Wiki Actu it

August 9, 2016

L\’economia del Sudafrica potrebbe peggiorare

L’economia del Sudafrica potrebbe peggiorare

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

9 agosto 2016

La cattiva gestione economica in Sudafrica da parte dell’ANC, l’ex partito di Nelson Mandela, che ha causato un’altissima disoccupazione e una crescita economica di poco superiore allo 0% è stata la causa principale per cui l’ANC ha ricevuto la percentuale di consensi più bassa dalla sua legalizzazione come partito politico nel 1990.

Gli investitori sperano che alle elezioni generali del 2019 l’ANC di Jacob Zuma possa perdere in favore dell’Alleanza Democratica di Mmusi Maimane. Tuttavia, gli esperti sono convinti che anche se alle prossime elezione dovesse vincere il centro-destra l’economia peggiorerà comunque. Infatti, secondo questi, nei prossimi 10 anni la disoccupazione, altissima, stenterà a migliorare, facendo così rimanere povera la maggior parte della popolazione sudafricana.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 29, 2016

RCS: la cordata di Bonomi ricorre al Tar

RCS: la cordata di Bonomi ricorre al Tar

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 29 luglio 2016

Qualche settimana fa gli azionisti di RCS avevano preferito l’OPAS di Cairo rispetto all’OPA della cordata capitanata da Bonomi; il primo aveva infatti raggiunto il 48,8% di azioni mentre il secondo solo il 37,7% (pur partendo in posizione di vantaggio con il 24,7%, e essendo in testa fino all’ultimo giorno) di azioni RCS. La cordata sconfitta aveva presentato un esposto alla Consob, che però aveva archiviato la questione, senza sospendere in via cautelare l’OPAS. Della Valle ha dunque annunciato di aver portato la questione davanti al Tar del Lazio e alla Procura di Milano.

Nella giornata di ieri inoltre scadeva il termine, per chi aveva partecipato all’offerta risultata perdente, per portare le proprie azioni all’offerta vincente. A fine giornata è risultato che sono state apportate alla offerta di Cairo un ulteriore 10,89% di capitale, facendolo arrivare al 59,69% del capitale di RCS.


Articoli correlati[]

  • «RCS: OPAS di Cairo supera l’OPA di Bonomi» – Wikinotizie, 17 luglio 2016

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 17, 2016

RCS: OPAS di Cairo supera l\’OPA di Bonomi

RCS: OPAS di Cairo supera l’OPA di Bonomi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 17 luglio 2016

Wikinotizie di oggi
17 luglio
Collabora con noi
  • Scrivi un articolo
  • Cosa scrivere
  • Come scriverlo
  • Scrivania
  • Portale:Comunità

Venerdì 15 luglio è scaduto il termine per aderire ad una delle due offerte per il controllo di RCS (gruppo che controlla tra l’altro il Corriere della Sera) presentate una da Urbano Cairo e l’altra dalla cordata di Alessandro Bonomi (con partecipanti Diego della Valle, Pirelli, Mediobanca e Unipol, cioè i soci storici di RCS con l’esclusione della famiglia Agnelli).

L’offerta di Cairo era un’OPAS, in cui per ogni azione RCS data si otteneva in cambio una percentuale di azione di Cairo Communications (18%) e 0,25 € in contanti. L’offerta di Bonomi invece era un’OPA: per ogni azione RCS data si otteneva in cambio 1,00 € in contanti. Entrambi i concorrenti hanno dovuto aumentare la loro offerta iniziale, su suggerimento di potenziali investitori. Cairo non aveva previsto la parte in contanti mentre Bonomi aveva proposto solo 0,80 € per azione.

I dati provvisori, saranno confermati lunedì 28 luglio, danno a Cairo il 48,82%, mentre a Bonomi il 37,7% del capitale RCS.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 11, 2016

Per il presidente dell\’Eurogruppo le banche italiane devono risolvere da sole i loro problemi

Per il presidente dell’Eurogruppo le banche italiane devono risolvere da sole i loro problemi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 11 luglio 2016

logo Wikisource

Su Wikisource puoi trovare L. 30 giugno 2016, n. 119 – Disposizioni urgenti in materia di procedure esecutive e concorsuali, nonché a favore degli investitori in banche in liquidazione.

Jeroen Dijsselbloem, presidente dell’Eurogruppo

A margine dell’incontro dell’Eurogruppo, fissato per oggi e domani a Bruxelles, il tema delle crisi delle banche italiane, che non era in agenda, è stato oggetto di un vivace scambio di opinioni.

Il presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, ha dichiarato che la situazione di crisi delle banche italiane non si presenta particolarmente grave e pertanto devono essere le stesse banche a risolverla.

Il ministro dell’economia e delle finanze italiano Pier Carlo Padoan, dal canto suo, ha assicurato che il governo italiano farà ogni sforzo per garantire che i correntisti bancari non vedranno compromessi i loro depositi, mentre il sottosegretario di stato Pier Paolo Baretta ha precisato che l’intervento pubblico è previsto solo come extrema ratio.

Nel frattempo è stato convertito in legge il decreto legge per la tutela degli investitori in banche in liquidazione che ha creato o rinforzato alcuni strumenti per gestire le situazione di crisi.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 10, 2015

Un anno di \’\’Garanzia Giovani\’\’: sui media più critiche che elogi

Filed under: Economia,Economia e finanza,Europa,Italia,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Un anno di ”Garanzia Giovani”: sui media più critiche che elogi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 10 maggio 2015

Il ministro del lavoro Giulano Poletti

Garanzia Giovani, un pacchetto di provvedimenti a favore dell’occupazione giovanile, finanziato da fondi dell’Unione Europea per un miliardo e mezzo di euro, compie un anno.

Il piano degli interventi è articolato in modo diverso secondo le varie regioni e questo rende più difficile darne una valutazione complessiva, ma se da un lato l’apposito sito del Governo esprime molta soddisfazione sul fatto che gli iscritti sono 560.000, dall’altro i media esprimono un giudizio molto più severo. Il Fatto quotidiano non solo parla di flop per quello che riguarda i giovani, ma anche che una quota consistente dei finanziamenti perviene agli operatori accreditati per i servizi al lavoro, agenzie di lavoro interinale in primis. Il tema del denaro arrivato a tali società è stato anche uno dei temi centrali della puntata del 4 maggio della trasmissione-inchiesta di La7 Piazzapulita, cui ha partecipato anche il rapper Frank hi nrg. Polemiche anche sul fatto che il rapporto di lavoro tra tirocinante e imprenditore può essere interrotto senza preavviso e senza la necessità di indicarne la causa.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 3, 2015

La riforma delle pensioni Fornero e l\’incertezza del diritto

La riforma delle pensioni Fornero e l’incertezza del diritto

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 3 gennaio 2015
Tra pochi giorni è prevista la decisione della Corte Costituzionale sull’ammissibilità del referendum sulla riforma delle pensioni Fornero. Gli esperti non si sbilanciano sull’esito della decisione. Per Ernesto Bettinelli, ordinario di diritto costituzionale all’università di Pavia, «È veramente complicato fare delle ipotesi».

L’articolo 24 del decreto Salva Italia, che comprende tutta la riforma delle pensioni Fornero, contempla anche la variazione delle aliquote contributive (v. es. comma 22) e della tassazione del TFR (v. comma 31) e perciò potrebbe risultare in contrasto con l’art. 75 della Costituzione Italiana che vieta i referendum su norme tributarie e di bilancio.[1][2]


Fonti[]

logo Wikisource

Su Wikisource puoi trovare Riforma Fornero.

Note[]

  1. Stradeonline.it 27/6/2014, fonte cit., «L’articolo 75 della Costituzione prevede infatti che non possano tenersi referendum, tra l’altro, sulle “leggi tributarie e di bilancio”. La cosiddetta “riforma Fornero” non era contenuta stricto sensu in una “legge di bilancio”, ma in un provvedimento – il cosiddetto “decreto Salva-Italia” – che realizzava, anche per effetto delle disposizioni in materia previdenziale, una manovra correttiva dei conti pubblici, sostanzialmente recepita, quanto agli effetti contabili, nella legge di bilancio.»
  2. IPE magazine luglio 2014, fonte cit., «On the other hand, political parties like Lega Nord – which won 6.2% of votes at the European elections – would like to repeal the Fornero reform. Lega Nord has started collecting signatures to launch a referendum, although this will probably be deemed unconstitutional because it would concern fiscal issues.»

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 25, 2014

Tito Boeri nuovo presidente Inps e Treu non dura tre mesi

Filed under: Economia e finanza,Europa,Italia,Pensioni,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Tito Boeri nuovo presidente Inps e Treu non dura tre mesi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 25 dicembre 2014
Tito Boeri alla vigilia di Natale 2014 è stato indicato dal Consiglio dei Ministri come nuovo presidente dell’INPS il più grande ente previdenziale italiano che raccoglie il 95% dei lavoratori e dei pensionati.

Si interrompe così la gestione del Commissario Straordinario Tiziano Treu che non arriva ai 3 mesi, l’incarico era previsto fino a giugno.

Tito Boeri è professore di economia del lavoro alla Bocconi e fondatore del sito lavoce.info. Tra gli altri incarichi, è stato consulente del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale, nonché della Commissione europea e del Governo italiano.

In passato Tito Boeri si è espresso a favore della indicizzazione delle pensioni legata alla crescita economica, come avviene anche in Svezia. Ciò significa che nel caso di decrescita come è avvenuto negli ultimi anni, le pensioni dovrebbero subire una svalutazione reale al fine di avere una sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico ed in ultima analisi dello Stato. Sarebbe una rivoluzione rispetto al sistema attuale che lega la indicizzazione o perequazione all’inflazione.[1]

Solo poche settimane fa Treu aveva richiesto al Governo il blocco della svalutazione dei montanti contributivi individuali nozionali in quanto la legge, secondo la sua interpretazione, contempla solo la rivalutazione positiva.


Fonti[]

Note[]

  1. Chiarelettere, fonte cit., pag. XVII dell’introduzione

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 16, 2014

L\’Italia sbilanciata verso i pensionati

Filed under: Economia e finanza,Europa,Italia,Pensioni,Pubblicati — admin @ 5:00 am

L’Italia sbilanciata verso i pensionati – Wikinotizie

L’Italia sbilanciata verso i pensionati

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 16 dicembre 2014
Secondo un report dell’OCSE, l’Italia destina il 32% della spesa pubblica per le prestazioni pensionistiche.[1]

In seconda posizione la Grecia ed in terza il Portogallo.

Distanziate Germania e Francia con il 24% e il 25%.

L’importo della pensione media è di 1280 euro al mese, poco distante dalla media dei salari.

Inoltre “la ricchezza delle cosiddette famiglie longeve è cresciuta del 117 per cento negli ultimi 10 anni, ossia il doppio di quanto è avvenuto nelle famiglie “normali””.[2]

Il sistema pensionistico pubblico italiano riesce a garantire, rispetto agli altri paesi OCSE, un più elevato tasso di sostituzione[3] e ridurre la povertà relativa[4] nelle fasce di popolazione ultrasessantacinquenne al 10% rispetto alla media del 13% per la popolazione complessiva.

L’Italia inoltre dedica una minore spesa sociale per altre categorie legate alla politiche dell’abitazione sociale, asili nido, disoccupazione che sono direttamente[5] o indirettamente legate ad un tasso di povertà più elevato per le fasce di popolazione tra zero e 18 anni.[6]

La Germania, per avere una quota di spesa pensionistica pubblica sul PIL pari a quella dell’Italia dovrebbe aumentare l’importo delle pensioni del 33%.


Fonti[]

Note[]

  1. OECD, fonte cit., pag.52
  2. Tempi, fonte cit.
  3. Mercer, fonte cit., pag. 72 indicatore A2
  4. OECD, fonte cit., pag.58
  5. RGS, fonte cit., pag. 246
  6. Linkiesta, fonte cit., I sussidi di disoccupazione beneficiano i più “ricchi”, mentre i giovani si impoveriscono e emigrano

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 8, 2014

Treu sulle pensioni: i diritti acquisiti non esistono

Filed under: Economia e finanza,Europa,Italia,Pensioni,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Treu sulle pensioni: i diritti acquisiti non esistono

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 8 dicembre 2014
In una intervista il prof. Tiziano Treu, Commissario Straordinario dell’Inps, ha fatto delle importanti affermazioni in campo pensionistico sul tema dei diritti acquisiti dei pensionati e dei lavoratori.

I diritti acquisiti dei pensionati consistono nell’intangibilità della rendita pensionistica che ricevono.

I diritti acquisiti dei lavoratori consistono nell’intangibilità del maturato previdenziale in base alle leggi vigenti.

In base ad una recente sentenza, tali diritti, secondo Treu, sono di fatto legati alla sostenibilità finanziaria dell’ente e non è “acquisito definitivamente niente”.

« Quando le cose vanno poco bene, è necessario rendere sostenibile i diritti acquisiti, avendo il coraggio di dire che è diritto acquisito ciò che si può. Non è acquisito definitivamente niente. Mi sembra che l’ultima sentenza della Cassazione rifletta questo diverso clima, un clima caratterizzato da notevoli difficoltà. »

Nell’intervista Treu sostiene che “prima di togliere i soldi dalle tasche di chi è in pensione” è anche possibile considerare di alzare i contributi nel caso siano insufficienti.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 8, 2014

Jobs Act. In senato si vota la legge delega

Jobs Act. In senato si vota la legge delega

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 8 ottobre 2014

È solo una legge delega ma c’è stata molta agitazione oggi in Senato dove dalle 16.00 è riunita la seduta presieduta dal presidente Grasso per votare se affidare o meno al governo le competenze per legiferare, con un successivo decreto legislativo. La legge delega è molto vaga riguardo ai particolari articoli da rivedere, ma negli ultimi giorni sia il Presidente del Consiglio, sia il Ministro del Lavoro Poletti hanno parlato direttamente di riformare l’articolo 18, cosa che non è piaciuta ai sindacati e nemmeno alla minoranza del PD, un ulteriore decisione che ha scaldato gli animi è stata la decisione di imporre il voto di fiducia sulla legge. Il governo negli ultimi giorni ha tentato di aprire un dialogo sia coi sindacati sia con la minoranza del partito, i primi non sono rimasti soddisfatti mentre una parte della minoranza del partito ha annunciato di votare a favore, solo i cosiddetti “civatiani” rimangono sostanzialmente contrari, ma probabilmente non parteciperanno al voto.

Invece nella seduta della mattinata in Senato, il presidente Grasso ha espulso dall’aula il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Vito Petrocelli, subito prima di sospendere la seduta e riconvocarla appunto alle ore 16.00.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress