Wiki Actu it

November 26, 2005

È morto George Best

È morto George Best – Wikinotizie

È morto George Best

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Londra, 26 novembre 2005

George Best (1946-2005)

È morto alle 13:55 di ieri al Cromwell Hospital di Londra l’ex calciatore George Best. Aveva 59 anni. Il decesso è dovuto ad una lunga malattia causata dall’alcolismo, che già tre anni fa lo aveva costretto ad un trapianto di fegato.

Nordirlandese, nato a Belfast il 22 maggio 1946, Best debuttò in prima squadra all’età di 17 anni. Giocò nel Manchester United dal 1963 al 1974 e nella Nazionale del suo Paese. Nel 1968 vinse il Pallone d’oro.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

November 2, 2005

Muore a 86 anni Valcareggi, CT dell\’Italia a Mexico \’70

Muore a 86 anni Valcareggi, CT dell’Italia a Mexico ’70

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

2 novembre 2005

Ferruccio Valcareggi – Commissario Tecnico della nazionale italiana di calcio che conquistò il secondo posto ai Campionati mondiali di Messico 1970 – è morto oggi all’età di 86 anni.

Valcareggi – che come giocatore militò fino al 1953 dapprima fra le fila della Triestina, assieme a Nereo Rocco, e poi della Fiorentina – divenne famoso per la famosa staffetta Mazzola-Rivera che condizionò in qualche modo non tanto l’esito dell’incontro quanto le polemiche che sarebbero poi seguite alla sconfitta nella finale di Città del Messico contro il Brasile di Pelé.

Era diventato allenatore della nazionale nel 1966 subentrando ad Edmondo Fabbri, dapprima in coppia con Helenio Herrera, e poi da solo, all’indomani della disastrosa spedizione ai mondiali di Inghilterra, quando l’Italia venne estromessa dalla Corea del Nord per un gol del dentista Pak-do-ik.

Con lui alla guida l’Italia vinse due anni dopo, nel 1968, i Campionati europei vincendo in finale contro la Jugoslavia.

Valcareggi guidò ancora la nazionale fino ai mondiali di Germania del ’74 – dove entrò in rotta di collisione con il centravanti della Lazio Giorgio Chinaglia che lo mandò platealmente a quel paese per essere stato richiamato in panchina durante un incontro – e, lasciato il Club azzurro, tornò successivamente ad allenare per qualche tempo squadre di club fino a limitarsi a svolgere l’attività da commentatore sportivo.

Fonte

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 3, 2005

Muore in diretta tv l\’allenatore Franco Scoglio

Filed under: Cronaca,Europa,Italia,Necrologi 2005 (calcio),Pubblicati — admin @ 5:00 am

Muore in diretta tv l’allenatore Franco Scoglio

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

3 ottobre 2005

L’allenatore di calcio Franco Scoglio è morto questa sera intorno alle 22 mentre partecipava ad una trasmissione sportiva negli studi televisivi dell’emittente locale “Primocanale”.

Non più tardi di domenica sera aveva partecipato alla trasmissione “Controcampo” irradiata da Italia 1.

Il decesso è stato dovuto probabilmente ad un malore che ha colto il professore – come veniva chiamato Scoglio – subito dopo una vivace discussione con il presidente del Genoa Enrico Preziosi, collegato telefonicamente da Milano.

L’emittente televisiva – non appena ci si è resi conto della gravità della situazione di Scoglio, che ha reclinato repentinamente il capo – ha immediatamente sospeso le trasmissioni mentre il centralino veniva preso d’assalto dalle telefonate di decine di spettatori e tifosi.

Franco Scoglio – originario delle Isole Eolie, diplomato all’ISEF ed insegnante di educazione fisica – era molto amato dalla tifoseria genoana per aver allenato la squadra rossoblu a fine anni Ottanta, portandola alla promozione in serie A. Precedentemente era stato alla guida del Messina.

Successivamente aveva allenato altre squadre fra cui il Bologna. Non aveva mai rotto però del tutto i legami con la città ligure, dove si recava con una certa regolarità anche per intervenire – da apprezzato commentatore qual era, e quando non era impegnato ad allenare squadre calcistiche – a trasmissioni televisive del tipo di quella che, questa sera, gli è stata fatale.

Enrico Preziosi, avvicinato per via telefonica subito dopo la tragica morte di Scoglio dal conduttore del Processo del lunedì, Aldo Biscardi, si è ovviamente detto dispiaciuto dell’accaduto ma di ritenere che non sia stata la discussione avuta con l’allenatore – mantenuta sempre su un binario di sostanziale correttezza, sia pure nella naturale animosità del dibattito – a determinarne il decesso.

In segno di lutto le altre emittenti televisive cittadine hanno sospeso per qualche tempo le trasmissioni per riprenderle poi con edizioni speciali dei rispettivi telegiornali e commenti a caldo e in segno di ricordo per l’allenatore scomparso.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 5, 2005

È morto l\’ex calciatore Giuliano Fiorini

È morto l’ex calciatore Giuliano Fiorini

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 5 agosto 2005
Giuliano Fiorini è morto oggi in una clinica di Bologna, all’età di 47 anni.

L’ex attaccante aveva militato con le squadre di Bologna, con cui aveva esordito in serie A, Rimini, Brescia, Foggia, Piacenza, Genoa, Sambenedettese e Lazio. Nell’occasione dell’esordio in serie A, contro la Fiorentina, una suo perfetto assist a Beppe Savoldi, autore del gol, permise ai rossoblu di vincere la gara. È stato amato a Bologna oltre che come giocatore di indubbio talento anche per la sua umanità. Il giocatore è rimasto nel cuore anche dei tifosi biancocelesti, da quando segnò il gol che permise alla squadra di salvarsi dalla serie C, portandola agli spareggi salvezza, in una stagione che li aveva visti partire con una penalizzazione di 9 punti.

Conclusa la carriera di giocatore, divenne dirigente di società di calcio, tra cui Spezia e Reggiana.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress