Wiki Actu it

March 3, 2014

Cerimonia degli Oscar, l\’Italia vince con \”La grande bellezza\”

Cerimonia degli Oscar, l’Italia vince con “La grande bellezza”

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

3 marzo 2014
Oggi è un grande giorno per la cultura, o meglio per il cinema italiano: sì, il film “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino ha ricevuto la tanto ambita statuetta dorata come miglior film straniero. Sorrentino molto felice è salito sul palco per il ricevimento del premio insieme al protagonista del suo film Servillo e il produttore Giuliano, Sorrentino ha lanciato un grande grazie a tutti quelli che hanno partecipato alla produzione del film, ringrazia Roma e Napoli e ci ha tenuto molto anche a citare le persone che lo hanno ispirato per il suo film di cui possiamo ricordare: i Talking Heads, Federico Fellini, Martin Scorsese e Diego Armando Maradona. Anche le varie forze politiche del Paese si sono molto congratulate, tra cui il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il Presidente del Consiglio Matteo Renzi in un tweet.

Il regista del film italiano “La grande bellezza” vincitore agli Oscar Paolo Sorrentino

Era dal 1999 con “La vita è Bella” di Roberto Beningni che l’Italia al festival degli Oscar di Hollywood non si aggiudicava la statuetta dorata, sogno di molti registi, e quest’oggi lo stesso Paolo Sorrentino ha voluto far presente che con questo evento spera di dare come una “spinta” in più al cinema italiano.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

February 27, 2012

Premi Oscar 2012, i vincitori

Premi Oscar 2012, i vincitori – Wikinotizie

Premi Oscar 2012, i vincitori

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 27 febbraio 2012

Il red carpet all’ingresso del Kodak Theatre

Ecco i vincitori dei premi Oscar 2012:

  • Miglior film: The Artist, regia di Michel Hazanavicius
  • Miglior regia: Michel Hazanavicius – The Artist
  • Miglior attore protagonista: Jean Dujardin – The Artist
  • Miglior attrice protagonista: Meryl Streep – The Iron Lady
  • Miglior attore non protagonista: Christopher Plummer – Beginners
  • Migliore attrice non protagonista: Octavia Spencer – The Help
  • Migliore sceneggiatura originale: Woody Allen – Midnight in Paris
  • Migliore sceneggiatura non originale: Alexander Payne, Nat Faxon e Jim Rash – Paradiso amaro (The Descendants)
  • Miglior film straniero: Una separazione (Jodái-e Náder az Simin), regia di Asghar Farhadi – (Iran)
  • Miglior film d’animazione: Rango, regia di Gore Verbinski
  • Migliore fotografia: Robert Richardson – Hugo Cabret (Hugo)
  • Miglior montaggio: Kirk Baxter e Angus Wall – Millennium – Uomini che odiano le donne (The Girl with the Dragon Tattoo)
  • Migliore scenografia: Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo – Hugo Cabret (Hugo)
  • Miglior trucco: Mark Coulier e J. Roy Helland – The Iron Lady
  • Migliori costumi: Mark Bridges – The Artist
  • Migliori effetti speciali: Rob Legato, Joss Williams, Ben Grossman e Alex Henning – Hugo Cabret (Hugo)
  • Migliore colonna sonora: Ludovic Bource – The Artist
  • Migliore canzone: Man or Muppet, di Bret McKenzie – I Muppet (The Muppets)
  • Miglior sonoro: Tom Fleischman e John Midgley – Hugo Cabret (Hugo)
  • Miglior montaggio sonoro: Philip Stockton e Eugene Gearty – Hugo Cabret (Hugo)
  • Miglior documentario: Undefeated, regia di TJ Martin, Dan Lindsay e Richard Middlemas
  • Miglior cortometraggio documentario: Saving Face, regia di Daniel Junge e Sharmeen Obaid-Chinoy
  • Miglior cortometraggio: The Shore, regia di Terry George e Oorlagh George
  • Miglior cortometraggio d’animazione: The Fantastic Flying Books of Mr. Morris Lessmore, regia di William Joyce e Brandon Oldenburg

Sono stati inoltre assegnati gli Oscar alla carriera a James Earl Jones e a Dick Smith, mentre il premio umanitario Jean Hersholt è stato dato a Oprah Winfrey


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

February 12, 2012

Addio a Whitney Houston

Addio a Whitney Houston – Wikinotizie

Addio a Whitney Houston

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Los Angeles, domenica 12 febbraio 2012

Whitney Houston (1963-2012)

Whitney Houston a Milano nel 2010

Lutto nel mondo della musica internazionale: nel pomeriggio di ieri, è infatti scomparsa all’età di soli 48 anni la cantante pop-soul-R&B afro-americana Whitney Houston.
La cantante si trovava in una stanza del Beverly Hilton Hotel di Beverly Hills, quando si è sentita male intorno alle 15:45 locali. Tempestivi, ma inutili, i soccorsi: alle 15:55 (le 00:55 in Italia), Whitney Houston è stata dichiarata morta. A darne l’annuncio è stata la pr della cantante, Kristen Forster. Ancora sconosciute le cause del decesso, anche se, secondo il sito di celebrità Tmz, la cantante sarebbe affogata nella vasca da bagno.
La cantante avrebbe dovuto partecipare alla cerimonia della consegna dei Grammy Awards, gli “Oscar” della musica.

Whitney Elizabeth Houston era nata a Newark, nel New Jersey, il 9 agosto del 1963, figlia di un militare e della nota cantante gospel Cissy Houston, e aveva conosciuto il successo internazionale intorno alla metà degli anni ottanta.
Tra i suoi brani più rappresentativi, ricordiamo Greatest Love of All (cover di un brano di George Benson del 1977), All at Once, Hold Me (primo singolo dell’artista, inciso insieme a Teddy Pendergrass, anch’egli scomparso prematuramente, nel gennaio di due anni fa), Saving All My Love for You, How Will I Know, I Wanna Dance with Somebody, Didn’t We Almost Have It All, Where Do Broken Hearts Go, I’m Your Baby Tonight (dall’album omonimo),One Moment in Time (inno dei Giochi Olimpici di Seoul del 1988), I Will Always Love You (brano della colonna sonora del film del 1992 La guardia del corpo, film nel quale la Houston recitò nel ruolo di protagonista, al fianco di Kevin Kostner) e When You Believe (inciso con Mariah Carey per la colonna sonora del film d’animazione Il principe d’Egitto).
In carriera, aveva venduto oltre 170 milioni di dischi e si era aggiudicata per 6 volte il Grammy Award.

In seguito la carriera della cantante aveva conosciuto un periodo di declino, coinciso con il travagliato matrimonio con il collega Bobby Brown e con l’abuso di alcol e droghe e le crisi depressive. Alcune fonti sostengono che si fosse recentemente convertita all’Islam.[1]

Cordoglio e sconcerto per la morte di Whitney Houston sono stati espressi in primis dai colleghi, come Lenny Kravitz (che ha detto “Whitney, non ci sarà mai più nessuna come te”) e Mariah Carey, la quale piange la scomparsa dell’amica sul social network Twitter. La cantante italiana Laura Pausini, tramite Facebook, si è così espressa: “Whitney: il motivo della mia passione, della mia gioia, del mio destino. È il momento di piangere e cantare per te”.

La Houston lascia una figlia, Bobbi Kristina, di 19 anni, avuta da Bobby Brown. Alla ragazza è stato impedito di salire al quarto piano dell’albergo e di vedere il corpo della madre e, per questo motivo, sarebbe anche nato un diverbio tra la stessa e la polizia.
La stessa Bobbi Kristina Brown, tra l’altro, – secondo quanto riportato da Tmz – solo un giorno prima sarebbe stata vittima, nello stesso hotel, di un incidente analogo a quello che ha portato la madre alla morte. La ragazza, dopo aver ricevuto la tragica notizia, si troverebbe in uno stato psico-fisico pietoso, che starebbe facendo temere i familiari anche per la sua sorte.


Articoli correlati[]

  • «A Newark l’ultimo saluto a Whitney Houston» – Wikinotizie, 18 febbraio 2012

Fonti[]

Note[]

  1. Il Messaggero, fonte cit. – Nel testo dell’articolo, la notizia non è data per certa.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 23, 2012

Etta James muore all\’età di 73 anni

Etta James muore all’età di 73 anni – Wikinotizie

Etta James muore all’età di 73 anni

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 23 gennaio 2012

Etta James in concerto nel 2000 a San José.

La leggendaria cantante blues Etta James muore all’età di 73 anni nel Riverside Community Hospital a Riverside in California, dopo una lunga lotta contro il diabete e l’alzheimer.

La cantante era diventata famosa durante gli anni ’60 grazie a canzoni di successo come At Last, I Just Wanna Make Love to You e The Wallflower; durante la sua carriera vinse ben quattro Grammy Awards e diciassette Blues Music Awards. Il New York Times afferma che «un’artista di tale versatilità è impossibile da etichettare»; la James sperimentò sonorità blues, soul e R&B, riscuotendo fin da subito un grande successo di pubblico e critica.

Subito dopo la morte, l’omaggio di Aretha Franklin: «Era una delle più grandi cantanti soul della mia generazione. Quando cantava, eri obbligata a sentirla». Altri artisti vicini alla blueswoman, come Christina Aguilera e Nathan Followill, si sono uniti alle condoglianze.


Fonti

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Etta James.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 13, 2012

FreeBSD 9 dedicato alla memoria di Dennis Ritchie

FreeBSD 9 dedicato alla memoria di Dennis Ritchie

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 13 gennaio 2012

Dennis Ritchie (maggio 2011)

Da ieri è ufficialmente disponibile la versione 9.0 di FreeBSD, il sistema operativo libero che costituisce una delle alternative al più popolare Linux. La nuova versione è dedicata alla memoria di Dennis Ritchie, considerato uno dei padri del sistema operativo Unix, scomparso nell’ottobre del 2011.

Oltre all’aggiornamento dei desktop enviroment GNOME e KDE, rispettivamente alle versioni 2.32.1 e 4.7.3, sono state introdotte modifiche allo stack TCP/IP, aggiornato il supporto per i file system NFS e ZFS ed inseriti i driver relativi alle periferiche USB 3.0. Dalla versione 9 è possibile installare FreeBSD anche sulla Sony Playstation 3.

La dedica completa, presente nell’annuncio ufficiale, è la seguente:

« The FreeBSD Project dedicates the FreeBSD 9.0-RELEASE to the memory of Dennis M. Ritchie, one of the founding fathers of the UNIX[tm] operating system. It is on the foundation laid by the work of visionaries like Dennis that software like the FreeBSD operating system came to be. The fact that his work of so many years ago continues to influence new design decisions to this very day speaks for the brilliant engineer that he was.
May he rest in peace. »


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 22, 2011

Stati Uniti: madre 29enne uccide la figlia nel microonde

Stati Uniti: madre 29enne uccide la figlia nel microonde

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 22 giugno 2011

È stata arrestata una donna 29enne a Sacramento (California) con l’accusa di aver ucciso la propria figlia di 6 settimane nel forno a microonde.

Il delitto risale al 17 marzo ma l’arresto di Ka Yang è stato possibile solo ora, dopo tre mesi di indagini. Quel giorno la polizia, chiamata dal servizio medico nell’appartamento dove è stato commesso il crimine, ha riscontrato sul corpo della piccola Mirabelle Thao-lo ferite simili a bruciature. La donna si era giustificata con le forze dell’ordine dicendo di essere svenuta mentre reggeva la bambina in braccio e, di conseguenza, la neonata sarebbe caduta procurandosi quelle abrasioni mortali.

Gli investigatori, tuttavia, trovarono subito sospetti i danni sul corpo, e l’autopsia ha confermato che sono ustioni compatibili con quelle che può provocare un forno a microonde. La donna, ora, rischia l’ergastolo.

Casi analoghi[]

Non è il primo caso del genere negli Stati Uniti.

Nel 2000 Elizabeth Otte, abitante della Virginia, uccise la figlia neonata nello stesso modo. Fu condannata a 5 anni di carcere poiché giudici accolsero l’attenuante che la donna soffrisse di attacchi di epilessia.

Nel 2005 a Dayton (Ohio) la 25enne China Arnold uccise la figlia, Paris di 28 giorni, nel forno. È stata condannata definitivamente all’ergastolo lo scorso 20 maggio.

Nel 2007, in un motel di Galveston (Texas), Joshua Mauldin attentò alla la vita della propria figlia Ana di due mesi. È stato dimostrato al processo che l’uomo, 20enne all’epoca dei fatti, tenne la bambina prima nella cassaforte della stanza del motel, poi nel frigorifero e, infine, la mise nel forno per pochi secondi. La bambina, seppur ustionata, non morì e l’uomo è stato condannato nel 2008 a 25 anni di carcere.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 18, 2010

È morto Captain Beefheart, aveva 69 anni

È morto Captain Beefheart, aveva 69 anni

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

18 dicembre 2010

Muore Captain Beefheart: si spegne in California il 17 dicembre 2010, all’età di 69 anni. Nome d’arte di Don Van Vliet è stato un grande cantante e musicista statunitense, oltre che un bravo pittore.

Don Van Vliet nasceva a Glendale il 15 gennaio del 1941, muore dopo 69 anni in California, a causa della sclerosi multipla. La musica perde uno dei grandi visionari del rock anni Sessanta e Settanta, uno tra i maggiori precursori del rock sperimentale statunitense.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 20, 2009

È deceduta Brittany Murphy, aveva 32 anni

È deceduta Brittany Murphy, aveva 32 anni

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 20 dicembre 2009

Brittany Murphy nel 2006

L’attrice statunitense Brittany Murphy è morta a 32 anni, in seguito a un arresto cardiaco.

Alle 8 del mattino (le 17:00 CET), dalla casa in cui viveva con il marito, il produttore Simon Monjack, è partita una telefonata, fatta dalla madre dell’attrice e diretta al pronto intervento. All’arrivo dei soccorsi la donna si trovava ancora nella doccia, dove era stata trovata originariamente.

Sono stati vani tutti i tentativi di rianimazione praticati dai paramedici. Il corpo è stato trasportato al Cedars-Sinai Medical Center: qui alle 10:04 (19:04 CET), il personale medico ha constatato il decesso. Le cause della morte sono ancora sconosciute, anche se a prima vista l’arresto cardiaco potrebbe avere un legame con l’abuso di sostanze di cui l’attrice si era resa protagonista nel passato. La polizia ha dichiarato che sono in corso le indagini sul caso.

Tra i film interpretati da Brittany Murphy vi sono Ragazze a Beverly Hills, Ragazze interrotte, 8 Mile, Sin City, I ragazzi della mia vita.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 15, 2009

Patrick Swayze è morto

Patrick Swayze è morto – Wikinotizie

Patrick Swayze è morto

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 15 settembre 2009

Patrick Swayze nel 2006

Patrick Swayze, il popolare interprete di Dirty Dancing, Ghost e Donnie Darko, è morto nella giornata di lunedì a Los Angeles.

L’attore, che lottava da tempo contro un tumore al pancreas, si è spento serenamente, circondato dai suoi cari. Aveva 57 anni.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 11, 2009

Internet: Google lancia il progetto Caffeine

Internet: Google lancia il progetto Caffeine

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 11 agosto 2009
Google lancia un nuovo progetto denominato Caffeine. Il comunicato è stato dato tramite uno dei blog del colosso di Mountain View. il progetto Caffeine sta impegnando da qualche mese diversi ingegneri elettronici di Google, che stanno cercando di creare un motore di ricerca ancora più veloce e con maggiori risultati, il tutto allo scopo di mantenere il primato sul mercato, che attualmente si attesta intorno all’80%. La nuova versione del famoso motore di ricerca può essere provata all’indirizzo http://www2.sandbox.google.com. La veste grafica è praticamente immutata, ma quel che conta si può vedere effettuando una ricerca, che fornirà, a detta di Google, circa il 30% di risultati in più rispetto alla versione “normale” ed in maniera più veloce. Caffeine viene visto come la risposta di Google a Bing di Microsoft, nuovo motore di ricerca, che nonostante i buoni apprezzamenti, non ha inciso più di tanto nella parte di mercato dell’azienda di Redmond.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress