Wiki Actu it

March 24, 2011

Nucleare: la TV svizzera censura i Simpson

Nucleare: la TV svizzera censura i Simpson

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 24 marzo 2011
Troppo lassismo, troppi problemi e troppi incidenti nella centrale atomica di Springfield: e così, sull’onda delle paure scatenate dall’incidente nella centrale di Fukushima, la televisione svizzera di lingua tedesca SF, ha deciso di non trasmettere più gli episodi dei Simpson in cui si parla di sicurezza delle centrali atomiche. Tutte le puntate verrano analizzate e le scene considerate “inopportune”, tagliate. Un portavoce di SF ha precisato che non esistono dei criteri precisi per i tagli, ma che si valuterà caso per caso. Al momento non è inoltre chiaro per quanto tempo verrà attuata questa misura.

Certamente, almeno per un po’ di tempo, Homer Simpson non userà più le barre di plutonio come fermacarte. Almeno in Svizzera.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 12, 2011

L\’Uomo Tigre aiuta gli orfani

L’Uomo Tigre aiuta gli orfani – Wikinotizie

L’Uomo Tigre aiuta gli orfani

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 12 gennaio 2011
L’Uomo Tigre è un manga di successo realizzato in Giappone nel 1969. La storia narra le vicende di Naoto Date che all’attività di lottatore di wrestling mascherato contrappone, nella vita di tutti i giorni, l’impegno per un orfanotrofio gestito da due amici.

Sembra però che il personaggio di carta abbia, in qualche modo, fatto il salto nella vita reale. La prima donazione risale alla mattina di Natale del 2010, quando davanti all’orfanotrofio di Maebashi viene ritrovato un pacco contenente dieci cartelle da scuola, cinque con fiocco azzurro e cinque con fiocco rosa, del valore di circa 280 € l’una, ed una lettera firmata, appunto, Naoto Date.

Ad oggi si contano oltre 100 donazioni di varia entità in tutto il Giappone, in prevalenza a firma di Naoto Date ma in alcuni casi anche da parte di altri personaggi dei manga per un totale di oltre 1,76 milioni di yen (oltre 16.000 €).


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 31, 2009

La Marvel viene acquistata dalla Disney

La Marvel viene acquistata dalla Disney – Wikinotizie

La Marvel viene acquistata dalla Disney

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 31 agosto 2009

Logo WaltDisneyCo.svg

Con un’operazione a sorpresa, la famosa The Walt Disney Company acquisisce la casa editrice di fumetti statunitense Marvel Comics.

L’affare ammonta a ben 4 miliardi di dollari e potrebbe portare benefici sia alle azioni Marvel che a quelle Disney, ferme rispettivamente a 38,65$ e 26,84$ ad azione.

Robert A. Riger, presidente e AD di The Walt Disney Company si ritiene soddisfatto dell’operazione dichiarando: «Questa transazione combina la forza globale del marchio Marvel, con i suoi personaggi universalmente riconosciuti come Iron Man, Spider Man, I Fantastici Quattro e Thor, con i talenti creativi di Disney. Crediamo che l’aggiunta di Marvel al portfolio di Disney costituisca una significativa opportunità di crescita per una crescita su lungo termine e la creazione di valore.».

I personaggi creati dalla Marvel ammontano a ben 5.000 e negli ultimi anni la società aveva aumentato i propri guadagni grazie anche agli ultimi adattamenti cinematografici hollywoodiani dei supereroi americani più famosi.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 6, 2008

La Rainbow si espande a Singapore

Filed under: Animazione,Asia,Economia,Pubblicati,Singapore — admin @ 5:00 am

La Rainbow si espande a Singapore – Wikinotizie

La Rainbow si espande a Singapore

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 6 dicembre 2008

La Rainbow S.p.A. ha aperto una “divisione videogiochi” a Singapore, la città-stato a vocazione fortemente industriale e tecnologica, con un investimento di venticinque milioni di dollari, il più grande di sempre. Fino ad ora la Rainbow aveva licenziato i suoi marchi per società specializzate come Eidos ed Activision. Il sito delle fatine Winx Club ha ben due milioni di iscritti, centomila dei quali singaporiani.

La decisione di installarsi a Singapore, per l’amministratore delegato e fondatore Iginio Straffi, è stata «una scelta naturale», dal momento che Singapore «ha un’ottima infrastruttura per le telecomunicazioni e il settore dell’IT […] sta facendo passi da gigante. Inoltre qui c’è una legislazione molto accurata per quello che riguarda i diritti della proprietà intellettuale, che rappresenta per noi un requisito fondamentale». Non bisogna tralasciare però che la moglie di Iginio Straffi, la signora Joanne Lee, è per l’appunto, singaporiana.

L’investimento segue l’invito della commissione allo sviluppo economico di Singapore, che spera così di rafforzare le proprie capacità nei settori dell’animazione e dei videogiochi. Lo stabilimento della Rainbow potrà dare lavoro ad almeno diecimila occupati, che saranno rappresentati in gran parte da laureati in informatica ed in ingegneria.

Il settore dei videogiochi e dell’animazione sono molto importanti per entrambe le parti. Si stima che il volume di affari del settore animazione possa toccare gli ottanta miliardi di dollari nel 2010, mentre quello dei videogiochi possa arrivare ai quarantaquattro miliardi di dollari nel 2011.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

November 29, 2008

Endemol farà i cartoni del fumetto arabico “The 99”

Filed under: Animazione,Economia — admin @ 5:00 am

sabato 29 novembre 2008

Wikinotizie di oggi
29 novembre

Collabora con noi!
  • Scrivania
  • Portale:Comunità
  • Guida allo stile – come scrivere
  • Guida al contenuto – cosa scrivere

La Endemol, nota società di produzioni televisive attualmente guidata dall’israeliano Ynon Kreiz, di anni 43, sta allargando la sua strategia d’impresa; finora buona parte degli introiti era dovuta a programmi come il Grande Fratello. Adesso l’azienda punta all’intrattenimento di origini arabe, e lo fa tramite l’acquisto dei diritti del fumetto The 99, per produrre una serie televisiva a cartoni animati con episodi di circa mezz’ora.

The 99 è edito dalla kuwaitiana Teshkeel Media, condotta da Naif Al Mutawa; si tratta di un fumetto di tipo supereroico, con grafica e colori simililari a quelle dei comics statunitensi, come ad esempio Marvel e DC, ma si caratterizza per l’attenzione al rispetto dei valori tradizionali musulmani. Teshkeel Media non è al momento una realtà particolarmente significativa: l’anno passato ha effettuato un aumento di capitale di ventitré milioni di dollari, ma la speranza è quella di riuscire, grazie alla Endemol, a far conoscere il proprio prodotto e magari diversificare l’offerta, con lungometraggi cinematografici e commercializzazione di videogiochi e giocattoli.

Parimenti per Endemol non si tratta di un impegno particolarmente oneroso, che pare essere inferiore ai cinquanta milioni di euro (poca cosa per chi di euro ne fattura un miliardo e passa), ma ha sopratutto un valore strategico: nell’area araba è ancora possibile creare impresa televisiva dal nulla. Questo perché la maggior parte della programmazione proposta dalle emittenti televisive è composta da programmi occidentali doppiati, spesso osteggiati da parte dei fanatici religiosi locali.

La prossima mossa della Endemol sarà sicuramente una acquisizione della britannica ITV.I programmi TV per bambini sono un grosso affare, che interessa molti oltre alla Endemol: non è infatti da molto che la De Agostini ha lanciato DeA Kids, e si è inserita nel capitale di Giochi Preziosi, importantissimo inserzionista televisivo.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Endemol farà i cartoni del fumetto arabico “The 99”

Filed under: Animazione,Economia,Pubblicati — admin @ 5:00 am

sabato 29 novembre 2008

Wikinotizie di oggi
29 novembre

Collabora con noi!
  • Scrivania
  • Portale:Comunità
  • Guida allo stile – come scrivere
  • Guida al contenuto – cosa scrivere

La Endemol, nota società di produzioni televisive attualmente guidata dall’israeliano Ynon Kreiz, di anni 43, sta allargando la sua strategia d’impresa; finora buona parte degli introiti era dovuta a programmi come il Grande Fratello. Adesso l’azienda punta all’intrattenimento di origini arabe, e lo fa tramite l’acquisto dei diritti del fumetto The 99, per produrre una serie televisiva a cartoni animati con episodi di circa mezz’ora.

The 99 è edito dalla kuwaitiana Teshkeel Media, condotta da Naif Al Mutawa; si tratta di un fumetto di tipo supereroico, con grafica e colori simililari a quelle dei comics statunitensi, come ad esempio Marvel e DC, ma si caratterizza per l’attenzione al rispetto dei valori tradizionali musulmani. Teshkeel Media non è al momento una realtà particolarmente significativa: l’anno passato ha effettuato un aumento di capitale di ventitré milioni di dollari, ma la speranza è quella di riuscire, grazie alla Endemol, a far conoscere il proprio prodotto e magari diversificare l’offerta, con lungometraggi cinematografici e commercializzazione di videogiochi e giocattoli.

Parimenti per Endemol non si tratta di un impegno particolarmente oneroso, che pare essere inferiore ai cinquanta milioni di euro (poca cosa per chi di euro ne fattura un miliardo e passa), ma ha sopratutto un valore strategico: nell’area araba è ancora possibile creare impresa televisiva dal nulla. Questo perché la maggior parte della programmazione proposta dalle emittenti televisive è composta da programmi occidentali doppiati, spesso osteggiati da parte dei fanatici religiosi locali.

La prossima mossa della Endemol sarà sicuramente una acquisizione della britannica ITV.I programmi TV per bambini sono un grosso affare, che interessa molti oltre alla Endemol: non è infatti da molto che la De Agostini ha lanciato DeA Kids, e si è inserita nel capitale di Giochi Preziosi, importantissimo inserzionista televisivo.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Endemol farà i cartoni del fumetto arabico \”The 99\”

Filed under: Animazione,Economia,Fumetti,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Endemol farà i cartoni del fumetto arabico “The 99”

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 29 novembre 2008

La Endemol, nota società di produzioni televisive attualmente guidata dall’israeliano Ynon Kreiz, di anni 43, sta allargando la sua strategia d’impresa; finora buona parte degli introiti era dovuta a programmi come il Grande Fratello. Adesso l’azienda punta all’intrattenimento di origini arabe, e lo fa tramite l’acquisto dei diritti del fumetto The 99, per produrre una serie televisiva a cartoni animati con episodi di circa mezz’ora.

The 99 è edito dalla kuwaitiana Teshkeel Media, condotta da Naif Al Mutawa; si tratta di un fumetto di tipo supereroico, con grafica e colorazione simililari a quelle dei comics statunitensi, come ad esempio Marvel e DC, ma si caratterizza per l’attenzione al rispetto dei valori tradizionali musulmani. Teshkeel Media non è al momento una realtà particolarmente significativa: l’anno passato ha effettuato un aumento di capitale di ventitré milioni di dollari, ma la speranza è quella di riuscire, grazie alla Endemol, a far conoscere il proprio prodotto e magari diversificare l’offerta, con lungometraggi cinematografici e commercializzazione di videogiochi e giocattoli.

Parimenti per Endemol non si tratta di un impegno particolarmente oneroso, che pare essere inferiore ai cinquanta milioni di euro (poca cosa per chi di euro ne fattura un miliardo e passa), ma ha sopratutto un valore strategico: nell’area araba è ancora possibile creare un’impresa televisiva dal nulla. Questo perché la maggior parte della programmazione proposta dalle emittenti televisive è composta da programmi occidentali doppiati, spesso osteggiati da parte dei fanatici religiosi locali.

La prossima mossa della Endemol sarà sicuramente un’acquisizione della britannica ITV. I programmi TV per bambini sono un grosso affare, che interessa molti oltre alla Endemol: non è infatti da molto che la De Agostini ha lanciato DeA Kids, inserendosi nel frattempo nel capitale di Giochi Preziosi, importantissimo inserzionista televisivo.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 22, 2008

Mostra su Gino Gavioli a Villa Burba

Mostra su Gino Gavioli a Villa Burba – Wikinotizie

Mostra su Gino Gavioli a Villa Burba

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 22 ottobre 2008

Foto del Palazzo comunale di Rho

Nel comune di Rho in provincia di Milano è stata allestita una mostra dedicata ai lavori di Gino Gavioli: «Gino Gavioli, il Mago di Carosello» presso Villa Burba, organizzata dall’associazione culturale La Maiella.

La mostra è aperta fino al 2 novembre, con ingresso libero e orario pomeridiano, chiusa di venerdì.

Saranno esposti rodovetri originali, tavole, giocattoli, libri illustrati e altri oggettini, partendo dagli anni di Carosello fino alla sua occupazione attuale presso il Giornalino.

Per il periodo di Carosello saranno presenti i personaggi: «Il vigile Concilia» (1959) «Caio Gregorio, er guardiano der pretorio» (1960), «Vitaccia cavallina» (1962), «Ulisse e l’ombra» (1962), «Capitan Trinchetto» (1965), «Taca banda» (1968) «Cimabue» che «… fa una cosa e ne sbaglia due» (1972), «Mammut, Babbut e Figliut».

Alcuni di questi divennero protagonisti dei fumetti, come Derby, il cavallo di Vitaccia cavallina, sulle pagine del Monello.

Grazie al sostegno della Rai e alla domanda di corti d’animazione di Carosello la cinematografia animata in Italia era, negli anni sessanta, ai vertici in europa; un settore portato avanti dai fratelli Pagot, da Bruno Bozzetto, dai Manuli e dai Cavandoli. Lo studio di Gavioli, la Gamma Film crebbe fino a divenire il maggiore in europa, con una produzione di decine di cortometraggi e di alcuni lungometraggi cinematografici. L’avventura ebbe fine con Carosello, al termine del quale lo spazio per corti a disegni animati in televisione si ridusse drasticamente.

Gino Gavioli si dedicò allora al settore del fumetto e dell’illustrazione, esplorando moltissimi stili e argomenti. Con il settimanale per ragazzi «Il Giornalino», delle edizioni Paoline, ha collaborato, e collabora tutt’ora nonostante gli 85 anni, per ben 49 anni.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 12, 2008

One Piece e Toei Animation parteciperanno al Lucca Comics & Games 2008

One Piece e Toei Animation parteciperanno al Lucca Comics & Games 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 12 ottobre 2008

Replica abbastanza fedele della Going Merry, nave che accompagnerà la Ciurma di Cappello di Paglia fino alla fine della saga di Enies Lobby.

La Toei Animation, famosa casa di produzione giapponese e produttrice dell’anime One Piece, ha confermato la propria presenza con questa serie all’edizione 2008 di Lucca Comics & Games.

Una serie di eventi accompagnerà i fan di One Piece dal 30 ottobre al 2 novembre, tra questi anche il “One Piece Live Event” il 1° novembre, che presenterà, insieme all’editore Shūeisha, le maggiori novità che riguardano il manga e l’anime di One Piece, che in questi giorni è in onda in Italia con le nuove puntate della saga di Enies Lobby.

Toei, in collaborazione con Mediaset, trasmetterà anche il quarto film della serie, intitolato “One Piece: Trappola mortale”.

Alla fiera sarà presente anche l’art designer ed autore Ryuuji Yoshiike, disponibile nelle giornate di sabato e domenica, anche per incontrarlo.

Infine, verrà premiato il miglior costume cosplay dedicato alla serie, e nell’area games Namco Bandai presenterà il videogioco per la piattaforma Wii “One Piece: Unlimited Cruise”.

Wikipe-tan without body.png Segui lo speciale dedicato al Lucca Comics & Games 2008


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 11, 2008

Lucca Comics & Games 2008 al via fra pochi giorni

Lucca Comics & Games 2008 al via fra pochi giorni

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 11 ottobre 2008

Panorama della città di Lucca

Lucca Comics & Games è uno dei più importanti eventi italiani dedicato all’animazione ed al fumetto, che quest’anno avrà inizio il 18 ottobre (mentre la mostra mercato partirà il 30 ottobre) e terminerà il 2 novembre[1].

Per questa edizione viene confermato anche l’appuntamento con lo spazio dedicato ai “games”, dedicato a giochi popolari come il fantacalcio e Magic The Gathering.

Durante la fiera verranno festeggiati i 30 anni di Goldrake, l’anime trasmesso nel 1978 da Rai Due e che diede inizio all’importazione di altre serie animate provenienti dal Giappone[2].

Una cosplayer

Molti gli ospiti nazionali ed internazionali presenti a Lucca C&G, tra i quali per i comics troviamo: John Romita Sr. disegnatore di Amazing Spider-Man, Mark Millar con Kick-Ass, Rick Veitch disegnatore di Swamp Thing, Steve Rude creatore di Nexus, Bruno Bozzetto, Silver (autore di Lupo Alberto), Silvia Ziche, Giorgio Cavazzano, Alfredo Castelli, Leo Ortolani (creatore di Rat-Man e del manifesto di quest’edizione di Lucca Comics & Games) e Simone Bianchi[3].

Per i games ed il mondo del fantastico saranno presenti Christian T. Petersen, Mark Tedin e Tracy Hickman. Oltre a questo, per tre giorni consecutivi, per rendere omaggio alla scomparsa di Gary Gygax, creatore del famoso gioco di ruolo Dungeons & Dragons, verrà organizzato un torneo che metterà a disposizione tre titoli della serie: Dungeon & Dragons “scatola rossa”, Advanced Dungeons & Dragons – I° Edizione ed Advanced Dungeons & Dragons – II° Edizione. Per il settore dei videogiochi, saranno presenti Atari, Electronic Arts ed Ubisoft[1][3].

Infine, non mancherà la sfilata dei cosplayer che si terrà gli ultimi due giorni della fiera, che nella scorsa edizione ha registrato mille partecipanti[4].

Note

  1. 1,0 1,1 Programma completo della fiera
  2. Consultare nello specifico le sezioni 1 e 2 della voce Anime su Wikipedia
  3. 3,0 3,1 Articolo su ComicFan.it
  4. Lucca Cosplay sul sito ufficiale

Wikipe-tan without body.png Segui lo speciale dedicato al Lucca Comics & Games 2008


Ricerca originale
Questo articolo (o parte di esso) si basa su informazioni frutto di ricerche o indagini condotte da parte di uno o più contributori della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress