Wiki Actu it

May 10, 2011

Giro d\’Italia 2011: quarta tappa neutralizzata in ricordo di Weylandt

Giro d’Italia 2011: quarta tappa neutralizzata in ricordo di Weylandt

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Livorno, martedì 10 maggio 2011

David Millar veste la maglia rosa

All’indomani della tragedia che ha coinvolto Wouter Weylandt il Giro d’Italia 2011 non si ferma. La quarta tappa, 216 chilometri da Quarto dei Mille a Livorno, è stata comunque completata, ma i corridori hanno preferito procedere ad andatura costante, in gruppo, e i tempi sono stati neutralizzati. Non c’è stata gara.

Resoconto[]

Nonostante il dramma, gli atleti hanno voluto comunque prendere il via per onorare lo sfortunato collega; si è presentata anche la Leopard-Trek, la formazione di Weylandt. Un minuto di silenzio, accompagnato dal Silenzio fuori ordinanza intonato dalla fanfara dei bersaglieri, ha preceduto la simbolica partenza a Genova. Erano presenti anche i parenti del ciclista belga, la fidanzata – in attesa di una bambina – e il padre, giunti ieri in Italia.

Di comune accordo ogni dieci chilometri ciascuna delle 23 squadre, dall’ultima (l’Euskaltel-Euskadi) alla prima nella classifica a squadre, si è portata in testa al gruppo a tirare, permettendo in tal modo che la tappa venisse completata in meno di sei ore, ad una velocità media di circa 37 km/h. Numerosissimi lungo il percorso gli attestati di solidarietà da parte dei tifosi.

Infine, ad ultimare il cerimoniale deciso ad inizio tappa, si sono portati in testa al plotone gli otto uomini della Leopard-Trek, Brice Feillu, Dominic Klemme, Thomas Rohregger, Tom Stamsnijder, Bruno Pires, Davide Viganò, Fabian Wegmann e Oliver Zaugg, accompagnati dallo statunitense Tyler Farrar, grande amico di Weylandt. I nove hanno tagliato la linea del traguardo tenendosi per mano, richiamando il rituale messo in atto dai corridori della Motorola al Tour de France 1995 all’indomani della fatale caduta che coinvolse il loro compagno di squadra Fabio Casartelli. Subito dietro le quattro maglie, David Millar, Gianluca Brambilla, Jan Bakelants e Alessandro Petacchi.

Solo per la cronaca, la tappa si è conclusa con il tempo di 5.55’58”. Tutte le classifiche sono rimaste immutate: il tempo di percorrenza dei 216 chilometri non è stato sommato al computo cronometrico totale della graudatoria generale, e i punti in palio sui Gran Premi della Montagna e sul Traguardo Volante non sono stati assegnati.

Ordine d’arrivo[]

Quarto dei Mille Livorno – 216 km
Tempi neutralizzati
# Corridore Squadra Tempo
1 Flag of France.svg Brice Feillu Flag of Luxembourg.svg Leopard-Trek 5.55’58”
Flag of Germany.svg Dominic Klemme Flag of Luxembourg.svg Leopard-Trek s.t.
Flag of Austria.svg Thomas Rohregger Flag of Luxembourg.svg Leopard-Trek s.t.
Flag of the Netherlands.svg Tom Stamsnijder Flag of Luxembourg.svg Leopard-Trek s.t.
Flag of Portugal.svg Bruno Pires Flag of Luxembourg.svg Leopard-Trek s.t.
Flag of Italy.svg Davide Viganò Flag of Luxembourg.svg Leopard-Trek s.t.
Flag of Germany.svg Fabian Wegmann Flag of Luxembourg.svg Leopard-Trek s.t.
Flag of Switzerland.svg Oliver Zaugg Flag of Luxembourg.svg Leopard-Trek s.t.
Flag of the United States.svg Tyler Farrar Flag of the United States.svg Garmin-Cervélo s.t.
10 Flag of the United Kingdom.svg David Millar Flag of the United States.svg Garmin-Cervélo a 15″


Fonti[]

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Giro d’Italia 2011.


Le tappe del

Scegli la tappa: 1ª ·  2ª ·  3ª ·   ·  5ª ·  6ª ·  7ª ·  8ª ·  9ª ·  10ª ·  11ª ·  12ª ·  13ª ·  14ª ·  15ª ·  16ª ·  17ª ·  18ª ·  19ª ·  20ª ·  21ª

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 18, 2008

Giro d\’Italia 2008: nona tappa

Giro d’Italia 2008: nona tappa – Wikinotizie

Giro d’Italia 2008: nona tappa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 18 maggio 2008

La nona tappa arrivava a San Vincenzo, provincia di Livorno.

Daniele Bennati vince la sua seconda volata in questo Giro d’Italia, dopo quella con arrivo a Milazzo, anticipando di qualche centimetro Paolo Bettini, al secondo piazzamento consecutivo. Terzo il redivivo Robbie McEwen.

Alla volata si è giunti grazie al lavoro del gruppo (tirato da Team Milram e QuickStep), che ha assorbito ad una dozzina di chilometri dal termine Mickael Buffaz (Cofidis) e Yuriy Krivtsov (AG2R), in fuga per 200 km (9′ 50″ il vantaggio massimo). Sul San Carlo, asperità di circa due chilometri situata nel circuito finale di San Vincenzo, tentano lo scatto Sella, Bettini e Riccò, senza successo.

Lo scontato arrivo allo sprint vede emergere Bennati (di nuovo maglia ciclamino), nonostante la rimonta di Bettini, beffato per la seconda volta consecutiva. Prima del riposo (per permettere alla carovana il trasferimento a Pesaro, in vista della cronometro che porterà ad Urbino), tutto invariato in classifica generale.

Due cadute distinte costringono Savini (CSF Group) e Fernandez (Cofidis) al ritiro.

Risultati odierni

Classifica di tappa
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Daniele Bennati Flag of Italy.svg Italia Liquigas 5h 30′ 6″
2 Paolo Bettini Flag of Italy.svg Italia QuickStep s.t.
3 Robbie McEwen Flag of Australia.svg Australia Silence-Lotto s.t.
4 Erik Zabel Flag of Germany.svg Germania Team Milram s.t.
5 Koldo Fernàndez Flag of Spain.svg Spagna Euskaltel-Euskadi s.t.
Classifica generale
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Giovanni Visconti Flag of Italy.svg Italia QuickStep 42h 14′ 16″
2 Matthias Russ Flag of Germany.svg Germania Gerolsteiner a 24″
3 Gabriele Bosisio Flag of Italy.svg Italia LPR Brakes-Ballan a 5′ 53″
4 Danilo Di Luca Flag of Italy.svg Italia LPR Brakes-Ballan a 7′ 27″
5 Emanuele Sella Flag of Italy.svg Italia Csf Group-Navigare a 7′ 32″
Classifica a punti
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Daniele Bennati Flag of Italy.svg Italia Liquigas 80
Classifica del Gran Premio della Montagna
Posizione Atleta Nazione Squadra Punti
1 Emanuele Sella Flag of Italy.svg Italia Csf Group-Navigare 37
Classifica Miglior Giovane
Posizione Atleta Nazione Squadra Tempo
1 Giovanni Visconti Flag of Italy.svg Italia QuickStep 42h 14′ 16″
Numero Nero
Posizione Atleta Nazione Squadra Ritardo dal 1°
179 Ermanno Capelli Flag of Italy.svg Italia Saunier Duval-Scott a 1h 48′ 8″


  • Ritirati / Non partiti:Bingen Fernandez Bustinza (Cofidis), Filippo Savini (Csf Group-Navigare)

Fonti


Resoconto del Giro d’Italia 2008
Maglia rosa del Giro d'Italia

Scegli la tappa: 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21

Segui lo Speciale Giro d’Italia 2008.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 5, 2007

Livorno: 18enne si suicida gettandosi sotto un treno

Livorno: 18enne si suicida gettandosi sotto un treno

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Livorno, mercoledì 5 dicembre 2007

Oggi, a Livorno un giovane appena maggiorenne si è suicidato gettandosi sotto un treno regionale, nelle prime ore della mattina.

Il giovane è stato tutta la notte con gli amici, come una qualsiasi nottata, niente che facesse presagire il peggio. Riccardo Buttel, questo il nome del ragazzo, ha passato tutta la notte fuori casa, tra partite a carte e bar, quando la mattina presto, trovandosi solo ha sentito arrivare il treno, ha parcheggiato il suo motorino e legato il casco ad esso, così come faceva sempre, ha scavalcato il passaggio a livello ed in un momento di straordinaria determinazione, si è bendato con una sciarpa ed a braccia aperte ha camminato per 20 metri in direzione del treno.

Inutile la prontezza del macchinista, alla guida del regionale 3103 proveniente da Firenze che procedeva verso Piombino, di tirare il freno di emergenza: il giovane era troppo vicino per avere speranze di salvarsi. La Procura della Repubblica e la Polizia ferroviaria hanno prontamente disposto la chiusura di uno dei due binari della linea ferroviaria nell’arco di tempo compreso tra le 7 e le 7.45, che è stata poi ripristinata alle 10.55, 4 ore dopo l’accaduto, con numerosi disagi alla circolazione ferroviaria, che hanno coinvolto un numero totale di 13 treni. Come da prassi, è stata aperta un’indagine per determinare le cause del gesto.

Si aspettano intanto i risultati dell’esame autoptico e quello tossicologico.

Fonti


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

June 5, 2007

Livorno: rissa con mazza da baseball

Filed under: Europa,Giustizia e criminalità,Italia,Livorno,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Livorno: rissa con mazza da baseball – Wikinotizie

Livorno: rissa con mazza da baseball

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Livorno, 5 giugno 2007
Nel fine settimana in un locale di Livorno una comitiva di persone, riunitesi per festeggiare il compleanno di un conoscente, si sono fatti prendere la mano dagli alcolici e ben presto uno di loro s’è sentito male vomitando dentro al locale. Gli animi si scaldano alla protesta di un altro giovane che intendeva godersi la serata. Quando tutto sembrava chiarito, due della comitiva escono dal locale e aprendo il bagagliaio della loro auto estraggono due mazze da baseball che usano contro chi prima aveva protestato. Successivamente gli aggressori si sono dati alla fuga, ma grazie alle testimonianze dei presenti le forze dell’ordine sono riuscite a individuare gli aggressori, che rischiano l’arresto per detenzione illegale di oggetto atto a ledere e per lesioni.

Le vittime della rissa, due donne e un uomo colpiti dalle mazzate, sono ricoverati con una prognosi rispettivamente di 5, 10 e 14 giorni.

Fonti[]

  • lu.dem. «Picchiano tre persone con la mazza da baseball: due denunciati»Il tirreno, Martedì 5 giugno, pag. I della cronaca

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

February 3, 2007

Scontri di Catania, sui muri di Livorno insulti contro il poliziotto ucciso

Scontri di Catania, sui muri di Livorno insulti contro il poliziotto ucciso

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato  3 febbraio 2007

«Morte allo sbirro» è una delle scritte vergate all’esterno della redazione di Livorno del quotidiano Il Tirreno. Riconducibile alla morte dell’ispettore Raciti, avvenuta ieri notte durante gli scontri tra le tifoserie di Catania e Palermo, la frase è firmata dall’acronomo “Acab”, utilizzato in un forum di ultras. La sigla sta per “All cops are bastards” (“Tutti i poliziotti sono bastardi”).

In altre parti del muro è stato invece scritto «Un altro Filippo Raciti, Ultras liberi» e «2/2/2007 vendetta per Carlo Giuliani».

L’amministrazione comunale di Livorno ha provveduto a far cancellare a proprie spese le frasi, appena terminate le ispezioni da parte della Digos. Dura la condanna del sindaco della città toscana, Alessandro Cosimi: «È solo un piccolissimo gesto con il quale a nome mio e della città intera voglio esprimere tutta la vicinanza alla famiglia del poliziotto ucciso e alle Forze dell’Ordine. L’episodio della scritta, che in sé è inaccettabile, oltre allo sconcerto e alla condanna mi suscita una profonda amarezza, dettata dalla difficoltà di capire come si possa solo pensare una cosa simile».

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 18, 2007

Livorno: indagine sull\’aggressione ai carabinieri

Filed under: Cronaca,Europa,Italia,Livorno,Ricerca originale,Toscana — admin @ 5:00 am

Livorno: indagine sull’aggressione ai carabinieri

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Livorno, lunedì 18 gennaio 2007

Dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che un militare della seconda pattuglia sia uscito dall’auto con la pistola in mano, a quel punto la folla si è avventata su di esso, facendolo cadere a terra e prendendolo a calci da questa posizione. All’arrivo di altri mezzi dell’Arma, giunti in appoggio ai colleghi oggetto dell’aggressione, gli aggressori sono fuggiti velocemente.

Intanto continuano ad arrivare presso la procura altre testimonianze ed anche un video ripreso da un cellulare, intanto sono stati identificati solo cinque aggressori, dalla visione delle telecamere di sorveglianza non si è potuto identificare gli altri. All’indirizzo http://mediaserver.kataweb.it/katanew/locali/attias_250k.wmv è possibile vedere il video ripreso da un cellulare.


Ricerca originale
Questo articolo (o parte di esso) si basa su informazioni frutto di ricerche o indagini condotte da parte di uno o più contributori della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 15, 2007

Aggressione ad una pattuglia dei carabinieri

Aggressione ad una pattuglia dei carabinieri

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Livorno, lunedì 15 gennaio 2007

Il 13 gennaio scorso, a Livorno, un’ottantina di giovani ha aggredito una pattuglia dei carabinieri.

Un’autopompa dei pompieri, dovendo passare attraversare una strada del centro della città, si trova la strada ostruita da auto e persone. Così il caposquadra, per riuscire a transitare e quindi giungere sul luogo dell’intervento per il quale era giunta una chiamata al 115, si vede costretto a chiamare le forze dell’ordine. Una “gazzella”, impegnata in un pattugliamento, interviene facendo sgomberare auto e persone. A quel punto, gli equipaggi della pattuglia intervenuta e di un’altra nel frattempo sopraggiunta si trovano improvvisamente nel mezzo di un lancio di vari oggetti da parte di un’ottantina di persone. All’arrivo di altri mezzi dell’Arma, giunti in appoggio ai colleghi oggetto dell’aggressione, gli aggressori fuggono velocemente.

Al termine degli scontri, tre militari debbono ricorrere alle cure dei sanitari in Pronto soccorso.

Il giorno seguente, 14 gennaio, i Carabinieri hanno esaminato i nastri di registrazione delle telecamere di sorveglianza per individuare i volti degli aggressori, che durante l’atto si erano coperti il viso con maglie e giubbotti. Secondo le autorità, alcuni aggressori sarebbero già stati identificati mentre le operazioni di riconoscimento continuano anche oggi.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress