Wiki Actu it

January 9, 2009

Temù: museo della Grande Guerra contro il comune

Temù: museo della Grande Guerra contro il comune

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 9 gennaio 2009

Val Camonica
Val Camonica

Comune di Temù, Val Camonica

Sembrava essere ieri il giorno decisivo per la polemica che infiamma in questi mesi l’abitato di Temù, in alta Val Camonica, opponendo l’associazione che gestisce il Museo della guerra bianca in Adamello e la stessa amministrazione comunale. Invece si preannuncia una dura battaglia legale.

Ieri mattina Agide Trapletti e Giuseppe Magrin, i due consulenti nominati dal comune di Temù per inventariare i reperti e l’origine degli stessi secondo l’ordinanza 33 del settembre 2008, hanno trovato chiuse le porte del museo. Il presidente del museo Walter Belotti non ha infatti acconsentito alla consegna delle chiavi alla controparte, e all’arrivo dei carabinieri ha fatto verbalizzare il suo netto rifiuto.

Il sindaco Corrado Tomasi: «A questo punto provvederemo a denunciarli per non aver ottemperato all’ordinanza. Assicuro comunque che lotteremo con ogni mezzo a nostra disposizione per evitare che la collezione venga trasferita a Colico, come hanno annunciato qualche tempo fa i vertici museali».


Articoli correlati[]

Fonti[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

October 1, 2008

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 1 ottobre 2008
Inizià venerdì 3, per protrarsi a sabato 4 e domenica 5 ottobre 2008 la terza edizione di «del Bene e del Bello», la manifestazione dedicata alla riscoperta ed alla rivalorizzazione del territorio della Val Camonica.

L’iniziativa, proposta dalla Comunità Montana della Valle Camonica e dal BIM di Valle Camonica, ha portato ad avere in questa edizione un vasto numero di beni culturali visitabili, oltre a numerosi eventi collaterali come convegni, spettacoli e concerti.

Eventi «del Bene e del Bello» 2008[]

La Valle Camonica

  • Angolo Terme: Cappella dei Morti o di San Rocco
  • Artogne: alla riscoperta delle Santelle tra Artogne e Gianico
  • Berzo Demo: percorso della memoria. Camminamenti – Trincee della Grande Guerra
  • Berzo Inferiore: il bianco mangiare. Riscopriamo le nostre origini. Storie di uomini e di mestieri: la caldera
  • Bienno: palazzo Francesconi (Rebaioli, Avanzini)
  • Borno: i parchi comunali di “Villa Guidetti”
  • Breno: il museo d’auto e moto d’epoca Nostalgia Club
  • Capo di Ponte: Capo di Ponte ed il suo centro storico…
  • Cedegolo: Casa Panzerini
  • Cerveno: riscoprire i segni del passato
  • Ceto: rivive l’antico borgo di Nadro
  • Cevo: Chiesetta di S. Sisto a Cevo e Chiesetta dei SS. Nazzaro e Celso nella frazione Andrista
  • Cimbergo: tra religione, cultura e natura
  • Cividate Camuno: la femminilità nel mondo romano e le dimore signorili di età moderna
  • Corteno Golgi: Museo Camillo Golgi e Segheria Veneziana
  • Costa Volpino: Chiesa Santi Bartolomeo e Gottardo di Branico e Chiesa Parrocchiale di S. Stefano a Volpino
  • Darfo Boario Terme: Americo Marazzi, il padre della cupola
  • Edolo: Cortenedolo, Chiesa di S. Sebastiano e San Rocco e Madonna col Bambino
  • Esine: Chiesa Ss. Trinità
  • Gianico: Alla riscoperta delle santelle tra Artogne e Gianico
  • Incudine: Le trincee del Davenino
  • Losine: Ritratti della storia di Losine attraverso le suggestive vie del paese
  • Lovere: Palazzo Bazzini: storia di una famiglia e di un palazzo
  • Lozio: Chiesa di S. Cristina, castello dei Nobili e Casa Museo della Gente di Lozio
  • Malegno: Museo del Lambich e chiesetta di S. Andrea
  • Malonno: Riemergono i Segni della Preistoria
  • Niardo: San Giorgio
  • Ono San Pietro: La Calchera
  • Ossimo: Museo Etnografico di Valcamonica Ossimo Borno. Parco Archeologico di Anvoia
  • Paisco Loveno: Antica via tra la Valle Camonica e la Valtellina
  • Paspardo: Festa della castagna
  • Pian Camuno: La Danza Macabra
  • Ponte di Legno: Il trampolino gigante
  • Prestine: Il Costume Popolare Camuno e il Santuario della Beata Vergine della Consolazione
  • Saviore dell’Adamello: Chiesa parrocchiale di S. Maria Assunta nella frazione Ponte
  • Sellero: Mulino del torrente Re, Chiesa di San Desiderio. Mostra mercato a Novelle
  • Sonico: Le incisioni rupestri del Coren de le Fate
  • Temù: Chiesa di Santa Maria Bambina
  • Vezza d’Oglio: Torre Federici
  • Vione: Museo etnografico ‘l Zuf e chiesa di San Remigio


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Val Camonica in vetrina con «del Bene e del Bello» 2008

mercoledì 1 ottobre 2008

Wikinotizie di oggi
1 ottobre
Collabora con noi!
  • Scrivania
  • Portale:Comunità
  • Guida allo stile – come scrivere
  • Guida al contenuto – cosa scrivere

Inizià venerdì 3, per protrarsi a sabato 4 e domenica 5 ottobre 2008 la terza edizione di «del Bene e del Bello», la manifestazione dedicata alla riscoperta ed alla rivalorizzazione del territorio della Val Camonica.

L’iniziativa, proposta dalla Comunità Montana di Valle Camonica e dal BIM di Valle Camonica, ha portato ad avere in questa edizione un vasto numero di beni culturali visitabili, oltre a numerosi eventi collaterali come convegni, spettacoli e concerti.

Eventi «del Bene e del Bello» 2008

Fonti

Collegamenti esterni

  • Sito «del Bene e del Bello»
This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no Back-Cover Texts. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 18, 2008

Presentato il nuovo sito del Sistema Bibliotecario di Valle Camonica

Presentato il nuovo sito del Sistema Bibliotecario di Valle Camonica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 18 settembre 2008

La Valle Camonica

È stato presentato stamattina, alle ore 09.30, presso il Palazzo della Cultura a Breno, il nuovo sito internet del Sistema Bibliotecario di Valle Camonica.

Promosso dalla Comunità Montana della Valle Camonica e dal consorzio BIM di Valle Camonica, con la collaborazione della Fondazione Cariplo, il nuovo portale si presenta con una grafica rinnovata, nuove funzioni ed una struttura molto simile a quella del sito del Sistema Culturale della Valle Camonica, presentato a maggio 2008.

Sul nuovo sito è possibile consultare online un OPAC elettronico che, tramite il sistema del prestito interbibliotecario, permette di ottenere qualsiasi libro il lista in una qualsivoglia biblioteca del Sistema. Sono inoltre disponibili numerose informazioni che spaziano dal Fondo Tesi Camuno, che comprende numerosissime tesi universitarie con argomento la Valle Camonica, fino ad i servizi ed gli orari di ognuna delle 35 biblioteche comunali.

Le biblioteche del Sistema[]

  • Angolo Terme
  • Artogne
  • Berzo Demo
  • Berzo Inferiore
  • Bienno
  • Borno
  • Breno
  • Capo di Ponte
  • Cedegolo
  • Cerveno
  • Cevo
  • Cividate Camuno
  • Corteno Golgi
  • Darfo Boario Terme
  • Edolo
  • Esine
  • Gianico
  • Incudine
  • Losine
  • Lozio
  • Malegno
  • Malonno
  • Niardo
  • Ono San Pietro
  • Ossimo
  • Paisco Loveno
  • Pian Camuno
  • Ponte di Legno
  • Prestine
  • Saviore dell’Adamello
  • Sellero
  • Sonico
  • Temù
  • Vezza d’Oglio
  • Vione


Fonti[]

Articoli correlati[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 11, 2008

Temù: guerra tra i musei della Grande Guerra

Temù: guerra tra i musei della Grande Guerra

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 11 settembre 2008

Comune di Temù, Val Camonica

È polemica nell’abitato di Temù, in alta Val Camonica, tra i due musei locali della Grande Guerra a seguito dell’annuncio fatto dai vertici dell’associazione che gestisce il Museo della Guerra Bianca in Adamello, fondato nel 1974 da Sperandio Zani, che ha minacciato il trasferimento delle collezioni in un’altra provincia del nord Italia.

Il problema è sorto a causa della nasciata del nuovo museo della guerra bianca in Adamello, creato tra il municipio e la parrocchia, al fine di sostituire la vecchia esposizione in mano ai privati.

Giustifica il vicesindaco Giuseppe Pasina, in procinto di assumere la guida del neonato Museo civico: «Non volevamo modificare il loro statuto chiedevamo solo che il consiglio di amministrazione fosse aperto a tutti i soggetti che hanno dato vita a questa realtà: Ana, Comunità montana, parchi dell’Adamello e dello Stelvio, Comune, Provincia e Regione. Ci hanno risposto picche, perché secondo loro saremmo andati a ledere la loro trentennale autonomia. E ora minacciano di trasferirsi».

Alle minacce dell’associazione di trasferirsi in altra provincia, il comune di Temù ha risposto con un’ordinanza che impone di consegnare, al massimo tra 20 giorni, un inventario completo dell’oggettistica, delle armi, delle foto e quant’altro conservato « … onde stabilirne origine, provenienza, tipologia ed eventuale titolarità». A tutto ciò si aggiunge la puntualizzazione del sindaco Corrado Tomasi, che diffida dall’effettuare qualsiasi movimentazione di materiale, in quanto «il trasporto può arrecare grave nocumento alla pubblica incolumità, anche a livello di percezione del pericolo da parte della cittadinanza, circostanza che può offendere anche i profili di ordine pubblico».

Alla domanda del perché due musei della Guerra bianca a Temù risponde ancora Giuseppe Pasina: «Trent’anni fa la nostra gente e moltissime altre persone hanno affidato all’allora costituenda realtà museale quanto avevano in soffitta, confidando che sarebbe rimasto di proprietà pubblica e non, come purtroppo è accaduto, passato di fatto in mani private. Quando è uscita la notizia del paventato trasloco, molti cittadini hanno scritto in Comune chiedendo che i loro oggetti restino a Temù. Se entro la data stabilita l’associazione non ottempererà a quanto stabilito nell’ordinanza faremo intervenire le forze dell’ordine e un nostro funzionario provvederà a stilare l’inventario dei reperti»


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 6, 2008

Orso uscito dal letargo si aggira in alta Val Camonica

Orso uscito dal letargo si aggira in alta Val Camonica

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 6 aprile 2008

Un orso, risvegliato dal letargo con l’arrivo della primavera, si aggira in questi giorni nei territori dell’alta Valle camonica, tra i comuni di Vezza d’Oglio, Temù e Ponte di Legno.

Dopo aver trascorso l’inverno all’interno del Parco dell’adamello, il plantigrade ha deciso di attraversare la scorsa notte sia il fiume Oglio che la strada statale 42 per portarsi nel Parco nazionale dello Stelvio sui monti di Vezza d’Oglio.

L’animale, col favore delle tenebre, ha quindi assalito un gregge di pecore a quota 1600 mt, in località Borom, e solamente questa mattina l’allevatore si è reso conto dell’accaduto. Tracce inequicovabili sul terreno ed il ritrovamento di due carcasse hanno subito permesso di indicare l’autore del misfatto.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress