Wiki Actu it

July 16, 2007

Calcio, Coppa America: Brasile campione continentale per la 8ª volta

Calcio, Coppa America: Brasile campione continentale per la 8ª volta

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Maracaibo, domenica 16 luglio 2007

Nel gran caldo di Maracaibo il Brasile ribalta il pronostico e infligge agli eterni rivali argentini una pesante sconfitta per 3-0 nella finale della Coppa America 2007, confermandosi campione continentale per la seconda volta consecutiva, ottava complessiva.

Una fase della cerimonia d’inaugurazione della Coppa America 2007

La finale, riedizione di quella disputata nel 2004 a Lima (Perù), che vide prevalere la Seleção 4-2 dopo i calci di rigore, questa volta ha avuto un andamento diverso: dopo soli 3’, infatti, il brasiliano Júlio Baptista ha centrato la porta argentina con un tiro potente e preciso dalla media distanza, sul quale nulla ha potuto il portiere Abbondanzieri. Quattro minuti dopo il goal brasiliano, il palo ha negato il pareggio a Riquelme, e alla metà del tempo Doni ha salvato su Tévez. Sul finire della prima frazione, a completare il momento sfortunato degli argentini, il capitano Ayala (39’) ha commesso un goffo autogoal nel tentativo di recuperare la posizione lasciata scoperta da Zanetti.

Con i brasiliani in vantaggio per 2-0 alla fine del primo tempo, la ripresa è consistita solo nella gestione del risultato, con gli argentini incapaci di abbozzare qualsivoglia reazione: l’unica azione di rilievo è stato il 3-0 con il quale i verde-oro hanno definitivamente chiuso l’incontro. Daniel Alves, servito in un’azione di contropiede, è arrivato in area argentina e ha battuto Abbondanzieri per l’ennesima volta.

Nella finale per il 3° posto, il Messico ha battuto l’Uruguay per 3-1.

L’Argentina, pur sconfitta, rimane la squadra con il maggior numero di vittorie in Coppa America, insieme all’Uruguay (14). Il Brasile sale a 8. Più in basso, Paraguay e Perù con 2 vittorie ciascuna, e Bolivia e Colombia con una vittoria a testa.

Tabellino

Maracaibo (Venezuela), Stadio “José Encarnación Romero”, ore 17 (UTC -6)

BRASILEARGENTINA 3-0

Marcatori: 3’ Júlio Baptista, 39’ Ayala (A), 68′ Alves

BRASILE: Doni; Maicon, Juan, Alex, Gilberto, Mineiro; Josué, Elano, Júlio Baptista; Robinho, Vágner Love.
A disposizione: Helton, Alex Silva, Naldo, Kléber, Anderson, Diego, D. Alves, Fernando.
Allenatore: Dunga.

ARGENTINA: Abbondanzieri; J. Zanetti, Ayala, G. Milito, Heinze; Verón, Mascherano, Cambiasso, Riquelme; Messi, Tévez.
A disposizione: Carrizo, Orión, Díaz, Ibarra, Heinze, Gago, Aimar, Palacio, Crespo, Burdisso, D. Milito, L. González.
Allenatore: Alfio Basile.

ARBITRO: Carlos Amarilla (PAR); collaboratori Wálter Rial (URU) e Luis Sánchez (VEN); 4° ufficiale Manuel Andarcía (VEN)

SOSTITUZIONI: 32’ D. Alves per Elano; 58’ Aimar per Cambiasso; 66’ L. González per Verón; 89’ Fernando per Vágner Love; 90’ Diego per Robinho

AMMONIZIONI: Alex, Mascherano, Doni, Gilberto, Júlio Baptista, Josué, Tévez.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 10, 2006

Campionato mondiale per club di calcio 2006

Campionato mondiale per club di calcio 2006

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

10 dicembre 2006

Oggi, a Toyota in Giappone, è iniziata la seconda edizione dei Campionati mondiali per Club di calcio, la manifestazione che ha sostituito la Coppa Intercontinentale.

Programma[]

Quarti di finale

  • 10 dicembre 2006 – Toyota (partita 1): Al Ahly-Auckland City
  • 11 dicembre 2006 – Tokyo (partita 2): Jeonbuk Motors-Club América

Semifinali

  • 13 dicembre 2006 – Tokyo (partita 3): Vincente 1-Internacional
  • 14 dicembre 2006 – Yokohama (partita 4): Vincente 2-Barcellona

Finali

  • 5° posto (15 dicembre 2006) – Tokyo: Perdente 1-Perdente 2
  • 3° posto (17 dicembre 2006) – Yokohama: Perdente 3-Perdente 4
  • 1° posto (17 dicembre 2006) – Yokohama: Vincente 3-Vincente 4

Quarti di finale[]

Le due partite dei quarti di finale hanno visto di fronte le squadre di Africa, Asia, America centro-settentrionale e Oceania. Le due qualificate si scontreranno in semifinale con le squadre d’Europa e d’America meridionale (Barcellona e Internacional).

Nella prima partita gli egiziani del Al Ahly hanno eliminato con facilità i neozelandesi dell’Auckland per 2-0.

Nella seconda partita i messicani dell’America hanno sconfitto i coreani del Jeonbuk Motors per 0-1.

Al Ahly-Auckland City 2-0[]

Reti: Flavio (AA) 6′ s.t., Aboutrika (AA) 28′ s.t.
Al Ahly: El Hadary, El Shater (Ahmed Sedik 48′ s.t.), Gomaa, Mohamed Shady, Mohamed Sedik, Shawky, Ashour, Ahmed (Mensah 44′ s.t.), Aboutrika, Emad Motaeb (Said 39′ s.t.), Flavio. All.: Jose Manuel.
Auckland City: Nicholson, Pritchett, Perry, Uhlmann, Van Steeden (Sigmind 7′ s.t.), Coombes, Mulrooney (Iwamoto 11′ s.t.), Seaman, Sykes, Jordan (Hayne 11′ s.t.), Young. All.: Jones.
Arbitro: Al Ghamdi (Arabia Saudita).

Jeonbuk Motors-America 0-1[]

Reti: Ricardo Rojas (A) 34′ s.t.
Jeonbuk Motors: Sun-Tae Kwoun, Chul-soon Choi (In-ho Kim 40′ s.t.), Jin-cheul Choi, Young-sun Kim (Hyun-seung Lee 42′ s.t.), Hyun-su Kim, You-hwan Lim, Jung-kwan Chung, Kwang -hwan Jeon, Hyeung-bum Kim, Ki-hun Yeom (Raphael Sena Botti 29′ p.t.), Filho Ze Carlo.
America: Francisco Ochoa, Jose Antonio Castro, D Davino, Oscar Rojas, Ricardo Rojas, Alejandro Arguello, German Villa, Cuauhtemoc Blanco, Salvador Cabanas, Claudio Lopez (Matias Vuoso 41′ s.t.), Fabiano Pereira (Juan Mosqueda 26′ s.t.)

Semifinali[]

13 dicembre 2006

Al Ahly-Internacional Porto Alegre 1-2[]

Reti: Alexandre Pato (I) 23′ p.t., Flavio (A) 9′ s.t., Luiz Adriano (I) 27′ s.t.
Al Ahly: Essam El Hadary (Amir Abdelhamid 37′ s.t.), Islam El Shater (Ahmed Sedik 30′ s.t.), Tarek Said, Emad El Nahas, Wael Gomaa, Shady Mohamed, Hossam Ashour, Hassan Mostafa (Emad Moteab 1′ s.t.), Mohamed Shawky, Mohamed Aboutrika, Flavio. All.: Manuel Jose.
Internacional: Clemer, Ceara, Indio, Fabiano Eller, Wellington Monteiro, Martin Hidalgo (Rubens Cardoso 18′ s.t.), Alex, Edinho, Fernando, Iarley (Fabian Vargas 37′ s.t.), Alexandre Pato (Luiz Adriano 20′ s.t.). All.: Abel Braga.
Arbitro: Subkhiddin Moh Salleh (Malaysia).

Club America-Barcellona 0-4[]

Reti: Gudjohnsen (B) 11′ p.t., Marquez (B) 30′ p.t., Ronaldinho (B) 20′ s.t., Deco (B) 40′ s.t.
Club America: Guillermo Ochoa, Jose Antonio Castro, Oscar Rojas, Duilio Davino, Claudio Lopez (Matias Vuoso 29′ s.t.), Salvador Cabanas (Cuauhtemoc Blanco 1′ s.t.), Fabiano Pereira (Raul Alvin Mendoza 29′ s.t.), Ricardo Rojas, German Villa, Alejandro Arguelo, Nelson Cuevas. All.: Luis Fernando Tena.
Barcellona: Victor Valdes, Motta (Xavi 16′ s.t.), Rafael Marquez, Carlos Puyol, Eidur Gudjohnsen (Ezquerro 21′ s.t.), Ludovic Giuly (Belletti 29′ s.t.), Ronaldinho, Gianluca Zambrotta, Giovanni Van Bronckhorst, Deco, Iniesta. All.: Frank Rijkaard.
Arbitro: Oscar Ruiz (Colombia).

Finale 5° posto: Auckland City FC-Jeonbuk Motors 0-3[]

Reti: Lee (JM) 17′ p.t., Kim H.B. (JM) 31′ p.t., Zecarlo (JM) 28′ s.t. rig.
Auckland City: Ross Nicholson, Paul Seaman, Jonathan Perry, Liam Mulrooney (Jason Hayne 34′ s.t.), James Pritchett, Grant Young (Paul Urlovic 32′ s.t.), Neil Sykes, Keryn Jordan, Chad Coombes, Greg Uhlmann, Bryan Little (Teru Iwamoto 14′ s.t.). All.: Allan Jones.
Jeonbuk Motors: Sun Tae Kwoun, Jin Cheul Choi (Sang Hoon Shin 43′ s.t.), Young Sun Kim, Hyun Su Kim (Kwang Hwan Jeon 36′ s.t.), Ji Hyun Jang (Young Sin Kim 31′ s.t.), Jung Kwan Chung, LEE Hyun Seung Lee, Zecarlo, You Hwan Lim, In Ho Kim, Hyeung Bum Kim. All.: Kang Hee Choi.
Arbitro: Khalil Al Ghamdi (Arabia Saudita).

Finale 3° posto: Al Ahly-Club America 2-1[]

Reti: Aboutrika (AA) 42′ p.t., Cabanas (CA) 14′ s.t., Aboutrika (AA) 34′ s.t.
Al Ahly:Amir Abdelhamid, Islam El Shater (Ahmed Sedik 22′ s.t.), Tarek Said, Emad El Nahas, Wael Gomaa, Shady Mohamed, Emad Moteab (Mohamed Sedik 30′ s.t.), Hossam Ashour (Hassan Mostafa 20′ s.t.), Mohamed Shawky, Mohamed Aboutrika, Flavio. All.: Manuel Jose.
Club America: Guillermo Ochoa, Jose Antonio Castro, Oscar Rojas, Duilio Davino, Matias Vuoso (Claudio Lopez 22′ s.t.), Salvador Cabanas, Fabiano Pereira (Cuauhtemoc Blanco 1′ s.t.), Juan Mosqueda, Ricardo Rojas (Raul Alvin Mendoza 41′ s.t.), Alejandro Arguello , Nelson Cuevas. All.: Luis Fernando Tena.
Arbitro: Jerome Damon (Sudafrica).

Finale 1° posto: Internacional-FC Barcellona 1-0[]

17 dicembre 2006
Allo Yokohama Internationa Stadium i brasiliani dell’Internacional vincono il mondiale per club della FIFA (FIFA Club Wolrd Cup), battendo il Barcellona, favorito della vigilia e alla cui bacheca mancava solo questo trofeo.

Reti: Adriano (I) 37′ s.t.
Internacional: Clemer, Ceara, Indio, Fabiano Eller, Wellington Monteiro, Alex (Fabian Vargas 1′ s.t.), Edinho, Fernandao (Adriano 31′ s.t.), Iarley, Alexandre Pato (Luiz Adriano 16′ s.t.), Rubens Cardoso. All.: Abel Braga.
Barcellona: Victor Valdes, Motta (Xavi 14′ s.t.), Rafael Marquez, Carlos Puyol, Eidur Gudjohnsen (Ezquerro 43′ s.t.), Ludovic Giuly, Ronaldinho, Gianluca Zambrotta (Belletti 1′ s.t.), Giovanni Van Bronckhorst, Deco, Iniesta. All. Frank Rijkaard.
Arbitro: Carlos Batres (Guatemala)

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 27, 2006

Mondiali 2006: Brasile ai quarti di finale

Mondiali 2006: Brasile ai quarti di finale

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

27 giugno 2006

Teamgeist Ball World Cup 2006.jpg

Segui lo Speciale Campionato del mondo di calcio 2006 su Wikinotizie!

Il Brasile ha sconfitto per 3-0 il Ghana nel penultimo ottavo di finale dei Mondiali di calcio in corso in Germania.

La partita[]

Nel primo tempo vantaggio-lampo del Brasile al 5’: Ronaldo si invola verso la porta avversaria, scarta il portiere e segna. Il lancio illuminante è di Kakà, ma pesa soprattutto una clamorosa ingenuità della difesa ghanese, che applica male la tattica del fuorigioco. Il Ghana preme, ma non riesce a creare palle-gol significative. Nel recupero del primo tempo il raddoppio di Adriano, con un’azione assai simile a quella del primo gol, ma con l’interista in chiara posizione di fuorigioco.

Sul finire del secondo tempo viene espulso il ghanese Asamoah per doppio cartellino giallo. Con gli africani in dieci giunge poi il terzo gol del Brasile ad opera di Zé Roberto, anche qui su un grave errore della difesa avversaria (84’).

Quarti di finale[]

  • Brasile-Francia (Francoforte, sabato 1 luglio).


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress