Wiki Actu it

February 25, 2009

Val Camonica: carestia fa strage di cervi, i cacciatori si mobilitano

Val Camonica: carestia fa strage di cervi, i cacciatori si mobilitano

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 25 febbraio 2009

Val Camonica
Val Camonica

Val Camonica

Il rigido inverno 2008 ha portato la carestia nella comunità dei cervi della Val Camonica, portando alla morte per sfinimento alcuni giorni fa di circa 50 animali nel territorio del comune di Ponte di Legno.

Per questo motivo trentacinque cacciatori dalignesi, assieme alle donne della frazione di Pezzo, ai panettieri della zona ed un agricoltore di Piamborno, hanno deciso di trasportare delle derrate di foraggio tramite cingolati e trattori nelle zone di Vescasa, Vescasa Alta, Talasso, non comprese nel Parco nazionale dello Stelvio.

I cacciatori: «Abbiamo trovato in totale 120 cervi morti e quindi abbiamo deciso di andare avanti, perseguendo con questa forma di aiuto. Le donne di Pezzo hanno portato mele vecchie e bucce di patate nei pressi dell’abitato, mentre un panettiere di Pontedilegno ha distribuito pane secco. Le scorte alimentari dell’estate e dell’autunno non sono state sufficienti per affrontare questo lungo inverno. I cervi non riescono a raggiungere il fondo valle dove potrebbero trovare qualcosa da mangiare perché sprofondano nella neve. Sopravvivono alcuni animali che risiedono sul versante soleggiato dell’Alta Valle, quello che sovrasta gli abitati di Vezza e Vione. Si tratta di uno sterminio; non vale la logica della selezione naturale».


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 1, 2008

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

mercoledì 1 ottobre 2008

Wikinotizie di oggi
1 ottobre
Collabora con noi!
  • Scrivania
  • Portale:Comunità
  • Guida allo stile – come scrivere
  • Guida al contenuto – cosa scrivere

Inizià venerdì 3, per protrarsi a sabato 4 e domenica 5 ottobre 2008 la terza edizione di «del Bene e del Bello», la manifestazione dedicata alla riscoperta ed alla rivalorizzazione del territorio della Val Camonica.

L’iniziativa, proposta dalla Comunità Montana di Valle Camonica e dal BIM di Valle Camonica, ha portato ad avere in questa edizione un vasto numero di beni culturali visitabili, oltre a numerosi eventi collaterali come convegni, spettacoli e concerti.

Eventi «del Bene e del Bello» 2008

Fonti

Collegamenti esterni

  • Sito «del Bene e del Bello»
This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 1 ottobre 2008
Inizià venerdì 3, per protrarsi a sabato 4 e domenica 5 ottobre 2008 la terza edizione di «del Bene e del Bello», la manifestazione dedicata alla riscoperta ed alla rivalorizzazione del territorio della Val Camonica.

L’iniziativa, proposta dalla Comunità Montana della Valle Camonica e dal BIM di Valle Camonica, ha portato ad avere in questa edizione un vasto numero di beni culturali visitabili, oltre a numerosi eventi collaterali come convegni, spettacoli e concerti.

Eventi «del Bene e del Bello» 2008[]

La Valle Camonica

  • Angolo Terme: Cappella dei Morti o di San Rocco
  • Artogne: alla riscoperta delle Santelle tra Artogne e Gianico
  • Berzo Demo: percorso della memoria. Camminamenti – Trincee della Grande Guerra
  • Berzo Inferiore: il bianco mangiare. Riscopriamo le nostre origini. Storie di uomini e di mestieri: la caldera
  • Bienno: palazzo Francesconi (Rebaioli, Avanzini)
  • Borno: i parchi comunali di “Villa Guidetti”
  • Breno: il museo d’auto e moto d’epoca Nostalgia Club
  • Capo di Ponte: Capo di Ponte ed il suo centro storico…
  • Cedegolo: Casa Panzerini
  • Cerveno: riscoprire i segni del passato
  • Ceto: rivive l’antico borgo di Nadro
  • Cevo: Chiesetta di S. Sisto a Cevo e Chiesetta dei SS. Nazzaro e Celso nella frazione Andrista
  • Cimbergo: tra religione, cultura e natura
  • Cividate Camuno: la femminilità nel mondo romano e le dimore signorili di età moderna
  • Corteno Golgi: Museo Camillo Golgi e Segheria Veneziana
  • Costa Volpino: Chiesa Santi Bartolomeo e Gottardo di Branico e Chiesa Parrocchiale di S. Stefano a Volpino
  • Darfo Boario Terme: Americo Marazzi, il padre della cupola
  • Edolo: Cortenedolo, Chiesa di S. Sebastiano e San Rocco e Madonna col Bambino
  • Esine: Chiesa Ss. Trinità
  • Gianico: Alla riscoperta delle santelle tra Artogne e Gianico
  • Incudine: Le trincee del Davenino
  • Losine: Ritratti della storia di Losine attraverso le suggestive vie del paese
  • Lovere: Palazzo Bazzini: storia di una famiglia e di un palazzo
  • Lozio: Chiesa di S. Cristina, castello dei Nobili e Casa Museo della Gente di Lozio
  • Malegno: Museo del Lambich e chiesetta di S. Andrea
  • Malonno: Riemergono i Segni della Preistoria
  • Niardo: San Giorgio
  • Ono San Pietro: La Calchera
  • Ossimo: Museo Etnografico di Valcamonica Ossimo Borno. Parco Archeologico di Anvoia
  • Paisco Loveno: Antica via tra la Valle Camonica e la Valtellina
  • Paspardo: Festa della castagna
  • Pian Camuno: La Danza Macabra
  • Ponte di Legno: Il trampolino gigante
  • Prestine: Il Costume Popolare Camuno e il Santuario della Beata Vergine della Consolazione
  • Saviore dell’Adamello: Chiesa parrocchiale di S. Maria Assunta nella frazione Ponte
  • Sellero: Mulino del torrente Re, Chiesa di San Desiderio. Mostra mercato a Novelle
  • Sonico: Le incisioni rupestri del Coren de le Fate
  • Temù: Chiesa di Santa Maria Bambina
  • Vezza d’Oglio: Torre Federici
  • Vione: Museo etnografico ‘l Zuf e chiesa di San Remigio


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 18, 2008

Presentato il nuovo sito del Sistema Bibliotecario di Valle Camonica

Presentato il nuovo sito del Sistema Bibliotecario di Valle Camonica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 18 settembre 2008

La Valle Camonica

È stato presentato stamattina, alle ore 09.30, presso il Palazzo della Cultura a Breno, il nuovo sito internet del Sistema Bibliotecario di Valle Camonica.

Promosso dalla Comunità Montana della Valle Camonica e dal consorzio BIM di Valle Camonica, con la collaborazione della Fondazione Cariplo, il nuovo portale si presenta con una grafica rinnovata, nuove funzioni ed una struttura molto simile a quella del sito del Sistema Culturale della Valle Camonica, presentato a maggio 2008.

Sul nuovo sito è possibile consultare online un OPAC elettronico che, tramite il sistema del prestito interbibliotecario, permette di ottenere qualsiasi libro il lista in una qualsivoglia biblioteca del Sistema. Sono inoltre disponibili numerose informazioni che spaziano dal Fondo Tesi Camuno, che comprende numerosissime tesi universitarie con argomento la Valle Camonica, fino ad i servizi ed gli orari di ognuna delle 35 biblioteche comunali.

Le biblioteche del Sistema[]

  • Angolo Terme
  • Artogne
  • Berzo Demo
  • Berzo Inferiore
  • Bienno
  • Borno
  • Breno
  • Capo di Ponte
  • Cedegolo
  • Cerveno
  • Cevo
  • Cividate Camuno
  • Corteno Golgi
  • Darfo Boario Terme
  • Edolo
  • Esine
  • Gianico
  • Incudine
  • Losine
  • Lozio
  • Malegno
  • Malonno
  • Niardo
  • Ono San Pietro
  • Ossimo
  • Paisco Loveno
  • Pian Camuno
  • Ponte di Legno
  • Prestine
  • Saviore dell’Adamello
  • Sellero
  • Sonico
  • Temù
  • Vezza d’Oglio
  • Vione


Fonti[]

Articoli correlati[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 30, 2008

Ponte di Legno: è nato un laghetto

Ponte di Legno: è nato un laghetto – Wikinotizie

Ponte di Legno: è nato un laghetto

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 30 agosto 2008

Il «nuovo laghetto» di Ponte di Legno in Val Camonica

Molta ironia si sta facendo attorno al nuovo laghetto nato nel centro della località turistica di Ponte di Legno in Val Camonica: per ultimo è comparso anche un video su YouTube.

I lavori di scavo per la creazione di parcheggi interrati nel centralissimo Piazzale Europa, a due passi dal municipio, già qualche mese fa dovettero essere interrotti, a seguito di problemi alle infrastrutture circostanti, causate dalla prima fuoriuscita di acqua dal terreno ed al seguente tentativo di pomparla all’esterno. Uno smacco per i tecnici ed i politici locali, che non avevano mai preso in considerazione il suggerimento dei vecchi dalignesi, che chiamavano in dialetto quel luogo Carét (nome dell’erba che cresce nelle paludi) e descrivevano la zona prima dell’inurbazione degli ultimi decenni come ricca di acquitrini.

Per cercare di tappare la falla nel terreno è stata commissionata una “perizia” da 2 800 000 €: il risultato è stato un fallimento, perché dopo tutti gli sforzi, l’acqua ha continuato tranquillamente ad uscire. La costruzione, commissionata dall’amministrazione comunale nell’ambito del “Grande Sogno”, cioè dei progetti di potenziamento delle piste da sci di Ponte di Legno, Temù e Passo del Tonale, finanziati in gran parte da regione Lombardia e Unione Europea, doveva costare inizialmente attorno ai 6 000 000 €.


Fonti

Collegamenti esterni

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 15, 2008

Val Camonica: nuovi petroglifi ad alta quota

Val Camonica: nuovi petroglifi ad alta quota

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 15 luglio 2008

Scena di caccia al a cervo nel Parco archeologico comunale di Seradina-Bedolina

Le nuove scoperte archeologiche sono state effettuate dall’archeologo Ausilio Priuli e i suoi collaboratori, che hanno indagato una vasta area tra i 1.800 e i 3.000 metri in alta Valle Camonica.

«Le ricerche hanno preso il via nel giugno del 2006 su una mia intuizione alla quale l’Unione dei comuni dell’alta Valcamonica ha subito creduto, e che ha dato buoni frutti. Io e i miei collaboratori abbiamo percorso tutti i possibili passaggi dei cacciatori mesolitici dal Trentino alla Valcamonica alla Valtellina, e i risultati sono strabilianti.» commenta l’archeologo.

Tra le numerose nuove scoperte il ritrovamento di un probabile masso-altare nella conca del Montozzo, a quota 2.700 mslm, con iscrizioni in alfabeto camuno; più a valle, presso il laghetto di Viso, sono invece state scoperte tracce di un possibile accampamento mesolitico ed i resti di una struttura molto antica.

Inoltre sono stati trovati nelle vicinanze del rifugio Bozzi dei massi incisi con coppelle, mentre sull’altopiano di Ercavallo sono stati scoperti altri otto massi incisi, tra i quali uno presenta una possibile mappa topografica dei laghetti circostanti.

Ma secondo Ausilio Priuli vi è molto di più da trovare in questi luoghi alpini frequentatissimi nel passato: a breve la Valle delle Messi sarà presto al centro di ulteriori ricerche.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 15, 2008

Elezioni comunali 2008 in Valle Camonica

Elezioni comunali 2008 in Valle Camonica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Comuni di Valle Camonica

martedì 15 aprile 2008

Si è tenuto ieri lo spoglio finale delle elezioni comunali che in Valle Camonica ha riguardato tre comuni.

A Berzo Inferiore è stato riconfermato sindaco Sergio Damiola con il 59,12%, e la sua lista civica Insieme per Berzo ha sconfitto l’avversario Giampiero Feriti di Viveve Berzo con uno scarto di 289 voti.

A Borno invece Antonella Rivadossi con il 58,75% subentra all’ex sindaco Martino Franzoni, avendo ottenuto la lista di quest’ultimo, Borno futura ben 351 voti in meno di Progetto Borno della nuova sindaca.

A Ponte di Legno si registra un quasi plebiscito per il riconfermato Mario Giuseppe Bezzi, con il 79,89% dei voti per la lista Dalignesi a favore, sconfiggendo lo sfidante Marco Andrea Bulferetti di Un Ponte sul futuro con uno vantaggio di 794 voti.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 6, 2008

Orso uscito dal letargo si aggira in alta Val Camonica

Orso uscito dal letargo si aggira in alta Val Camonica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 6 aprile 2008

Un orso, risvegliato dal letargo con l’arrivo della primavera, si aggira in questi giorni nei territori dell’alta Valle camonica, tra i comuni di Vezza d’Oglio, Temù e Ponte di Legno.

Dopo aver trascorso l’inverno all’interno del Parco dell’adamello, il plantigrade ha deciso di attraversare la scorsa notte sia il fiume Oglio che la strada statale 42 per portarsi nel Parco nazionale dello Stelvio sui monti di Vezza d’Oglio.

L’animale, col favore delle tenebre, ha quindi assalito un gregge di pecore a quota 1600 mt, in località Borom, e solamente questa mattina l’allevatore si è reso conto dell’accaduto. Tracce inequicovabili sul terreno ed il ritrovamento di due carcasse hanno subito permesso di indicare l’autore del misfatto.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress