Wiki Actu it

October 16, 2008

L\’IMB, il terrore dei pirati del XXI secolo

L’IMB, il terrore dei pirati del XXI secolo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 16 ottobre 2008

Sherlock Holmes statue at Meiringen1.jpg

L’IMB (Ufficio Marittimo Internazionale) con sede a Londra, la cui centrale operativa è a Kuala Lumpur e che fa capo alla CCI (Camera di Commercio internazionale), si occupa della pirateria marittima mondiale ed ha come dirigente un certo capitan Muku.

Capitan Muku, al secolo Pottengal Mukundan, è oggi considerato il terrore dei pirati del terzo millennio. Il suo braccio destro, Noel Choong, cittadino malese, che si occupa della centrale operativa, è stato condannato a morte dai pirati. È Mukundan, su segnalazione di Choong, ad occuparsi di allarmare le marine di mezzo mondo quando i masnadieri mettono a segno un colpo contro i mercantili.

E mentre i due si occupano di disturbare le azioni piratesche, le assicurazioni e gli armatori delle navi sovvenzionano questo, per loro, indispensabile ufficio investigativo.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 12, 2007

Indonesia: sisma di 7,9 gradi Richter, vittime

Indonesia: sisma di 7,9 gradi Richter, vittime

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 12 settembre 2007

Una fortissima scossa sismica di magnitudo di 7,9 gradi sulla Scala Richter ha colpito l’Asia centro-meridionale, tra l’Indonesia e la Malaysia, ma è stata avvertita anche in Thailandia e Singapore. L’allarme tsunami, inviato subito dopo la scossa, è rientrato subito. Alcuni edifici nella zona di Padong sono crollati, con un bilancio di nove morti e decine di feriti. Si è infine verificata una nuova scossa di magnitudo 6,5 con un nuovo allarme tsunami lanciato dal centro di monitoraggio dell’Oceano Pacifico.

Il Ministero degli Esteri italiano si è messo prontamente in contatto con le zone colpite, per sapere se ci sono connazionali coinvolti, notizia smentita subito dopo.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

February 11, 2007

Tour de Langkawi 2007

Filed under: Ciclismo,Malaysia,Pubblicati — admin @ 5:00 am

Tour de Langkawi 2007 – Wikinotizie

Tour de Langkawi 2007

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

11 febbraio 2007

Altre corse a tappe di ciclismo
Italia
  • Sett. Coppi e Bartali (27/31-3)
  • Giro d’Abruzzo (19/22-4)
  • Giro Friuli Venezia Giulia (9/13-5)
  • Giro della Toscana (6/9-9)
Altri Paesi

Si è concluso oggi in Malaysia del Tour de Langkawi di ciclismo.
La vittoria finale è andata al francese Anthony Chartenau.

Le tappe[]

  • 1° tappa, 2 febbraio: Isola Langkawi (81,4 km)
  • 2° tappa, 3 febbraio: Kangar-Kulim (166,2 km)
  • 3° tappa, 4 febbraio: Kuala Kangsar-Cameron Highlands (133,2 km)
  • 4° tappa, 5 febbraio: Gua Musang-Kota Bharu (178,1 km)
  • 5° tappa, 6 febbraio: Kota Bharu-Kuala Terengganu (167,0 km)
  • 6° tappa, 7 febbraio: Kuala Terengganu-Cukai (141,5 km)
  • 7° tappa, 8 febbraio: Kuantan-Karak (174,0 km)
  • 8° tappa, 9 febbraio: Shah Alam-Genting Highlands (84,4 km)
  • 9° tappa, 10 febbraio: Putrajaya-Seremban (170,5 km)
  • 10° tappa, 11 febbraio: Criterium di Kuala Lumpur (55,9 km)

Classifiche di tappa[]

1° tappa[]

La prima tappa, partita dal simbolo di Langkawi, il Dataran Helang, ha visto la vittoria dell’italiano Alberto Loddo, al suo secondo successo nella stagione appena iniziata.

  • 1° Alberto Loddo (Flag of Italy.svg Italia) in 1h49’23”
  • 2° Ruben Buongiorno (Flag of Argentina.svg Argentina) s.t.
  • 3° Maximiliano Richeze (Flag of Argentina.svg Argentina) s.t.
  • 4° Brad Huff (Flag of the United States.svg Stati Uniti) s.t.
  • 5° Nikolai Trusov (Flag of Russia.svg Russia) s.t.
  • 6° Ahmad Haidar (Flag of Malaysia.svg Malesia) s.t.
  • 7° Nicolas Sanderson (Flag of Australia.svg Australia) s.t.
  • 8° William Bonnet (Flag of France.svg Francia) s.t.
  • 9° Rupert Rheeder (Flag of South Africa.svg Sudafrica) s.t.
  • 10° Miyazawa Takashi (Flag of Japan.svg Giappone) s.t.

2° tappa[]

Richeze vince in volata e si portain prima poizione nella classifica provvisoria, scavalcando l’italiano Alberto Loddo.

  • 1° Maximiliano Richeze (Flag of Argentina.svg Argentina) in 3h55’41”
  • 2° Daryl Impey (Flag of South Africa.svg Sudafrica) s.t.
  • 3° Alberto Loddo (Flag of Italy.svg Italia) s.t.
  • 4° Sung Baek Park (Flag of South Korea.svg Corea del Sud) s.t.
  • 5° Nikolai Trusov (Flag of Russia.svg Russia) s.t.
  • 6° Julian Dean (Flag of New Zealand.svg Nuova Zelanda) s.t.
  • 7° Luis Pasamontes (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 8° Brad Huff (Flag of the United States.svg Stati Uniti) s.t.
  • 9° William Bonnet (Flag of France.svg Francia) s.t.

3° tappa[]

Una nuova tappa ed un nuovo vincitore, che, come nelle precedenti tappe, conquista la vetta della classifica. Questa volta è il francese Anthony Charteau a vincere, per distacco. Al secondo posto in classifica generale il colombiano Walter Pedraza Morales, terzo il francese Thomas Voeckler.

  • 1° Anthony Charteau (Flag of France.svg Francia) in 3h40’51”
  • 2° Walter Pedraza Morales (Flag of Colombia.svg Colombia) a 3’54”
  • 3° Yoann Le Boulanger (Flag of France.svg Francia) a 4’29”
  • 4° Thomas Voeckler (Flag of France.svg Francia) s.t.
  • 5° Pavel Brutt (Flag of Russia.svg Russia) a 4’31”
  • 6° Luis Pasamontes (Flag of Spain.svg Spagna) s.t.
  • 7° Julien Loubet (Flag of France.svg Francia) s.t.

4° tappa[]

La quarta tappa si decide in volata: primo l’italiano Alberto Loffo, che precede l’argentino Maximiliano Richeze e il sudafricano Daryl Impey. Loddo conquista così la sua seconda vittoria di tappa. Anthony Chartenau mantiene il primo posto della classifica generale, con quattro minuti di vantaggio sul colombiano Walter Pedraza.

  • 1° Alberto Loddo (Flag of Italy.svg Italia) in 4h00’58”
  • 2° Maximiliano Richeze (Flag of Argentina.svg Argentina) s.t.
  • 3° Daryl Impey (Flag of South Africa.svg Sudafrica) s.t.
  • 4° Brad Huff (Flag of the United States.svg Stati Uniti) s.t.
  • 5° Sung Baek Park (Flag of South Korea.svg Corea del Sud) s.t.

5° tappa[]

Alberto Loddo vince lo sprint anche della quinta tappa, precedendo l’argentino Richeze. In testa alla classifica generale rimane Anthony Charteau, mentre Loddo è primo nella speciale classifica a punti.

  • 1° Alberto Loddo (Flag of Italy.svg Italia) in 3h55’07”
  • 2° Maximiliano Richeze (Flag of Argentina.svg Argentina) s.t.
  • 3° Nicolas Sanderson (Flag of Australia.svg Australia) s.t.
  • 4° Julian Dean (Flag of New Zealand.svg Nuova Zelanda) s.t.
  • 5° Ahmad Haidar Anuawar (Flag of Malaysia.svg Malesia) s.t.
  • 6° Sung Baek Park (Flag of South Korea.svg Corea del Sud) s.t.
  • 7° Pedro Costa (Flag of Portugal.svg Portogallo) s.t.
  • 8° Anuar Manan (Flag of Malaysia.svg Malesia) s.t.
  • 9° Daryl Impey (Flag of South Africa.svg Sudafrica) s.t.
  • 10° Nickolay Trusov (Flag of Russia.svg Russia) s.t.

6° tappa[]

Alberto Loddo vince ancora. Sei tappe e quattro primi posti, anche stavolta in volata, ed il battuto è ancora Maximiliano Richeze. Intervistato, Loddo ha dichiarato di augurarsi che questa buona prestazione permetta alla sua squadra di ottenere l’invito a partecipare al Giro d’Italia. Anthony Charteau mantiene il comando della classifica generale.

  • 1° Alberto Loddo (Flag of Italy.svg Italia) in 3h00’57”
  • 2° Maximiliano Richeze (Flag of Argentina.svg Argentina) s.t.
  • 3° Brad Huff (Flag of the United States.svg Stati Uniti) s.t.
  • 4° Takashi Miyazawa (Flag of Japan.svg Giappone) s.t.
  • 5° Mariusz Wiesiak (Flag of Poland.svg Polonia) s.t.
  • 6° Sung Baek Park (Flag of South Korea.svg Corea del Sud) s.t.
  • 7° Rupert Rheeder (Flag of South Africa.svg Sudafrica) s.t.
  • 8° William Bonnet (Flag of France.svg Francia) s.t.
  • 9° Pedro Costa (Flag of Portugal.svg Portogallo) s.t.
  • 10° Franck Renier (Flag of France.svg Francia) s.t.

7° tappa[]

Il giapponese Fukushima spezza il dominio di Loddo vincendo la settima tappa. Precede sul traguardo l’italiano Elia Gaggiano della Tinkoff, beffato a pochi metri dal traguardo. Quarto un altro italiano, Francesco Tomei. Sempre primo in classifica il francese Charteau, mentre Fukushima balza al secondo posto.

  • 1° Shinichi Fukushima (Flag of Japan.svg Giappone) in 3h47’42” (44,8 km/h)
  • 2° Elia Aggiano (Flag of Italy.svg Italia) a 2″
  • 3° Pierre Drancourt (Flag of France.svg Francia) a 12″
  • 4° Francesco Tomei (Flag of Italy.svg Italia) a 40″
  • 5° Erwin Thijs (Flag of Belgium (civil).svg Belgio) s.t.
  • 6° Won Jae Lee (Flag of South Korea.svg Corea del Sud) a 42″
  • 7° Sea Keong Loh (Flag of Malaysia.svg Malesia) a 1’09”
  • 8° Yoshiyuki Abe (Flag of Japan.svg Giappone) a 1’22”
  • 9° Alberto Loddo (Flag of Italy.svg Italia) s.t.
  • 10° Johannes Kachelhoffer (Flag of South Africa.svg Sudafrica) s.t.

8° tappa[]

Il colombiano José Serpa si è aggiudicato la tappa per distacco, davanti al suo connazionale Walter Pedraza. Il francese Anthony Chartenau mantiene il comando della classifica, davanti al vincitore odierno, staccato di 1’02”.

  • 1° José Serpa (Flag of Colombia.svg Colombia) in 2h45’49”
  • 2° Walter Pedraza (Flag of Colombia.svg Colombia) a 1’16”
  • 3° José Rujano (Flag of Venezuela.svg Venezuela) a 1’44”
  • 4° David George (Flag of South Africa.svg Sudafrica) a 2’25”
  • 5° Jay Crawford (Flag of Australia.svg Australia) a 2’51”
  • 6° Ghader Mizbani (Flag of Iran.svg Iran) a 3’00”
  • 7° Yoann Le Boulanger (Flag of France.svg Francia) a 3’21”
  • 8° Francesco Bellotti (Flag of Italy.svg Italia) a 3’28”
  • 9° Yokihiro Doi (Flag of Japan.svg Giappone) a 3’31”
  • 10° Anthony Charteau (Flag of France.svg Francia) a 3’36”

9° tappa[]

Il russo Pavel Brutt si impone nella nona tappa, portando alla neonata Tinkoff, il primo successo stagionale. Immutata la vetta della classifica generale, con al comando il francese Anthonu Charteau.

  • 1° Pavel Brutt (Flag of Russia.svg Russia) in 4h07’08”
  • 2° Sergey Kolesnikov (Flag of Russia.svg Russia) a 3″
  • 3° Pierre Drancourt (Flag of France.svg Francia) s.t.
  • 4° David George (Flag of South Africa.svg Sudafrica) s.t.
  • 5° Luis Pasamontes Rodriguez (Flag of Spain.svg Spagna) a 5″

10° tappa[]

Il Tour di Langkawi si chiude con un’altra vittoria in volata dell’italiano Alberto Loddo, la quinta in questo giro malesiano. Il francese Anthony Charteau termina il giro al comando della classifica generale.

  • 1° Alberto Loddo (Flag of Italy.svg Italia) in 1h41’55”
  • 2° Nikolai Trusov (Flag of Russia.svg Russia) s.t.
  • 3° Maximiliano Richeze (Flag of Argentina.svg Argentina) s.t.
  • 4° Julian Dean (Flag of New Zealand.svg Nuova Zelanda) s.t.
  • 5° Takashi Miyazawa (Flag of Japan.svg Giappone) s.t.

Classifica generale finale[]

  • 1° Anthony Charteau (Flag of France.svg Francia) in 33h32’14”
  • 2° José Serpa (Flag of Colombia.svg Colombia) a 1’02”
  • 3° Walter Pedraza Morales (Flag of Colombia.svg Colombia) a 1’34”
  • 4° David George (Flag of South Africa.svg Sudafrica) a 3’06”
  • 5° Jay Crawford (Flag of Australia.svg Australia) a 4’05”
  • 6° Ghader Mizbani (Flag of Iran.svg Iran) a 4’14”
  • 7° Pavel Brut ((Flag of Russia.svg Russia) a 4’21”
  • 8° Yokihiro Doi (Flag of Japan.svg Giappone) a 4’43”
  • 9° Luis Pasamontes Rodriguez (Flag of Spain.svg Spagna) a 4’53”
  • 10° Hossein Askari (Flag of Iran.svg Iran) a 4’54”
  • 11° Sergey Kolesnikov (Flag of Russia.svg Russia) a 4’59”
  • 12° Yoann Le Boulanger (Flag of France.svg Francia) a 5’08”
  • 13° Serguei Klimov (Flag of Russia.svg Russia) a 5’11”
  • 14° Francesco Bellotti (Flag of Italy.svg Italia) a 5’15”
  • 15° Jonathon Clarke (Flag of Australia.svg Australia) a 5’40”
  • 16° Ian McLeod (Flag of South Africa.svg Sudafrica) a 5’53”
  • 17° Michael Lange (Flag of the United States.svg Stati Uniti) a 5’56”
  • 18° Paul Griffin (Flag of Ireland.svg Irlanda) a 7’52”
  • 19° Timothy Duggan (Flag of the United States.svg Stati Uniti) a 7’53”
  • 20° Gene Bates (Flag of Australia.svg Australia) a 7’56”

Partecipanti[]

AG2r
Arrieta
Calzati
Loubet
Navas
Sonnery

AIS
Bates
Clarke S.
Ford W.
Higgerson
Sanderson
Sulzberger

Bouygues Tel.
Drancourt
Le Boulanger
Lefèvre
Rénier
Rous
Voeckler

Crédit Agr.
Bellotti
Bodrogi
Bonnet
Charteau
Dean
Poilvet

Franç. des Jeux
Casar
Gudsell
Jégou
Lindgren
McLeod
Patanchon

Giant Asia
Askari
Chiang
Griffin
Lai
Mizbani
Peng

Hong Kong Pro Cyc.
Chan
Cheung K. W.
Lam
Tang
Wong
Wu

Marco Polo
Kudentsov
Loh
Nabben
Ulzii-Orshikh
Xing
Zonneveld

Nippo-Meitan
Arashiro
Fukushima K.
Fukushima S.
Miyazawa
Shimizu M.
Wiesiak

Panaria
Bongiorno
Metveyev
Perez
Richeze
Savini
Tomei

Polygon-Sweetnice
Dyadichkin
Fitrianto
Jaya
Santoso
Timofeev
Yakovlev

Selle Italia
Belli
Brea
Duarte
Loddo
Pedraza
Serpa

Skil-Shimano
Abe
Doi
Hirose
Kano
Nodero
Shinagawa

Slipstream
Creed
Duggan
Duyn
Huff
Lange
Patour

Tinkoff
Aggiano
Brutt
Commesso
Klimov
Trusov
Weigold

Victoria-ASC
Barroso
Costa
Isidoro
Ng
Rodrigues
Sampaio

Unibet.com
Khatuntsev
Kolesnikov
Pasamontes
Rujano
Scheuneman
Vandenbergh

Corea del Sud
Chung
Lee S. J.
Lee W. J.
Oh
Park
You

Iran
Abbas
Mahdi
Khormazi Moe.
Khormazi Mos.
Vaezeghan
Zagari

Malaysia
Ali
Hassan
Lufti
Misbah
Sawai
Zahit

Sudafrica
George
Impey
Kachelhoffer
Kannemeyer
Rheeder
White

Letua
Anwar
Ghani
Manan
Rahman
Rosdi
Zainal

MNCF
Aziz
Razak
Ruslan
Rusli
Salleh M. H.
Salleh M. Z.

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress