Wiki Actu it

December 19, 2010

È morta Orsola Fallara: la dirigente del Comune di Reggio Calabria aveva tentato il suicidio ingerendo acido muriatico

È morta Orsola Fallara: la dirigente del Comune di Reggio Calabria aveva tentato il suicidio ingerendo acido muriatico

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 19 dicembre 2010

Palazzo San Giorgio sede del Comune di Reggio Calabria

Non ce l’ha fatta Orsola Fallara, è deceduta nel reparto di rianimazione degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria verso le ore 13:00 di venerdì 17.

La dirigente al settore Finanze e Tributi del Comune di Reggio Calabria aveva tentato il suicidio ingerendo acido muriatico. Dopo aver tenuto una conferenza stampa nel pomeriggio di mercoledì 15, nella tarda serata la dottoressa Fallara si era recata a bordo della sua auto presso il porto cittadino e verso la mezzanotte aveva messo in atto il suo gesto estremo. Forse in un disperato tentativo di salvarsi aveva chiamato il 112. Soccorsa da un’ambulanza del 118, avvertita tempestivamente dai militari dell’Arma, era stata trasportata presso l’ospedale della città dello stretto, dove le sue condizioni erano apparse subito gravissime. Sottoposta il giorno dopo a un delicato intervento chirurgico demolitivo-ricostruttivo, per asportare gli organi danneggiati irreversibilmente dall’acido e per ricostruire l’esofago.

Per otto anni a fianco dell’ex sindaco Giuseppe Scopelliti, una volta che questi era stato eletto presidente della regione Calabria, per la Fallara era iniziato un rapporto teso con il nuovo sindaco facente funzioni Giuseppe Raffa.

Accusata dall’ex assessore regionale Demetrio Naccari Carlizzi di essersi liquidata indebitamente ingenti compensi per rappresentare il Comune davanti alla Commissione tributaria, l’accusa era sfociata in un esposto alla procura della Repubblica che aveva aperto un’inchiesta per abuso d’ufficio. Nella conferenza stampa di mercoledì scorso, la Fallara, che nel frattempo era stata sospesa per un mese dal suo incarico dal sindaco Giuseppe Raffa, pur continuando a negare di aver compiuto atti illegittimi, ammetteva di aver sbagliato, annunciava le sue dimissioni dal suo incarico di dirigente e chiedeva scusa alla sua famiglia e all’ex sindaco Giuseppe Scopelliti. In serata la vettura della Fallara era stata misteriosamente danneggiata ed era stato rubato il cellulare custodito nell’abitacolo. La dirigente aveva denunciato l’accaduto ma nulla lasciava presagire il gesto estremo che si sarebbe consumato di lì a poco.


Fonti

Collegamenti esterni

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 1, 2008

USA, si è suicidato Bruce Ivins, lo scienziato sospettato per gli attentati con antrace

USA, si è suicidato Bruce Ivins, lo scienziato sospettato per gli attentati con antrace

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 1 agosto 2008
Si è suicidato quest’oggi Bruce Edwards Ivins, esperto di armi chimiche, sospettato di essere coinvolto negli attentati portati a termine con l’antrace, dopo quelli dell’11 settembre 2001.

Lavorava presso l’unità di ricerca d’elite dell’esercito statunitense a Fort Detrick, e per 18 anni come ricercatore nei laboratori del dipartimento per la biodifesa nella stessa base militare. In quel periodo l’antrace fu inviata ai maggiori network americani e ad alcuni membri del congresso, alimentando la paura di altri attentati. Gli attacchi compiuti con questo batterio provocarono 5 morti e 17 intossicati.

Nell’articolo del Los Angeles Times, viene affermato che Bruce era già stato informato della sua cattura imminente, prima di togliersi la vita. Tutt’ora la Federal Bureau of Investigation (FBI) sta indagando sulle dinamiche del suicidio.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 24, 2007

André Gorz si è suicidato

André Gorz si è suicidato – Wikinotizie

André Gorz si è suicidato

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 24 settembre 2007
Sono stati trovati oggi a Vosnon, nell’Aube, da un’amica di famiglia, i cadaveri del filosofo francese André Gorz e di sua moglie Dorine. I due, rispettivamente 84 e 83 anni, si erano sposati 50 anni fa. Prima di commettere il duplice suicidio hanno scritto agli amici e successivamente appeso un messaggio alla soglia della loro abitazione in cui si chiedeva di rivolgersi ai gendarmi.

Nato nel 1923 a Vienna con il nome Gerard Hors, dopo aver ottenuto la cittadinanza francese nel 1954 Gorz aveva fondato con Jean Daniel Le Nouvel Observateur, un settimanale di ispirazione socialdemocratica. Nel Nouvel Observateur era solito firmare i propri articoli, a partire dal 1964, sotto lo pseudonimo di Michel Bosquet.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 17, 2006

Ciclismo: suicida il suocero di Landis

Ciclismo: suicida il suocero di Landis – Wikinotizie

Ciclismo: suicida il suocero di Landis

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì  17 agosto 2006

David Witt, 57 anni, suocero di Floyd Landis, vincitore dell’ultimo Tour de France e indagato per doping, si è suicidato questa mattina con un colpo di pistola.

Witt è stato rinvenuto in gravi condizioni in un parcheggio di San Diego (California); trasportato in ospedale, l’uomo è deceduto sette ore dopo il ricovero. L’uomo si trovava a Parigi quando il genero concludeva la prestigiosa corsa ciclistica. Quattro giorni più tardi, Landis era stato trovato positivo al test antidoping e, dopo che le controanalisi avevano confermato la presenza di testosterone nel sangue oltre il consentito, era stato squalificato dal Tour e licenziato dalla sua squadra, la Phonak.

Non è ancora chiaro se sussistano legami fra l’avvenuto suicidio e la squalifica di Landis.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

July 21, 2006

Si è suicidato il responsabile security di Telecom Italia

Si è suicidato il responsabile security di Telecom Italia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

21 luglio 2006

Il 42enne Adamo Bove, dirigente di Telecom Italia, responsabile del settore security, si è suicidato oggi, attorno alle 12, a Napoli, gettandosi dal ponte di via Cilea terminando la propria corsa contro la sottostante tangenziale.

L’uomo, ex funzionario della Digos partenopea, lavorava da tempo a Telecom e, proprio a motivo del suo incarico presso il gestore delle comunicazioni era rimasto coinvolto nelle inchieste condotte dalla Procura di Roma sulle intercettazioni. Pare che Bove soffrisse anche di depressione.

Sul cadavere gli investigatori non hanno rinvenuto documenti, e questo ha ritardato la sua identificazione.

Fonte

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress