Wiki Actu it

September 30, 2013

Università di Messina: avrebbero pilotato un concorso per ricercatore, due docenti agli arresti domiciliari

Università di Messina: avrebbero pilotato un concorso per ricercatore, due docenti agli arresti domiciliari

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 30 settembre 2013
Due docenti dell’Università degli Studi di Messina sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza nel corso dell’operazione denominata “Pacta servanda sunt” (“I patti vanno rispettati”). Si tratta del direttore del dipartimento di Farmacia dell’Università di Messina e del professore ordinario di Microbiologia e Microbiologia Clinica presso la stessa Università. L’accusa è di aver «gravemente inquinato» il concorso per un posto di ricercatore in Microbiologia e Microbiologia Clinica, per pilotarne l’esito.


Fonti[]

Aggiornamenti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 28, 2010

Messina: i medici litigano, madre e bambino in prognosi riservata

Filed under: Cronaca,Europa,Italia,Messina,Pubblicati,Sicilia — admin @ 5:00 am

Messina: i medici litigano, madre e bambino in prognosi riservata

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 28 agosto 2010

Flag of Messina.svg

Vicenda dai risvolti gravissimi quella avvenuta lo scorso giovedì nell’unità operativa di ostetricia e ginecologia del Policlinico Universitario “Gaetano Martino” di Messina. Mentre una donna aspettava di partorire, secondo quanto riferisce il marito della paziente, i medici che dovevano occuparsi del parto naturale hanno iniziato a litigare, apparentemente per motivi legati al lavoro, trascurando le esigenze della partoriente.

Una volta calmatisi, i due medici hanno deciso di praticare un parto cesareo per sopperire allo spreco di tempo, ma durante l’intervento il nascituro ha subito per due volte un arresto cardiaco, mentre poco dopo la madre è stata colpita da emorragia. Mentre le condizioni della neomamma – che ha subito l’asportazione dell’utero – appaiono in miglioramento, per il bambino, ricoverato in prognosi riservata, si sospettano danni celebrali.

L’accaduto ha subito messo in moto la procura del capoluogo, con il sostituto procuratore Francesca Rende impegnata negli interrogatori del personale presente al momento del fatto.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 12, 2008

Giro d\’Italia 2008: terza tappa

Giro d’Italia 2008: terza tappa – Wikinotizie

Giro d’Italia 2008: terza tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 12 maggio 2008

Bennati aveva nel suo palmarès vittorie al Tour e alla Vuelta. Per lui si tratta della prima al Giro.

È Daniele Bennati il vincitore della terza tappa del Giro 2008, da Catania a Milazzo (221 Km alla media oraria di 39,345 Km/h). Il velocista della Liquigas ha preceduto il veterano Erik Zabel della Milram e Danilo Hondo della Diquigiovanni.

Dopo il GPM di Maletto (1° Sella, che consolida il primato in maglia verde), unica asperità di giornata, parte una fuga di cinque uomini, tra i quali Pavel Brutt e Jérémy Roy, già scattato ieri. Questi corridori (4′ vantaggio massimo) sono stati poi ripresi a 30 Km dalla conclusione.

La frazione è stata a dir poco funestata dalle cadute. Poco prima dell’ingresso a Messina, infatti, una caduta in mezzo al gruppo, a causa dell’asfalto reso viscido dalla pioggia) coinvolge fra gli altri Riccardo Riccò e Mark Cavendish. La ex maglia ciclamino (andrà a Bennati) riporta un’infrazione all’indice della mano sinistra; tuttavia il vincitore della tappa di Agrigento torna nel plotone dopo pochi chilometri grazie anche al lavoro della Saunier Duval.

Ai meno 20, altra caduta generata da una scivolata di Kirienka della Tinkoff. Coinvolti meno di dieci atleti, tra cui Magnus Backstedt, Davide Rebellin e Bradley McGee. L’australiano della CSC abbandona la corsa: per lui frattura della scapola.

Negli ultimi chilometri tentano scatti Andrea Tonti e Vincenzo Nibali, enfant du pais, entrambi senza esito.

Nella volata finale è Bennati ad imporsi. Nello sprint due corridori, Vanotti e Trussov, sono finiti a terra, apparentemente senza danni.

La maglia rosa resta a Pellizotti. Domani si torna sul continente, con partenza da Pizzo Calabro e arrivo sul lungomare di Catanzaro dopo 183 Km.

Risultati odierni

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Daniele Bennati Flag of Italy.svg Italia Liquigas 5h 37′ 1″
2 Erik Zabel Flag of Germany.svg Germania Team Milram s.t.
3 Danilo Hondo Flag of Germany.svg Germania S. Diquigiovanni-Androni G. s.t.
4 Thomas Fothen Flag of Germany.svg Germania Gerolsteiner s.t.
5 Alberto Loddo Flag of Italy.svg Italia Tinkoff Credit Systems s.t.
Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Franco Pellizotti Flag of Italy.svg Italia Liquigas 11h 52′ 17″
2 Christian Vandevelde Flag of the United States.svg Stati Uniti Slipstream Chipotle a 1″
3 Danilo Di Luca Flag of Italy.svg Italia LPR Brakes-Ballan a 7″
4 Morris Possoni Flag of Italy.svg Italia Team High Road a 8″
5 Vincenzo Nibali Flag of Italy.svg Italia Liquigas a 8″
Classifica a punti
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Daniele Bennati Flag of Italy.svg Italia Liquigas 29
Classifica del Gran Premio della Montagna
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Emanuele Sella Flag of Italy.svg Italia Csf Group-Navigare 8
Classifica Miglior Giovane
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Morris Possoni Flag of Italy.svg Italia Team High Road 11h 52′ 25″
Numero Nero
Posizione Atleta Nazione Squadra Ritardo dal 1°
194 Ermanno Capelli Flag of Italy.svg Italia Saunier Duval-Scott a 22′ 51″


  • Ritirati / Non partiti: Bradley McGee (Team CSC)

Fonti


Resoconto del Giro d’Italia 2008
Maglia rosa del Giro d'Italia

Scegli la tappa: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21

Segui lo Speciale Giro d’Italia 2008.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Giro d\’Italia 2008: terza tappa

lunedì 12 maggio 2008

È Daniele Bennati il vincitore della terza tappa del Giro 2008, da Catania a Milazzo (221 Km alla media oraria di 39,345 Km/h). Il velocista della Liquigas ha preceduto il veterano Erik Zabel della Milram e Danilo Hondo della Diquigiovanni.

Dopo il GPM di Maletto (1° Sella, che consolida il primato in maglia verde), unica asperità di giornata, parte una fuga di cinque uomini, tra i quali Pavel Brutt e Jérémy Roy, già scattato ieri. Questi corridori (4′ vantaggio massimo) sono stati poi ripresi a 30 Km dalla conclusione.

La frazione è stata a dir poco funestata dalle cadute. Poco prima dell’ingresso a Messina, infatti, una caduta in mezzo al gruppo, a causa dell’asfalto reso viscido dalla pioggia) coinvolge fra gli altri Riccardo Riccò e Mark Cavendish. La ex maglia ciclamino (andrà a Bennati) riporta un’infrazione all’indice della mano sinistra; tuttavia il vincitore della tappa di Agrigento torna nel plotone dopo pochi chilometri grazie anche al lavoro della Saunier Duval.

Ai meno 20, altra caduta generata da una scivolata di Kirienka della Tinkoff. Coinvolti meno di dieci atleti, tra cui Magnus Backstedt, Davide Rebellin e Bradley McGee. L’australiano della CSC abbandona la corsa: per lui frattura della scapola.

Negli ultimi chilometri tentano scatti Andrea Tonti e Vincenzo Nibali, enfant du pais, entrambi senza esito.

Nella volata finale è Bennati ad imporsi. Nello sprint due corridori, Vanotti e Trussov, sono finiti a terra, apparentemente senza danni.

La maglia rosa resta a Pellizotti. Domani si torna sul continente, con partenza da Pizzo Calabro e arrivo sul lungomare di Catanzaro dopo 183 Km.

Risultati odierni

Bennati aveva nel suo palmarès vittorie al Tour e alla Vuelta. Per lui si tratta della prima al Giro.

Bennati aveva nel suo palmarès vittorie al Tour e alla Vuelta. Per lui si tratta della prima al Giro.

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Daniele Bennati Italia Liquigas 5h 37′ 1″
2 Erik Zabel Germania Team Milram s.t.
3 Danilo Hondo Germania S. Diquigiovanni-Androni G. s.t.
4 Thomas Fothen Germania Gerolsteiner s.t.
5 Alberto Loddo Italia Tinkoff Credit Systems s.t.
Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Franco Pellizotti Italia Liquigas 11h 52′ 17″
2 Christian Vandevelde Stati Uniti Slipstream Chipotle a 1″
3 Danilo Di Luca Italia LPR Brakes a 7″
4 Morris Possoni Italia Team High Road a 8″
5 Vincenzo Nibali Italia Liquigas a 8″
Classifica a punti
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Daniele Bennati Italia Liquigas 29
Classifica del Gran Premio della Montagna
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Emanuele Sella Italia Csf Group-Navigare 8
Classifica Miglior Giovane
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Morris Possoni Italia Team High Road 11h 52′ 25″
Numero Nero
Posizione Atleta Nazione Squadra Ritardo dal 1°
194 Ermanno Capelli Italia Saunier Duval-Scott a 22′ 51″


Fonti


Resoconto del Giro d’Italia 2008
Maglia rosa del Giro d'Italia

Scegli la tappa: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21

Segui lo Speciale Giro d’Italia 2008.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 7, 2007

Uccide venticinquenne che lo accusa di omosessualità, poi si consegna

Uccide venticinquenne che lo accusa di omosessualità, poi si consegna

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 7 ottobre 2007

Rosasio Floramo, quarantanovenne, ha ucciso con un colpo di fucile il calciatore dilettante venticinquenne Stefano Salmeri, di fronte alla fidanzata di quest’ultimo.

È accaduto nella serata di ieri a Falcone, in provincia di Messina. L’uomo, marito e padre di famiglia, si è consegnato alle forze dell’ordine di Barcellona Pozzo di Gotto non appena si è reso conto del folle gesto.

La causa dell’omicidio è da rintracciarsi negli epiteti scagliati dal ragazzo nei confronti di Rosario, accusato di omosessualità. Stefano era solito dare del “gay” al suo assassino di fronte ai suoi concittadini.

Sabato Salmeri ha offeso in due occasioni differenti il signor Floramo. Quest’ultimo ha preso l’arma da fuoco, comprata per l’occasione, dal suo capanno e ha deciso di sparare in direzione del calciatore all’ingresso di una sala giochi.

Un fratello di Rosario in passato è stato arrestato per l’omicidio di un omosessuale.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 21, 2007

Si sono svolti i funerali delle vittime della collisione nello Stretto di Messina

Filed under: Cronaca,Europa,Italia,Messina,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Si sono svolti i funerali delle vittime della collisione nello Stretto di Messina

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Messina, domenica 21 gennaio 2007

Si sono tenuti i funerali delle quattro vittime dello scontro sullo stretto di Messina fra un aliscafo delle Ferrovie dello Stato e la nave portacontainer Susan Borchard. Nella cattedrale di Messina, centinaia di persone hanno assistito con grande commozione alle esequie celebrate dall’arcivescovo Calogero La Piana.

Articoli correlati[]

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 15, 2007

Collisione tra aliscafo e nave cargo nello stretto di Messina: almeno 4 morti

Collisione tra aliscafo e nave cargo nello stretto di Messina: almeno 4 morti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 15 gennaio 2007

Attorno alle 18.15, ora locale italiana, un aliscafo in servizio di linea passeggeri dal porto di Reggio Calabria al porto Messina e una nave mercantile sono entrate in collisione un paio di miglia al largo del porto di Messina, nello Stretto di Messina

Secondo i bollettini diffusi prima delle ore 22, sono stati accertati almeno 4 morti (tutti membri dell’equipaggio) e almeno 88 feriti di cui, secondo quanto riferito dagli organi d’informazione, almeno sette in gravi condizioni. Il bilancio potrebbe non essere ancora definitivo.

Immagine satellitare dello Stretto di Messina

L’aliscafo era il “Segesta jet”, con a bordo 151 passeggeri e 6 membri dell’equipaggio, che ha riportato danni ingenti. La nave mercantile è una nave portacontainer, la “Susan Borchard”, battente bandiera di Antigua e Barbuda

Nella tarda serata sono state trasmesse immagini dell’aliscafo: la sagoma della prua del portacontainer ha lasciato un ampio squarcio nella fiancata destra dell’aliscafo, distruggendo completamente la plancia di comando dell’imbarcazione. Fortunatamente l’aliscafo non è affondato. Sembra che i soccorsi siano stati allertati dagli stessi passeggeri mediante i loro telefoni cellulari, in quanto tutta la strumentazione di bordo era andata distrutta nella collisione.

La dinamica dell’incidente non è ancora chiara, ma sembra che la visibilità al momento dell’incidente fosse ottima.

Articoli correlati

  • «Si sono svolti i funerali delle vittime della collisione nello Stretto di Messina» – Wikinotizie, 21 gennaio 2006

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 12, 2005

Messina ballottaggio elezioni comunali 2005

Filed under: Elezioni comunali,Messina — admin @ 5:00 am

Messina ballottaggio elezioni comunali 2005

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

12 dicembre 2005

Francantonio Genovese nuovo sindaco di Messina[]

Concluso lo spoglio delle schede per il ballottaggio all’elezione di sindaco di Messina, è risultato vincitore il candidato della sinistra Francantonio Genovese. Genovese dovrà ora guidare un consiglio comunale di cui non ha la maggioranza, in quanto il ballottaggio decideva solo della carica di sindaco, visto che il centro destra aveva già conquistato più del 50% dei voti per il consiglio.
Proprio per questo, la sconfitta di Luigi Ragno è ancora più pesante. Il centrodestra ritiene che il risultato del voto dipenda dalla scarsa affluenza alle urne, 59,31% rispetto 78,19% del primo turno.

Altro parodosso di questa elezione è il numero di consiglieri assegnati in giunta ai DS. Con l’elezione di Genovese saranno infatti due, mentre l’elezione al primo turno aveva assegnato ai DS solo 4 posti nel consiglio comunale.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

November 29, 2005

Messina elezioni comunali 2005

Filed under: Elezioni comunali,Messina — admin @ 5:00 am

Messina elezioni comunali 2005 – Wikinotizie

Messina elezioni comunali 2005

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

29 novembre 2005

Al ballotaggio le elezioni per il sindaco di Messina[]

La Casa delle Libertà, pur avendo ottenuto il 55,6% dei voti, non riesce ad ottenere la carica di sindaco di Messina per Luigi Ragno. Il risultato del ballottaggio non modificherà quindi l’assetto del Consiglio comunale.
A scompaginare l’elezione a sindaco, sono stati i fuoriusciti dalla CdL, Raffaele Lombardo (UDC) e Nello Musumeci (AN), che hanno portato il candidato neoautonomista Nunzio Romeo al 7,36% dei voti validi.

Si va quindi al ballottaggio tra Luigi Ragno (CdL) e Francantonio Genovese (L’Unione).
Euforico Rutelli per il risultato delle elezioni: la Margherita ha ottenuto il 21,5% dei voti, primo partito del centro sinistra, con un miglioramento del 6,6% rispetto alle votazioni del 2003.
Avanza anche AN dal 15% al 19%. Ridotta invece la percentuale dei votanti della Casa della Libertà che è scesa dal 66,2% al 55,6%. Indietreggiano anche Forza Italia (dal 20% al 12,5%) e i DS (dal 6,4% al 4,2%).

Risultati elezione a sindaco[]

  • Luigi Ragno 45,9% (Casa delle Libertà 55,6%)
  • Francantonio Genovese 45,8% (L’Unione 37,6%)
  • Nunzio Romeo 7,4 (Movimento per l’autonomia 6,4%)

Risultati elezione del Consiglio[]

Partito % Seggi
Liste Margherita 21,5 11
Liste AN 19,43 9
Liste UDC 15,2 8
Liste FI 12,5 6
Movimento per l’autonomia 6,4 2
DS 4,2 2
Nuova Sicilia 3,34 2
UDEUR 3,2 1
SDI 2,79 1
Vince Messina 2,48 1
Repubblicani 1,79 1
Rifondazione 1,7 1
Verdi 1,3  
PDCI 0,5  
Altre liste centro-destra 3,30  

Il nuovo Consiglio (45 seggi):

  • centrodestra 26
  • centrosinistra 17
  • movimento per l’autonomia 2

Fonti[]

  • Corriere della Sera 30 novembre 2005

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 12, 2005

Impregilo si aggiudica la gara del Ponte sullo Stretto di Messina 2005

Impregilo si aggiudica la gara del Ponte sullo Stretto di Messina 2005

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

12 ottobre 2005

L’Impregilo costruirà il ponte sullo Stretto di Messina[]

Il consorzio capitanato da Impregilo si è aggiudicato la gara d’appalto per la costruzione del ponte sullo Stretto di Messina.
La prima pietra sarà posta nel 2006 e la costruzione sarà ultimata in 70 mesi, terminando quindi nel 2012. Il costo dell’opera è di 3,88 miliardi di euro.

L’Impregilo ha battuto la concorrente Astaldi, aggiudicandosi la gara d’appalto più ricca mai svoltasi in Italia.
Pietro Ciucci, amministratore delegato della società concedente “Stretto di Messina” ha spiegato di come l’Impregilo abbia presentato l’offerta più vantaggiosa rispetto a tutti i punti di vista.
Le due offerte a confronto:

Società Profilo
tecnico
max 50
Tempi
in mesi
prev. 78
Offerta
economica
max 50
Impregilo 48,08 60 50
Astaldi 43,65 74 8,8

Ciucci ha sottolineato «In particolare l’offerta vincitrice prevede un ribasso complessivo medio ponderato del 12,33%».
Andrea Monorchio, presidente dell’Ispa, ha detto: «Ormai non fare il ponte è impossibile: lo Stato pagherebbe a causa delle penali cifre equivalenti alla costruzione del ponte».
Ermete Realacci (Margherita) è preoccupato dell’aspetto economico: «Tutto fa pensare che i costi previsti lieviteranno in corso d’opera».

Impregilo e consorzio aggiudicatario[]

Il maggior azionista dell’Impregilo è la società Igli (15,5%) delle famiglie Benetton, Bonomi, Gavio e Rocca, un altro 11,8% fa capo alla Gemina.
L’impregilo detiene il 45% del consorzio aggiudicatario, il resto delle quote appartengono a Sacyr SA (18,7%), Società Italiana Condotte (15%), Cooperativa CMC (13%), Ishikawajma-Harima Heavy Industries Co. (6,3%) e ACI Consorzio Stabile del Gruppo Gavio (2%).

Il nuovo ponte[]

Il ponte sullo stretto diverrà il più lungo al mondo a campata unica: 3.300 m. Il tratto stradale avrà 3 corsie in entambi i sensi, due linee ferroviarie, due corsie di servizio e una corsia di servizio per la linea ferroviaria.
Questa la classifica dei ponti a campata unica più lunghi.

Ponte Stato Lunghezza
Akashi Kaikyo Giappone 1.991 m
Great Belt East Danimarca 1.624 m
Humber Gran Bretagna 1.410 m
Jangyn Cina 1,385 m
Tsing Ma Cina 1.377 m
Verrazzano Narrows USA 1.298 m
Golden Gate USA 1.280 m
Hoga Kusten Svezia 1.210 m
Mackinac USA 1.158 m
Minami (South) Bisan-Seto Giappone 1.100

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress