Wiki Actu it

August 12, 2018

Madre falsifica certificato vaccinale e si vanta su Facebook: la scuola la denuncia

Madre falsifica certificato vaccinale e si vanta su Facebook: la scuola la denuncia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

Jump to navigation Jump to search

domenica 12 agosto 2018

Wikinotizie di oggi
12 agosto

Collabora con noi
  • Scrivi un articolo
  • Cosa scrivere
  • Come scriverlo
  • Scrivania
  • Portale:Comunità

Una madre contro i vaccini appartenente al movimento no-vax ha falsificato l’autocertificazione vaccinale da inviare alla scuola, prevista dalla legge italiana ed obbligatoria per frequentare le scuole del Paese, scrivendo su Facebook: «Io mi sono fatta furba!! Andato tutto bene!!» e che sarebbe bastato modificare la data ad un foglio dell’Azienda Sanitaria Locale.

La scuola, la paritaria Maria Bambina ad Esine, ha ricevuto numerose segnalazioni rispondendo che avrebbe preso provvedimenti ed infine ha denunciato la donna.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 23, 2008

Sacca di Esine: in fiamme la chiesa

Filed under: Esine,Europa,Incendi,Italia,Lombardia,Pubblicati,Val Camonica — admin @ 5:00 am

Sacca di Esine: in fiamme la chiesa – Wikinotizie

Sacca di Esine: in fiamme la chiesa

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 23 dicembre 2008

Comune di Esine, Val Camonica

Attorno alla mezzanotte di domenica scorsa un incendio, causato probabilmente da un corto circuito, si è sviluppato all’interno della chiesa della Visitazione di Maria nella frazione Sacca di Esine, in Val Camonica.

La ricostruzione del parroco, don Redento Tignonsini: «Domenica sera a tarda ora, un paio di nostri volontari stavano lasciando l’oratorio; era quasi la mezzanotte e hanno visto del fumo uscire da una feritoia posta dietro un altare. Subito dopo hanno sentito un boato, il rumore causato da qualcosa che cadeva violentemente e pesantemente al suolo. Si sono naturalmente subito resi conto che stava succedendo qualcosa di grave, e quindi hanno chiamato il 115: i Vigili del Fuoco sono arrivati in pochi minuti, e la velocità dell’intervento ha permesso di contenere parzialmente i danni».

Seppure l’intervento dei Vigili del Fuoco è stato tempestivo, i danni alla chiesa sono stati notevoli: diverse strutture lignee sono andate incenerite, vi sono stati numerosi distacchi di decorazioni in gesso ed un annerimento degli affreschi (alcuni di questi opera di Antonio Guadagnini).

Per il Natale 2008 il parroco ha deliberato di effettuare la tradizionale messa di mezzanotte nel salone dell’oratorio parrocchiale.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 1, 2008

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 1 ottobre 2008
Inizià venerdì 3, per protrarsi a sabato 4 e domenica 5 ottobre 2008 la terza edizione di «del Bene e del Bello», la manifestazione dedicata alla riscoperta ed alla rivalorizzazione del territorio della Val Camonica.

L’iniziativa, proposta dalla Comunità Montana della Valle Camonica e dal BIM di Valle Camonica, ha portato ad avere in questa edizione un vasto numero di beni culturali visitabili, oltre a numerosi eventi collaterali come convegni, spettacoli e concerti.

Eventi «del Bene e del Bello» 2008[]

La Valle Camonica

  • Angolo Terme: Cappella dei Morti o di San Rocco
  • Artogne: alla riscoperta delle Santelle tra Artogne e Gianico
  • Berzo Demo: percorso della memoria. Camminamenti – Trincee della Grande Guerra
  • Berzo Inferiore: il bianco mangiare. Riscopriamo le nostre origini. Storie di uomini e di mestieri: la caldera
  • Bienno: palazzo Francesconi (Rebaioli, Avanzini)
  • Borno: i parchi comunali di “Villa Guidetti”
  • Breno: il museo d’auto e moto d’epoca Nostalgia Club
  • Capo di Ponte: Capo di Ponte ed il suo centro storico…
  • Cedegolo: Casa Panzerini
  • Cerveno: riscoprire i segni del passato
  • Ceto: rivive l’antico borgo di Nadro
  • Cevo: Chiesetta di S. Sisto a Cevo e Chiesetta dei SS. Nazzaro e Celso nella frazione Andrista
  • Cimbergo: tra religione, cultura e natura
  • Cividate Camuno: la femminilità nel mondo romano e le dimore signorili di età moderna
  • Corteno Golgi: Museo Camillo Golgi e Segheria Veneziana
  • Costa Volpino: Chiesa Santi Bartolomeo e Gottardo di Branico e Chiesa Parrocchiale di S. Stefano a Volpino
  • Darfo Boario Terme: Americo Marazzi, il padre della cupola
  • Edolo: Cortenedolo, Chiesa di S. Sebastiano e San Rocco e Madonna col Bambino
  • Esine: Chiesa Ss. Trinità
  • Gianico: Alla riscoperta delle santelle tra Artogne e Gianico
  • Incudine: Le trincee del Davenino
  • Losine: Ritratti della storia di Losine attraverso le suggestive vie del paese
  • Lovere: Palazzo Bazzini: storia di una famiglia e di un palazzo
  • Lozio: Chiesa di S. Cristina, castello dei Nobili e Casa Museo della Gente di Lozio
  • Malegno: Museo del Lambich e chiesetta di S. Andrea
  • Malonno: Riemergono i Segni della Preistoria
  • Niardo: San Giorgio
  • Ono San Pietro: La Calchera
  • Ossimo: Museo Etnografico di Valcamonica Ossimo Borno. Parco Archeologico di Anvoia
  • Paisco Loveno: Antica via tra la Valle Camonica e la Valtellina
  • Paspardo: Festa della castagna
  • Pian Camuno: La Danza Macabra
  • Ponte di Legno: Il trampolino gigante
  • Prestine: Il Costume Popolare Camuno e il Santuario della Beata Vergine della Consolazione
  • Saviore dell’Adamello: Chiesa parrocchiale di S. Maria Assunta nella frazione Ponte
  • Sellero: Mulino del torrente Re, Chiesa di San Desiderio. Mostra mercato a Novelle
  • Sonico: Le incisioni rupestri del Coren de le Fate
  • Temù: Chiesa di Santa Maria Bambina
  • Vezza d’Oglio: Torre Federici
  • Vione: Museo etnografico ‘l Zuf e chiesa di San Remigio


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

mercoledì 1 ottobre 2008

Wikinotizie di oggi
1 ottobre
Collabora con noi!
  • Scrivania
  • Portale:Comunità
  • Guida allo stile – come scrivere
  • Guida al contenuto – cosa scrivere

Inizià venerdì 3, per protrarsi a sabato 4 e domenica 5 ottobre 2008 la terza edizione di «del Bene e del Bello», la manifestazione dedicata alla riscoperta ed alla rivalorizzazione del territorio della Val Camonica.

L’iniziativa, proposta dalla Comunità Montana di Valle Camonica e dal BIM di Valle Camonica, ha portato ad avere in questa edizione un vasto numero di beni culturali visitabili, oltre a numerosi eventi collaterali come convegni, spettacoli e concerti.

Eventi «del Bene e del Bello» 2008

Fonti

Collegamenti esterni

  • Sito «del Bene e del Bello»
This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 26, 2008

Breno: serata dedicata a Callisto Piazza

Breno: serata dedicata a Callisto Piazza

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 26 settembre 2008

Breno visto dal castello

Ieri sera, alle 20.45, presso la sede di Italia Nostra sezione di Valle Camonica, a Breno, si è tenuta una serata dedicata alla scoperta del pittore cinquecentesco Callisto Piazza.

È intervenuta la dottoressa Sara Marazzani, che ha spiegato al pubblico presente la vita e le opere di questo artista, originario di Lodi, che fu attivo in Val Camonica tra il 1526 ed il 1529, lasciando opere di notevole interesse ad Erbanno, Borno, Breno, Esine e Cividate Camuno.

Soddisfatta della serata Anna Maria Baschè, presidente della sezione camuna di Italia Nostra, la quale ha sottolineato l’importanza di questi interventi riguardanti la scoperta del territorio locale, soprattutto per le giovani generazioni.


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 19, 2008

Val Camonica: i lavori sulla SS 42 ancora non riprendono

Val Camonica: i lavori sulla SS 42 ancora non riprendono

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 19 settembre 2008

Uscita obbligatoria della SS 42 a Nadro

Si è tenuta ieri a Breno, nella sede della Comunità Montana della Valle Camonica, la riunione della commissione consiliare della provincia di Brescia, con lo scopo di discutere sugli annosi problemi della viabilità camuna.

Presenti sia l’assessore ai lavori pubblici Mauro Parolini, richiamato su iniziativa del capogruppo del PD provinciale Pierluigi Mottinelli, sia i sindaci dei comuni interessati: Francesco Manella per Capo di Ponte, Ezio Laini per Sellero, Elena Broggi per Ono San Pietro, e naturalmente Pierluigi Mottinelli per Cedegolo.

Fa il punto Parolini sulla SS 42: «L’Anas non sta dormendo sopra i lotti quarto, quinto e sesto; l’ingegner Salerno, che ho incontrato l’altro ieri, mi ha informato che, pur non essendo in grado di comunicarmi il giorno esatto dell’apertura del cantiere, l’Azienda sta completando tutte le procedure per quello che di sicuro è il lavoro più importante che ha mai eseguito in provincia di Brescia in questi 10-15 anni. L’ingegnere capo del compartimento di Milano se ne sta occupando personalmente, e trattandosi di un intervento grande, costoso e complesso, l’attenzione attorno alla futura opera va tenuta costante: la Provincia sta facendo e farà la sua parte. Il 24 settembre si riunirà il Cda dell’Anas, che ratificherà il via ai lotti della superstrada».

Cartello di contestazione all’ingresso di Cedegolo, 13 settembre 2008

Per quanto riguarda SS 39 dell’Aprica, nel comune di Corteno Golgi, e svincolo di Esine, l’assessore risponde: « in poco più di un anno l’iter ha letteralmente bruciato le tappe e si trova alle soglie della fase d’appalto. Per quanto riguarda invece l’accesso all’ospedale di Esine è stata assodata la disponibilità delle risorse (messe a disposizione quasi completamente dalla comunità montana). Dopo la firma del decreto avverrà l’appalto e i lavori potrebbero partire entro la fine dell’anno».

Problemi invece per l’allargamento del sottopasso del Ponte Dazza di Sonico, come spiega l’assessore a Lavori pubblici e Viabilità della comunità montana, Mario Pendoli: «L’Anas ha consegnato i lavori all’impresa vincitrice dell’appalto, che però continua a sottolineare le grandi difficoltà dell’intervento. Così l’Azienda strade l’ha diffidata ad avviare il cantiere entro 15 giorni (la ditta incaricata avrebbe chiesto addirittura 110 giorni di interruzione della ferrovia per realizzare in nuovo sottopasso), e se il contenzioso continuerà, d’accordo con Anas, Ferrovie Nord e Provincia verrà annullato il contratto e si assegnerà l’opera all’impresa che segue in graduatoria. Secondo noi, il blocco del traffico sulla ferrata non dovrebbe durare più di 3 o 4 giorni».

Infine vi è stato anche un breve accenno alla variante di Edolo, che porterà in futuro alla costruzione di una galleria in località Mù per aggirare il centro abitato in direzione di Ponte di Legno. Opera fondamentale per Parolini, ma di rilevanza secondaria rispetto ai problemi di viabilità sopracitati.

Conclude Pierluigi Mottinelli: «Gli amministratori locali hanno fatto un grande sforzo per cantierare i lavori, e tutti dobbiamo fare pressione sull’Anas per questo lotto. Il progetto è a Roma, il Cda dell’Anas lo licenzierà la settimana prossima, e poi basteranno mille giorni per realizzarlo?».


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 18, 2008

Presentato il nuovo sito del Sistema Bibliotecario di Valle Camonica

Presentato il nuovo sito del Sistema Bibliotecario di Valle Camonica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 18 settembre 2008

La Valle Camonica

È stato presentato stamattina, alle ore 09.30, presso il Palazzo della Cultura a Breno, il nuovo sito internet del Sistema Bibliotecario di Valle Camonica.

Promosso dalla Comunità Montana della Valle Camonica e dal consorzio BIM di Valle Camonica, con la collaborazione della Fondazione Cariplo, il nuovo portale si presenta con una grafica rinnovata, nuove funzioni ed una struttura molto simile a quella del sito del Sistema Culturale della Valle Camonica, presentato a maggio 2008.

Sul nuovo sito è possibile consultare online un OPAC elettronico che, tramite il sistema del prestito interbibliotecario, permette di ottenere qualsiasi libro il lista in una qualsivoglia biblioteca del Sistema. Sono inoltre disponibili numerose informazioni che spaziano dal Fondo Tesi Camuno, che comprende numerosissime tesi universitarie con argomento la Valle Camonica, fino ad i servizi ed gli orari di ognuna delle 35 biblioteche comunali.

Le biblioteche del Sistema[]

  • Angolo Terme
  • Artogne
  • Berzo Demo
  • Berzo Inferiore
  • Bienno
  • Borno
  • Breno
  • Capo di Ponte
  • Cedegolo
  • Cerveno
  • Cevo
  • Cividate Camuno
  • Corteno Golgi
  • Darfo Boario Terme
  • Edolo
  • Esine
  • Gianico
  • Incudine
  • Losine
  • Lozio
  • Malegno
  • Malonno
  • Niardo
  • Ono San Pietro
  • Ossimo
  • Paisco Loveno
  • Pian Camuno
  • Ponte di Legno
  • Prestine
  • Saviore dell’Adamello
  • Sellero
  • Sonico
  • Temù
  • Vezza d’Oglio
  • Vione


Fonti[]

Articoli correlati[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 12, 2008

Val Camonica: in arrivo i fondi per i depuratori

Val Camonica: in arrivo i fondi per i depuratori

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 12 settembre 2008

La Valle Camonica

Sono in arrivo da parte dalla provincia di Brescia oltre 14 milioni di € per potenziare la rete di depurazione della Val Camonica, con lo scopo di dimezzare l’apporto di azoto e fosforo nel fiume Oglio, e quindi nel lago d’Iseo.

Con questa cifra, spiega l’assessore dell’Ambiente Enrico Mattinzoli, nel giro di quattro anni «oltre l’80% della popolazione residente avrà i propri scarichi fognari depurati».

Saranno 16 i comuni interessati dai lavori:

  • Bassa Val Camonica: entro luglio 2009 verrà completato il collettamento di Costa Volpino (1,1 milioni di €).
  • Media Val Camonica: entro settembre 2010 verrà realizzato il collettamento tra il depuratore di Breno e il comune di Berzo Demo, e da Esine a Prestine (8,5 milioni di €).
  • Alta Val Camonica: nel gennaio 2012 termineranno i lavori di depurazione e collettamento dei comuni di Edolo, Sonico e Malonno.

In cambio di questi finanziamenti i comuni della Val Camonica dovrannno aderire all’ Aato. Spiega Mattinzoli: «Per garantire gli investimenti i comuni dovranno sottoscrivere la convezione con l’Aato, individuando una società, che potrebbe essere Acque Ovest Bresciano 2, in grado di gestire l’intero ciclo captazione, distribuzione e depurazione delle acque. Lo prevede la legge Galli. E non si dica che così si privatizza l’acqua: pozzi, fognature e depuratori restano pubblici. Si tratta solo di razionalizzare il servizio».

Fonti[]

Articoli correlati[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 7, 2008

Val Camonica: troppi cinghiali, aperta la caccia

Val Camonica: troppi cinghiali, aperta la caccia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 7 settembre 2008

Un cinghiale

Si è tenuta ieri nei territori di Esine e Darfo Boario Terme in Val Camonica, una battuta di caccia al cinghiale, a cui era presente anche l’assessore alla sicurezza della provincia di Brescia, il leghista Guido Bonomelli.

L’operazione è stata decisa a seguito dei danni causati dall’incremento della popolazione dei maiali selvatici, che hanno abbandonato le montagne boscose avventurandosi in pascoli e zone antropizzate.

Afferma Bonomelli: «Nell’annata 2007-2008 nelle otto zone di caccia autorizzate nel Bresciano sono stati censiti 726 capi e ne sono stati abbattuti 542. L’aumento è però maggiore nelle altre valli, ed è comunque per prevenire ulteriori danni alle culture che quest’anno la Provincia ha deciso di anticipare l’attività di contenimento, che di solito inizia in ottobre».

Alla battuta di ieri hanno preso parte alcuni agenti della polizia provinciale e quaranta cinghialai di Esine, assieme ai loro cani. Il risultato della prima giornata di caccia è stato di cinque animali stanati, ma neppure uno abbattuto.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 13, 2008

Legambiente boccia le acque del Sebino

Legambiente boccia le acque del Sebino – Wikinotizie

Legambiente boccia le acque del Sebino

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 13 luglio 2008

Il lago d’Iseo

Sono stati presentati ieri dati dei prelievi sulle acque del lago d’Iseo sia sulla spoda bresciana che bergamasca, ed i risultati non sono confortanti.

Legambiente, che ha effettuato i sondaggi il 28 giugno prelevando campioni in sedici punti significativi del Sebino, ha dichiarato, tramite il suo responsabile scientifico nazionale Stefano Ciafani, che «Il 45% dei campioni hanno dato risultati fuori norma in modo rilevante, ed il peggiore lo ha fatto registrare il campione prelevato davanti all’Eurovil, a Predore, con coliformi fecali 30 volte oltre il limite».

I punti più inquinati del 2008, nonostante un miglioramento rispetto al 2007, sono le foci di torrenti, canali e fiumi che alimentano il lago, avvelenandolo. Preoccupante è soprattutto la situazione a Pisogne, dove le foci del Trobiolo e del canale artificiale che convoglia le acque reflue non depurate di alta e media Valcamonica, porta ad avere una situazione di coliformi e streptococchi fecali 10 volte oltre i limiti. Anche a Castro, alla foce del Borlezza, i valori sono egualmente alti.

L’avvio del depuratore di Esine ha migliorato la situazione alla foce dell’Oglio, ma bisogna segnalare che, secondo le stime dell’AATO, si dovrà attendere almeno fino al 2010 per il collettamento completo della media Valcamonica, collegando i comuni di Breno, Berzo Demo, e Prestine (spesa stimata circa 8,5 milioni di €). Si prevede invece per il 2012 la depurazione delle fogne di Edolo, Sonico e Malonno, a seguito di una con una spesa di circa 5 milioni di euro.

Attualmente c’è da segnalare che ben il 40% del territorio della provincia di Brescia risulta non depurato: una percentuale tra le più basse in Italia, dove la media delle acque nere trattate oscilla tra il 60 e l’85%.


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.
Older Posts »

Powered by WordPress