Wiki Actu it

April 22, 2016

Addio a Prince, icona pop

Addio a Prince, icona pop – Wikinotizie

Addio a Prince, icona pop

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 22 aprile 2016

Prince (1958-2016)

Lutto nel mondo della musica: a soli 57 anni scompare infatti il cantante e musicista statunitense Prince, icona pop soprattuto negli anni ottanta. L’artista è stato trovato morto ieri mattina nella sua casa di Minneapolis: i motivi del decesso non sono ancora stati chiariti.

La cronaca[]

A diffondere per primo la notizia della morte della popstar è stato il sito TMZ intorno alle 19:00 italiane, ma la notizia inizialmente non era stata confermata dall’entourage del cantante.

Il corpo esanime di Prince è stato rinvenuto intorno alle 9:43 del mattino (le 16:43 in Italia) nell’ascensore della sua residenza: i soccorsi, scattati immediatamente, si sono però purtroppo rivelati inutili, in quanto già alle 10.07 è stato dichiarato il decesso del cantante. Non si è certi se la morte prematura di Prince sia da ricollegare al malore accusato dal cantante solamente sei giorni prima, malore che ha costretto l’aereo personale del cantante ad un brusco atterraggio per permettere l’immediato ricovero.

La vita e la carriera artistica[]

Prince, al secolo Prince Rogers Nelson, era nato a Minneapolis il 7 giugno 1958. Nel corso della sua carriera, negli anni ottanta, vendette oltre 100 milioni di dischi. Tra i suoi brani più famosi, si ricorda Purple Rain, brano del 1984 che ha fatto da colonna sonora al film omonimo e che si è aggiudicato il Premio Oscar nel 1985.

Il cordoglio[]

La notizia della prematura scomparsa di Prince ha destato profonda commozione nel mondo dello spettacolo.

Tra i messaggi di cordoglio, si segnalano quelli dei colleghi Katy Perry, che ha twittato: «E così… Il mondo ha perso un sacco di magia. Riposa in pace, e grazie per averci donato così tanto», e di Robbie Williams, che ha scritto: «Ora anche Prince. No, no, no… Riposa in pace genio». La cantante Madonna, assieme alla quale Prince aveva inciso il brano Love Song, si è definita “devastata” dalla notizia.

Anche i fans di tutto il mondo hanno reso omaggio all’artista scomparso, radunandosi nella piazze ed interpretando le sue canzoni più famose. In onore di Prince, le strade di varie città statunitensi sono state colorate di viola, il colore preferito dal cantante, citato anche nel titolo della canzone Purple Rain.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 21, 2007

Minneapolis: cade dal diciassettesimo piano e si salva

Minneapolis: cade dal diciassettesimo piano e si salva

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Minneapolis, domenica 21 gennaio 2007

Incredibile storia ieri all’hotel Hyatt Regency di Minneapolis: un uomo, Joshua S. Hanson, 29enne originario del Wisconsin, è precipitato da una finestra dell’albergo che si trovava al diciassettesimo piano, procurandosi fratture multiple e lesioni interne, ma non è morto. Anzi, i medici che ne seguono il decorso sono ottimisti, anche se lo tengono in stato di coma farmacologico.

Hanson era appena tornato da una serata con gli amici, ed erano tornati in albergo in taxi verso la 1:30. Per ragioni ancora non chiarite, l’uomo si è affacciato alla finestra, perdendo l’equilibrio e precipitando per diciassette piani. Il responsabile della sicurezza dell’albergo si è detto esterrefatto dell’accaduto, poiché qualcosa di simile non era mai successo; le finestre, peraltro, sarebbero dotate di apposite protezioni.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

November 13, 2005

Trovato morto il wrestler messicano Eddie Guerrero

Trovato morto il wrestler messicano Eddie Guerrero

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

13 novembre 2005

Il wrestler messicano Eduardo Gori Guerrero Llanes, noto come Eddie Guerrero, è morto oggi a Minneapolis. Aveva 38 anni.

Guerrero è stato ritrovato privo di vita nella sua stanza all’interno dell’albergo “Marriott Center”. Non sono ancora chiare le cause della morte, ma Eddie aveva un passato di droga e alcool. Lascia la moglie Vickie e i tre figli.

Guerrero si trovava a Minneapolis per disputare l’ultima serata americana di Smackdown!, prima della tournée in Italia.

È stato una stella del wrestling della WWE e l’idolo di milioni di fan in tutto il mondo. È stato anche un atleta fisicamente potente ed un grande intrattenitore. Debuttò sui ring messicani a venti anni. Le sue doti di istrione lo portarono alla notorietà e ai ring americani.

Nel 2001 la WWF gli impose un periodo di ricovero in un centro di disintossicazione. Al suo rientro, il messicano subì un arresto per guida in stato di ubriachezza e viene licenziato dalla federazione. Nel 2002 rinasce la sua stella, e la sua carriera raggiunge l’apice con la conquista del titolo mondiale nel “No Way Out” (15 febbraio 2004).

La limousine saltellante, con cui entrava in scena, e la Frog Splash, sua mossa finale, sono diventati i suoi simboli, insieme al suo classico “Viva la Raza”, accompagnata da tre colpi di pugno sul petto.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress