Costiera Amalfitana, crolla terrazza di una villa a mare: un morto e otto feriti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 18 agosto 2007
Nel pomeriggio di oggi, intorno alle ore 14.30 CEST, una terrazza, adibita a solarium, di una villa situata a Conca dei Marini, località della Costiera amalfitana in provincia di Salerno, è improvvisamente crollata. In quel momento sulla terrazza erano presenti 9 persone in tutto, originarie di Napoli e Roma, che assieme ad un’altra (che era fuori del locale, rimanendo illesa) avevano preso in affitto mediate prenotazione effettuata online la villa per le vacanze estive e, dopo pranzo, stavano prendendo lì il sole. Il cedimento della struttura in legno ha provocato la caduta nel vuoto da 10 metri d’altezza e il ferimento dei presenti; di questi, due sono finiti in mare e i restanti sugli scogli sottostanti.

Sul luogo dell’incidente sono intervenute due eliambulanze, un gommone della Capitaneria di Porto di Salerno e diversi mezzi della protezione civile, che hanno provveduto a recuperare i feriti e a trasportarli al pronto soccorso di Castiglione di Ravello, oltre alla collaborazione di Giuseppe Canfora, ex sindaco di Sarno e medico anestesista, che si trovava casualmente lì ed ha prestato i primi soccorsi. Tre delle persone coinvolte nell’incidente sono poi state trasferite all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, mentre le restanti sei hanno riportato traumi cranici di diversa entità: tra queste la più grave, Antonio Rocco, di 54 anni (deceduto poco dopo la mezzanotte) è stata portata all’ospedale Cardarelli di Napoli.

Sul posto sono accorsi in seguito il sindaco di Conca dei Marini, Luigi Criscuolo, che al momento dell’incidente si trovava nel suo negozio di ceramiche, non molto distante dalla villa in cui è collassata la terrazza, assieme ai tecnici comunali e alla polizia municipale, che hanno provveduto a compiere i rilievi fotografici e a trasmettere il tutto alle autorità competenti. Nel frattempo la villa è stata posta sotto sequestro ed è stata aperta da parte della Procura di Salerno un’inchiesta, il cui fascicolo è stato affidato al sostituto procuratore Angelo Frattini.

Fonti[]