Wiki Actu it

November 23, 2015

Calcio, Super League 2015-2016: 16ª giornata

Calcio, Super League 2015-2016: 16ª giornata

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 23 novembre 2015

Sabato 21 e domenica 22 novembre 2015 si è giocata la 16ª giornata del campionato di Super League di calcio 2015-2016. In questa pagina i risultati dettagliati e la classifica.

Risultati[]


Super League: 16ª giornata
Data Ora Gara Ris.
21 novembre
2015
17:45 Grasshoppers Grasshoppers – Vaduz Vaduz 2 – 0
20:00 Lucerna Lucerna – Thun Thun 1 – 0
22 novembre
2015
13:45 Zurigo Zurigo – Lugano Lugano 5 – 3
13:45 San Gallo San Gallo – Basilea Basilea 2 – 1
16:00 Young Boys Young Boys – Sion Sion 1 – 1


Dettagli[]

Anticipi del sabato[]

Zurigo
21 novembre 2015, ore 17:45 CEST
16ª giornata
Grasshoppers Grasshoppers 2 – 0
referto
Vaduz Vaduz Letzigrund (3 600 spett.)
Arbitro Pache
Lucerna
21 novembre 2015, ore 20:00 CEST
16ª giornata
Lucerna Lucerna 1 – 0
referto
Thun Thun Swissporarena (9 392 spett.)
Arbitro Jaccottet

Partite della domenica[]

Zurigo
22 novembre 2015, ore 13:45 CEST
16ª giornata
Zurigo Zurigo 5 – 3
referto
Lugano Lugano Letzigrund (7 277 spett.)
Arbitro San
San Gallo
22 novembre 2015, ore 13:45 CEST
16ª giornata
San Gallo San Gallo 2 – 1
referto
Basilea Basilea AFG Arena (15 740 spett.)
Arbitro Lechner
Berna
22 novembre 2015, ore 16:00 CEST
16ª giornata
Young Boys Young Boys 1 – 1
referto
Sion Sion Stade de Suisse (17 951 spett.)
Arbitro Schärer

Classifica[]

Aggiornata al 22 novembre 2015
Fonte: sito ufficiale


Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Flag of Switzerland.svg Coppacampioni.png 1. Basilea Basilea 37 16 12 1 3 38 20 +18
Coppacampioni.png 2. Grasshoppers Grasshoppers 30 16 9 3 4 40 28 +12
UEFA Cup (adjusted).png 3. Young Boys Young Boys 25 16 6 7 3 27 18 +9
UEFA Cup (adjusted).png 4. Lucerna Lucerna 23 16 6 5 5 21 20 +1
5. San Gallo San Gallo 22 16 6 4 6 16 17 -1
6. Sion Sion 22 16 6 4 6 20 22 -2
7. Thun Thun 17 16 5 2 9 22 28 -6
8. Lugano Lugano 15 16 4 3 9 20 32 -12
9. Zurigo Zurigo 14 16 2 8 6 26 35 -9
1downarrow red.svg 10. Vaduz Vaduz 13 16 2 7 7 14 24 -10

Legenda:
      Campione di Svizzera e ammessa alla UEFA Champions League 2016-2017
      Ammessa alla UEFA Champions League 2016-2017
      Ammesse alla UEFA Europa League 2016-2017
      Retrocessa in Challenge League 2016-2017

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
La classifica viene stilata secondo i seguenti criteri:
  • Punti conquistati
  • Differenza reti generale
  • Reti totali realizzate
  • Punti conquistati negli scontri diretti
  • Sorteggio

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

November 2, 2015

Calcio, Serie B 2015-2016: 11ª giornata

Calcio, Serie B 2015-2016: 11ª giornata

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 2 novembre 2015

Tra sabato 31 ottobre e lunedì 2 novembre si è giocata la 11ª giornata del campionato di serie B di calcio 2015-2016. In questa pagina i risultati dettagliati e la classifica.

Risultati[]

Ascoli 0-1 Pro Vercelli
Bari 1-1 Novara
Brescia 1-0 Latina
Cagliari 2-0 Vicenza
Cesena 2-0 Virtus Lanciano
Como 1-1 Modena
Livorno 2-0 Trapani
Pescara 4-1 Crotone
Salernitana 1-1 Perugia
Spezia 0-0 Virtus Entella
Ternana 0-3 Avellino

Classifica[]

1. Cagliari 23
2. Cesena 23
3. Crotone 20
4. Livorno 20
5. Bari 19
6. Pescara 18
7. Brescia 17
8. Spezia 17
9. Vicenza 14
10. Novara 13
11. Avellino 13
12. Latina 13
13. Trapani 13
14. Virtus Entella 13
15. Perugia 12
16. Modena 12
17. Pro Vercelli 11
18. Salernitana 11
19. Virtus Lanciano 10
20. Ascoli 10
21. Ternana 10
22. Como 7


Le giornate del campionato di Serie B 2015-2016

 1ª ·   2ª ·   3ª ·   4ª ·   5ª ·   6ª ·   7ª ·   8ª ·   9ª ·  10ª ·  11ª ·  12ª ·  13ª ·  14ª ·  15ª ·  16ª ·  17ª ·  18ª ·  19ª ·  20ª ·  21ª
22ª ·  23ª ·  24ª ·  25ª ·  26ª ·  27ª ·  28ª ·  29ª ·  30ª ·  31ª ·  32ª ·  33ª ·  34ª ·  35ª ·  36ª ·  37ª ·  38ª ·  39ª ·  40ª ·  41ª ·  42ª

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 5, 2015

Calcio, Super League 2015-2016: 11ª giornata

Calcio, Super League 2015-2016: 11ª giornata

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 5 ottobre 2015

Sabato 3 e domenica 4 ottobre 2015 si è giocata la 11ª giornata del campionato di Super League di calcio 2015-2016. In questa pagina i risultati dettagliati e la classifica.

Risultati[]


Super League: 11ª giornata
Data Ora Gara Ris.
3 ottobre
2015
17:45 Vaduz Vaduz – Thun Thun 1 – 1
20:00 Lucerna Lucerna – Lugano Lugano 2 – 2
4 ottobre
2015
13:45 San Gallo San Gallo – Sion Sion 1 – 1
13:45 Young Boys Young Boys – Grasshoppers Grasshoppers 3 – 1
16:00 Zurigo Zurigo – Basilea Basilea 2 – 2


Dettagli[]

Anticipi del sabato[]

Partite della domenica[]

Classifica[]

Aggiornata al 4 ottobre 2015
Fonte: sito ufficiale


Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Flag of Switzerland.svg Coppacampioni.png 1. Basilea Basilea 28 11 9 1 1 30 14 +16
Coppacampioni.png 2. Grasshoppers Grasshoppers 21 11 6 3 2 31 21 +10
UEFA Cup (adjusted).png 3. Young Boys Young Boys 21 11 6 3 2 23 13 +10
UEFA Cup (adjusted).png 4. Lucerna Lucerna 19 11 5 4 2 19 15 +4
5. Sion Sion 15 11 4 3 4 14 14 0
6. San Gallo San Gallo 12 11 3 3 5 8 11 -3
7. Vaduz Vaduz 10 11 2 4 5 10 17 -7
8. Zurigo Zurigo 8 11 1 5 5 16 23 -7
9. Thun Thun 8 11 2 2 7 13 22 -9
1downarrow red.svg 10. Lugano Lugano 8 11 2 2 7 9 23 -14

Legenda:
      Campione di Svizzera e ammessa alla UEFA Champions League 2016-2017
      Ammessa alla UEFA Champions League 2016-2017
      Ammesse alla UEFA Europa League 2016-2017
      Retrocessa in Challenge League 2016-2017

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
La classifica viene stilata secondo i seguenti criteri:
  • Punti conquistati
  • Differenza reti generale
  • Reti totali realizzate
  • Punti conquistati negli scontri diretti
  • Sorteggio

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 9, 2012

Angelino Alfano: il nome di Berlusconi sarà sulla scheda. No a Monti-bis se non si candida

Angelino Alfano: il nome di Berlusconi sarà sulla scheda. No a Monti-bis se non si candida

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 9 settembre 2012

Silvio Berlusconi

Da giorni si fa sempre più insistente il tam tam su un imminente rientro in grande stile di Silvio Berlusconi sulle scene politiche e mediatiche italiane, dopo l’eclissamento dovuto seguito all’estromissione politica che lo ha costretto a lasciare le responsabilità di governo nelle mani di Mario Monti e dei ministri del suo governo tecnico.

L’operazione sul rientro del Cavaliere dovrebbe preludere a un secondo e più clamoroso passo, la nuova “discesa in campo” nelle elezioni che si prevedono alla scadenza naturale della XVI legislatura, nella primavera 2013, o, se la situazione politica dovesse subire una brusca accelerazione, nelle eventuali elezioni anticipate dell’autunno 2012. Per questo aveva seminato non poco di scompiglio la recente e imprevista notizia, poi ridimensionatasi, di un infortunio occorso dell’ex premier durante la sessione giornaliera di jogging, nel parco di Villa Certosa.

La conferma sulla nuova «discesa in campo» di Berlusconi e l’ipotesi di un Monti-bis[]

Angelino Alfano, segretario del PdL

Oggi, una conferma dei rumour che circolavano, arriva indirettamente dallo stesso segretario del Partito delle Libertà, Angelino Alfano, ospite del Workshop Ambrosetti, il prestigioso forum economico internazionale che a Cernobbio, sul Lago di Como, nello scenario di Villa d’Este, vede riunirsi annualmente la classe dirigente mondiale, economica e politica.

Rispondendo a una precisa domanda di un giornalista, postagli a margine dei lavori del forum internazionale, Alfano ha affermato di “credere” che il nome di Silvio Berlusconi apparirà sulla scheda elettorale, accanto al simbolo, nelle prossime elezioni politiche. Dunque, per l’ex premier, una visibilità politica piena, quale potrebbe profilarsi solo con una candidatura in prima persona di Silvio Berlusconi al governo del Paese.

Il duello a distanza Casini-Alfano sull’ipotesi di un nuovo governo guidato da Monti[]

Pier Ferdinando Casini, leader dell’UdC

La questione della nuova ambizione di Berlusconi alla premiership italiana, si intreccia con la questione, in discussione già da giorni, sull’eventualità di un governo Monti-bis, un’ipotesi sostenuta con particolare vigore dal leader dell’UDC, Pier Ferdinando Casini, che l’ha ribadita solennemente, oggi stesso, alla festa nazionale del suo partito, in una sorta di duello a distanza con Alfano. La prospettiva politica perorata da Casini è condivisa anche, ma con più discrezione, da vari politici ed esperti economici stranieri, iscritti al novero di chi la ritiene una scelta auspicabile, per non dire inevitabile, di fronte alla rischiosa prospettiva di una situazione politica confusa che dovesse eventualmente emergere dal prossimo passaggio elettorale.

Su questa ipotesi, si è espresso in modo tranchant il segretario Alfano, rispondendo ancora una volta a una domanda esplicita della stampa: perché il nome di Monti sia proponibile per una nuova ipotesi di governo, dovrà essere possibile «trovarlo sulla scheda elettorale». Dunque, il PdL non sarà più disponibile ad appoggiare soluzioni di governo, né tecniche né politiche, come l’ipotesi di un nuovo incarico a Mario Monti, senza il passaggio di quest’ultimo per il bagno elettorale. Questa presa di posizione inequivocabile rafforzerebbe l’ipotesi ventilata di una nuova candidatura Berlusconi alle prossime elezioni.

Il pressing di Alfano su intercettazioni e responsabilità dei giudici[]

Alfano si è poi pronunciato su altri due argomenti di stretta attualità politica, l’iter parlamentare dei provvedimenti su intercettazioni e responsabilità dei magistrati. Alfano ha richiamato il governo Monti al rispetto del patto stipulato il 15 marzo: un emendamento al ddl anti-corruzione di cui è primo firmatario (il c.d. ddl Alfano), in cambio di una contestuale iniziativa su intercettazioni e responsabilità dei magistrati. Poiché sul tema dell’anti-corruzione il governo attuale sembra particolarmente impegnato (un attivismo ribadito oggi stesso dal ministro della giustizia, Paola Severino, al forum di Cernobbio), Alfano reclama il rispetto anche della seconda parte dell’accordo di marzo, l’approvazione di misure per la regolamentazione delle intercettazioni e della responsabilità dei magistrati, due argomenti che stanno particolarmente a cuore al suo partito, della cui agenda politica costituiscono da tempo dei cardini irrinunciabili.


Articoli correlati[]

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Berlusconi contro il pm Ingroia: «Vi pentirete di averci tolto Cassano»

Berlusconi contro il pm Ingroia: «Vi pentirete di averci tolto Cassano»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 9 settembre 2012

Antonio Cassano, con la divisa della Nazionale italiana

Silvio Berlusconi

I rapporti tra Silvio Berlusconi e la magistratura inquirente italiana non possono certo definirsi idilliaci, soprattutto quando si tratta di commentare le vicende giudiziarie che lo riguardano, da lui definite sempre una vera e propria persecuzione giudiziaria a fini politici.

Nessuno, certo, poteva sperare che facessero eccezione i rapporti con il procuratore aggiunto palermitano Antonio Ingroia, anche se, in quest’ultimo caso, almeno per adesso, sembrano emergere divergenze di ben altro tipo, che hanno per oggetto la fede calcistica dei due: lui, l’ex premier, primo tifoso del Milan, l’altro, il magistrato, animato da inguaribile passione interista, gli ingredienti, insomma, di una discrasia assolutamente insanabile.

L’anatema di Berlusconi[]

Questo contrasto sarebbe emerso pochi giorni fa, quando Silvio Berlusconi, reduce da un recente fastidioso infortunio sportivo agostano, è stato interrogato, in qualità di teste e parte lesa, sulla presunta estorsione che sarebbe stata ordita ai suoi danni dall’amico di lunga data, Marcello Dell’Utri.

E il pomo della discordia tra i due sarebbe stato proprio lui, Antonio Cassano, el Pibe de Bari, già attaccante milanista che ora indossa la casacca dell’Inter. Su di lui, Berlusconi ha lanciato un pungente anatema che mette in dubbio la la serenità dello spirito di squadra interista, motivato dalle ben note intemperanze caratteriali di cui, in passato, si è reso spesso protagonista il talentuoso calciatore pugliese, in grado, secondo l’ex premier, di far vacillare la stabilità del clima di spogliatoio.

A margine di quell’incontro, a cui hanno partecipato anche il procuratore capo Francesco Messineo e il pubblico ministero Lia Salva, alla presenza di entrambi i suoi due avvocati, Niccolò Ghedini e Piero Longo, l’ex premier si sarebbe rivolto al suo interlocutore sbilanciandosi in una previsione che farà tremare le vene ai polsi di ogni tifoso interista: “Lei mi è parso un magistrato affabile ed equilibrato. Peccato che abbia un solo difetto: lei tifa Inter e non Milan. Ma voi interisti vi pentirete di averci portato via Cassano. Quello ci mette poco a mettervi in subbuglio lo spogliatoio“.

L’attesa del derby milanese[]

Non si conosce quale sia stata, se vi è stata, la replica dell’orgoglio interista ferito di Antonio Ingroia alla stilettata dell’interrogato. Resta comunque da vedere quanto profetiche sapranno essere le parole del Cavaliere, e se l’Inter, e Antonio Cassano, vorranno e sapranno smentirle, sottraendosi all’infausto vaticinio.

Il dubbio è destinato a sciogliersi alla prova dei fatti, il che dovrebbe avvenire già a breve scadenza: la rivalità tra milanisti e interisti, infatti, conoscerà un primo sfogo già a breve, tra meno di un mese, il prossimo 7 ottobre, quando si terrà il primo Derby della Madonnina della stagione 2012-2013 del Campionato italiano di calcio, episodio sportivo destinato a riaccendere l’eterna e mai sopita diatriba tra le due avverse tifoserie.


Articoli correlati[]

  • «Berlusconi interrogato per tre ore dal pm Messineo su Dell’Utri» – Wikinotizie, 5 settembre 2012

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Barbara Berlusconi: forse all\’epilogo la love story con Pato

Filed under: Articoli discussi,Barbara Berlusconi,Gossip,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Barbara Berlusconi: forse all’epilogo la love story con Pato

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 9 settembre 2012

Alexandre Pato in azione sul campo

Era fiorita all’improvviso, in una notte di marzo del 2011, questa inedita storia d’amore che, come nella trama di qualche film di cassetta, legava una dirigente d’azienda al suo dipendente. E come tutti gli intrecci d’amore impossibili, in cui la realtà sembra imitare e superare la finzione filmica, anche questa love story aveva appassionato il pubblico affezionato del gossip italiano. Al resto avevano pensato loro, riviste e giornali specializzati, che avevano data all’evento una copertura mediatica degna dei suoi straordinari protagonisti: lui, Alexandre Pato, brasiliano, calciatore di successo, amato dalle folle con quel fanatismo spinto all’inverosimile che, in Italia, solo le platee calcistiche sanno riservare ai loro divi; lei, invece, Barbara Berlusconi, giovane imprenditrice di successo, rampolla di una ricchissima famiglia, il cui capostipite, Silvio Berlusconi, da decenni, domina la vita economica, politica e mondana del Bel Paese.

Epilogo di una storia d’amore[]

Grazie a quella copertura mediatica, le vaste platee di lettori e fruitori di testate giornalistiche e televisive dedicate al gossip hanno potuto seguire l’evolversi di quella storia d’amore passo dopo passo, attraverso scatti fotografici rubati con cui intrusivi paparazzi avevano violato, a più riprese, la sfera di privacy delle ricche dimore familiari, inclusa, per l’ennesima volta, quella Villa Certosa, già crocevia degli intrecci festosi e mondani nella vita dell’ex premier, ben noti al pubblico italiano per le ripercussioni scandalistiche e giudiziarie, di cui da alcuni giorni si vocifera una clamorosa messa in vendita.

Fino all’ultimo episodio di quella storia, che sembra essersi consumato nelle scorse settimane, stando agli indizi e alle indiscrezioni trapelati di recente, senza quel lieto fine che ogni pubblico si attende da una trama romantica.

A rivelare in anteprima lo scoop è stato il settimanale Oggi, la popolare rivista di attualità, con un’inchiesta giornalistica condita di scatti fotografici, come si conviene a questo genere di servizi.

I primi tre indizi[]

Adriano Galliani, amministratore del Milan

Tre sono gli indizi raccolti dal giornale, che sembrano convergere tutti a rendere credibile la ricostruzione di quello che sembra un triste epilogo.

  • Il primo indizio è rappresentato da una insolita uscita pubblica della manager, in un evento mondano a cui si è presentata senza la compagnia dell’inseparabile partner: Barbara Berlusconi, il 6 settembre scorso, in insolita e rigorosa solitudine, è stata vista e fotografata all’esclusivo ed elegante vernissage di una retrospettiva dedicata a A. R. Penck da una galleria d’arte milanese.
  • Il secondo indizio, secondo il settimanale, è rappresentato dal deterioramento dei rapporti intrattenuti dal calciatore con la società calcistica Milan, la cui origine, secondo i rumors, risiederebbe nello scarso rendimento del giocatore nell’ultimo anno, dovuto anche ai ripetuti infortuni che lo hanno tenuto lontano dai campi di gioco (ma non dalle cronache mondane) per lunghi intervalli. Su questo tema scottante, si vocifera anche di una discussione accesa con la dirigenza milanista, degenerato in un vero e proprio diverbio con l’amministratore delegato Adriano Galliani. I rapporti tesi tra dirigenza e giocatore avrebbero avuto un’influenza negativa anche sulla relazione sentimentale tra i due. Qui, infatti, soccorre una circostanza sospetta, la mancanza di qualsivoglia avvistamento, notizia, o scatto fotografico che veda i due partner insieme in questa calda estate 2012. Tutto farebbe pensare, quindi, a un litigio consumatosi in questi mesi.
  • Il terzo indizio è rappresentato da una circostanza densa di significato, secondo il settimanale: la ricomparsa, a sorpresa, di Giorgio Valaguzza, ex marito e padre di due figli della businesswoman, con un’assiduità tale di frequentazioni, al mare e in montagna, tutte documentate dai paparazzi, che farebbe pensare a un clamoroso riavvicinamento.

Il quarto indizio[]

Villa d’Este a Cernobbio, sede storica del Forum Ambrosetti

Si tratta di ben tre indizi diversi, circostanziati e concordanti. Secondo un antico adagio, basterebbero già da soli a comporre una prova credibile. Ma a corroborare il quadro probatorio, ad abundantiam, giunge in soccorso un quarto indizio, freschissimo, di cui il settimanale non poteva essere a conoscenza.

Si tratta del debutto della giovane imprenditrice al forum internazionale Ambrosetti, il prestigioso convegno in cui il gotha della finanza, dell’economia, e della classe dirigente mondiale si dà appuntamento annualmente a Villa d’Este, sul Lago di Como, per analizzare e prendere decisioni su prospettive che incideranno sul futuro di tutti.

Barbara Berlusconi, al prestigioso convegno di Cernobbio, non si era presentata sola: si accompagnava, allora, a un amico caro di vecchia data, Geronimo La Russa, figlio di Ignazio, ex ministro della difesa del governo Berlusconi IV.

In quell’occasione, la dirigente si era concessa con generosità a una lunga posa, per la gioia dei fotografi, sfoggiando un’inedita e aggressiva mise. Ma a Cernobbio, più dell’insolito e curatissimo look, era stata proprio l’ennesima assenza di Pato a ingenerare scalpore e curiosità tra i cronisti e tra gli italiani e le italiane appassionate di gossip.


Articoli correlati[]

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 8, 2012

Workshop Ambrosetti, di Cernobbio: arriva Barbara Berlusconi

Workshop Ambrosetti, di Cernobbio: arriva Barbara Berlusconi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 8 settembre 2012

Villa d’Este a Cernobbio, col suo ampio parco, sede storica del Workshop Ambrosetti

Sono iniziati ormai da giorni i lavori al Workshop Ambrosetti, il forum economico internazionale che si tiene ogni anno, dal 1975, nella prima settimana di settembre nella Villa d’Este di Cernobbio, sul Lago di Como.

Alla convention, come ogni anno, partecipano prestigiosi esponenti della classe dirigente mondiale, capi di Stato, ministri, premi Nobel, economisti, maghi della finanza, capitani d’industria, ecc., in un evento che riscuote l’interesse soprattutto di addetti ai lavori della politica e dell’economia.

Ha destato sorpresa, catalizzando l’attenzione di un pubblico mediatico più vasto di quello tradizionale, l’arrivo inatteso, quest’anno, dell’imprenditrice Barbara Berlusconi, la cui carriera di dirigente d’azienda, nonostante la giovane età (solo 28 anni), le ha già permesso di raggiungere, da tempo, importanti traguardi professionali, come l’ammissione al vertice di aziende di punta, con l’inclusione nel consiglio di amministrazione della Fininvest, avvenuta nel 2003, e quella nel CdA dell’Associazione Calcio Milan, conseguita l’anno scorso.

Si tratta di un vero e proprio debutto, per la giovane imprenditrice, questo ingresso nel ristretto gotha internazionale ammesso ai lavori del prestigioso consesso, un appuntamento a cui la businesswoman si è presentata sfoggiando un look estremamente curato e del tutto inedito: un vistosa e aggressiva criniera fulva riluceva, color rame, su un vestito interamente nero; ai piedi indossava scarpe color crema con tacchi a spillo; al collo le pendeva una lunghissima catena alla cui estremità spiccava un brillante pendaglio in forma di crocefisso, all’altezza dell’ombelico.

Dopo che da giorni circolavano dubbi e indiscrezioni sulla fine della love-story con Alexandre Pato, non è passato inosservato l’assenza, alsu fianco, del calciatore brasiliano. Barbara Berlusconi si è presentata accompagnata da un suo grande e storico amico, Geronimo La Russa, figlio del più celebre Ignazio, uomo politico e di governo di punta del Popolo delle Libertà. Al suo arrivo, Barbara Berlusconi si è generosamente concessa, con una lunga posa, agli scatti dei fotografi e alle riprese degli operatori.

Al termine della messa in posa, l’imprenditrice ha preso commiato dai suoi interlocutori per andare a occupare il posto che gli organizzatori le avevano riservato per assistere al dibattito.


Articoli correlati[]

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 28, 2012

Lampedusa. Langue in rovina la villa di Berlusconi

Lampedusa. Langue in rovina la villa di Berlusconi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 28 agosto 2012

Sono passati solo quattordici mesi da allora, da quella primavera del 2011, quando Lampedusa, con la sua posizione di crocevia delle rotte dei migranti africani, era in piena emergenza immigrazione, invasa da migliaia di disperati, in fuga dalla fame e dalla guerra dei loro paesi: accampati alla bene e meglio, trascorrevano le loro notti all’addiaccio in ripari di fortuna ricavati sulle rocce.

L’immagine, non solo turistica, dell’isola sembrava compromessa, e anche quella del governo Berlusconi se la passava assai male, mentre la fiducia degli isolani nella classe politica nazionale era ai minimi.

Toccava a Silvio Berlusconi risollevarne le sorti con uno dei suoi proverbiali colpi di teatro.

Il «coup de théâtre» di Berlusconi[]

Silvio Berlusconi

Anche in quell’occasione, il “grande comunicatore” non si tirò indietro e si mostrò all’altezza delle aspettative: in un giorno terso di primavera si catapultò sull’isola e, alla sua maniera, prese ad arringare la folla da un piccolo palco, sotto scrosci di applausi, sfoderando il meglio della sua abilità comunicativa. L’entusiasmo dei lampedusani toccò il culmine quando il Cavaliere, dopo averli blanditi con l’idea della candidatura dell’isola al Premio Nobel per la pace, sfoderò una di quelle sue mosse da mattatore con cui è solito deliziare l’uditorio. Tirando fuori dalla manica l’asso di cuori, mandò letteralmente in deliquio la folla dei lampedusani assiepati sotto il palco: «Sono diventato lampedusano anch’io, mi sono collegato a Internet, ho cercato una villa e l’ho comprata». Un boato! E poi, tra applausi scroscianti e urla della folla in visibilio, aggiunse: «Se i lampedusani saranno insoddisfatti potranno riversare su questa casa il loro scontento. La potranno imbrattare, sono autorizzati».

Quale fosse quella villa comprata in una notte era un mistero che sarebbe stato ben presto svelato: era Villa due Palme, nei pressi di Cala francese, un complesso da tempo messo in vendita senza troppo successo, il cui acquisto, pare, fosse stato consigliato a Berlusconi proprio dal suo sodale agrigentino, Angelino Alfano.

I sogni dei lampedusani[]

Tutto sembrava andare per il meglio. L’immagine turistica di Lampedusa, già sbiadita da tempo, definitivamente malandata per via dei migranti, si sarebbe presto risollevata. La sola presenza di Berlusconi avrebbe garantito una visibilità mediatica internazionale attraendo, così, lussuosi panfili, con i loro facoltosi proprietari, i cui appetiti, chissà, avrebbero risvegliato lo stagnante mercato immobiliare e dato l’abbrivio a una felice stagione di espansione edilizia. Su quelle coste assolate e poco note, quasi perdute nel Mediterraneo, si sarebbero presto riversate le rotte di tutto il bel mondo che è solito affollare le estati di Berlusconi: un tourbillon di politici famosi, capi di stato internazionali, star dello spettacolo, e, al loro seguito, tutto folto il codazzo di avvenenti soubrette, starlette e ballerine, a far degna corona alle luccicanti feste organizzate nelle dimore estive del Cavaliere. Una fauna di bella gente e vip patinati, si immaginava, avrebbe ripopolato quelle spiagge, mentre le carrette del mare, con i loro sporchi e maleodoranti equipaggi, sarebbero presto divenute solo un lontano ricordo.

Anche l’immagine generale avrebbe beneficiato della prestigiosa candidatura al premio Nobel per la pace

Le speranze infrante degli isolani e la villa in rovina[]

Distesa di ombrelloni in spiaggia a Lampedusa

Sono passati solo quattordici mesi, ma sembra già un’eternità. L’idea balzana ed estemporanea della candidatura al Nobel non si è mai realizzata, mentre quel bel mondo prefigurato dalla presenza di Berlusconi non si è mai nemmeno lontanamente materializzato: il Cavaliere, estromesso dal Palazzo, di lì a pochi mesi non sarebbe stato più premier, e la crisi economica, che, a suo dire, aveva risparmiato l’Italia sotto la sua guida, stava già cominciando, invece, a far sentire i suoi duri colpi, mandando presto a picco, insieme ai consumi, anche il turismo nazionale e lampedusano.

Sono passati ormai quattordici mesi. La villa che aveva fatto brillare gli occhi agli illusi isolani, e ne aveva ispirato i sogni di gloria mediatica, langue ancora nell’incuria e appare sempre più in rovina, mentre si vocifera che lavori di restauro potrebbero iniziare a ottobre.

Dal lontano giorno del comizio, in quella primavera 2011, il “lampedusano” Berlusconi non si è fatto più vedere sull’isola, mentre l’unico frequentatore della villa sembra essere il vecchio giardiniere, ereditato della vecchia proprietà, lo stesso che da anni si prende cura del giardino. Sulla spiaggia antistante, al posto di esclusive postazioni per la tintarella dei vip, sorge invece, popolata da folle anonime, una fitta schiera di ombrelloni messi a nolo, un tanto al giorno, da un chiosco dall’aria mesta e dimessa che si erge solitario ad appena venti metri dalla villa dei sogni infranti.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 2, 2012

Intervista a Giovanni Guaraldi

Intervista a Giovanni Guaraldi – Wikinotizie

Intervista a Giovanni Guaraldi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

2 luglio 2012

Intervista a Giovanni Guaraldi, Direttore di CUSCOS – Centro Universitario di Servizi per la Cooperazione allo Sviluppo (2009)[]

RUOLO dell’EDUCAZIONE NEL PROMUOVERE SUPPORTO alla COOPERAZIONE INTERNAZIONALE
Università per la Cooperazione Internazionale: ruolo di CUCS e ruolo di CUSCOS; come funziona l’attività di network tra Università; multidisciplinarità; come esprimere la propria professionalità attraverso la Cooperazione Internazionale.

Di che cosa si occupa CUSCOS e di cosa si occupa CUCS?
CUCS, nata nel 2004 ed avente come referente il Politecnico di Milano, è una rete di Atenei italiani che si è posta degli obiettivi, essenzialmente nell’ambito della formazione e della ricerca a favore della Coop. Internazionale. Questa rete fa sì che, di tanto in tanto, le Università italiane si incontrino per promuovere azioni a favore della Coop. Internaz.
Questa rete è nata per interesse da parte del MAE (Ministero degli Affari Esteri) nel coinvolgere le Università, al fine di utilizzarne know how e competenze per la promozione e per la valutazione dei progetti di cooperazione.
Sostanzialmente, però, per poter dare una risposta coerente, io che ero allora il rappresentante dell’ateneo di Modena e Reggio Emilia, ho ritenuto opportuno cercare di divulgare questi obiettivi all’interno dell’ateneo modenese.
Quindi, ispirandomi ad esperienze storicamente consolidate come quelle di Pavia, di Ferrara o di Parma, ho proposto di creare un Centro di Servizi per la Cooperazione allo Sviluppo. Il quale si è dato uno Statuto e nel dicembre 2008 ha dato vita ad un vero e proprio Organo istituzionale Universitario, denominato CUSCOS.

Quali sono i servizi offerti dal Cuscos?
I servizi sono tutto quello che l’Università può mettere a disposizione a favore della Ricerca, della Formazione e del Partenariato con organismi privati o pubblici che si occupano di Cooperazione. Un servizio è quindi, ad esempio, fornire attività didattica, fornire competenze di consulenza, preparare un progetto di ricerca. Questo sono i servizi che fornisce l’Università.

Chi fa parte di CUSCOS?
Cuscos fa riferimento unicamente all’Università di Modena e di Reggio Emilia, e a Cuscos possono aderire tutte le facoltà dell’Ateneo, inviando ciascuna di esse i loro rappresentanti. La caratteristica fondamentale del Cuscos è che si tratta di un centro multidisciplinare. Fa parte di Cuscos chi si riconosce negli obiettivi di questo centro. Esiste un Cuscos docenti ed esiste un Cuscos studenti. Esiste un Comitato Direttivo a cui partecipano rappresentanti dei docenti e rappresentanti degli studenti.

Come funziona la Rete del Cuscos piuttosto che del Cucs, in quanto Rete?
Innanzitutto è conoscersi. E’ innanzitutto una mailing list, che distribuisce informazioni, esempio bandi di finanziamento oppure iniziative che ciascuno di noi fa. Di tanto in tanto, a mesi alterni, i referenti di questa rete si incontrano, e discutono su temi di interesse comune quali progetti nell’ambito della formazione oppure nuovi temi nell’ambito della ricerca della CE (e allora … chi di noi si occupa di questo argomento? Che contatti abbiamo con i Cittadini del Mondo che si occupano di questo argomento?).
Fare rete è dunque conoscersi e far circolare informazioni.

Nel momento in cui tu hai proposto di fondare la rete del Cuscos, con l’obiettivo quindi di dedicarsi alla Cooperazione Internazionale, qual è stata la reazione dei tuoi colleghi? Quanto è difficile sensibilizzare i docenti universitari a tematiche di questo tipo, avendo già loro un percorso formativo ben definito da seguire?
Il problema è effettivamente quello di riuscire a raggiungere le persone motivate. Questo, nella mia esperienza, passa molto di più con il passaparola che non attraverso gli organi istituzionali. Abbiamo fatto una prima lettera circolare che veniva letta da tutti i Presidi di facoltà, alla quale praticamente non ha risposto nessuno. Attraverso il passaparola, e grazie agli studenti che ci hanno permesso di metterci in contatto tra noi docenti, abbiamo capito chi erano le persone più sensibili alla tematica. Io sono convinto che il vero motore del Cuscos è e debba essere rappresentato dal mondo giovanile. Sono loro le persone che hanno più voglia di conoscere e di interrogarsi su questa Cittadinanza del Mondo.

Quanti sono i docenti che fanno parte del Cuscos?
Ci sono persone che hanno dichiarato la loro disponibilità a partecipare in maniera attiva e ci sono persone che hanno chiesto di partecipare alla mailing list, in modo da aderire .
Le persone che si incontrano regolarmente all’interno del Cuscos sono sei e rappresentano il Comitato di Direzione.
Non penso comunque che il successo o l’insuccesso del Cuscos dipenda dalla partecipazione più o meno numerosa, ma più che altro dalla capacità innanzitutto di offrire agli studenti gli strumenti che permetteranno loro di diventare la nuova generazione di cooperanti. E soprattutto l’idea di diventare comunque una voce autorevole all’interno dell’Università nel proporre attività culturali significative. Non mi preoccupo del fatto che, pur essendoci centinaia di docenti, solo alcune decine di loro si sono formalmente inseriti nella mailing list. Mi preoccupo di essere comunque accogliente, sia all’interno che all’esterno dell’università, rispetto a queste tematiche.
Non è che uno debba spogliarsi della propria attività, di quello che sta facendo. Per esempio uno dei primi gruppi che ha risposto alle attività del Cuscos è stata Ingegneria senza frontiere, neonata a Modena. Prima cosa di cui mi sono preoccupato è che chi era attivo in Ingegneria senza frontiere e voleva conoscere il Cuscos non doveva spogliarsi o abbandonare la propria attività. Ognuno entra nel Cuscos proprio grazie alla propria esperienza e alla propria attività.

Nuovo paradigma della cooperazione internazionale[]

Cito una dichiarazione: “Il Millennio appena avviato ha segnato l’avvio di un nuovo tempo per la cooperazione allo sviluppo, che si fonda su un diverso paradigma da cui guardare il mondo”. Tu cosa pensi di questa affermazione? Qual è il nuovo paradigma di cui si parla?
Questa frase è di Felice Rizzi, che ha la cattedra Unesco all’Università di Bergamo. Il concetto di Cooperazione è cambiato in questi anni. Il primo trentennio di Cooperazione aveva visto una situazione di forte squilibrio tra chi proponeva/eseguiva la Cooperazione e chi la riceveva, quindi situazione di grande disparità, non solo economica ma anche di relazione. Oggi invece si parla di Progettazione per la Cooperazione, logica a cui si associa una scadenza temporale predefinita e una sostenibilità del progetto a lungo termine, in cui il beneficiario del progetto – già fin dalla fase della progettazione – diventa sostanzialmente l’attore principale del rapporto cooperativo.
Purtroppo spesso si ritiene ancora la Cooperazione come un processo unidirezionale, in cui sostanzialmente continuiamo a pensare di avere qualcosa da insegnare a qualcun altro. Il percorso in realtà non è così. Anzi, il più delle volte è proprio l’inverso. Le risposte ai grandi temi del mondo, quelli enunciati dai Paesi in via di sviluppo, verranno dai Paesi in Via di Sviluppo. Non verranno da noi. Noi quindi, quando ci interfacciamo su questi temi, dobbiamo avere la lucidità che le risposte verranno dai luoghi su cui questi temi sono maggiori. Quindi dobbiamo metterci in una situazione tale da facilitare lo sviluppo delle loro soluzioni, e non proporre noi dei nostri modelli culturali che saranno sicuramente fallimentari nel momento in cui verranno esportati.
La cooperazione è un dialogo politico.

Esempio di buona pratica – Progetto “Community based system in HIV treatment – CoBaSys[]

Cuscos è leader di una Rete che ha ottenuto un finanziamento da parte della CE per un Progetto che si occupa del ruolo di partecipazione delle comunità locali nei progetti di accesso alla terapia anti retro virale (cioè terapia per il trattamento dell’Aids) nei Paesi in Via di Sviluppo della fascia equatoriale sub-sahariana.
Il Cuscos di Modena ha creato una rete che coinvolge alcuni Partner europei, ma soprattutto un numero consistente di Paesi africani, coinvolgendo sia gruppi istituzionali, essenzialmente Università africane e ONG africane che si occupano di Coop. Internazionale nell’ambito dell’Aids, per andare a studiare questa situazione un po’ nuova nell’ambito dell’accesso ai farmaci anti – retro virali.
Il presupposto base dei progetti di cooperazione è quello di prevedere la sostenibilità del progetto, anche dal punto di vista economico, ma purtroppo nell’ambito dell’HIV questo presupposto viene a mancare perché l’accesso a questo tipo di farmaci è molto costoso e coinvolge delle fasce così ampie della popolazione, vista anche la progressione in forma epidemica della malattia da HIV in Africa, che solo attraverso i grandi Donours internazionali si può avere accesso ai farmaci anti – retro virali.
Allora ci siamo chiesti se aveva senso parlare di Cooperazione allo Sviluppo in progetti che per definizione non sono sostenibili. Nessun Paese, nessuna ONG riesce oggi a garantire la terapia anti-retro virale se non attraverso dei meccanismi di Donours internazionali.
Esiste dunque un altro livello di sostenibilità di progetto di cooperazione che consideri non tanto la sostenibilità economica quanto piuttosto quella culturale? Intendo parlare del ruolo delle comunità locali nel sostenere l’accesso ai farmaci anti retro virali. Questo è un modello in cui noi riteniamo che si giochi un partenariato politico partendo dai destinatari ultimi, che sono sostanzialmente i pazienti infetti da HIV, con particolare attenzione alle comunità rurali, dove oggi è più difficile avere accesso ai farmaci anti retro virali.
Questa è dunque un’azione concreta che sta facendo il Cuscos nell’ambito della Ricerca nei confronti della lotta all’Aids (uno degli Obiettivi del Millennio).

Percorsi formativi all’interno dell’Università[]

Prima missione dell’Università è la Formazione. Da questo punto di vista oggi penso che qualunque professionista di qualunque branca – sia essa scientifica oppure umanistica – non può fare a meno di avere un minimo di background culturale necessario per capire cos’è la Cooperazione nell’ambito di un processo di globalizzazione, indubbiamente di tipo irreversibile. A riguardo il Cuscos sta cercando di diffondere la possibilità, all’interno dell’Ateneo, di fare sì che ogni studente di ogni facoltà possa accedere a dei crediti formativi in questo ambito della Cooperazione. Ci sono alcune facoltà che per natura sono facilitate nei confronti di questa situazione. Mi riferisco in modo particolare alla mia facoltà, io sono un medico, sono un infettivologo, mi occupo di Aids e ho un’esperienza in passato ma anche nel presente di Cooperazione in ambito sanitario , per quanto riguarda l’Aids in vari Paesi in Via di Sviluppo. Ho ritenuto indispensabile che i miei studenti del corso di Malattie Infettive del 4^ anno di medicina piuttosto che di Odontoiatria piuttosto che di Scienze infermieristiche avessero la possibilità di fare un’esperienza sanitaria prima di laurearsi andando a visitare sul campo centri sanitari che lavorano in situazioni di maggior povertà. Per esempio oggi la Facoltà di Medicina offre a tutti gli studenti la possibilità di acquisire dei crediti formativi con esperienze sul campo, attraverso una rete di Ospedali e di Università in vari Paesi nel mondo, dall’America Latina all’India, in cui fare queste esperienze sanitarie, che vengono poi riconosciute nell’ambito dei curricula degli studenti.

Questo lo possiamo dunque intendere come un esempio di nuovo percorso formativo calato in un centro che studia le malattie infettive trovo che abbia anche facilmente una sua ragionevole collocazione. Ma se ci interfacciamo con le altre facoltà, quali nuovi percorsi formativi possiamo sviluppare a riguardo?
La Cooperazione lavora con uno strumento fondamentale che è la multidisciplinarità. Citavo prima il progetto, nell’ambito della sostenibilità dei progetti per la terapia anti retro virale. Lo strumento d’indagine di questo progetto è rappresentato dallo studio sulla Comunicazione. Rispetto a questo non è certo il medico che ha i migliori strumenti nell’ambito della Comunicazione. Alcune tecniche di utilizzo di questi progetti sono assolutamente mutuate da esperienze nell’ambito delle facoltà umanistiche su come meglio coinvolgere le comunità, partendo da distanze culturali e linguistiche rispetto a queste situazioni. La sostenibilità passa inoltre attraverso tutto quello che non è strettamente necessario ma si colloca nell’ambito della dimensione socio – economica, con attività quali quelle di microcredito o di promozione umana attraverso l’accessibilità all’acqua. Quindi nel nostro progetto, a pari dignità scientifica, lavorano laureati in lettere, laureati in lingue, ingegneri, economisti, …. E sono tutti ruoli centrali rispetto a quello del medico, che in ultima analisi fa la parte più facile, cioè quella di somministrare il farmaco, in questa circostanza. Abbiamo bisogno di tutte queste competenze per riuscire ad interfacciarci con queste comunità locali.

Fate dunque un’azione congiunta di Ricerca, Formazione e Trasferimento di conoscenze?
…. E cooperazione con le ONG e con i Partner istituzionali. Un errore su cui si può cadere è quello di pensare che questi centri, piuttosto che l’università stessa, possano diventare poi un diretto erogatore di prestazioni. Io penso che non sia questo il ruolo dell’università. Esistono centri istituzionali piuttosto che ONG che hanno molta più competenza nell’erogare sul campo le prestazioni. E su questo l’università deve imparare a cooperare.

Percorsi formativi all’esterno dell’Università[]

Se è obiettivo dell’università quello di creare i futuri Cittadini del Mondo, con quali altre figure o enti ci si può interfacciare per portare in campo un’azione sinergica che favorisca tale obiettivo?
L’università può promuovere un messaggio culturale alla cittadinanza, senza per questo essere certo l’unica depositaria di tale messaggio. L’università però non si rivolge solo agli universitari; si rivolge in generale alla comunità nella quale è inserita, sia nel Nord che nel Sud del Mondo. Va quindi al di là della rete locale stessa. Esempio pratico. Sono abbastanza comuni adesso per noi gli incontri anche con studenti delle scuole superiori, che sono già animati dal desiderio di iniziare delle esperienze di cooperazione. Sono energie straordinarie quelle dei giovani che si vogliono affacciare al mondo, e l’università può avere un ruolo nel meglio indirizzare queste future generazioni. Anche se questi ragazzi non sono ancora studenti universitari e non necessariamente diventeranno studenti universitari, possiamo dare loro alcuni strumenti interpretativi per aiutarli in alcune scelte di base piuttosto che non nella vita post universitaria, nell’ambito dell’ambiente imprenditoriale, o in generale nell’ambiente di lavoro. L’università ha delle competenze tecnologiche, scientifiche, culturali, che devono essere messe a disposizione per esempio di ONG o di istituzioni quali il Ministero degli Affari Esteri. È comune oggi che una ONG si rivolga a noi perché ha bisogno, ad esempio, della competenza di un architetto per realizzare il tetto di un ospedale, non disponendo di un architetto come risorsa interna. L’università può fornire consulenza piuttosto che promuovere iniziative culturali, che possano tenere alto il tema della Coop. Internaz. in un dibattito interculturale all’interno della società. L’università però non solo si rivolge al Paese in cui è inserita; può introdursi anche in alcuni Paesi in cui alcune tematiche, quale ad esempio della povertà, sono maggiormente presenti, pensando che gran parte delle risposte verranno proprio da questi Paesi. Quindi non è che noi “trasferiamo competenze”. Noi semplicemente diventiamo facilitatori di competenze che sono presenti nei luoghi in cui lavoriamo.

Leggendo il protocollo del Cuscos, trovo che tra gli impegni assunti c’è quello di “fare dell’Università un interlocutore rappresentativo, riconosciuto e autorevole per la società civile e il mondo istituzionale a livello nazionale e internazionale”. Come si intende realizzare, in concreto, questo dialogo interistituzionale tra Stato, Società civile, Organismi Internazionali, Mondo industriale e Università?
Vedi ad esempio il Convegno di Pavia, che prevedeva come relatori dei rappresentanti dei Ministeri , quindi è lì che l’Università si interfaccia con lo Stato per promuovere le attività di cooperazione. Ricordiamo che l’Italia è il fanalino di coda dell’Europa nell’ambito del sostegno ai progetti di cooperazione, ivi inclusa di conseguenza la diffusione di una cultura a sostegno degli Obiettivi del Millennio. Nelle scuole, per esempio, dove io spesso faccio interventi, mi rendo conto che non sono stati assolutamente recepiti quali sono gli impegni assunti in seno agli Obiettivi del Millennio.
Spesso le ONG si trovano a lottare per sopravvivere rispetto a torte molto scarse nell’ambito delle disponibilità economiche, piuttosto che a cercare di coltivare i propri orticelli, quasi con una certa rivalità. Penso che da questo punto di vista l’Università, che funziona un po’ come Ente super – partes, possa aiutare ad un miglior coordinamento delle attività delle ONG presenti in un determinato territorio.
Quindi, in sintesi, vediamo che l’Università può interfacciarsi sia con grossi organismi istituzionali sia con realtà locali, talora anche molto molto piccole, per facilitare una migliore organizzazione e un miglior utilizzo delle risorse disponibili nell’ambito della cooperazione.

Voi avete anche un rapporto di collaborazione con il Corso per Volontari della Cooperazione Internazionale, un corso promosso dal Comune di Modena e in modo particolare dall’Ufficio di Coop. Internazionale. Qual è il ruolo dell’Università all’interno di corsi di questo tipo?
Posso citare il secondo obiettivo del Cuscos, quello cioè di farsi promotore di un percorso di Master universitari di primo livello, destinati a persone già laureate (sia con laurea breve che con laurea standard) . Il Cuscos è riuscito quest’anno ad omogeneizzare alcune esperienze che erano già presenti nell’ambito dell’Università di Modena come Master isolati (vedi un Master per le Emergenze, Master per gli operatori della disabilità e della programmazione sanitaria nei Paesi in via di Sviluppo), e associarli al Corso di Cooperazione, offerto ora anche a studenti universitari, in modo da beneficiarne pure in termini di crediti formativi. A questo si deve uno sforzo congiunto sia da parte dell’organo docenti che da parte dell’assessore di Modena Fabio Poggi, con cui è nata una nuova voglia di collaborazione.

Ostacoli incontrati dal CUSCOS[]

Punti negativi, limiti, ostacoli incontrati dal Cuscos?
Il Cuscos non vanta una disponibilità economica né organizzativa.

Come si finanzia il Cuscos?
Il Cuscos non è finanziato da nessuno, quindi si deve finanziare. È partito con un bilancio di zero euro. Il Cuscos promuove progetti, e con i progetti potrà investire la propria disponibilità economica, quindi avrà un suo bilancio. È chiaro se ci fossero più energie e più disponibilità la cosa sarebbe più facile. L’aspetto motivazionale è comunque un valore aggiunto che permette a tutti noi che lavoriamo in questo ambito di dedicarci comunque, come se fosse il nostro lavoro istituzionale. Io sono un medico e faccio attività di ricerca nell’ambito dell’HIV, faccio anche assistenza, penso di essere una persona molto fortunata perché nell’ambito della mia attività di lavoro posso comunque esprimere grande amore e passione nei confronti di questi temi. Sia il rettore Pellacani prima che il rettore Tommasi poi hanno intuito che l’Università poteva spendersi in questo ambito e ci hanno sempre supportato per far sì che questo centro possa cominciare a crescere.

Quali sono dunque, soldi a parte, gli ostacoli reali del Cuscos?
Il Cuscos non è ancora conosciuto. Spesso si trova a dover mediare rispetto a piccoli campanilismi, individualità e protagonismo che possono sussistere all’interno di progettazioni singole. Essenzialmente abbiamo bisogno di crescere e di dare visibilità a questa attività, e soprattutto di dare la possibilità, a tutti quelli che aderiscono al Cuscos, di poter esprimere le proprie energie. Cosa che in questo momento, per limitazioni di tempo, di spazio, di attività, non riusciamo a fare.


In che modo gli specialisti della Comunicazione che interagiscono con il Cuscos pensano di poter dare visibilità ad un’iniziativa come questa?

Su questo io ammetto purtroppo un grosso deficit culturale, io faccio il medico …. Intuisco comunque una cosa. Proprio per ovviare a questi meccanismi di paternalismo e di compassioniamo che spesso circondano l’informazione che riguarda la Coop. Internaz. penso che bisognerebbe che le persone toccassero con mano, vedessero quanto è bello fare cooperazione sul posto. Ero di ritorno, un mese fa, dalla Tanzania dove, in un piccolo villaggio, nell’ambito di soli due anni di attività, un piccolo gruppo di medical assistant è riuscito a mettere in terapia 850 persone con infezione da HIV e a gestire oltre 1500 malati di HIV. Si tratta quindi di una struttura paragonabile a quella della struttura universitaria del Policlinico di Modena , quanto a volume di attività, dove però sono presenti 12 medici, 25 infermieri, 10 specializzandi …. In Tanzania invece stiamo parlando di 2 medical assistant, cioè di 2 figure paragonabili a quelle delle infermiere professionali, che riescono a fare queste cose grandiose. Io mi chiedevo: come fare a comunicare questo? Come spiegare che, anche con pochissime risorse si riescono a fare queste cose straordinarie, se non facendosi raccontare queste esperienze bellissime di vita quotidiana? Parlavo con un malato che ha fondato una prima associazione di auto aiuto nell’ambito dell’Aids. L’Aids in Africa è massimamente oggetto di discriminazione. Qualche anno fa io giravo in Africa e mi era stato detto che in ospedale non potevo pronunciare la parola, perché questo avrebbe immediatamente discriminato il malato. Oggi, nel giro di pochi anni, grazie anche all’accesso ai farmaci, esistono associazioni dichiarate di soggetti sieropositivi. Queste persone mi dicono: “L’anno scorso ero così malato che non ero riuscito a coltivare il mio campo di fagioli e per fortuna quest’altro malato mi ha aiutato a coltivarlo per me, perché sennò i miei bambini sarebbero morti. Quest’anno io ho avuto accesso ai farmaci, ho recuperato le forze, riesco a coltivare il mio campo e sento il dovere di aiutare il mio vicino, anche lui malato e che non ha ancora accesso ai farmaci, per aiutarlo come io sono stato aiutato”. Queste sono cosa concrete. Accedere alla terapia anti retro virale vuol dire poter coltivare un campo di fagioli. Vuol dire la testimonianza di persone che ti dimostrano come il problema sanitario va ben oltre il problema sanitario , va sul tema dell’economia, della discriminazione, della riconoscibilità politica. Quindi io penso che forse gli strumenti della comunicazione dovrebbero molto di più raccontare queste esperienze di vita vissuta, per andare a spiegare che la cooperazione è fatta di questi piccoli gesti, che però ci danno anche grandi insegnamenti nella nostra vita di quotidianità qua, pensandoci davvero tutti Cittadini del mondo e responsabili di questa cittadinanza.

Cioè, in due parole, tu come definiresti il Cittadino del Mondo?
È una persona consapevole di fare parte di questa comunità, e che si ritiene responsabile di questa comunità. Quindi consapevolezza e responsabilità.


Fonti[]

Intervista a Giovanni Guaraldi realizzata da Wilma Massucco per Progetto Eugad – EUGAD è l’acronimo di “European Citizens working for the Global Agenda for Development”(Cittadini Europei impegnati nell’Agenda Globale per lo Sviluppo); riceve un supporto finanziario da parte del Programma di Cooperazione Esterna della Commissione Europea; è una delle azioni di implentazione del Programma  “Attori non statali e autorità locali” – Sezione: Consapevolezza ed educazione dei cittadini europei

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

February 8, 2012

Giuseppe Pignatone andrà a Roma

Giuseppe Pignatone andrà a Roma – Wikinotizie

Giuseppe Pignatone andrà a Roma

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 8 febbraio 2012
Giuseppe Pignatone, l’attuale Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria, è stato indicato all’unanimità dalla V sezione del CSM come nuovo Procuratore capo di Roma. Ora la decisione passerà al vaglio del plenum del CSM e prima ancora ci sarà il parere non vincolante del Ministro della Giustizia, ma questi ultimi due passaggi sono delle formalità; Pignatone prenderà il posto lasciato vacante da Ferrara, attuale sottosegretario di Stato al Ministero dell’interno.

Nei quattro anni precedenti Pignatone ha svolto il ruolo di Procuratore alla Procura di Reggio Calabria, e prima ancora a Palermo, combattendo il fenomeno della ‘ndrangheta. A questo proposito ha dichiarato: «Non c’è una sola fetta sociale vergine e i rischi di contagio sono costanti. Ciò è essenzialmente dovuto al crescente ruolo degli enti locali, agli appalti, alle assunzioni, alla fornitura dei servizi, nel quadro del controllo del territorio che le cosche perseguono».

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress