Wiki Actu it

July 27, 2009

Cimbergo: nuove scoperte all\’interno del castello

Filed under: Cimbergo,Europa,Italia,Lombardia,Pubblicati,Val Camonica — admin @ 5:00 am

Cimbergo: nuove scoperte all’interno del castello

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 27 luglio 2009

Panorama di Cimbergo e del suo Castello

Val Camonica
Val Camonica

Gli scavi che da un paio di mesi interessano il Castello di Cimbergo, in Valle Camonica, stanno riportando alla luce una serie di importanti reperti che l’ultimo restauro non aveva individuato.

La campagna scavi organizzata dalla Soprintendenza ai Beni Archeologici della Regione Lombardia e commissionata dal Consorzio della Riserva naturale Incisioni rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo ha infatti scoperto, sotto solamente una trentina di centimetri di terreno, una serie di basamenti di strutture murarie che dovevano riempire l’interno della rocca.

Oltre a ciò è riemersa una profonda cisterna al centro della struttura, che le recenti piogge si stanno già occupando di riempire d’acqua. All’interno della vasca è inoltre riemersa un’acquasantiera di grosse dimensioni, che fa pensare all’esistenza di un luogo di culto nella struttura.

Dagli scavi sono però riemersi anche una serie di sepolture per inumazione, rinvenute nel settore settentrionale e orientale, tra le quali alcune d’infanti.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 28, 2009

Cimbergo: riemerge dopo 27 anni la «Roccia del carro»

Cimbergo: riemerge dopo 27 anni la «Roccia del carro»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 28 aprile 2009

Incisione presso Foppe di Nadro, Val Camonica.

Val Camonica
Val Camonica

Torna alla luce dopo 27 anni di oblio la “Roccia del Carro”, una delle prime superfici istoriate individuata nell’area di Campanine di Cimbergo. Scoperta nel 1957, studiata e pubblicata da Anati nel ’60, le ultime segnalazioni risalivano al 1982, periodo dopo il quale il progressivo abbandono dell’area ne ha portato la scomparsa.

Le ricerche effettuate fino ad oggi si erano concentrate nei pressi di una santella dedicata alla Madonna, come indicato dalla monografia sui carri della Valcamonica della van Berg-Osterrieth, ma la descrizione risultava vaga.

La riscoperta è avvenuta grazie ad Enrico Savardi, membro del Dipartimento Valcamonica e Lombardia del Centro Camuno Studi Preistorici, che ha rinvenuto la superficie in questione in prossimità di un diverticolo della strada dell’ENEL, a fianco della roccia 53.

Coperta da uno strato di foglie è riemersa una delle rare rappresentazioni di carro a due ruote trainato da cavalli (tre soli esempi in Valcamonica) databile all’età del Bronzo Medio-Recente, circa metà del II millennio a.C. La figura si trova inoltre attorniata da sette oranti femminili, due dischi ed altri soggetti non segnalati nei precedenti sopralluoghi risalenti a quasi trent’anni fa.


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

November 11, 2008

Cimbergo: due conferenze sul proprio passato

Cimbergo: due conferenze sul proprio passato

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 11 novembre 2008

Panorama di Cimbergo, Valle Camonica

Si è tenuto ieri sera, dalle ore 20.00 presso la sala consiliare del municipio di Cimbergo in Val Camonica, il primo dei due incontri dedicati alla storia del paese.

Organizzati dal Consorzio per le incisioni rupestri di Ceto Cimbergo Paspardo e dall’amministrazione comunale, la prima serata, introdotta dal 32enne sindaco Mario Emanuele Mazzia, è stata dedicata ai documenti più antichi riguardanti l’abitato: le incisioni rupestri dell’area di Campanine.

La sala gremita ha seguito con interesse la trattazione del professor Umberto Sansoni, uno dei maggiori esperti locali, che ha illustrato alcuni risultati dei lavori di campagna scavo compiuti nell’estate 2008 e ha evidenziato alcuni dei temi rupestri di maggior interesse.

Municipio di Cimbergo

Umberto Sansoni: «L’area di Campanine si trova al centro della Val Camonica, il cuore del sito Unesco 94. La sua importanza è sicuramente legata a tre record: il primo è il maggior numero di figure oranti sulle incisioni camune, il secondo è il maggior numero di figure di ornitomorfi. Il terzo record, che è anche primato mondiale, è il maggior numero di incisioni rupestri di epoca medievale».

Stasera il secondo incontro verterà sulla storia medivale dell’abitato, e spazierà dalle guerre locali tra guelfi e ghibellini, la storia della Contea di Cemmo-Cimbergo e le importanti famiglie feudatarie locali come gli Antonioli e i Lodrone.

La conferenza sarà tenuta dall’architetta Lucia Morandini.


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

Fonti correlate[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 1, 2008

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 1 ottobre 2008
Inizià venerdì 3, per protrarsi a sabato 4 e domenica 5 ottobre 2008 la terza edizione di «del Bene e del Bello», la manifestazione dedicata alla riscoperta ed alla rivalorizzazione del territorio della Val Camonica.

L’iniziativa, proposta dalla Comunità Montana della Valle Camonica e dal BIM di Valle Camonica, ha portato ad avere in questa edizione un vasto numero di beni culturali visitabili, oltre a numerosi eventi collaterali come convegni, spettacoli e concerti.

Eventi «del Bene e del Bello» 2008[]

La Valle Camonica

  • Angolo Terme: Cappella dei Morti o di San Rocco
  • Artogne: alla riscoperta delle Santelle tra Artogne e Gianico
  • Berzo Demo: percorso della memoria. Camminamenti – Trincee della Grande Guerra
  • Berzo Inferiore: il bianco mangiare. Riscopriamo le nostre origini. Storie di uomini e di mestieri: la caldera
  • Bienno: palazzo Francesconi (Rebaioli, Avanzini)
  • Borno: i parchi comunali di “Villa Guidetti”
  • Breno: il museo d’auto e moto d’epoca Nostalgia Club
  • Capo di Ponte: Capo di Ponte ed il suo centro storico…
  • Cedegolo: Casa Panzerini
  • Cerveno: riscoprire i segni del passato
  • Ceto: rivive l’antico borgo di Nadro
  • Cevo: Chiesetta di S. Sisto a Cevo e Chiesetta dei SS. Nazzaro e Celso nella frazione Andrista
  • Cimbergo: tra religione, cultura e natura
  • Cividate Camuno: la femminilità nel mondo romano e le dimore signorili di età moderna
  • Corteno Golgi: Museo Camillo Golgi e Segheria Veneziana
  • Costa Volpino: Chiesa Santi Bartolomeo e Gottardo di Branico e Chiesa Parrocchiale di S. Stefano a Volpino
  • Darfo Boario Terme: Americo Marazzi, il padre della cupola
  • Edolo: Cortenedolo, Chiesa di S. Sebastiano e San Rocco e Madonna col Bambino
  • Esine: Chiesa Ss. Trinità
  • Gianico: Alla riscoperta delle santelle tra Artogne e Gianico
  • Incudine: Le trincee del Davenino
  • Losine: Ritratti della storia di Losine attraverso le suggestive vie del paese
  • Lovere: Palazzo Bazzini: storia di una famiglia e di un palazzo
  • Lozio: Chiesa di S. Cristina, castello dei Nobili e Casa Museo della Gente di Lozio
  • Malegno: Museo del Lambich e chiesetta di S. Andrea
  • Malonno: Riemergono i Segni della Preistoria
  • Niardo: San Giorgio
  • Ono San Pietro: La Calchera
  • Ossimo: Museo Etnografico di Valcamonica Ossimo Borno. Parco Archeologico di Anvoia
  • Paisco Loveno: Antica via tra la Valle Camonica e la Valtellina
  • Paspardo: Festa della castagna
  • Pian Camuno: La Danza Macabra
  • Ponte di Legno: Il trampolino gigante
  • Prestine: Il Costume Popolare Camuno e il Santuario della Beata Vergine della Consolazione
  • Saviore dell’Adamello: Chiesa parrocchiale di S. Maria Assunta nella frazione Ponte
  • Sellero: Mulino del torrente Re, Chiesa di San Desiderio. Mostra mercato a Novelle
  • Sonico: Le incisioni rupestri del Coren de le Fate
  • Temù: Chiesa di Santa Maria Bambina
  • Vezza d’Oglio: Torre Federici
  • Vione: Museo etnografico ‘l Zuf e chiesa di San Remigio


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

mercoledì 1 ottobre 2008

Wikinotizie di oggi
1 ottobre
Collabora con noi!
  • Scrivania
  • Portale:Comunità
  • Guida allo stile – come scrivere
  • Guida al contenuto – cosa scrivere

Inizià venerdì 3, per protrarsi a sabato 4 e domenica 5 ottobre 2008 la terza edizione di «del Bene e del Bello», la manifestazione dedicata alla riscoperta ed alla rivalorizzazione del territorio della Val Camonica.

L’iniziativa, proposta dalla Comunità Montana di Valle Camonica e dal BIM di Valle Camonica, ha portato ad avere in questa edizione un vasto numero di beni culturali visitabili, oltre a numerosi eventi collaterali come convegni, spettacoli e concerti.

Eventi «del Bene e del Bello» 2008

Fonti

Collegamenti esterni

  • Sito «del Bene e del Bello»
This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 2, 2008

Il BIM di Valle Camonica distribuisce i fondi

Il BIM di Valle Camonica distribuisce i fondi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 2 settembre 2008

BIM di Valle Camonica, Breno

Ieri pomeriggio il presidente del BIM di Valle Camonica Edoardo Mensi e l’assessore al bilancio Francesco Manella, hanno presentato una delibera del Consigio di Amministrazione che assegna ai 13 comuni meno abitati della Val Camonica una cifra, proveniente dal Fondo di Solidarietà, di circa 550.000 €.

I comuni sotto i 1.000 abitanti che beneficeranno del 70% della quota (385.000 € equi-distribuiti) saranno: Braone, Cerveno, Cevo, Cimbergo, Incudine, Lozio, Losine, Monno, Ono San Pietro, Paisco Loveno, Paspardo, Prestine e Vione.

Comunità Montana della Valle Camonica, Breno

Questa iniezione di liquidità permetterà alle rispettive amministrazioni di mettere in appalto lavori d’importanza fondamentale per una maggiore vivibilità nei piccoli abitati, che a causa della mancanza di servizi soffrono di una continua emorragia di residenti.

Il restante 30% della cifra (circa 155.000 €) sarà invece assegnato in base ad un indice di criticità, determinato dalla lettura dei bilanci dei vari comuni.

Francesco Manella ha infine illustrato gli avvenuti trasferimenti alle comunità montane di Val Camonica e Alto Sebino, tra i quali la somma di 1.700.000 € che l’ente presieduto da Alessandro Bonomelli aveva già messo in bilancio per finalizzare i progetti del distretto culturale e del sistema bibliotecario di Valle Camonica.


Fonti[]

Articoli correlati[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 14, 2008

Breno: il Centro Camuno di Studi Preistorici presenta le nuove scoperte

Breno: il Centro Camuno di Studi Preistorici presenta le nuove scoperte

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 14 agosto 2008

Presentazione 2008

Emmanuel Anati, direttore del Centro Camuno di Studi Preistorici

Umberto Sansoni, direttore del Dipartimento Valcamonica e Lombardia

Si è tenuta nella serata di ieri a Breno, in Val Camonica, presso la sala Giacomo Mazzoli della Comunità Montana della Valle Camonica la conferenza del Centro Camuno di Studi Preistorici volta a presentare le nuove scoperte della Campagna Estiva 2008.

Alla presenza dell’archeologo Emmanuel Anati, Umberto Sansoni, direttore del Dipartimento Valcamonica e Lombardia, ha illustrato il lavoro di rilevamento e catalogazione che quest’anno si è concentrato nell’area di Campanine di Cimbergo e nei nuovi settori di Malonno.

A Campanine sono state individuate e ricatalogate circa 91 rocce, tra cui cinque nuove superfici, ricche di figure incise spalmate cronologicamente nell’arco degli ultimi sei millenni: dal tardo Neolitico – 4° millennio a.C. – all’epoca tardo medievale – XIV secolo d.C.

Tra i circa 3000 simboli analizzati si segnalano circa 240 figure di oranti, in prevalenza femminili, numerose impronte di piede, asce, figure di capanne, guerrieri, nuove iscrizioni in caratteri camuni fino ai simboli cristiani come croci e chiavi di San Pietro.

Per quanto riguarda invece il settore di Malonno sono stati ritrovati, oltre ad una serie di raffigurazioni di duellanti, zoomorfi, impronte di piede, simboli circolari e iscrizioni di epoca storica, anche un probabile castelliere dell’età del ferro posto nei pressi della frazione di Moscio. A questo si aggiunge un frammento di statua stele, attualmente in mano ad un privato, di probabile età del rame.

Il lavoro di rilevamento e analisi che ha permesso di raggiungere questi risultati è stato effettuato quest’anno da una ventina di persone, tra i quali di un antropologo dalla Repubblica Popolare Cinese e di una archeologa dal Messico, oltre a studiosi e appassionati di ogni età, che hanno operato sul campo, in laboratorio e agli incontri serali su temi specifici.

Fonti[]

Articoli correlati[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress