Wiki Actu it

May 21, 2008

Giro d\’Italia 2008: undicesima tappa

Giro d’Italia 2008: undicesima tappa – Wikinotizie

Giro d’Italia 2008: undicesima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 21 maggio 2008

La tappa Urbania – Cesena (199 km) è stata vinta da Alessandro Bertolini (Serramenti Diquigiovanni) che ha anticipato Pablo Lastras Garcia (Caisse d’Epargne) di 5″. Fortunato Baliani, terzo della fuga, cade a 600 metri dal traguardo e accuserà 16″ di ritardo (poi “bonificati” a 5 dalla Direzione). Quarto il suo compagno di squadra Tiziano Dall’Antonia (Csf Group, a 41″). A 3′ 53″ il gruppo regolato dal solito Daniele Bennati.

Molte emozioni nella tappa appenninica del Giro. Poco prima di San Marino scattano in cinque (Pablo Lastras Garcia, Alessandro Bertolini, Tiziano Dall’Antonia, Jussi Veikkanen e Laurent Mangel), avvantangiandosi sul gruppo, frenato anche dalla pioggia battente.

Sul monte Carpegna avviene maggior selezione, con la LPR di Danilo Di Luca che fa manovra (rimarranno una ventina di unità). In discesa, tra i battistrada scivolano Dall’Antonia e Bertolini, ma si rialzano e recuperano; stessa sorte capita a Emanuele Sella e Franco Pellizotti nel gruppo inseguitore. Nella lunga discesa rientrano le maglie rosa e ciclamino (Visconti e Bennati), rimaste attardate.

Sulla salita verso Perticara, Baliani e Bosisio cercano la rimonta sui fuggitivi. Il tentativo riesce solo per il primo: Bosisio, infatti, cade nella seguente discesa e verrà ripreso nuovamente. Sullo strappo di Monteleone tenta Riccò, ma nella nuova picchiata cadono Visconti, Piepoli, Sella (che aveva precedentemente anche forato, oltre ad essere già scivolato altre due volte), Leipheimer, Pfannberger. Più a distanza, anche Ardila Cano.

Poche scaramucce sull’atteso muro di Sorrivoli, dove però si staccano Veikkanen e Mangel tra i fuggitivi (arriveranno ad 1′ 33″ da Bertolini). Anche Dall’Antonia perderà contatto sul cippo dedicato alla memoria di Pantani, alla periferia di Cesena. Quando sembra scontata la volata a tre, Fortunato Baliani colpise un sampietrino con la ruota posteriore e si vede disarcionato dalla bici a pochi metri dall’arrivo. Ne approfitta Bertolini, che regola così Lastras.

Nonostante l’incidente che l’ha visto coinvolto, Giovanni Visconti resta in rosa. Matthias Russ, fino a ieri secondo, perde terreno. Bennati, invece, incrementa i punti validi per la maglia ciclamino. Sella mantiene la maglia verde, giungendo a Cesena (dove vinse nel 2004) con 18′ 30″ di ritardo da Bertolini.

Domani è prevista la “classica” tappa di trasferimento, da Forlì a Carpi, di 172 Km.

Risultati odierni

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Alessandro Bertolini Flag of Italy.svg Italia S. Diquigiovanni-Androni G. 5h 44′ 22″
2 Pablo Lastras Garcia Flag of Spain.svg Spagna Caisse d’Epargne a 5″
3 Fortunato Baliani Flag of Italy.svg Italia Csf Group-Navigare a 5″
4 Tiziano Dall’Antonia Flag of Italy.svg Italia Csf Group-Navigare a 41″
5 Laurent Mangel Flag of France.svg Francia AG2R-La Mondiale a 1′ 33″
Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Giovanni Visconti Flag of Italy.svg Italia QuickStep 49h 0′ 17″
2 Gabriele Bosisio Flag of Italy.svg Italia LPR Brakes-Ballan a 5′ 50″
3 Alberto Contador Flag of Spain.svg Spagna Astana a 6′ 59″
4 Marzio Bruseghin Flag of Italy.svg Italia Lampre a 7′ 52″
5 Andreas Kloden Flag of Germany.svg Germania Astana a 7′ 54″
Classifica a punti
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Daniele Bennati Flag of Italy.svg Italia Liquigas 89
Classifica del Gran Premio della Montagna
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Emanuele Sella Flag of Italy.svg Italia Csf Group-Navigare 37
Classifica Miglior Giovane
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Giovanni Visconti Flag of Italy.svg Italia QuickStep 49h 0′ 17″
Numero Nero
Posizione Atleta Nazione Squadra Ritardo dal 1°
169 Ermanno Capelli Flag of Italy.svg Italia Saunier Duval-Scott a 2h 15′ 48″


  • Ritirati / Non partiti: Francesco Bellotti, Juan Mauricio Soler Hernandez (Barloworld), Rik Verbrugghe (Cofidis), Andrea Moletta, Volker Ordowski (Gerolsteiner), Mauro Santambrogio (Lampre), Geert Steurs (Silence-Lotto)

Fonti


Resoconto del Giro d’Italia 2008
Maglia rosa del Giro d'Italia

Scegli la tappa: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21

Segui lo Speciale Giro d’Italia 2008.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 20, 2008

Giro d\’Italia 2008: decima tappa

Giro d’Italia 2008: decima tappa – Wikinotizie

Giro d’Italia 2008: decima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 20 maggio 2008

Marzio Bruseghin al Tour de France 2007. Il corridore di Conegliano ha un allevamento di asini.

Marzio Bruseghin vince la prima prova individuale contro il tempo del Giro 2008, che portava i singoli atleti da Pesaro a Urbino, dopo 39,4 Km. Per lui è la seconda vittoria assoluta nella corsa rosa, dopo la cronometro di Oropa nella scorsa edizione.

Bruseghin anticipa gli specialisti Alberto Contador e Andreas Kloden, compagni di squadra nell’ Astana, rispettivamente di 8″ e 20″. Al quarto posto il campione italiano di specialità, Marco Pinotti, a 36″.

La pioggia battente, ma discontinua, ha causato lungo il percorso diversi problemi ai corridori: c’è chi è stato costretto a rallentare o a cambiare traiettorie (come Menchov, ad esempio), e chi addirittura è stato protagonista di scivolate, come Riccardo Riccò o Emanuele Sella. Savoldelli, in lotta per un piazzamento, vede la sua catena saltare a 300 metri dal traguardo e, costretto a cambiare la bici, perde tempo prezioso (arriverà comunque quinto, distante 44″ dal vincitore).

Giovanni Visconti mantiene la maglia rosa e guadagna 2′ 57″ sul secondo in classifica, Matthias Russ.

Domani tappa movimentata di 199 km, da Urbania a Cesena.

Risultati odierni

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Marzio Bruseghin Flag of Italy.svg Italia Lampre 56′ 41″
2 Alberto Contador Flag of Spain.svg Spagna Astana a 8″
3 Andreas Kloden Flag of Germany.svg Germania Astana a 20″
4 Marco Pinotti Flag of Italy.svg Italia Team High Road a 36″
5 Paolo Savoldelli Flag of Italy.svg Italia LPR Brakes-Ballan a 44″
Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Giovanni Visconti Flag of Italy.svg Italia QuickStep 43h 12′ 2″
2 Matthias Russ Flag of Germany.svg Germania Gerolsteiner a 3′ 31″
3 Gabriele Bosisio Flag of Italy.svg Italia LPR Brakes-Ballan a 5′ 50″
4 Alberto Contador Flag of Spain.svg Spagna Astana a 6′ 59″
5 Marzio Bruseghin Flag of Italy.svg Italia Lampre a 7′ 52″
Classifica a punti
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Daniele Bennati Flag of Italy.svg Italia Liquigas 80
Classifica del Gran Premio della Montagna
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Emanuele Sella Flag of Italy.svg Italia Csf Group-Navigare 37
Classifica Miglior Giovane
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Giovanni Visconti Flag of Italy.svg Italia QuickStep 43h 12′ 2″
Numero Nero
Posizione Atleta Nazione Squadra Ritardo dal 1°
176 Ermanno Capelli Flag of Italy.svg Italia Saunier Duval-Scott a 1h 57′ 47″


  • Ritirati / Non partiti: Steve Zampieri (Cofidis), Magnus Backstedt (Slipstream Chipotle), Pavel Brutt (Tinkoff Credit Systems).

Fonti


Resoconto del Giro d’Italia 2008
Maglia rosa del Giro d'Italia

Scegli la tappa: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21

Segui lo Speciale Giro d’Italia 2008.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

February 23, 2007

Urbino, collari elettrici applicati a due cani: blitz delle Guardie zoofile della Protezione Animali

Urbino, collari elettrici applicati a due cani: blitz delle Guardie zoofile della Protezione Animali

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 23 febbraio 2007

Il box nel quale erano detenuti i due cani sequestrati

Il box nel quale erano detenuti i due cani sequestrati

I collari elettrici sequestrati

Sabato scorso, 17 febbraio, un blitz compiuto dalle Guardie zoofile dell’Ente Nazionale Protezione Animali in forza al Nucleo Provinciale di Pesaro-Urbino ha portato al sequestro di un segugio e di uno spinone ai quali il detentore aveva applicato dei collari elettrici.

Ricevute, infatti, molte lamentele dai vicini, disturbati dal latrare degli animali, l’uomo — un 43enne residente ad Urbino (PU) — aveva deciso di fare indossare ai cani dei collari che, attivati automaticamente dalle vibrazioni delle corde vocali degli animali, scaricavano sugli stessi stimolazioni elettriche. Oltre ai due sfortunati cani, i Volontari dell’Ente hanno sequestrato anche i due collari.

Richiesto l’intervento del Servizio Veterinario della Zona Territoriale n. 2 dell’ASUR, gli animali — ospitati all’interno di un box angusto e sporco — sono stati accompagnati al Canile Comprensoriale “Ca’ Lucio” di Urbino mentre l’uomo che li deteneva è stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Urbino per maltrattamento di animali e per detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura e produttive di gravi sofferenze.

«Abbiamo ricevuto una segnalazione anonima e quando abbiamo visto quei collari indossati dai poveri cani stentavamo a credere che fosse vero. Per il solo maltrattamento di animali, l’uomo rischia ora una condanna da tre mesi ad un anno di reclusione oppure una multa da tremila e quindicimila euro», dichiara Franco Biancani, Capo Nucleo provinciale delle Guardie zoofile e Commissario straordinario della Sezione ENPA di Pesaro-Urbino.

«Le Guardie zoofile di Pesaro hanno dato immediato riscontro all’Ordinanza del Ministero della Salute approvata nel dicembre scorso che ha finalmente risolto la lunga diatriba sull’uso dei collari elettrici, mettendoli definitivamente al bando. Questi collari sono un vero e proprio strumento di tortura e costituiscono un indubbio strumento di maltrattamento. È sconcertante notare che alcuni li considerino ancora mezzi idonei per contenere l’indole esuberante del proprio animale», prosegue Simone Casadei, Coordinatore regionale dell’ENPA per le Marche.

Fonte

Nota: questa voce o parti di essa derivano dal sito Enpa Marche, i cui contenuti sono distribuiti con licenza CC-BY 2.5

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress