Wiki Actu it

July 13, 2010

Tour de France 2010: a Sandy Casar la nona tappa, Andy Schleck è la nuova maglia gialla

Tour de France 2010: a Sandy Casar la nona tappa, Andy Schleck è la nuova maglia gialla

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Saint-Jean-de-Maurienne, martedì 13 luglio 2010
Il francese Sandy Casar, del team FDJ, ha vinto oggi la nona frazione del Tour de France 2010, tappa alpina con i duri Col de la Colombière e Col de la Madeleine e arrivo a Saint-Jean-de-Maurienne. Importante colpo di scena in classifica generale: Andy Schleck è la nuova maglia gialla, e a 41 secondi adesso c’è Alberto Contador a tallonarlo; terzo è l’altro spagnolo Samuel Sánchez. Cadel Evans si stacca invece in salita e perde più di otto minuti, uscendo definitivamente dalla graduatoria. Per la Grande Boucle adesso sembra davvero corsa a due tra Schleck e Contador.

Resoconto[]

Dopo il giorno di riposo di ieri, la tappa odierna prende il via da Morzine-Avoriaz: si giungerà a Saint-Jean-de-Maurienne, nel dipartimento della Savoia, dopo 204,5 chilometri di corsa. Si comincia con una prima parte in sostanziale discesa, per poi affrontare cinque Gran Premi della Montagna: il primo è la facile Côte de Châtillon, quarta categoria, 2,1 chilometri al 3,9% di pendenza media; a seguire si sale il celebre Col de la Colombière, 16,5 chilometri al 6,7%, in cima al quale, ai 1 618 di quota, è situato un GPM di prima categoria. I ciclisti affrontano quindi nell’ordine il Col des Aravis, 7,6 chilometri al 5,9% (seconda categoria), e il Col des Saisies, 14,4 km con pendenze del 5,1% (prima categoria); comincia dunque la lunghissima discesa del Col des Saisies, si va infatti da 1 660 dello scollinamento ai 392 della città di Albertville. Dopo un tratto pianeggiante al chilometro 147 inizia l’ultimo ostacolo, il Col de la Madeleine, 25,5 chilometri di salita al 6,2% con punte del 10, GPM di horse-catégorie (il primo a transitare si aggiudicherà ben 40 punti per la classifica a scalatori). L’arrivo è posto dopo la discesa ed un tratto pianeggiante di circa 13 chilometri.

Il via è alle ore 11:36; non ci sono il giovane italiano Fabio Felline, caduto l’altroieri, il tedesco Roger Kluge, il russo Vladimir Karpets – ha una mano fratturata – e l’australiano Simon Gerrans. Subito dopo la partenza ecco alcuni scatti e controscatti per far nascere una fuga, tutti senza successo. Al quinto chilometro riescono ad andare via in dodici: sono i tedeschi Jens Voigt e Johannes Fröhlinger, i francesi Sandy Casar, Jérôme Pineau, Anthony Charteau, Cyril Gautier e Christophe Moreau, l’italiano Rinaldo Nocentini, il norvegese Thor Hushovd, maglia verde, e gli spagnoli Luis León Sánchez e José Iván Gutiérrez. Dopo venti chilometri hanno 1’25” sul gruppo. A inseguirli a 40 secondi un trio formato da Jaroslav Popovych, Rein Taaramae e Robert Hunter; dietro avevano intanto provato ad unirsi ai fuggitivi ciclisti come Egoi Martínez e Damiano Cunego, ma ogni volta i tentativi erano stati annullati dagli uomini della BMC, la squadra di Evans.

Ai 25,5 dal via comincia l’ascesa del Col de la Colombière. Vanno subito all’attacco Alexandre Vinokourov, l’ex maglia gialla Sylvain Chavanel e Chris Horner, raggiunti poco dopo da altri uomini, sono Janez Brajkovic, Rémi Pauriol, Gorka Verdugo, Mathieu Perget, Damiano Cunego e Simon Spilak: si forma in tal modo un gruppo di nove elementi all’inseguimento degli undici battistrada. Pochi sono però i secondi di vantaggio accumulati, e sette di loro (tutti tranne Hunter e Brajkovic) vengono ripresi. Ritentano la fuga allora lo stesso Cunego, Sergio Paulinho e Kevin Seeldrayers, poi anche John Gadret; davanti si staccano Hushovd, caduto (ma con sei punti per la maglia verde in saccoccia), e Fröhlinger. Tra corridori raggiunti e scatti annullati, al 57º chilometro Cunego, Taaramae e Fröhlinger (Hushovd viene invece ripreso dal peloton) riescono a riunirsi ai nove fuggitivi. Davanti sono quindi in dodici, hanno 3’20” sul gruppo.

In vetta al Col des Aravis e sul Col des Saisies i dodici sono ancora compatti, gli inseguitori scollinano a 5 minuti e 5 secondi e a 4 minuti e 50 rispettivamente; in entrambi i Gran Premi della Montagna è Jérôme Pineau a transitare per primo facendo incetta di punti per la sua maglia a pois. Al traguardo intermedio di La Bathie (137,5 chilometri di corsa) il distacco è salito a 6’15”; poco dopo inizia il Col de la Madeleine, già affrontato 22 volte al Tour de France, l’ultima nell’. Tra i fuggitivi sono Gutiérrez e Moreau, che lavorano per il compagno Luis León Sánchez, a fare l’andatura in salita, e si staccano così prima Pineau e Taaramae, e poi Nocentini, otto giorni in maglia gialla l’anno scorso; nel gruppo è invece Nicki Sørensen, gregario di Andy Schleck, a tirare.

Ai meno 20 dalla sommità dietro scatta solitario Vinokourov, già molto attivo alla mattina: l’azione sembra buona, e il kazako va a sorpassare Taaramae. I fuggitivi restano in cinque: sul forcing di Moreau perdono infatti contatto prima Gutiérrez, poi Gautier e Voigt; infine è lo stesso Moreau a mollare. Nel gruppo tira Jakob Fuglsang, rimpiazzato presto dagli Astana di Contador, e il ritmo dell’andatura si fa troppo elevato per diversi corridori di classifica; si staccano Carlos Sastre, Michael Rogers, Ryder Hesjedal e, inaspettatamente, a nove dalla vetta, la maglia gialla Cadel Evans. Vinokourov e alcuni fuggitivi della mattina vengono infine ripresi e sorpassati dal terzetto composto da Daniel Navarro (che poi si fa da parte), Schleck e Contador.

I due campioni si studiano, Schleck accenna qualche attacco presto rintuzzato dallo spagnolo. Samuel Sánchez, l’altroieri secondo, tenta di salire regolare e a rientrare sulla coppia, ma non ha successo e resta a una decina di secondi. Voigt intanto viene riagguantato dai due e, pur essendo in fuga dal mattino, si mette a lavorare per il suo capitano Schleck, cedendo poi a pochi chilometri dalla vetta. Si delineano in tal modo diversi gruppetti che scollinano abbastanza combatti sul Madeleine: in testa i quattro fuggitivi (Charteau è il primo a passare, sarà la nuova maglia a pois), poco dopo Moreau, a 2’10” Contador e Schleck, a 2’54” Samuel Sánchez, a 3’20” un drappello con Jens Voigt, Joaquim Rodríguez, Levi Leipheimer, Robert Gesink e Denis Menchov, a 4’25” un altro gruppetto con Ivan Basso, Lance Armstrong, Jurgen Van Den Broeck, Damien Monier, Rubén Plaza, Kevin De Weert, Vinokourov e Navarro. Cadel Evans è al GPM con 9 minuti e 36 secondi da Charteau: perderà sicuramente il simbolo del primato.

Comincia la discesa, quasi venti chilometri abbastanza difficili – numerosi sono i tornanti – che portano all’abitato di La Chambre; da lì in poi tredici chilometri, a parte un breve tratto in salita, praticamente pianeggianti. Moreau viene subito ripreso da Schleck e Contador; ai 10 dall’arrivo il terzetto è a 1’24” dalla testa della corsa, mentre Samuel Sánchez è a 1’45” e Basso e Armstrong sono a quasi 4 minuti. Ma ecco l’imprevedibile: davanti smettono o quasi di pedalare, tanto che ai 700 metri dal traguardo Moreau, Schleck e Contador riescono addirittura ad agganciarsi ai quattro, dopo aver recuperati quasi 10 secondi al chilometro, formando un nuovo gruppetto di sette unità. Ai meno 200 Sandy Casar lancia la volata: sembra non potercela fare, ma Luis León Sánchez e Damiano Cunego non riescono incredibilmente ad approfittarne e la vittoria è così appannaggio del corridore della FDJ. Contador e Schleck giungono a due secondi.

Ma l’interesse è anche dietro, i distacchi sono notevoli, le salite odierne hanno portato una grande selezione. Samuel Sánchez, rimasto da solo negli ultimi 35 chilometri, è ottavo a 52 secondi, il gruppo di Gesink e Leipheimer arriva a 2’07”, quello di Basso e Armstrong a 2’50”, quello di Kreuziger e Vinokourov a 3’48”, quello di Sastre e Rogers a 4’55”. Addirittura a 8 minuti e 9 secondi ecco arrivare un affranto Cadel Evans: che non potrà vincere il Tour è ormai una certezza. La sua maglia gialla passa sulle spalle di Andy Schleck, che ora ha 41 secondi (dovrà amministrarli bene) su Contador. Terzo provvisorio a 2’45” è uno stremato Samuel Sánchez, quarto Denis Menchov a 2’58”, quinto a tre minuti e mezzo l’ottimo Jurgen Van Den Broeck.

Si delinea una sfida a due, proprio tra quei due che oggi sul Madeleine hanno dimostrato di avere una o due marcie in più rispetto a tutti gli altri favoriti. Domani si arriva a Gap, 179 i chilometri da percorrere: attenzione alla discesa verso Gap, là dove Joseba Beloki cadde e si ruppe il femore durante il Tour de France 2003.

Risultati[]

Classifica di tappa[]

Morzine-Avoriaz Saint-Jean-de-Maurienne – 204,5 km
# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of France.svg Sandy Casar Flag of France.svg FDJ 5.38’10”
2 Flag of Spain.svg Luis León Sánchez Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. s.t.
3 Flag of Italy.svg Damiano Cunego Flag of Italy.svg Lampre s.t.
4 Flag of France.svg Christophe Moreau Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. a 2″
5 Flag of France.svg Anthony Charteau Flag of France.svg Bbox Bouygues s.t.
6 Flag of Spain.svg Alberto Contador Flag of Kazakhstan.svg Astana s.t.
7 Flag of Luxembourg.svg Andy Schleck Flag of Denmark.svg Saxo Bank s.t.
8 Flag of Spain.svg Samuel Sánchez Flag of Spain.svg Euskaltel a 52″
9 Flag of Spain.svg Joaquim Rodríguez Flag of Russia.svg Katusha a 2’07”
10 Flag of the United States.svg Levi Leipheimer Flag of the United States.svg RadioShack s.t.

Classifica generale – Maglia gialla[]

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of Luxembourg.svg Andy Schleck Flag of Denmark.svg Saxo Bank 43.35’41”
2 Flag of Spain.svg Alberto Contador Flag of Kazakhstan.svg Astana a 41″
3 Flag of Spain.svg Samuel Sánchez Flag of Spain.svg Euskaltel a 2’45”
4 Flag of Russia.svg Denis Menchov Flag of the Netherlands.svg Rabobank a 2’58”
5 Flag of Belgium (civil).svg Jurgen Van Den Broeck Flag of Belgium (civil).svg Omega Pharma a 3’31”
6 Flag of the United States.svg Levi Leipheimer Flag of the United States.svg RadioShack a 3’59”
7 Flag of the Netherlands.svg Robert Gesink Flag of the Netherlands.svg Rabobank a 4’22”
8 Flag of Spain.svg Luis León Sánchez Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. a 4’41”
9 Flag of Spain.svg Joaquim Rodríguez Flag of Russia.svg Katusha a 5’08”
10 Flag of Italy.svg Ivan Basso Flag of Italy.svg Liquigas a 5’09”

Classifica a punti – Maglia verde[]

# Corridore Squadra Punti
1 Flag of Norway.svg Thor Hushovd Flag of Switzerland.svg Cervélo 124
2 Flag of Italy.svg Alessandro Petacchi Flag of Italy.svg Lampre 114
3 Flag of Australia.svg Robbie McEwen Flag of Russia.svg Katusha 105
4 Flag of Spain.svg José Joaquín Rojas Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. 92
5 Flag of the United Kingdom.svg Mark Cavendish Flag of the United States.svg HTC-Columbia 85

Classifica squadre – Numero giallo[]

# Squadra Tempo
1 Flag of Spain.svg Caisse d’Epargne 131.05’36”
2 Flag of the United States.svg Team RadioShack a 31″
3 Flag of Kazakhstan.svg Astana a 35″
4 Flag of the Netherlands.svg Rabobank a 1’19”
5 Flag of France.svg AG2R La Mondiale a 14’53”

Classifica scalatori – Maglia a pois[]

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of France.svg Anthony Charteau Flag of France.svg Bbox Bouygues 85
2 Flag of France.svg Jérôme Pineau Flag of Belgium (civil).svg Quick Step 85
3 Flag of France.svg Christophe Moreau Flag of Spain.svg Caisse d’Ep. 62
4 Flag of Italy.svg Damiano Cunego Flag of Italy.svg Lampre 56
5 Flag of Luxembourg.svg Andy Schleck Flag of Denmark.svg Saxo Bank 50

Classifica giovani – Maglia bianca[]

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of Luxembourg.svg Andy Schleck Flag of Denmark.svg Saxo Bank 43.35’41”
2 Flag of the Netherlands.svg Robert Gesink Flag of the Netherlands.svg Rabobank a 4’22”
3 Flag of the Czech Republic.svg Roman Kreuziger Flag of Italy.svg Liquigas a 5’11”
4 Flag of France.svg Cyril Gautier Flag of France.svg Bbox Bouygues a 28’50”
5 Flag of Spain.svg Rafael Valls Ferri Flag of Spain.svg Footon a 30’01”

Premio combattività – Numero rosso[]

# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of Spain.svg Luis León Sánchez Flag of Spain.svg Caisse d’Ep.


Fonti[]


Le tappe del Tour de France 2010

Scegli la tappa: prol ·   ·  2ª ·  3ª ·  4ª ·   ·   ·   ·   ·   ·  10ª ·  11ª ·  12ª ·  13ª ·  14ª ·  15ª ·  16ª ·  17ª ·  18ª ·  19ª ·  20ª

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 24, 2005

Tour de France 2005: ventunesima tappa

Tour de France 2005: ventunesima tappa – Wikinotizie

Tour de France 2005: ventunesima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

24 luglio 2005

Domenica 24 luglio – Corbeil-Essonnes Paris Champs-Élysées ( 144 km )

È l’ultima tappa, l’arrivo sarà come avviene ormai dal 1975 sulla splendida cornice degli Champs-Élysées, lungo un circuito che passa anche per Place de la Concorde e arriva a lambire l’Arco di Trionfo.

