Wiki Actu it

May 9, 2011

Lutto al Giro d\’Italia: cade e muore il ciclista belga Weylandt

Lutto al Giro d’Italia: cade e muore il ciclista belga Weylandt

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

lunedì 9 maggio 2011

Wouter Weylandt nel 2007

Tragedia durante la terza tappa del Giro d’Italia. Il ciclista belga Wouter Weylandt è morto dopo essere caduto, per cause ancora da chiarire, vicino ad un tornante, battendo la testa a terra in maniera violentissima. L’incidente è avvenuto sul Passo del Bocco, valico di montagna tra l’Emilia-Romagna e la Liguria.

All’uscita di una curva a 25 chilometri dal traguardo e posta nel tratto finale della discesa, Weylandt si volta per controllare la situazione. A causa di questa distrazione, finisce lungo. Resosi conto della situazione, prova a frenare (sull’asfalto, infatti, dopo l’incidente sono stati rilevati i segni delle gomme) ma è troppo tardi per evitare l’incidente e con il pedale sinistro urta il muretto sul strada. Viene sbalzato dall’altra parte della sede stradale dove, dopo un volo di 15 metri, impatta con il viso contro il muro. Questa rovinosa collisione provoca la morte sul colpo del ciclista.

I soccorsi, che hanno agito tempestivamente per tentare di rianimare l’atleta, non hanno però potuto fare nulla. Weylandt, 26 anni, è morto alcuni minuti dopo. A questo proposito, il responsabile medico della gara, Giovanni Tredici, ha dichiarato ai mezzi d’informazione: «Abbiamo tentato la rianimazione, facendo tutto quello che si doveva fare. Purtroppo, dopo una quarantina di minuti, abbiamo sospeso tutto. Ho avuto il conforto del 118 che ci ha detto che era inutile insistere nella rianimazione. Siamo arrivati immediatamente, eravamo dietro il gruppo, e lo abbiamo trovato in stato di incoscienza con una frattura della base cranica e frontale abbastanza estesa e il massiccio facciale compromesso. Weylandt è stato assistito dai rianimatori al seguito della corsa e nonostante questo soccorso immediato non c’è stato nulla da fare».

I festeggiamenti consueti al termine della tappa sono stati annullati, già prima che fosse diramata la notizia del decesso.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 26, 2006

Ciclismo: lo spagnolo Isaac Gálvez muore dopo un incidente in pista

Ciclismo: lo spagnolo Isaac Gálvez muore dopo un incidente in pista

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

26 settembre 2006
Il ciclista spagnolo Isaac Gálvez López è morto oggi dopo una caduta nel corso dell’americana della penultima giornata della Sei giorni di Gand. Gálvez aveva 31 anni ed era il campione mondiale dell’americana. Le cause della morte sono state indicate dall’autopsia: una costola fratturata nella caduta ha colpito il cuore.

Gálvez, nato a Vilanova i la Geltrú il 20 maggio 1975, era divenuto professionista nel 2000 con la Kelme. Nel 2004 era passato alla Caisse d’Epargne-Illes Balears. Era considerato uno sprinter puro, anche se molto spesso correva rischi notevoli. Come professionista aveva ottenuto 12 vittorie, di cui tre nell’ultima stagione (Trofeo Mallorca, Trofeo Alcúdia, una tappa della Quattro Giorni di Dunkerque). Due volte campione mondiale nell’americana in coppia con Juan Llaneras, nel 2006 a Bordeaux e nel 1999 a Berlino, si era sposato da sole tre settimane con Davinia.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 1, 2006

Olanda: è morto il ciclista Arno Wallaard

Olanda: è morto il ciclista Arno Wallaard

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

1 marzo 2006

Il ciclista olandese Arno Wallaard è morto oggi, poche ore dopo essere stato colto da un malore alla fine di un allenamento. Aveva 26 anni.

Le cause del decesso non sono ancora nota e saranno stabilite solo dopo l’autopsia. Campione nazionale dei dei dilettanti nel 2001, era approdato al professionismo nel 2003, vincendo 5 corse.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 6, 2005

Ciclismo: è morto Charly Gaul

Ciclismo: è morto Charly Gaul – Wikinotizie

Ciclismo: è morto Charly Gaul

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

6 dicembre 2005

Si è spento per un’embolia polmonare il ciclista Charly Gaul. Aveva 72 anni.

Nato l’8 dicembre 1932 in Lussemburgo, Charly fu uno scalatore puro, il ciclista della pioggia e del ghiaccio. L’8 giugno 1956 arrivò primo e solitario in cima al Bondone, conquistando poi il primo Giro d’Italia di uno straniero. La temperatura era di 4 gradi sotto lo zero, la sua maglietta non si staccava più dalla pelle. La mascella non si apriva. Gaul dovette restare per mezz’ora nella vasca d’acqua calda e, quando si riprese, disse «Dove sono?».

Di quella tappa raccontò in una intervista «Il Bondone ha segnato la mia vita nella gioia e nel rimpianto. La gioia nel 1956, quando vinsi: ricordo che stavo cadendo in una crisi di fame, quando uno spettatore mi allungò una banana. Fu la mia salvezza. Il rimpianto nel 1957, quando persi: mi fermai per fare la pipì, Bobet lanciò l’attacco, scoppiò la guerra, e io ci rimisi la maglia rosa. A ripensarci mi vengono ancora i nervi». E da quel giorno, Gaul si guadagnò il soprannome di “Monsieur Pipì”.

Oltre a quello del 1956, vinse anche il Giro d’Italia del 1959 e il Tour de France del 1958. In totale conquistò 11 tappe al Giro e 10 al Tour.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress