Immigrato preso a calci da bambini, i genitori indifferenti ridono

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

venerdì 27 agosto 2010

Una foto della spiagga di Civitanova Marche

Un immigrato del Bangladesh, venditore ambulante, è stato insultato e preso a calci da un gruppo di ragazzini di 10-11 anni mentre si stava riposando su una sdraio a Civitanova Marche (provincia di Macerata). Tra i testimoni c’è una cronista dell’ANSA, Paola Lo Mele, la quale ha raccontato che cinque bambini hanno circondato la sdraio del venditore ambulante, che si era seduto per riposare dopo il giro sulla spiaggia dello stabilimento balneare, e gli hanno intimato di andarsene, insultandolo e dando calci contro la sdraio.

Tra le frasi a sfondo razzista che i piccoli hanno detto c’erano «Alzati da qua, vattene, questa è proprietà privata!», «Amigo vattene, vai a vendere fuori da qua», «Questa roba l’hai rubata». La vittima ha così commentato l’accaduto: «Sono stati molto cattivi», affermando anche che non vuole sporgere denuncia.

La cronista ha infine raccontato che le violenze sono state seguite da alcuni adulti, probabilmente i genitori dei bambini, che non solo non hanno fatto nulla per evitare gli attacchi ma hanno seguito la scena ridendo.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.