Per il vincitore del Tour Lance Armstrong e per tutti gli altri protagonisti si tratta di una splendida passerella finale, la vittoria di tappa è molto prestigiosa, in pratica incorona quasi sempre il miglior velocista del Tour. L’anno scorso si impose il giovane belga Tom Boonen.

Risultati

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 VINOKOUROV Alexandre Flag of Kazakhstan.svg Kazakistan T-Mobile Team 3h 40′ 57″
2 McGEE Bradley Flag of Australia.svg Australia Française des Jeux s.t.
3 CANCELLARA Fabian Flag of Switzerland.svg Svizzera Fassa Bortolo s.t.
4 McEWEN Robbie Flag of Australia.svg Australia Davitamon-Lotto s.t.
5 O’GRADY Stuart Flag of Australia.svg Australia Cofidis s.t.

Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 ARMSTRONG Lance Flag of the United States.svg Stati Uniti Discovery Channel 86h 15′ 02″
2 BASSO Ivan Flag of Italy.svg Italia Team CSC a 04′ 40″
3 ULLRICH Jan Flag of Germany.svg Germania T-Mobile Team a 06′ 21″
4 MANCEBO Francisco Flag of Spain.svg Spagna Illes Balears a 09′ 59″
5 VINOKOUROV Alexandre Flag of Kazakhstan.svg Kazakistan T-Mobile Team a 11′ 01″

Riassunto

Le sorprese, al Tour, non finiscono mai. Anche l’ultima tappa, tradizionalmente una passerella, è finita con un colpo di scena. Un attacco di Vinokourov, che, accompagnato da McGee, stacca tutti e si aggiudica la vittoria sugli Champs-Élysées. Una grande azione, che ripaga il kazako delle grandi fatiche patite in questo Tour.

Per la cronaca, da segnalare una caduta che ha rischiato di mettere in pericolo la maglia gialla di Armstrong, e la volata per il quarto posto che, vinta da Robbie McEwen, non consente all’australiano di strappare la maglia verde dalla spalle del norvegese Thor Hushovd.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 23, 2005

Tour de France 2005: ventesima tappa

Filed under: Francia,Tour de France 2005 — admin @ 5:00 am

Tour de France 2005: ventesima tappa – Wikinotizie

Tour de France 2005: ventesima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

23 luglio 2005

20^ tappa[]

Descrizione[]

Sabato 23 luglio – Saint-Etienne Saint-Etienne ( 55 km )

Si tratta di una lunga tappa a cronometro, probabilmente è la tappa in cui si deciderà l’edizione 2005 del Tour, in quanto vista la lunghezza della tappa e visto che siamo alla fine della terza settimana di corsa i distacchi tra i vari ciclisti potrebbero essere notevoli.

La tappa non presenta grandi difficoltà altimetriche, per vincere bisogna essere un buon cronomen ed avera ancora energie sufficienti dopo i più di 3000 chilometri percorsi dalla partenza.

Il Tour si è fermato a St.Etienne l’ultima volta nel 1950.

Risultati[]

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 ARMSTRONG Lance USA Discovery Channel 1h 11′ 46″
2 ULLRICH Jan Germania T-Mobile Team a 23″
3 VINOKOUROV Alexandre Kazakistan T-Mobile Team a 01′ 16″
4 JULICH Bobby USA Team CSC a 01′ 33″
5 BASSO Ivan Italia Team CSC a 01′ 54″

Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 ARMSTRONG Lance USA Discovery Channel 82h 34′ 05″
2 BASSO Ivan Italia Team CSC a 04′ 40″
3 ULLRICH Jan Germania T-Mobile Team a 06′ 21″
4 MANCEBO Francisco Spagna Iles Baleares a 09′ 59″
5 LEIPHEIMER Levi USA Gerolsteiner a 11′ 25″

Riassunto[]

Era l’ultima fatica di questa edizione del Tour de France. L’ultima tappa che Lance Armstrong poteva sperare di vincere. Ed è stata anche la prima di questa stagione.

Chiude in bellezza questa sua ultima edizione del Tour de France. Chiude da vincitore, chiude da imbattuto. Nessuno ha potuto constrastare lo strapotere dell’americano, neppure in quest’ultima edizione del Tour, dove lui stesso dichiarava di non sentirsi al 100%.

Eppure neppure un esaltante Ivan Basso, che riusciva a stargli davanti al primo tempo parziale, sarebbe riuscito a preoccupare minimamente il re texano. Neppure Jan Ullrich, sicuramente favorito dal possente fisico, poteva mettere in difficoltà re Lance VI.

E cosi, anche questo Tour 2005 si chiude con la passerella finale, che vedrà incoronato, per la 7a volta consecutiva, l’americano della Discovery Channel. Ora che Lance lascia il Tour da vincitore, il Tour resterà orfano del grande campione. Chi riuscirà, l’anno prossimo, a far dimenticare quest’uomo che sembra portare la maglia gialla tatuata addosso?

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 22, 2005

Tour de France 2005: diciannovesima tappa

Filed under: Francia,Tour de France 2005 — admin @ 5:00 am

Tour de France 2005: diciannovesima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

22 luglio 2005

19^ tappa[]

Descrizione[]

Venerdi 22 luglio – Issoire Le Puy-en-Velay ( 153.5 km )

Siamo nel centro della Francia, nella regione dell’Alvernia, nel Massiccio Centrale. Il profilo altimetrico della tappa è abbastanza ondulato, probabilmente sarà una tappa cha avrà uno svolgimento simile alla precedente.

L’ultima volta che il Tour ha fatto tappa a Le Puy-en-Velay è stato nel 1996.

Risultati[]

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 GUERINI Giuseppe Italia T-Mobile Team 3h 33′ 04″
2 CASAR Sandy Francia Francaise des Jeux a 10″
3 PELLIZOTTI Franco Italia Liquigas-Bianchi a 10″
4 PEREIRO Oscar Spagna Phonak a 12″
5 COMMESSO Salvatore Italia Lempre-Caffita a 02′ 43″

Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 ARMSTRONG Lance USA Discovery Channel 81h 22′ 19″
2 BASSO Ivan Italia Team CSC a 02′ 46″
3 RASMUSSEN Mickael Danimarca Rabobank a 03′ 46″
4 ULLRICH Jan Germania T-Mobile Team a 05′ 58″
5 MANCEBO Francisco Spagna Iles Baleares a 07′ 08″

Riassunto[]

È l’uomo-ombra di Jan Ullrich. Lo è dal lontano 1999, quando la T-Mobile lo ingaggiò per proteggere il suo pupillo dai pericoli di quelle salite che tanto lo fanno faticare. Aveva accettato Giuseppe Guerini, nonostante i due terzi posti al Giro degli ultimi due anni. Sei anni dedicati interamente al controverso campione tedesco.

Oggi però, è stato il giorno del bergamasco: è andato in fuga, con Casar, Pellizzotti e Pereiro. Li ha staccati (arriveranno con 10 secondi di ritardo), con un attacco preciso, ai 1700 metri dal traguardo. E ha potuto alzare le mani al cielo anche lui, riconquistando improvvisamente gli onori della cronaca, dopo tanto anonimato mediatico (non certo sportivo).

Il gruppo maglia gialla giunge compatto all’arrivo, a 4′ e 30″ di distacco. Posizioni praticamente invariate, quindi, in classifica (fatto salvo il sorpasso di Pereiro su Moreau, in 10a posizione), in vista della dura cronometro di domani.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 21, 2005

Tour de France 2005: diciottesima tappa

Tour de France 2005: diciottesima tappa – Wikinotizie

Tour de France 2005: diciottesima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

21 luglio 2005

18^ tappa

Descrizione

Giovedi 21 luglio – Albi Mende (189 km)

Si parte da Albi, città famosa sia per l’eresia del XIII secolo e per la crociata ad essa seguita, sia per aver dato i natali al pittore Henry de Toulouse-Lautrec.

È una tappa dal profilo altimetrico più frastagliato rispetto alla precedente, inoltre il fatto che a pochissimi chilometri dall’arrivo ci sia un gran premio della montagna di seconda categoria induce a pensare ad un arrivo di un piccolo gruppetto o addirittura di un ciclista da solo scattato negli ultimi chilometri.

Il Tour ha fatto tappa Mende soltanto nel 1995, vinse uno degli ultimi ciclisti francesi di livello internazionale, Laurent Jalabert.

Risultati

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 SERRANO Marcos Spagna Liberty Seguros 4h 37′ 36″
2 VASSEUR Cédric Francia Cofidis a 27″
3 MERCKX Axel Belgio Davitamon-Lotto a 27″
4 ZANDIO Xabier Spagna Iles Baleares a 01′ 08″
5 PELLIZOTTI Franco Italia Liquigas-Bianchi a 01′ 08″

Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 ARMSTRONG Lance USA Discovery Channel 77h 44′ 44″
2 BASSO Ivan Italia Team CSC a 02′ 46″
3 RASMUSSEN Mickael Danimarca Rabobank a 03′ 46″
4 ULLRICH Jan Germania T-Mobile Team a 05′ 58″
5 MANCEBO Francisco Spagna Iles Baleares a 07′ 08″

Riassunto

Anche questa tappa è caratterizzata da una lunga fuga di un gruppetto di ciclisti che il gruppo maglia gialla lascia andare.

Questa volta sono 10 i ciclisti che lasciano il gruppo al chilometro 40, il loro vantaggio sul gruppo arriverà fino a 15 minuti, la tappa si deciderà sulla salita finale per arrivare all’aeroporto di Mende, sulla cui pista è posto il traguardo.

Si tratta di una salita di circa 3 chilometri ma molto ripida che termina a 1,5 km dall’arrivo. Scatta all’inizio della salita lo spagnolo 32-enne Marcos Serrano, all’ottava partecipazione al Tour, e fa il vuoto, arriverà con circa 30″ di vantaggio su Cedric Vasseur e Axel Merckx.

Dopo circa 11 minuti arriva il gruppo, all’inizio della piccola salita finale per l’ennesima volta Ivan Basso prova ad attaccare in progressione, Armstrong fatica ma resiste, Ullrich si stacca ma poi riesce a rientrare, chi ne fa le spese è il terzo in classifica, il danese Rasmussen che perde 37″.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 20, 2005

Tour de France 2005: diciassettesima tappa

Filed under: Francia,Tour de France 2005 — admin @ 5:00 am

Tour de France 2005: diciassettesima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

20 luglio 2005

17^ tappa[]

Descrizione[]

Mercoledi 20 luglio – Pau Revel ( 239.5 km )

Si lasciano i Pirenei, dirigendosi verso est, verso l’interno della Francia, si tratta una tappa molto lunga ma abbastanza piatta, sono possibili sia un arrivo in volata, sia, se le squadre dei velocisti non avranno ancora recuperato le fatiche delle montagne, l’arrivo di una fuga di pochi ciclisti partita da lontano.

Il Tour ha fatto tappa l’ultima volta a Revel nel 2000.

Risultati[]

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 SAVOLDELLI Paolo Italia Discovery Channel 5h 41′ 19″
2 ARVESEN Kurt-Asle Norvegia Team CSC s.t.
3 GERRANS Simons Australia Ag2r Prevoyance a 08″
4 HINAULT Sébastien Francia Credit Agricole a 11″
5 GRIVKO Andriy Ucraina Domina Vacanze a 24″

Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 ARMSTRONG Lance USA Discovery Channel 72h 55′ 50″
2 BASSO Ivan Italia Team CSC a 02′ 46″
3 RASMUSSEN Mickael Danimarca Rabobank a 03′ 09″
4 ULLRICH Jan Germania T-Mobile Team a 05′ 58″
5 MANCEBO Francisco Spagna Iles Baleares a 06′ 31″

Riassunto[]

A St-Lary-Soulan era stato Hincapie a vincere. Oggi, a Revel, è stato il turno del vincitore del Giro d’Italia, l’italiano Paolo Savoldelli, gregario anche lui di Lance Armstrong.

La tappa odierna, che altimetricamente ben si prestava a questo tipo di azioni, ha visto la fuga decisiva partire prestissimo, a meno di 40 chilometri dall’inizio della tappa. Al comando si porta un manipolo di corridori: Rubiera, Savoldelli, Sevilla, Arvesen, Dekker, Davis, Hinault, Cioni, Auge, Tankink, Facci, Fedrigo, Righi, Da Cruz, Lovkvist, Grivko, Dumoulin e Gerrans.

Nessun uomo realmente pericoloso per Armstrong, che a scanso di equivoci, ci mette Rubiera e Savoldelli a controllare. Il gruppetto comincia a prendere un vantaggio sempre piu consistente, toccando persino i 24 minuti quando, al chilometro 193 (su 239,5), Grivko attacca. Immediatamente reagiscono Tankink, Sevilla, Savoldelli, Arvesen, Hinault, Righi e Gerrans, che si riportano sull’ucraino.

Una serie di attacchi comincia a fare selezione nel gruppetto di testa. A 4 chilometri dal traguardo, gli unici che si potranno giocare la volata finale, sono Savoldelli, Gerrans, Hinault ed Arvesen: quest’ultimo tenta un allungo, e guadagna un centinaio di metri.

Savoldelli resta in attesa di cambi da parte dei suoi compagni di fuga, e solo quando si rende conto che questi non hanno piu gambe, si lancia all’inseguimento del norvegese della Team CSC, gli riprende la scia, e negli ultimi 100 metri lo sorpassa, aggiudicandosi la tappa.

Il gruppo maglia gialla, arriverà al traguardo con un ritardo di 22 minuti e 28 secondi dal vincitore, certo non sufficienti ad impensierire la maglia gialla di Lance Armstrong.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 19, 2005

Tour de France 2005: sedicesima tappa

Tour de France 2005: sedicesima tappa – Wikinotizie

Tour de France 2005: sedicesima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

19 luglio 2005

16^ tappa

Descrizione

Martedi 19 luglio – Mourenx Pau (180,5 km )

Dopo il giorno di riposo, l’ultima tappa pirenaica, con la scalata del Col d’Aubisque, un’altra cima mitica per il ciclismo.

Il fatto che dalla passaggio sul Col d’Aubisque all’arrivo ci siano quasi 80 km induce a pensare che difficilmente ci saranno grandi variazioni nella classifica generale a causa di questa tappa.

La città di Pau per la sua posizione ai piedi dei Pirenei è una sede di tappa tradizionale per il Tour.

Risultati

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 PEREIRO Oscar Spagna Phonak 4h 38′ 40″
2 ZANDIO Xabier Spagna Iles Baleares s.t.
3 MAZZOLENI Eddy Italia Lempre-Caffita s.t.
4 EVANS Cadel Australia Davitamon-Lotto s.t.
5 GILBERT Philippe Belgio Francaise des Jeux a 02′ 25″

Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 ARMSTRONG Lance USA Discovery Channel 66h 52′ 03″
2 BASSO Ivan Italia Team CSC a 02′ 46″
3 RASMUSSEN Mickael Danimarca Rabobank a 03′ 09″
4 ULLRICH Jan Germania T-Mobile Team a 05′ 58″
5 MANCEBO Francisco Spagna Iles Baleares a 06′ 31″

Riassunto

Dopo lo spettacolo offerto dagli uomini di classifica e dai leader delle varie formazioni, sui Pirenei, nelle ultime tappe, oggi è stato il turno degli outsider.

L’altimetria di tappa era l’ideale per le fughe, e difatti cosi è stato.

La fuga decisiva, partita molto presto, poi raggiunta da un gruppetto di inseguitori, ed infine spezzata in due tronconi, arriva al traguardo composta da 4 corridori: Pereiro, Mazzoleni, Evans e Zandio.

Evans, il meglio posizionato in classifica, non ha ambizioni di tappa, e tira la volata agli altri. Parte tardi Mazzoleni, a ruota di Pereiro. Quest’ultimo, dopo aver portato un attacco di potenza, riesce a restare davanti anche a Zandio, aggiudicandosi la tappa.

Il secondo troncone della fuga, giungerà al traguardo con 2′ e 25″ di ritardo, mentre il gruppo maglia gialla è più distante, a 3 minuti e 24 secondi.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 17, 2005

Tour de France 2005: quindicesima tappa

Filed under: Francia,Tour de France 2005 — admin @ 5:00 am

Tour de France 2005: quindicesima tappa – Wikinotizie

Tour de France 2005: quindicesima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

17 luglio 2005

15^ tappa[]

Descrizione[]

Domenica 17 luglio – Lézat-sur-Lèze Saint-Lary Soulan ( 205,5 km )

Nuovo arrivo in quota, è il tappone pirenaico. Alcune delle cime da scalare, come il Col de Peyresourde sono nella leggenda del ciclismo.

Mentre il Col du Portet d’Aspet ricorda la morte del giovane ciclista italiano Fabio Casartelli avvenuta in seguito ad una caduta nella discesa di questa montagna esattamente dieci anni fa.

Nel 2001 nello stesso arrivo a vincere fu Lance Armstrong.

Risultati[]

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 HINCAPIE George USA Discovery Channel 6h 06′ 38″
2 PEREIRO Oscar Spagna Phonak a 06″
3 CAUCCHIOLI Pietro Italia Credit Agricole a 38″
4 BOOGERD Michael Olanda Rabobank a 57″
5 BROCHARD Laurent Francia Bouygues Telecom a 02′ 19″

Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 ARMSTRONG Lance USA Discovery Channel 62h 09′ 59″
2 BASSO Ivan Italia Team CSC a 02′ 46″
3 RASMUSSEN Mickael Danimarca Rabobank a 03′ 09″
4 ULLRICH Jan Germania T-Mobile Team a 05′ 58″
5 MANCEBO Francisco Spagna Iles Baleares a 06′ 31″

Riassunto[]

Ci erano stati promessi a gran voce spettacolo, e sono stati fuochi d’artificio.

Lasciata andare via una fuga (nella quale piazzerà però il suo uomo di fiducia, George Hincapie), Lance Armstrong è rimasto in attesa, quest’oggi, dell’attacco promesso da Ivan Basso al termine della tappa di ieri, dove già il varesino aveva portato un poderoso attacco al texano della Discovery Channel.

Nella fuga, davanti, oltre ad Hincapie ci sono altri 13 corridori, tra i quali figurano Caucchioli, Dekker, Brochard ed Astarloza. Il loro vantaggio va crescendo, fino a toccare i 20 minuti, ai piedi della terz’ultima salita di tappa, quella del Col de Peyresourde, quando il gruppo reagisce, e comincia a ridurre il distacco. A tirare ci sono i corridori del Team CSC, squadra di Ivan Basso.

L’accelerazione comincia a fare selezione e scremare il gruppo maglia gialla.

Sono una ventina i corridori rimasti, ai piedi del Val-Louron, quando l’attesa di Armstrong viene premiata. Subito dopo la fiammata di Vinokourov, che tira per un chilometro circa e si stacca, Ivan Basso si alza sui pedali, e comincia a fare selezione, selezione seria, tanto che rimangono solo Armstrong e Ullrich alla sua ruota, ma il tedesco cederà successivamente agli strappi del varesino.

Armstrong e Basso proseguono nella loro azione, andando a riprendere, uno dopo l’altro, buona parte dei componenti della fuga.

All’arrivo, i due capitani saranno ancora uno dietro l’altro, e saranno preceduti solo da George Hincapie (il primo compagno di squadra di Lance Armstrong ad aggiudicarsi una vittoria di tappa dal 1999), Pereiro (che gli ha dato battaglia fino all’ultima curva), Caucchioli, Boogerd e Brochard.

Ullrich all’arrivo giungerà con un ritardo di 6 minuti e 28 secondi, oltre un minuto e 20 secondi da Basso ed Armstrong, seguito a soli 4″ da Rasmussen, secondo in classifica fino a stamattina, che perde la piazza d’onore a favore di Ivan Basso.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 16, 2005

Tour de France 2005: quattordicesima tappa

Filed under: Francia,Tour de France 2005 — admin @ 5:00 am

Tour de France 2005: quattordicesima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

16 luglio 2005

14^ tappa[]

Descrizione[]

Sabato 16 luglio – Agde Ax-3 Domaines ( 220,5 km )

Si parte dal livello del mare, da Agde nei pressi del Mediterraneo e si arriva alla più importante stazione sciistica dei Pirenei, dopo aver scalato anche il Port del Pailheres, una salita di più di 15 km.

Il Tour è arrivato qui già nel 2001, a Plateau de Bonascre, e nel 2003.

Risultati[]

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 TOTSCHNIG Georg Austria Gerolsteiner 5h 43′ 43″
2 ARMSTRONG Lance USA Discovery Channel a 56″
3 BASSO Ivan Italia Team CSC a 58″
4 ULLRICH Jan Germania T-Mobile Team a 01′ 16″
5 LEIPHEIMER Levi USA Gerolsteiner a 01′ 31″

Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 ARMSTRONG Lance USA Discovery Channel 55h 58′ 17″
2 RASMUSSEN Mickael Danimarca Rabobank a 01′ 41″
3 BASSO Ivan Italia Team CSC a 02′ 46″
4 ULLRICH Jan Germania T-Mobile Team a 04′ 34″
5 LEIPHEIMER Levi USA Gerolsteiner a 04′ 45″

Riassunto[]

Sulle prime rampe del Pailhères, cominciano le emozioni della tappa odierna.

Vinokourov, Ullrich e Basso attaccano improvvisamente, ed Armstrong accusa il colpo. Si stacca, forse attendendo il rientro di qualche suo compagnio di squadra. Qualche minuto d’attesa, poi anche il texano sguaina la spada e si riporta sul gruppetto dell’italiano e dei leader della T-Mobile.

Il ritmo continua a salire, sotto gli strappi di Basso e Ullrich. Vinokourov, dopo alcune fiammate, non riesce a tenere la ruota dei migliori, e perde terreno.

Gli attacchi continuano, mentre Armstrong e Floyd Landis riescono, con fatica, a tenere il ritmo. Gli altri, cedono uno dopo l’altro.

Lungo la discesa che porta ad Ax-les-Thermes, rientreranno sul gruppo maglia gialla, Rasmussen, Kloden, Vinokourov, Mancebo, Evans, Zubeldia e Leipheimer.

Davanti, a poco meno di 5 minuti, restano solo l’austriaco Totschnig, l’italiano Garzelli, che lo segue a circa 1′ di distanza, ed il francese Beneteau, che paga 2 minuti al varesino.

Ad Ax-les-Thermes, riprende la salita, e riprendono gli attacchi di Basso. Solo Armstrong e Ullrich riescono a restargli a ruota. Gli altri chinano il capo, inseriscono un rapporto più leggero, e salgono del proprio passo. Si alza sui pedali anche Lance Armgstrong, nel tentativo di staccare Ullrich.

I tre riprendono prima Beneteau, poi Garzelli. Totschnig, là davanti, paga gli scatti lungo il Pailhères con una leggera crisi, ed il suo distacco comincia a diminuire. A 4 km dal traguardo è di soli 2 minuti, ma saranno sufficienti per raggiungere il traguardo e vincere per distacco su Armstrong e Basso. Quarto giunge Ullrich che si è staccato negli ultimi 300 metri di salita.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 15, 2005

Tour de France 2005: tredicesima tappa

Filed under: Francia,Tour de France 2005 — admin @ 5:00 am

Tour de France 2005: tredicesima tappa – Wikinotizie

Tour de France 2005: tredicesima tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

15 luglio 2005

13^ tappa[]

Descrizione[]

Venerdi 15 luglio – Miramas Montpellier ( 173,5 km )

Dopo le Alpi, ci si sposta verso sud, verso il Mediterraneo. Dopo tante fatiche finalmente una tappa completamente pianeggiante, terreno adatto per i velocisti che saranno riusciti a sopravvivere alle tappe alpine.

Il Tour ha fatto tappa a Montpellier, l’ultima volta nel 1994.

Risultati[]

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 McEWEN Robbie Australia Davitamon-Lotto 3h 43′ 14″
2 O’GRADY Stuart Australia Cofidis s.t.
3 RODRIGUEZ Fred USA Davitamon-Lotto s.t.
4 TRENTI Guido USA Quick Step s.t.
5 HUSHOVD Thor Norvegia Credit Agricole s.t.

Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 ARMSTRONG Lance USA Discovery Channel 50h 13′ 50″
2 RASMUSSEN Mickael Danimarca Rabobank a 38″
3 MOREAU Christophe Francia Credit Agricole a 02′ 34″
4 BASSO Ivan Italia Team CSC a 02′ 40″
5 BOTERO Santiago Colombia Phonak a 03′ 48″

Riassunto[]

Tappa prevedibile, quasi “di trasferimento”. A parte la lunga fuga di Flecha, Horner, Voeckler, Dacruz e Turpin, partita al chilometro 17, e ripresa nonostante gli oltre 10′ di vantaggio accumulati, sul rettilineo del traguardo, la 13^ tappa del Tour de France presenta ben poche emozioni fino alla volata finale, che Robbie McEwen si aggiudica senza particolari difficoltà, vista l’assenza del belga Boonen, suo rivale nelle prime volate di questa corsa a tappe.

In classifica generale quindi, nessuno scossone, fatto salvo il ritiro della maglia bianca Valverde, che lascia il suo 5° posto al colombiano Botero.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress