Wiki Actu it

August 1, 2008

Cina, forte sisma nella provincia del Sichuan: numerosi feriti

Cina, forte sisma nella provincia del Sichuan: numerosi feriti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 1 agosto 2008

August 1, 2008, Sichuan earthquake.jpg
Sisma del Sichuan
Magnitudo 5.8 ML
Nazione Cina
Profondità 10 km
Epicentro 65 chilometri da Mianyang
Data e ora 08:32:43 UTC, 1 agosto 2008
Città più vicina Mianyang
Feriti 28
Morti 0

Sono almeno 26 le persone rimaste ferite quest’oggi nella provincia del Sichuan, in Cina, a seguito di un forte sisma di magnitudo 5.8.

Secondo quanto riferisce lo United States Geological Survey, l’epicentro è stato registrato a 65 chilometri da Mianyang, 1365 chilometri dalla capitale Pechino, mentre l’ipocentro, piuttosto superficiale, a 10 km di profondità. Il sisma è avvenuto alle 08:32:43 UTC (le 10:32 in Italia, le 16:32 in Cina).

Oltre ai 26 feriti (si tratta comunque di un bilancio provvisorio), si sono registrati gravi danni. Smottamenti e frane anche di grande intensità hanno bloccato la direttrice che unisce le città turistiche di Huanglong e Jiuzhaighou, 540 case sono state completamente distrutte dalla furia del terremoto e 2.450 hanno subito danni. La popolazione è stata immediatamente evacuata, e nei luoghi terremotati sono stati inviati numerosi mezzi per permettere un rapido ripristino della circolazione viaria.

, un sisma di magnitudo 7.8, il più forte registrato in 32 anni nella nazione asiatica, aveva provocato la morte di quasi 80.000 persone.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 17, 2008

Cina, a sei giorni dal sisma continuano le scosse d\’assestamento. I morti potrebbero essere 50mila

Questa notizia è stata proposta per la vetrina.
Esprimi il tuo parere nella votazione. Eventuali miglioramenti sono sempre ben accettati.
Da fare

Comunicaci i tuoi suggerimenti per ampliare e migliorare questo articolo.

sabato 17 maggio 2008

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una nuova, fortissima scossa d’assestamento, ha colpito la contea di Lixian, in Cina, a poca distanza da quella devastata dal sisma di lunedì scorso. La magnitudo è stata di 5,9 gradi della scala Richter. Il nuovo sisma ha provocato altri danni: una frana ha seppellito varie automobili, e diverse strade sono state gravemente danneggiate.

L’agenzia di stampa Nuova Cina, intanto, continua a fornire i bilanci della tragedia, di proporzioni enormi: sono 22.069 i morti accertati, 14.000 i dispersi, per un totale di oltre 36.000 vittime, il che è molto vicino alla stima preliminare fatta dal governo di 50.000. Sono 5 milioni, inoltre, i senzatetto. Il Governo avrebbe rivisto al rialzo il bilancio, parlando di 28.000 morti.

La zona colpita dal sisma

La zona colpita dal sisma

I soccorritori, che lavorano senza sosta, sono comunque riusciti a trarre in salvo dalle macerie di scuole, case e altri edifici varie decine di persone, tra le quali molti bambini, sorpresi dal sisma mentre erano a scuola. Il presidente Hu Jintao, giunto nella zona del disastro, ha incontrato i sopravvissuti, per poi spronare i soccorritori a fare tutto il necessario per salvare quanta più gente possibile.

I crolli delle scuole hanno scatenato polemiche, giunte fino a Pechino. Nel ribadire la priorità assoluta di salvare i sopravvissuti, il vice-ministro delle Costruzioni, Jiang Weixiang, ha detto che verranno aperte inchieste per capire se vi fossero problemi di progettazione, ma solo quando la situazione si sarà placata. Le costruzioni del Sichuan, ha comunque precisato il vice-ministro, sono fatte per resistere a sismi fino al settimo grado della scala Richter, mentre quello di lunedì ha toccato i 7,9.

Fonti governative hanno fatto sapere inoltre che «persone qualificate, cinesi e/o straniere» potranno, una volta che la situazione sarà normalizzata, fare richiesta di adozione per tutti i bambini rimasti orfani, che nel frattempo saranno aiutati dalle autorità locali.

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Nel Beichuan, questa mattina, il lago che si era formato dopo il sisma è straripato, costringendo tutti i sopravvissuti e i soccorritori a scappare sulle colline per mettersi in salvo.

E, nella tragedia, c’è anche spazio per un momento di gioia: un turista proveniente dalla Germania, di 52 anni, è stato estratto vivo dalle macerie di un edificio dopo 112 ore dalla scossa, ovvero dopo quasi 5 giorni. Come lui, anche Peng Zhijun, 46enne cinese, è rimasto sotto i resti delle case; in quasi 100 ore di “prigionia” ha detto di essere sopravvissuto fumando sigarette e bevendo la propria urina. Altri quattro cinesi sono stati salvati: il primo, un uomo che ha detto di chiamarsi Bergdahl, è rimasto bloccato per 114 ore tra le macerie di Taoguan, a pochi chilometri dall’epicentro del terremoto, e per la sua liberazione ci sono voluti gli sforzi continui di oltre 20 militari.

Gli altri sono sia uomini che donne, dai 31 ai 69 anni, rimasti intrappolati per un periodo compreso tra le 119 (4,95 giorni) e le 124 ore (5,16 giorni). Questo brutto record, fortunatamente a lieto fine, spetta ad una giovane ragazza, che per ora ha “conquistato” il “primato” di sopravvissuta liberata dopo il maggior periodo di tempo.

Tedesca è anche l’unica vittima non-cinese finora accertata, un uomo il cui cadavere aspettava di essere identificato da venerdì. Salvo, invece, un insegnante francese 38enne, individuato in un campo per sfollati. Per lui si è mobilitato il console francese, Jacques Dumazy, rendendo noto che a breve verrà trasferito nel capoluogo di Chengdu, città nella quale sono stati portati anche cinque studenti sud-coreani, soccorsi nel Wechuan e trasferiti in elicottero.

Tabella riassuntiva del bilancio delle vittime

Regione Vittime stimate
Sichuan Mianyang 11.874
Deyang 10.341 [1]
Guangyuan 2.586
Chengdu 4.156
Ngawa 2.871
Altre province 126
Totale 28,389
Gansu 364
Shaanxi 112
Henan 2
Hubei 1
Yunnan 1
Bilancio vittime: 32.477 [2]

Fonte: 2008 Sichuan earthquake, en.wikipedia.org

Galleria immagini


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Beichuan, Cina: straripa il lago formatosi dopo il sisma, la gente in fuga

Beichuan, Cina: straripa il lago formatosi dopo il sisma, la gente in fuga

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 17 maggio 2008

Il lago che si era formato a Beichuan, in Cina, dopo il devastante sisma di lunedì scorso, che ha provocato decine di migliaia di morti e un numero ancora imprecisato di dispersi, è straripato.

Migliaia di persone, scampate alla furia distruttiva del terremoto, stanno cercando di mettersi in salvo. La situazione è aggravata dal fatto che quasi 50 feriti, in condizioni gravissime, devono essere portati via immediatamente, ma le operazioni di soccorso sono difficili, in situazioni di emergenza come quella attuale.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Cina, a sei giorni dal sisma continuano le scosse d\’assestamento. I morti potrebbero essere 50mila

Questa notizia è stata proposta per la vetrina.
Esprimi il tuo parere nella votazione. Eventuali miglioramenti sono sempre ben accettati.
Da fare

Comunicaci i tuoi suggerimenti per ampliare e migliorare questo articolo.

sabato 17 maggio 2008

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una nuova, fortissima scossa d’assestamento, ha colpito la contea di Lixian, in Cina, a poca distanza da quella devastata dal sisma di lunedì scorso. La magnitudo è stata di 5,9 gradi della scala Richter. Il nuovo sisma ha provocato altri danni: una frana ha seppellito varie automobili, e diverse strade sono state gravemente danneggiate.

L’agenzia di stampa Nuova Cina, intanto, continua a fornire i bilanci della tragedia, di proporzioni enormi: sono 22.069 i morti accertati, 14.000 i dispersi, per un totale di oltre 36.000 vittime, il che è molto vicino alla stima preliminare fatta dal governo di 50.000. Sono 5 milioni, inoltre, i senzatetto. Il Governo avrebbe rivisto al rialzo il bilancio, parlando di 28.000 morti.

La zona colpita dal sisma

La zona colpita dal sisma

I soccorritori, che lavorano senza sosta, sono comunque riusciti a trarre in salvo dalle macerie di scuole, case e altri edifici varie decine di persone, tra le quali molti bambini, sorpresi dal sisma mentre erano a scuola. Il presidente Hu Jintao, giunto nella zona del disastro, ha incontrato i sopravvissuti, per poi spronare i soccorritori a fare tutto il necessario per salvare quanta più gente possibile.

I crolli delle scuole hanno scatenato polemiche, giunte fino a Pechino. Nel ribadire la priorità assoluta di salvare i sopravvissuti, il vice-ministro delle Costruzioni, Jiang Weixiang, ha detto che verranno aperte inchieste per capire se vi fossero problemi di progettazione, ma solo quando la situazione si sarà placata. Le costruzioni del Sichuan, ha comunque precisato il vice-ministro, sono fatte per resistere a sismi fino al settimo grado della scala Richter, mentre quello di lunedì ha toccato i 7,9.

Fonti governative hanno fatto sapere inoltre che «persone qualificate, cinesi e/o straniere» potranno, una volta che la situazione sarà normalizzata, fare richiesta di adozione per tutti i bambini rimasti orfani, che nel frattempo saranno aiutati dalle autorità locali.

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Nel Beichuan, questa mattina, il lago che si era formato dopo il sisma è straripato, costringendo tutti i sopravvissuti e i soccorritori a scappare sulle colline per mettersi in salvo.

E, nella tragedia, c’è anche spazio per un momento di gioia: un turista proveniente dalla Germania, di 52 anni, è stato estratto vivo dalle macerie di un edificio dopo 112 ore dalla scossa, ovvero dopo quasi 5 giorni. Come lui, anche Peng Zhijun, 46enne cinese, è rimasto sotto i resti delle case; in quasi 100 ore di “prigionia” ha detto di essere sopravvissuto fumando sigarette e bevendo la propria urina. Altri quattro cinesi sono stati salvati: il primo, un uomo che ha detto di chiamarsi Bergdahl, è rimasto bloccato per 114 ore tra le macerie di Taoguan, a pochi chilometri dall’epicentro del terremoto, e per la sua liberazione ci sono voluti gli sforzi continui di oltre 20 militari.

Gli altri sono sia uomini che donne, dai 31 ai 69 anni, rimasti intrappolati per un periodo compreso tra le 119 (4,95 giorni) e le 124 ore (5,16 giorni). Questo brutto record, fortunatamente a lieto fine, spetta ad una giovane ragazza, che per ora ha “conquistato” il “primato” di sopravvissuta liberata dopo il maggior periodo di tempo.

Tedesca è anche l’unica vittima non-cinese finora accertata, un uomo il cui cadavere aspettava di essere identificato da venerdì. Salvo, invece, un insegnante francese 38enne, individuato in un campo per sfollati. Per lui si è mobilitato il console francese, Jacques Dumazy, rendendo noto che a breve verrà trasferito nel capoluogo di Chengdu, città nella quale sono stati portati anche cinque studenti sud-coreani, soccorsi nel Wechuan e trasferiti in elicottero.

Tabella riassuntiva del bilancio delle vittime

Regione Vittime stimate
Sichuan Mianyang 11.874
Deyang 10.341 [1]
Guangyuan 2.586
Chengdu 4.156
Ngawa 2.871
Altre province 126
Totale 28,389
Gansu 364
Shaanxi 112
Henan 2
Hubei 1
Yunnan 1
Bilancio vittime: 32.477 [2]

Fonte: 2008 Sichuan earthquake, en.wikipedia.org

Galleria immagini


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Cina, a sei giorni dal sisma continuano le scosse d\’assestamento. I morti potrebbero essere 50mila

Questa notizia è stata proposta per la vetrina.
Esprimi il tuo parere nella votazione. Eventuali miglioramenti sono sempre ben accettati.
Da fare

Comunicaci i tuoi suggerimenti per ampliare e migliorare questo articolo.

sabato 17 maggio 2008

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una nuova, fortissima scossa d’assestamento, ha colpito la contea di Lixian, in Cina, a poca distanza da quella devastata dal sisma di lunedì scorso. La magnitudo è stata di 5,9 gradi della scala Richter. Il nuovo sisma ha provocato altri danni: una frana ha seppellito varie automobili, e diverse strade sono state gravemente danneggiate.

L’agenzia di stampa Nuova Cina, intanto, continua a fornire i bilanci della tragedia, di proporzioni enormi: sono 22.069 i morti accertati, 14.000 i dispersi, per un totale di oltre 36.000 vittime, il che è molto vicino alla stima preliminare fatta dal governo di 50.000. Sono 5 milioni, inoltre, i senzatetto. Il Governo avrebbe rivisto al rialzo il bilancio, parlando di 28.000 morti.

La zona colpita dal sisma

La zona colpita dal sisma

I soccorritori, che lavorano senza sosta, sono comunque riusciti a trarre in salvo dalle macerie di scuole, case e altri edifici varie decine di persone, tra le quali molti bambini, sorpresi dal sisma mentre erano a scuola. Il presidente Hu Jintao, giunto nella zona del disastro, ha incontrato i sopravvissuti, per poi spronare i soccorritori a fare tutto il necessario per salvare quanta più gente possibile.

I crolli delle scuole hanno scatenato polemiche, giunte fino a Pechino. Nel ribadire la priorità assoluta di salvare i sopravvissuti, il vice-ministro delle Costruzioni, Jiang Weixiang, ha detto che verranno aperte inchieste per capire se vi fossero problemi di progettazione, ma solo quando la situazione si sarà placata. Le costruzioni del Sichuan, ha comunque precisato il vice-ministro, sono fatte per resistere a sismi fino al settimo grado della scala Richter, mentre quello di lunedì ha toccato i 7,9.

Fonti governative hanno fatto sapere inoltre che «persone qualificate, cinesi e/o straniere» potranno, una volta che la situazione sarà normalizzata, fare richiesta di adozione per tutti i bambini rimasti orfani, che nel frattempo saranno aiutati dalle autorità locali.

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Nel Beichuan, questa mattina, il lago che si era formato dopo il sisma è straripato, costringendo tutti i sopravvissuti e i soccorritori a scappare sulle colline per mettersi in salvo.

E, nella tragedia, c’è anche spazio per un momento di gioia: un turista proveniente dalla Germania, di 52 anni, è stato estratto vivo dalle macerie di un edificio dopo 112 ore dalla scossa, ovvero dopo quasi 5 giorni. Come lui, anche Peng Zhijun, 46enne cinese, è rimasto sotto i resti delle case; in quasi 100 ore di “prigionia” ha detto di essere sopravvissuto fumando sigarette e bevendo la propria urina. Altri quattro cinesi sono stati salvati: il primo, un uomo che ha detto di chiamarsi Bergdahl, è rimasto bloccato per 114 ore tra le macerie di Taoguan, a pochi chilometri dall’epicentro del terremoto, e per la sua liberazione ci sono voluti gli sforzi continui di oltre 20 militari.

Gli altri sono sia uomini che donne, dai 31 ai 69 anni, rimasti intrappolati per un periodo compreso tra le 119 (4,95 giorni) e le 124 ore (5,16 giorni). Questo brutto record, fortunatamente a lieto fine, spetta ad una giovane ragazza, che per ora ha “conquistato” il “primato” di sopravvissuta liberata dopo il maggior periodo di tempo.

Tedesca è anche l’unica vittima non-cinese finora accertata, un uomo il cui cadavere aspettava di essere identificato da venerdì. Salvo, invece, un insegnante francese 38enne, individuato in un campo per sfollati. Per lui si è mobilitato il console francese, Jacques Dumazy, rendendo noto che a breve verrà trasferito nel capoluogo di Chengdu, città nella quale sono stati portati anche cinque studenti sud-coreani, soccorsi nel Wechuan e trasferiti in elicottero.

Tabella riassuntiva del bilancio delle vittime

Regione Vittime stimate
Sichuan Mianyang 11.874
Deyang 10.341 [1]
Guangyuan 2.586
Chengdu 4.156
Ngawa 2.871
Altre province 126
Totale 28,389
Gansu 364
Shaanxi 112
Henan 2
Hubei 1
Yunnan 1
Bilancio vittime: 32.477 [2]

Fonte: 2008 Sichuan earthquake, en.wikipedia.org

Galleria immagini


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Cina, a sei giorni dal sisma continuano le scosse d\’assestamento. I morti potrebbero essere 50mila

Questa notizia è stata proposta per la vetrina.
Esprimi il tuo parere nella votazione. Eventuali miglioramenti sono sempre ben accettati.
Da fare

Comunicaci i tuoi suggerimenti per ampliare e migliorare questo articolo.

sabato 17 maggio 2008

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una nuova, fortissima scossa d’assestamento, ha colpito la contea di Lixian, in Cina, a poca distanza da quella devastata dal sisma di lunedì scorso. La magnitudo è stata di 5,9 gradi della scala Richter. Il nuovo sisma ha provocato altri danni: una frana ha seppellito varie automobili, e diverse strade sono state gravemente danneggiate.

L’agenzia di stampa Nuova Cina, intanto, continua a fornire i bilanci della tragedia, di proporzioni enormi: sono 22.069 i morti accertati, 14.000 i dispersi, per un totale di oltre 36.000 vittime, il che è molto vicino alla stima preliminare fatta dal governo di 50.000. Sono 5 milioni, inoltre, i senzatetto. Il Governo avrebbe rivisto al rialzo il bilancio, parlando di 28.000 morti.

La zona colpita dal sisma

La zona colpita dal sisma

I soccorritori, che lavorano senza sosta, sono comunque riusciti a trarre in salvo dalle macerie di scuole, case e altri edifici varie decine di persone, tra le quali molti bambini, sorpresi dal sisma mentre erano a scuola. Il presidente Hu Jintao, giunto nella zona del disastro, ha incontrato i sopravvissuti, per poi spronare i soccorritori a fare tutto il necessario per salvare quanta più gente possibile.

I crolli delle scuole hanno scatenato polemiche, giunte fino a Pechino. Nel ribadire la priorità assoluta di salvare i sopravvissuti, il vice-ministro delle Costruzioni, Jiang Weixiang, ha detto che verranno aperte inchieste per capire se vi fossero problemi di progettazione, ma solo quando la situazione si sarà placata. Le costruzioni del Sichuan, ha comunque precisato il vice-ministro, sono fatte per resistere a sismi fino al settimo grado della scala Richter, mentre quello di lunedì ha toccato i 7,9.

Fonti governative hanno fatto sapere inoltre che «persone qualificate, cinesi e/o straniere» potranno, una volta che la situazione sarà normalizzata, fare richiesta di adozione per tutti i bambini rimasti orfani, che nel frattempo saranno aiutati dalle autorità locali.

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Nel Beichuan, questa mattina, il lago che si era formato dopo il sisma è straripato, costringendo tutti i sopravvissuti e i soccorritori a scappare sulle colline per mettersi in salvo.

E, nella tragedia, c’è anche spazio per un momento di gioia: un turista proveniente dalla Germania, di 52 anni, è stato estratto vivo dalle macerie di un edificio dopo 112 ore dalla scossa, ovvero dopo quasi 5 giorni. Come lui, anche Peng Zhijun, 46enne cinese, è rimasto sotto i resti delle case; in quasi 100 ore di “prigionia” ha detto di essere sopravvissuto fumando sigarette e bevendo la propria urina. Altri quattro cinesi sono stati salvati: il primo, un uomo che ha detto di chiamarsi Bergdahl, è rimasto bloccato per 114 ore tra le macerie di Taoguan, a pochi chilometri dall’epicentro del terremoto, e per la sua liberazione ci sono voluti gli sforzi continui di oltre 20 militari.

Gli altri sono sia uomini che donne, dai 31 ai 69 anni, rimasti intrappolati per un periodo compreso tra le 119 (4,95 giorni) e le 124 ore (5,16 giorni). Questo brutto record, fortunatamente a lieto fine, spetta ad una giovane ragazza, che per ora ha “conquistato” il “primato” di sopravvissuta liberata dopo il maggior periodo di tempo.

Tedesca è anche l’unica vittima non-cinese finora accertata, un uomo il cui cadavere aspettava di essere identificato da venerdì. Salvo, invece, un insegnante francese 38enne, individuato in un campo per sfollati. Per lui si è mobilitato il console francese, Jacques Dumazy, rendendo noto che a breve verrà trasferito nel capoluogo di Chengdu, città nella quale sono stati portati anche cinque studenti sud-coreani, soccorsi nel Wechuan e trasferiti in elicottero.

Tabella riassuntiva del bilancio delle vittime

Regione Vittime stimate
Sichuan Mianyang 11.874
Deyang 10.341 [1]
Guangyuan 2.586
Chengdu 4.156
Ngawa 2.871
Altre province 126
Totale 28,389
Gansu 364
Shaanxi 112
Henan 2
Hubei 1
Yunnan 1
Bilancio vittime: 32.477 [2]

Fonte: 2008 Sichuan earthquake, en.wikipedia.org

Galleria immagini


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Cina, a sei giorni dal sisma continuano le scosse d\’assestamento. I morti potrebbero essere 50mila

Questa notizia è stata proposta per la vetrina.
Esprimi il tuo parere nella votazione. Eventuali miglioramenti sono sempre ben accettati.
Da fare

Comunicaci i tuoi suggerimenti per ampliare e migliorare questo articolo.

sabato 17 maggio 2008

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una nuova, fortissima scossa d’assestamento, ha colpito la contea di Lixian, in Cina, a poca distanza da quella devastata dal sisma di lunedì scorso. La magnitudo è stata di 5,9 gradi della scala Richter. Il nuovo sisma ha provocato altri danni: una frana ha seppellito varie automobili, e diverse strade sono state gravemente danneggiate.

L’agenzia di stampa Nuova Cina, intanto, continua a fornire i bilanci della tragedia, di proporzioni enormi: sono 22.069 i morti accertati, 14.000 i dispersi, per un totale di oltre 36.000 vittime, il che è molto vicino alla stima preliminare fatta dal governo di 50.000. Sono 5 milioni, inoltre, i senzatetto. Il Governo avrebbe rivisto al rialzo il bilancio, parlando di 28.000 morti.

La zona colpita dal sisma

La zona colpita dal sisma

I soccorritori, che lavorano senza sosta, sono comunque riusciti a trarre in salvo dalle macerie di scuole, case e altri edifici varie decine di persone, tra le quali molti bambini, sorpresi dal sisma mentre erano a scuola. Il presidente Hu Jintao, giunto nella zona del disastro, ha incontrato i sopravvissuti, per poi spronare i soccorritori a fare tutto il necessario per salvare quanta più gente possibile.

I crolli delle scuole hanno scatenato polemiche, giunte fino a Pechino. Nel ribadire la priorità assoluta di salvare i sopravvissuti, il vice-ministro delle Costruzioni, Jiang Weixiang, ha detto che verranno aperte inchieste per capire se vi fossero problemi di progettazione, ma solo quando la situazione si sarà placata. Le costruzioni del Sichuan, ha comunque precisato il vice-ministro, sono fatte per resistere a sismi fino al settimo grado della scala Richter, mentre quello di lunedì ha toccato i 7,9.

Fonti governative hanno fatto sapere inoltre che «persone qualificate, cinesi e/o straniere» potranno, una volta che la situazione sarà normalizzata, fare richiesta di adozione per tutti i bambini rimasti orfani, che nel frattempo saranno aiutati dalle autorità locali.

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Nel Beichuan, questa mattina, il lago che si era formato dopo il sisma è straripato, costringendo tutti i sopravvissuti e i soccorritori a scappare sulle colline per mettersi in salvo.

E, nella tragedia, c’è anche spazio per un momento di gioia: un turista proveniente dalla Germania, di 52 anni, è stato estratto vivo dalle macerie di un edificio dopo 112 ore dalla scossa, ovvero dopo quasi 5 giorni. Come lui, anche Peng Zhijun, 46enne cinese, è rimasto sotto i resti delle case; in quasi 100 ore di “prigionia” ha detto di essere sopravvissuto fumando sigarette e bevendo la propria urina. Altri quattro cinesi sono stati salvati: il primo, un uomo che ha detto di chiamarsi Bergdahl, è rimasto bloccato per 114 ore tra le macerie di Taoguan, a pochi chilometri dall’epicentro del terremoto, e per la sua liberazione ci sono voluti gli sforzi continui di oltre 20 militari.

Gli altri sono sia uomini che donne, dai 31 ai 69 anni, rimasti intrappolati per un periodo compreso tra le 119 (4,95 giorni) e le 124 ore (5,16 giorni). Questo brutto record, fortunatamente a lieto fine, spetta ad una giovane ragazza, che per ora ha “conquistato” il “primato” di sopravvissuta liberata dopo il maggior periodo di tempo.

Tedesca è anche l’unica vittima non-cinese finora accertata, un uomo il cui cadavere aspettava di essere identificato da venerdì. Salvo, invece, un insegnante francese 38enne, individuato in un campo per sfollati. Per lui si è mobilitato il console francese, Jacques Dumazy, rendendo noto che a breve verrà trasferito nel capoluogo di Chengdu, città nella quale sono stati portati anche cinque studenti sud-coreani, soccorsi nel Wechuan e trasferiti in elicottero.

Tabella riassuntiva del bilancio delle vittime

Regione Vittime stimate
Sichuan Mianyang 11.874
Deyang 10.341 [1]
Guangyuan 2.586
Chengdu 4.156
Ngawa 2.871
Altre province 126
Totale 28,389
Gansu 364
Shaanxi 112
Henan 2
Hubei 1
Yunnan 1
Bilancio vittime: 32.477 [2]

Fonte: 2008 Sichuan earthquake, en.wikipedia.org

Galleria immagini


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Cina, a sei giorni dal sisma continuano le scosse d\’assestamento. I morti potrebbero essere 50mila

Questa notizia è stata proposta per la vetrina.
Esprimi il tuo parere nella votazione. Eventuali miglioramenti sono sempre ben accettati.
Da fare

Comunicaci i tuoi suggerimenti per ampliare e migliorare questo articolo.

sabato 17 maggio 2008

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una nuova, fortissima scossa d’assestamento, ha colpito la contea di Lixian, in Cina, a poca distanza da quella devastata dal sisma di lunedì scorso. La magnitudo è stata di 5,9 gradi della scala Richter. Il nuovo sisma ha provocato altri danni: una frana ha seppellito varie automobili, e diverse strade sono state gravemente danneggiate.

L’agenzia di stampa Nuova Cina, intanto, continua a fornire i bilanci della tragedia, di proporzioni enormi: sono 22.069 i morti accertati, 14.000 i dispersi, per un totale di oltre 36.000 vittime, il che è molto vicino alla stima preliminare fatta dal governo di 50.000. Sono 5 milioni, inoltre, i senzatetto. Il Governo avrebbe rivisto al rialzo il bilancio, parlando di 28.000 morti.

La zona colpita dal sisma

La zona colpita dal sisma

I soccorritori, che lavorano senza sosta, sono comunque riusciti a trarre in salvo dalle macerie di scuole, case e altri edifici varie decine di persone, tra le quali molti bambini, sorpresi dal sisma mentre erano a scuola. Il presidente Hu Jintao, giunto nella zona del disastro, ha incontrato i sopravvissuti, per poi spronare i soccorritori a fare tutto il necessario per salvare quanta più gente possibile.

I crolli delle scuole hanno scatenato polemiche, giunte fino a Pechino. Nel ribadire la priorità assoluta di salvare i sopravvissuti, il vice-ministro delle Costruzioni, Jiang Weixiang, ha detto che verranno aperte inchieste per capire se vi fossero problemi di progettazione, ma solo quando la situazione si sarà placata. Le costruzioni del Sichuan, ha comunque precisato il vice-ministro, sono fatte per resistere a sismi fino al settimo grado della scala Richter, mentre quello di lunedì ha toccato i 7,9.

Fonti governative hanno fatto sapere inoltre che «persone qualificate, cinesi e/o straniere» potranno, una volta che la situazione sarà normalizzata, fare richiesta di adozione per tutti i bambini rimasti orfani, che nel frattempo saranno aiutati dalle autorità locali.

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Nel Beichuan, questa mattina, il lago che si era formato dopo il sisma è straripato, costringendo tutti i sopravvissuti e i soccorritori a scappare sulle colline per mettersi in salvo.

E, nella tragedia, c’è anche spazio per un momento di gioia: un turista proveniente dalla Germania, di 52 anni, è stato estratto vivo dalle macerie di un edificio dopo 112 ore dalla scossa, ovvero dopo quasi 5 giorni. Come lui, anche Peng Zhijun, 46enne cinese, è rimasto sotto i resti delle case; in quasi 100 ore di “prigionia” ha detto di essere sopravvissuto fumando sigarette e bevendo la propria urina. Altri quattro cinesi sono stati salvati: il primo, un uomo che ha detto di chiamarsi Bergdahl, è rimasto bloccato per 114 ore tra le macerie di Taoguan, a pochi chilometri dall’epicentro del terremoto, e per la sua liberazione ci sono voluti gli sforzi continui di oltre 20 militari.

Gli altri sono sia uomini che donne, dai 31 ai 69 anni, rimasti intrappolati per un periodo compreso tra le 119 (4,95 giorni) e le 124 ore (5,16 giorni). Questo brutto record, fortunatamente a lieto fine, spetta ad una giovane ragazza, che per ora ha “conquistato” il “primato” di sopravvissuta liberata dopo il maggior periodo di tempo.

Tedesca è anche l’unica vittima non-cinese finora accertata, un uomo il cui cadavere aspettava di essere identificato da venerdì. Salvo, invece, un insegnante francese 38enne, individuato in un campo per sfollati. Per lui si è mobilitato il console francese, Jacques Dumazy, rendendo noto che a breve verrà trasferito nel capoluogo di Chengdu, città nella quale sono stati portati anche cinque studenti sud-coreani, soccorsi nel Wechuan e trasferiti in elicottero.

Tabella riassuntiva del bilancio delle vittime

Regione Vittime stimate
Sichuan Mianyang 11.874
Deyang 10.341 [1]
Guangyuan 2.586
Chengdu 4.156
Ngawa 2.871
Altre province 126
Totale 28,389
Gansu 364
Shaanxi 112
Henan 2
Hubei 1
Yunnan 1
Bilancio vittime: 32.477 [2]

Fonte: 2008 Sichuan earthquake, en.wikipedia.org

Galleria immagini


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Cina, a sei giorni dal sisma continuano le scosse d\’assestamento. I morti potrebbero essere 50mila

Questa notizia è stata proposta per la vetrina.
Esprimi il tuo parere nella votazione. Eventuali miglioramenti sono sempre ben accettati.
Da fare

Comunicaci i tuoi suggerimenti per ampliare e migliorare questo articolo.

sabato 17 maggio 2008

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una nuova, fortissima scossa d’assestamento, ha colpito la contea di Lixian, in Cina, a poca distanza da quella devastata dal sisma di lunedì scorso. La magnitudo è stata di 5,9 gradi della scala Richter. Il nuovo sisma ha provocato altri danni: una frana ha seppellito varie automobili, e diverse strade sono state gravemente danneggiate.

L’agenzia di stampa Nuova Cina, intanto, continua a fornire i bilanci della tragedia, di proporzioni enormi: sono 22.069 i morti accertati, 14.000 i dispersi, per un totale di oltre 36.000 vittime, il che è molto vicino alla stima preliminare fatta dal governo di 50.000. Sono 5 milioni, inoltre, i senzatetto. Il Governo avrebbe rivisto al rialzo il bilancio, parlando di 28.000 morti.

La zona colpita dal sisma

La zona colpita dal sisma

I soccorritori, che lavorano senza sosta, sono comunque riusciti a trarre in salvo dalle macerie di scuole, case e altri edifici varie decine di persone, tra le quali molti bambini, sorpresi dal sisma mentre erano a scuola. Il presidente Hu Jintao, giunto nella zona del disastro, ha incontrato i sopravvissuti, per poi spronare i soccorritori a fare tutto il necessario per salvare quanta più gente possibile.

I crolli delle scuole hanno scatenato polemiche, giunte fino a Pechino. Nel ribadire la priorità assoluta di salvare i sopravvissuti, il vice-ministro delle Costruzioni, Jiang Weixiang, ha detto che verranno aperte inchieste per capire se vi fossero problemi di progettazione, ma solo quando la situazione si sarà placata. Le costruzioni del Sichuan, ha comunque precisato il vice-ministro, sono fatte per resistere a sismi fino al settimo grado della scala Richter, mentre quello di lunedì ha toccato i 7,9.

Fonti governative hanno fatto sapere inoltre che «persone qualificate, cinesi e/o straniere» potranno, una volta che la situazione sarà normalizzata, fare richiesta di adozione per tutti i bambini rimasti orfani, che nel frattempo saranno aiutati dalle autorità locali.

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Nel Beichuan, questa mattina, il lago che si era formato dopo il sisma è straripato, costringendo tutti i sopravvissuti e i soccorritori a scappare sulle colline per mettersi in salvo.

E, nella tragedia, c’è anche spazio per un momento di gioia: un turista proveniente dalla Germania, di 52 anni, è stato estratto vivo dalle macerie di un edificio dopo 112 ore dalla scossa, ovvero dopo quasi 5 giorni. Come lui, anche Peng Zhijun, 46enne cinese, è rimasto sotto i resti delle case; in quasi 100 ore di “prigionia” ha detto di essere sopravvissuto fumando sigarette e bevendo la propria urina. Altri quattro cinesi sono stati salvati: il primo, un uomo che ha detto di chiamarsi Bergdahl, è rimasto bloccato per 114 ore tra le macerie di Taoguan, a pochi chilometri dall’epicentro del terremoto, e per la sua liberazione ci sono voluti gli sforzi continui di oltre 20 militari.

Gli altri sono sia uomini che donne, dai 31 ai 69 anni, rimasti intrappolati per un periodo compreso tra le 119 (4,95 giorni) e le 124 ore (5,16 giorni). Questo brutto record, fortunatamente a lieto fine, spetta ad una giovane ragazza, che per ora ha “conquistato” il “primato” di sopravvissuta liberata dopo il maggior periodo di tempo.

Tedesca è anche l’unica vittima non-cinese finora accertata, un uomo il cui cadavere aspettava di essere identificato da venerdì. Salvo, invece, un insegnante francese 38enne, individuato in un campo per sfollati. Per lui si è mobilitato il console francese, Jacques Dumazy, rendendo noto che a breve verrà trasferito nel capoluogo di Chengdu, città nella quale sono stati portati anche cinque studenti sud-coreani, soccorsi nel Wechuan e trasferiti in elicottero.

Tabella riassuntiva del bilancio delle vittime

Regione Vittime stimate
Sichuan Mianyang 11.874
Deyang 10.341 [1]
Guangyuan 2.586
Chengdu 4.156
Ngawa 2.871
Altre province 126
Totale 28,389
Gansu 364
Shaanxi 112
Henan 2
Hubei 1
Yunnan 1
Bilancio vittime: 32.477 [2]

Fonte: 2008 Sichuan earthquake, en.wikipedia.org

Galleria immagini


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Cina, a sei giorni dal sisma continuano le scosse d\’assestamento. I morti potrebbero essere 50mila

Questa notizia è stata proposta per la vetrina.
Esprimi il tuo parere nella votazione. Eventuali miglioramenti sono sempre ben accettati.
Da fare

Comunicaci i tuoi suggerimenti per ampliare e migliorare questo articolo.

sabato 17 maggio 2008

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una banca distrutta a Bei Chuan

Una nuova, fortissima scossa d’assestamento, ha colpito la contea di Lixian, in Cina, a poca distanza da quella devastata dal sisma di lunedì scorso. La magnitudo è stata di 5,9 gradi della scala Richter. Il nuovo sisma ha provocato altri danni: una frana ha seppellito varie automobili, e diverse strade sono state gravemente danneggiate.

L’agenzia di stampa Nuova Cina, intanto, continua a fornire i bilanci della tragedia, di proporzioni enormi: sono 22.069 i morti accertati, 14.000 i dispersi, per un totale di oltre 36.000 vittime, il che è molto vicino alla stima preliminare fatta dal governo di 50.000. Sono 5 milioni, inoltre, i senzatetto. Il Governo avrebbe rivisto al rialzo il bilancio, parlando di 28.000 morti.

La zona colpita dal sisma

La zona colpita dal sisma

I soccorritori, che lavorano senza sosta, sono comunque riusciti a trarre in salvo dalle macerie di scuole, case e altri edifici varie decine di persone, tra le quali molti bambini, sorpresi dal sisma mentre erano a scuola. Il presidente Hu Jintao, giunto nella zona del disastro, ha incontrato i sopravvissuti, per poi spronare i soccorritori a fare tutto il necessario per salvare quanta più gente possibile.

I crolli delle scuole hanno scatenato polemiche, giunte fino a Pechino. Nel ribadire la priorità assoluta di salvare i sopravvissuti, il vice-ministro delle Costruzioni, Jiang Weixiang, ha detto che verranno aperte inchieste per capire se vi fossero problemi di progettazione, ma solo quando la situazione si sarà placata. Le costruzioni del Sichuan, ha comunque precisato il vice-ministro, sono fatte per resistere a sismi fino al settimo grado della scala Richter, mentre quello di lunedì ha toccato i 7,9.

Fonti governative hanno fatto sapere inoltre che «persone qualificate, cinesi e/o straniere» potranno, una volta che la situazione sarà normalizzata, fare richiesta di adozione per tutti i bambini rimasti orfani, che nel frattempo saranno aiutati dalle autorità locali.

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Il ritratto di Mao Zedong sulle macerie di una porta crollata

Nel Beichuan, questa mattina, il lago che si era formato dopo il sisma è straripato, costringendo tutti i sopravvissuti e i soccorritori a scappare sulle colline per mettersi in salvo.

E, nella tragedia, c’è anche spazio per un momento di gioia: un turista proveniente dalla Germania, di 52 anni, è stato estratto vivo dalle macerie di un edificio dopo 112 ore dalla scossa, ovvero dopo quasi 5 giorni. Come lui, anche Peng Zhijun, 46enne cinese, è rimasto sotto i resti delle case; in quasi 100 ore di “prigionia” ha detto di essere sopravvissuto fumando sigarette e bevendo la propria urina. Altri quattro cinesi sono stati salvati: il primo, un uomo che ha detto di chiamarsi Bergdahl, è rimasto bloccato per 114 ore tra le macerie di Taoguan, a pochi chilometri dall’epicentro del terremoto, e per la sua liberazione ci sono voluti gli sforzi continui di oltre 20 militari.

Gli altri sono sia uomini che donne, dai 31 ai 69 anni, rimasti intrappolati per un periodo compreso tra le 119 (4,95 giorni) e le 124 ore (5,16 giorni). Questo brutto record, fortunatamente a lieto fine, spetta ad una giovane ragazza, che per ora ha “conquistato” il “primato” di sopravvissuta liberata dopo il maggior periodo di tempo.

Tedesca è anche l’unica vittima non-cinese finora accertata, un uomo il cui cadavere aspettava di essere identificato da venerdì. Salvo, invece, un insegnante francese 38enne, individuato in un campo per sfollati. Per lui si è mobilitato il console francese, Jacques Dumazy, rendendo noto che a breve verrà trasferito nel capoluogo di Chengdu, città nella quale sono stati portati anche cinque studenti sud-coreani, soccorsi nel Wechuan e trasferiti in elicottero.

Tabella riassuntiva del bilancio delle vittime

Regione Vittime stimate
Sichuan Mianyang 11.874
Deyang 10.341 [1]
Guangyuan 2.586
Chengdu 4.156
Ngawa 2.871
Altre province 126
Totale 28,389
Gansu 364
Shaanxi 112
Henan 2
Hubei 1
Yunnan 1
Bilancio vittime: 32.477 [2]

Fonte: 2008 Sichuan earthquake, en.wikipedia.org

Galleria immagini


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress