone più colpite, nella quale alcuni villaggi sono privi di elettricità, sono quelle di Akaia e Ilia; i senza tetto sono centinaia.

Il sindaco di Pyrgos, Makis Paraskevopoulos, ha dichiarato che una delle chiese ortodosse della città è in parte crollata; alla televisione ha detto: “È stato terribile. Non abbiamo mai vissuto un’esperienza simile prima d’ora. È durato molto a lungo e abbiamo sentito la città appiattirsi”. Anche qui, colpiti gli edifici più vecchi.

Le autorità riportano che una frana, in conseguenza del terremoto, ha interrotto l’autostrada Atene-Patrasso, e che una torre di controllo nella base dell’aeronautica militare ad Andravida (poco distante dall’epicentro) ha subito danni ed è stata evacuata.

Secondo l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, alla scossa principale ne sono seguite almeno altre otto, d’intensità minore, comprese fra 3 e 5 gradi di magnitudo; il direttore della sezione Roma1 dell’Istituto, Antonio Piersanti, spiega che “quella zona è altamente sismica. Il terremoto è avvenuto nella zona di subduzione egea, cioè allineata lungo la linea di costa della penisola del Peloponneso”.


Note[]

  1. Il dato è quello fornito dall’USGS, mentre l’Istituto geodinamico dell’Osservatorio di Atene e l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia italiano indicano rispettivamente 6,5 e 6,2 gradi sulla scala Richter.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

February 14, 2008

Grecia, violenta scossa di terremoto: nessun danno

Grecia, violenta scossa di terremoto: nessun danno

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 14 febbraio 2008

Earthquake02-14-08.jpg

Una violentissima scossa di terremoto, compresa tra i 6.5 e i 6.8 gradi della scala Richter, ha colpito una zona del Peloponneso, a oltre 200 chilometri di distanza dalla capitale della Grecia, Atene, alle 12 ora locale (le 11 in Italia).

Molto più forte, 7.3 gradi Richter, è invece la magnitudo preliminare registrata dagli strumenti dello United States Geological Survey.

Seppure la scossa sia stata fortissima e con un epicentro a soli 19 chilometri di profondità, non ha fortunatamente provocato alcun danno, ma in gran parte del paese, a Malta e nel sud Italia la gente l’ha avvertita distintamente. Molte le scene di panico nella penisola ellenica.

Il 6 gennaio scorso, un’altra scossa, di uguale intensità, aveva colpito una zona a 70 chilometri di distanza, anche questa volta, complice la profondità dell’epicentro, oltre 70 chilometri, senza provocare danni a persone o cose.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 28, 2008

Grecia: è morto Christodoulos, capo della Chiesa Ortodossa greca

Grecia: è morto Christodoulos, capo della Chiesa Ortodossa greca

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 28 gennaio 2008

Il capo della Chiesa Ortodossa greca, l’Arcivescovo Christodoulos, è morto quest’oggi all’età di 69 anni, nella sua abitazione ad Atene, a causa di un cancro al fegato.

Christodoulos, Arcivescovo di Atene e Grecia

Strenuo difensore del ruolo della Chiesa in Grecia, Christodoulos è morto nella sua casa a nord di Atene, alcuni mesi dopo l’annullamento del trapianto di fegato al quale doveva sottoporsi in un centro medico specializzato a Miami, negli Stati Uniti d’America.

Il primo ministro greco, Kostas Karamanlis, ha detto in un comunicato che “l’Arcivescovo Christodoulos è stato un leader illuminato della Chiesa, il quale lavoro portò questa ad avvicinarsi maggiormente ai problemi moderni, alla società e ai giovani, mentre il leader d’opposizione George Andreas Papandreou ha lodato il defunto arcivescovo per la sua forte personalità.

Tutte le bandiere degli edifici pubblici sono state abbassate a mezz’asta, così come le campane di tutti gli edifici religiosi hanno suonato a lutto. Folle di persone vestite a lutto hanno manifestato il loro cordoglio per la morte del capo della Chiesa riversandosi nella Cattedrale Metropolita di Atene, nella quale si terranno i funerali, giovedì prossimo. Il governo ha annunciato un periodo di quattro giorni di lutto nazionale, oltre a riferire che i funerali si terranno alla presenza delle più alte cariche dello stato.

Nato nel 1939 nella città di Xanthi, nel nord della Grecia, Christodoulos Paraskevaides (Χρήστος Παρασκευαΐδης) è stato per molti anni Metropolita di Demetrias a Volos, fino al 1998, quando diventò Arcivescovo di Atene e di tutta la Grecia. Dalla personalità controversa, Christodoulos ha lavorato per la riconciliazione con la Chiesa cattolica, favorendo l’incontro, in terra greca, del 2001 con Papa Giovanni Paolo II, favorendo così il dialogo dopo il grande scisma d’Oriente del 1054.

Wikinews

Questo articolo, o parte di esso, deriva da una traduzione di Greece’s Orthodox Church leader Christodoulos dies at age 69, pubblicato su Wikinews in lingua inglese.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 6, 2008

Forte sisma in Grecia e Sud Italia, nessun danno

Forte sisma in Grecia e Sud Italia, nessun danno

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 6 gennaio 2008

2008lwak ciim.png

La Grecia è stata scossa questa mattina da una fortissima scossa di terremoto, la cui magnitudo è stata calcolata in 6,5 gradi sulla scala Richter. La grande profondità dell’epicentro, oltre 70 chilometri, ha evitato che il sisma provocasse gravi danni; il terremoto, comunque, è stato avvertito dalla capitale Atene fino al Sud Italia, senza però provocare danni, feriti o vittime.

Il terremoto è stato registrato 6.14 CET, le 7.14 nel paese ellenico, a poca distanza da Leonidio, un comune del Peloponneso a 150 km di distanza dalla capitale, dalla protezione civile greca, ma anche dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia in Italia.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 27, 2007

Grecia: duplice omicidio su uno yacht abbandonato, una delle vittime è italiana

Grecia: duplice omicidio su uno yacht abbandonato, una delle vittime è italiana

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 27 ottobre 2007

Due uomini sono stati trovati morti su uno yacht abbandonato nei pressi di Tiros, un’isola a poca distanza da Rodi, nel Mar Egeo. I due sono stati uccisi a coltellate con molta probabilità da un terzo uomo, presente a bordo della grande imbarcazione battente bandiera saudita, fuggito subito dopo usando uno dei gommoni facenti parte delle dotazioni di sicurezza.

Una delle due vittime era di nazionalità italiana: Mauro Mari, 53 anni, bresciano, sulla nave per motivi di lavoro; l’uomo infatti era alle dipendenze di un emiro arabo, il proprietario dello yacht. L’altro rimasto ucciso era un filippino.

I familiari di Mauri sono stati avvisati dalle autorità italiane dell’accaduto; l’uomo aveva una moglie ed un figlio di 12 anni. Un amico di famiglia, dopo che erano state diffuse notizie infondate su un possibile coinvolgimento della vittima in traffici illegali, ha dichiarato: «In un primo momento le hanno detto (in riferimento alla moglie) che l’imbarcazione era data per dispersa , poi oggi le hanno dato la drammatica notizia del ritrovamento del cadavere del marito. Ribadiamo, noi amici e anche i familiari, che Mauro non trafficava in droga o armi. Non è giusto che vengano date notizie di questo tipo, che non hanno alcun fondamento».

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress