Wiki Actu it

December 31, 2008

Malegno: stele degli antichi Camuni in una discarica di materiali edili

Malegno: stele degli antichi Camuni in una discarica di materiali edili

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 31 dicembre 2008

Uno dei Massi di Cemmo

Val Camonica
Val Camonica

È stato veramente un colpo di fortuna quello che ha fatto notare ad Andrea Furloni, proprietario di una ditta edile che stava effettuando degli sbancamenti di terreno, quegli «strani graffi sulla roccia».

Fermato per tempo l’escavatore l’uomo ha avvertito il Dipartimento Valcamonica e Lombardia del Centro Camuno di Studi Preistorici che ha confermato che quegli “strani segni” non erano altro che incisioni rupestri, databili probabilmente al terzo millennio a.C.: l’età del rame.

Il professor Umberto Sansoni, direttore del dipartimento: «Una scoperta eccezionale. Eccezionale per il luogo in cui è stata ritrovata la stele e per alcuni segni che la renderebbero unica. Il masso, scoperto prima di Natale, adesso si trova a Naquane per essere studiato. A febbraio pubblicheremo i risultati e li compareremo con quelli delle altre rocce rinvenute nella zona compresa tra Borno, Ossimo e Malegno».

Sulla pietra sono presenti un simbolo solare, un arco di volta e numerose linee parallele. «Si tratta di un quadro iconografico anomalo. Per questa ragione il valore della scoperta è notevole. Finiti gli studi potremmo aggiungere nuove informazioni a quello che è definito il «rinascimento» dell’arte rupestre».

Ancora incerto il luogo di ritrovamento della stele, anche se si ritiene circoscritto all’area di Borno Ossimo e Malegno, già luoghi di ritrovamenti di steli. Il Centro Camuno: «Sicuramente la stele è riemersa durante qualche scavo edile ed è finita in discarica insieme alla terra e alle pietre di scarto. Solo il caso e l’attenzione dell’impresario della discarica hanno impedito che la “pietra degli dei” andasse perduta per sempre».


Fonti[]

  • Giuseppe Spatola «Stele camuna nella discarica»Corriere della Lombardia, 27 dicembre 2008

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 1, 2008

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 1 ottobre 2008
Inizià venerdì 3, per protrarsi a sabato 4 e domenica 5 ottobre 2008 la terza edizione di «del Bene e del Bello», la manifestazione dedicata alla riscoperta ed alla rivalorizzazione del territorio della Val Camonica.

L’iniziativa, proposta dalla Comunità Montana della Valle Camonica e dal BIM di Valle Camonica, ha portato ad avere in questa edizione un vasto numero di beni culturali visitabili, oltre a numerosi eventi collaterali come convegni, spettacoli e concerti.

Eventi «del Bene e del Bello» 2008[]

La Valle Camonica

  • Angolo Terme: Cappella dei Morti o di San Rocco
  • Artogne: alla riscoperta delle Santelle tra Artogne e Gianico
  • Berzo Demo: percorso della memoria. Camminamenti – Trincee della Grande Guerra
  • Berzo Inferiore: il bianco mangiare. Riscopriamo le nostre origini. Storie di uomini e di mestieri: la caldera
  • Bienno: palazzo Francesconi (Rebaioli, Avanzini)
  • Borno: i parchi comunali di “Villa Guidetti”
  • Breno: il museo d’auto e moto d’epoca Nostalgia Club
  • Capo di Ponte: Capo di Ponte ed il suo centro storico…
  • Cedegolo: Casa Panzerini
  • Cerveno: riscoprire i segni del passato
  • Ceto: rivive l’antico borgo di Nadro
  • Cevo: Chiesetta di S. Sisto a Cevo e Chiesetta dei SS. Nazzaro e Celso nella frazione Andrista
  • Cimbergo: tra religione, cultura e natura
  • Cividate Camuno: la femminilità nel mondo romano e le dimore signorili di età moderna
  • Corteno Golgi: Museo Camillo Golgi e Segheria Veneziana
  • Costa Volpino: Chiesa Santi Bartolomeo e Gottardo di Branico e Chiesa Parrocchiale di S. Stefano a Volpino
  • Darfo Boario Terme: Americo Marazzi, il padre della cupola
  • Edolo: Cortenedolo, Chiesa di S. Sebastiano e San Rocco e Madonna col Bambino
  • Esine: Chiesa Ss. Trinità
  • Gianico: Alla riscoperta delle santelle tra Artogne e Gianico
  • Incudine: Le trincee del Davenino
  • Losine: Ritratti della storia di Losine attraverso le suggestive vie del paese
  • Lovere: Palazzo Bazzini: storia di una famiglia e di un palazzo
  • Lozio: Chiesa di S. Cristina, castello dei Nobili e Casa Museo della Gente di Lozio
  • Malegno: Museo del Lambich e chiesetta di S. Andrea
  • Malonno: Riemergono i Segni della Preistoria
  • Niardo: San Giorgio
  • Ono San Pietro: La Calchera
  • Ossimo: Museo Etnografico di Valcamonica Ossimo Borno. Parco Archeologico di Anvoia
  • Paisco Loveno: Antica via tra la Valle Camonica e la Valtellina
  • Paspardo: Festa della castagna
  • Pian Camuno: La Danza Macabra
  • Ponte di Legno: Il trampolino gigante
  • Prestine: Il Costume Popolare Camuno e il Santuario della Beata Vergine della Consolazione
  • Saviore dell’Adamello: Chiesa parrocchiale di S. Maria Assunta nella frazione Ponte
  • Sellero: Mulino del torrente Re, Chiesa di San Desiderio. Mostra mercato a Novelle
  • Sonico: Le incisioni rupestri del Coren de le Fate
  • Temù: Chiesa di Santa Maria Bambina
  • Vezza d’Oglio: Torre Federici
  • Vione: Museo etnografico ‘l Zuf e chiesa di San Remigio


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

mercoledì 1 ottobre 2008

Wikinotizie di oggi
1 ottobre
Collabora con noi!
  • Scrivania
  • Portale:Comunità
  • Guida allo stile – come scrivere
  • Guida al contenuto – cosa scrivere

Inizià venerdì 3, per protrarsi a sabato 4 e domenica 5 ottobre 2008 la terza edizione di «del Bene e del Bello», la manifestazione dedicata alla riscoperta ed alla rivalorizzazione del territorio della Val Camonica.

L’iniziativa, proposta dalla Comunità Montana di Valle Camonica e dal BIM di Valle Camonica, ha portato ad avere in questa edizione un vasto numero di beni culturali visitabili, oltre a numerosi eventi collaterali come convegni, spettacoli e concerti.

Eventi «del Bene e del Bello» 2008

Fonti

Collegamenti esterni

  • Sito «del Bene e del Bello»
This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 18, 2008

Presentato il nuovo sito del Sistema Bibliotecario di Valle Camonica

Presentato il nuovo sito del Sistema Bibliotecario di Valle Camonica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 18 settembre 2008

La Valle Camonica

È stato presentato stamattina, alle ore 09.30, presso il Palazzo della Cultura a Breno, il nuovo sito internet del Sistema Bibliotecario di Valle Camonica.

Promosso dalla Comunità Montana della Valle Camonica e dal consorzio BIM di Valle Camonica, con la collaborazione della Fondazione Cariplo, il nuovo portale si presenta con una grafica rinnovata, nuove funzioni ed una struttura molto simile a quella del sito del Sistema Culturale della Valle Camonica, presentato a maggio 2008.

Sul nuovo sito è possibile consultare online un OPAC elettronico che, tramite il sistema del prestito interbibliotecario, permette di ottenere qualsiasi libro il lista in una qualsivoglia biblioteca del Sistema. Sono inoltre disponibili numerose informazioni che spaziano dal Fondo Tesi Camuno, che comprende numerosissime tesi universitarie con argomento la Valle Camonica, fino ad i servizi ed gli orari di ognuna delle 35 biblioteche comunali.

Le biblioteche del Sistema[]

  • Angolo Terme
  • Artogne
  • Berzo Demo
  • Berzo Inferiore
  • Bienno
  • Borno
  • Breno
  • Capo di Ponte
  • Cedegolo
  • Cerveno
  • Cevo
  • Cividate Camuno
  • Corteno Golgi
  • Darfo Boario Terme
  • Edolo
  • Esine
  • Gianico
  • Incudine
  • Losine
  • Lozio
  • Malegno
  • Malonno
  • Niardo
  • Ono San Pietro
  • Ossimo
  • Paisco Loveno
  • Pian Camuno
  • Ponte di Legno
  • Prestine
  • Saviore dell’Adamello
  • Sellero
  • Sonico
  • Temù
  • Vezza d’Oglio
  • Vione


Fonti[]

Articoli correlati[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 12, 2008

Valle Camonica: in progetto 3 nuovi ecomusei

Valle Camonica: in progetto 3 nuovi ecomusei

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 12 agosto 2008

Concarena, Val Camonica

Sono tre i progetti di ecomusei in Val Camonica a cui la Giunta regionale e l’assessore alle Culture, Identità ed Autonomie della Lombardia, Massimo Zanello, hanno dato l’approvazione:

  • Ecomuseo della Concarena – Montagna di Luce, che porterà alla valorizzazione del territorio e della cultura dei comuni di Malegno, Losine, Cerveno e Ono San Pietro;
  • Ecomuseo del Vaso Re e della valle dei Magli, tra Bienno e Prestine;
  • Ecomuseo Bosco Alberi del Pane, a Ceto che intende valorizzare la castagna.

«Il riconoscimento degli ecomusei – ha spiegato Zanello – punta alla valorizzazione della cultura e delle tradizioni locali ponendosi come fine ultimo l’ambiente, il paesaggio, lo sviluppo culturale, turistico ed economico. Regione Lombardia riconosce ad ogni ecomuseo una denominazione esclusiva ed originale, un marchio ed un ruolo specifico a tutela del territorio che rappresenta».

Il concetto di ecomuseo è stato introdotto negli anni settanta dai francesi Riviére e de Varine; essi furono pensati come strumenti per tutelare le tracce delle società rurali in un momento in cui l’urbanizzazione, le nuove acquisizioni tecnologiche e i conseguenti cambiamenti sociali.

I soggetti protagonisti non sono solo le istituzioni, poiché il loro ruolo deve essere accompagnato da un coinvolgimento più largo dei cittadini, che devono imparare a conservare ma anche saper utilizzare il proprio patrimonio culturale.

I progetti promossi potranno beneficiare di circa 25.000 € ciascuno, mentre la regione Lombardia ha messo a disposizione 650.000 € euro per altri 31 progetti.


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 12, 2008

Valle Camonica bloccata dal maltempo

Valle Camonica bloccata dal maltempo – Wikinotizie

Valle Camonica bloccata dal maltempo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 12 aprile 2008
I violenti nubifragi che si sono abbattuti sulla Valle Camonica nella notte tra venerdì e sabato hanno causato smottamenti, frane ed esondazioni di torrenti.

Molto colpiti sono stati i territori dal’alto Sebino con l’allagamento delle strade sia a Costa Volpino che a Lovere.

A Pisogne la Strada Statale 510 Sebina Orientale a causa dell’allagamento della galleria Trentapassi è rimasta bloccata a lungo, isolando completamente la Valle Camonica. Anche la rivierasca del lago d’Iseo è stata invasa da terriccio all’altezza di Govine di Pisogne ed a Toline, rovinando anche sopra il tracciato della Ferrovia Brescia-Iseo-Edolo.

Ad Artogne invece è rimasta bloccata la via che porta alla frazione Piazze a causa di uno smottamento, che solo l’intervento, durato fino a notte fonda, dei Vigili del Fuoco e dei volontari ha permesso di riaprire.

Anche i comuni di Ossimo Borno e Lozio sono rimasti isolati dal resto della Valle a causa della chiusura dei tre passaggi a livello situati nel comune di Malegno. La caduta di un fulmine durante un temporale alle ore 20.30 ha colpito gli impianti elettrici causando, secondo le norme di sicurezza, l’abbassamento delle sbarre. Esse sono rimaste bloccate per circa due ore.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress