Wiki Actu it

March 25, 2012

Sport in lutto: stroncato da un malore in campo l\’ex-azzurro di pallavolo Vigor Bovolenta

Sport in lutto: stroncato da un malore in campo l’ex-azzurro di pallavolo Vigor Bovolenta

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Macerata, domenica 25 marzo 2012

Vigor Bovolenta (1974-2012)

Il mondo dello sport è sotto choc per l’improvvisa scomparsa, avvenuta a soli 37 anni per un malore in campo, del pallavolista, ex-centrale della Nazionale, Vigor Bovolenta. Bovolenta si è accasciato ieri sera durante la partita della sua squadra, il Forlì, impegnata in trasferta contro la Lube Macerata per una gara del campionato nazionale di B2.

Bovolenta ha accusato il malore fatale mentre stava effettuando la battuta: «Mi gira la testa, aiuto, cado», sono state le sue parole, mentre l’atleta si toccava un fianco all’altezza del cuore. I soccorsi sono scattati immediati e allo sfortunato giocatore è stato subito praticato il massaggio cardiaco, e dato che l’atleta non riprendeva conoscenza è stato deciso il trasporto all’ospedale di Macerata.

Snervante l’attesa dei compagni di Bovolenta, dell’allenatore del Volley Forlì Stefano Mascetti e dei dirigenti della squadra, ma la speranze si sono rivelate vane e l’atleta trentasettenne è stato dichiarato morto.

Vigor Bovolenta era nato a Contarina, in provincia di Rovigo, il 30 maggio 1974. Lascia la moglie, l’ex-pallavolista Federica Lisi, e quattro figli, con cui viveva a Ravenna. Doveva il nome Vigor ad un trapezista russo che il fratello (scomparso nel 1990) e la sorella avevano visto esibirsi in un circo.

Il suo palmarès è costellato di successi e conta, tra l’altro, due campionati europei, quattro World League, due scudetti, due Coppe dei Campioni, un mondiale per club e la medaglia d’argento ai Giochi Olimpici di Atlanta del 1996. Il 3 maggio 1995 aveva esordito con la nazionale italiana, non ancora ventiduenne, in una partita disputata a L’Avana contro Cuba.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 27, 2010

Immigrato preso a calci da bambini, i genitori indifferenti ridono

Immigrato preso a calci da bambini, i genitori indifferenti ridono

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 27 agosto 2010

Una foto della spiagga di Civitanova Marche

Un immigrato del Bangladesh, venditore ambulante, è stato insultato e preso a calci da un gruppo di ragazzini di 10-11 anni mentre si stava riposando su una sdraio a Civitanova Marche (provincia di Macerata). Tra i testimoni c’è una cronista dell’ANSA, Paola Lo Mele, la quale ha raccontato che cinque bambini hanno circondato la sdraio del venditore ambulante, che si era seduto per riposare dopo il giro sulla spiaggia dello stabilimento balneare, e gli hanno intimato di andarsene, insultandolo e dando calci contro la sdraio.

Tra le frasi a sfondo razzista che i piccoli hanno detto c’erano «Alzati da qua, vattene, questa è proprietà privata!», «Amigo vattene, vai a vendere fuori da qua», «Questa roba l’hai rubata». La vittima ha così commentato l’accaduto: «Sono stati molto cattivi», affermando anche che non vuole sporgere denuncia.

La cronista ha infine raccontato che le violenze sono state seguite da alcuni adulti, probabilmente i genitori dei bambini, che non solo non hanno fatto nulla per evitare gli attacchi ma hanno seguito la scena ridendo.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

January 12, 2010

Terremoto nelle Marche: tanta paura ma nessun danno

Terremoto nelle Marche: tanta paura ma nessun danno

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

martedì 12 gennaio 2010

Sisma del Piceno
Magnitudo 4.1 ML
Nazione Italia
Profondità 25,6 km
Epicentro Colmurano, Gualdo
Data e ora 12 gennaio 2010
Città più vicina Macerata
Feriti nessuno
Morti nessuno

Questa mattina, a partire dalle ore 09:07 si sono susseguite nelle Marche una serie di scosse di terremoto di magnitudo 2,7-2,9, culminate alle 9:25 in un evento sismico di magnitudo 4,0 della Scala Richter con epicentro, non preciso, nelle vicinanze dei comuni di Colmurano e Gualdo e una profondità di 25,6 km.[1]

La scossa, che ha interessato una vasta area del Piceno, è stata chiaramente avvertita a Macerata, Fermo ed Ascoli Piceno. Numerose sono state le chiamate ai Vigili del Fuoco da parte dei cittadini per conoscere l’epicentro e la magnitudo del terremoto e per sapere come comportarsi. Fino ad ora non si sono registrati né danni né vittime o feriti.

Molta agitazione nelle scuole di tutto il territorio, visto l’orario in cui si è verificato il terremoto. A Loro Piceno, una delle località vicino all’epicentro, le lezioni sono subito state sospese. Il sindaco Daniele Piatti, intervistato anche durante un’edizione di Sky Tg24, ha dichiarato: «Studenti e insegnanti sono stati presi dal panico; li abbiamo radunati nel campus scolastico all’aperto, ma, constatato che non riuscivano a calmarsi, abbiamo deciso di sospendere per oggi le lezioni di ogni ordine e grado.».

Ad Ascoli Piceno, nel Liceo delle Scienze Sociali, forte agitazione tra docenti e studenti che sono voluti uscire dall’edificio dopo pochi minuti dalla scossa, riunendosi nel piazzale adiacente. Proprio nella giornata di ieri si erano svolte le prove di evacuazione, con evidente difficoltà degli studenti che si trovano al terzo piano, nelle aree della “torretta” Est e Nord-Ovest, che devono percorrere diverse scale, e con un’unica uscita senza scale d’emergenza. Le lezioni sono poi riprese, tranne per gli studenti del terzo piano, che si sono riuniti nell’ampio giardino della scuola per continuare le attività.

Enzo Boschi, presidente del Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha affermato: «Abbiamo una sequenza sismica in atto nella zona di Ascoli Piceno, la scossa più forte è quella di martedì di magnitudo 4, da qualche settimana la stiamo osservando – dice Boschi -. Sono scosse abbastanza profonde, con una profondità focale dell’ordine di 20 chilometri e sono scosse modeste. Non ritengo, che a parte la comprensibile paura della popolazione, possano causare particolari problemi.».

Nel pomeriggio, alle ore 14:35:44, un’altra scossa di magnitudo 4,1 ha colpito le Marche, con lo stesso epicentro. Il terremoto è stato avvertito anche a L’Aquila e non si sono registrate vittime o nuovi danni. In serata nessuna nuova rilevante scossa, ma la situazione resta comunque sotto controllo.

La sequenza sismica[]

La sequenza sismica nel Piceno è iniziata l’8 gennaio 2010, con scosse di magnitudo 2.5-3.0, di seguito i vari eventi sismici (dati INGV):

Legenda
  • In rosso: la scossa più importante dall’inizio della sequenza sismica
  • In grassetto: le scosse più importanti
  • In blu: la scossa che ha dato inizio alla sequenza sismica
  • Testo normale: tutte le altre scosse con intensità minore

Segnalazioni

La graduazione dei fenomeni sismici è in parte basata anche sull’osservazione degli effetti percepiti, pertanto per l’accuratezza dello studio è assai utile ampliare la raccolta dei dati. Se hai avvertito le scosse puoi segnalarlo a:

  • Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia compilando il modulo su questa pagina
  • Servizio Geologico degli Stati Uniti su questa pagina, selezionando la scossa e cliccando sul link Did you feel it? Tell us! al di sopra della mappa
Data Ora (locale) Latitudine Longitudine Profondità Magnitudo Fonte
12 gennaio 2010 15:04:40 43,133 N 13,429 E 20,0 ML 2,5 [1]
12 gennaio 2010 14:35:44 43,129 N 13,438 E 24,1 ML 4,1 [2]
12 gennaio 2010 12:40:39 43,141 N 13,412 E 18,8 ML 2,7 [3]
12 gennaio 2010 12:26:49 43,118 N 13,425 E 22,3 ML 2,7 [4]
12 gennaio 2010 09:48:51 43,133 N 13,439 E 16,5 ML 2,6 [5]
12 gennaio 2010 09:35:51 43,139 N 13,405 E 25,0 ML 2,6 [6]
12 gennaio 2010 09:25:10 43,123 N 13,413 E 25,6 ML 4,0 [7]
10 gennaio 2010 15:02:22 43,159 N 13,495 E 10,0 ML 1,7 [8]
10 gennaio 2010 13:37:36 43,134 N 13,416 E 35,8 ML 3,1 [9]
10 gennaio 2010 09:33:35 43,126 N 13,402 E 9,0 ML 3,9 [10]
8 gennaio 2010 23:40:20 43,022 N 13,462 E 25,7 ML 2,9 [11]


Note[]

  1. Scheda dell’evento sismico dell’ Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Fonti[]


Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress