Europei di atletica 2012: Mekhissi-Benabbad vince ma se la prende con la mascotte

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Helsinki, lunedì 2 luglio 2012

Mahiedine Mekhissi-Benabbad

Un grave atto di scorrettezza extra-sportiva getta un’ombra sulla vittoria ottenuta ai Campionati europei di atletica leggera 2012, in corso di svolgimento a Helsinki, da Mahiedine Mekhissi-Benabbad, specialista francese dei 3000 metri siepi, alla sua seconda affermazione continentale nella specialità dopo la vittoria nell’edizione 2010.

L’atleta francese aveva appena superato vittoriosamente il traguardo quando, come di consueto per i vincitori, è stato avvicinato dalla mascotte ufficiale dei campionati, il cui costume era indossato da una ragazzina quattordicenne. Il pupazzo ha fatto appena in tempo ad accennare l’usuale gesto di porgere un dono al vincitore, quando il mezzofondista francese ha inspiegabilmente reagito con un brusco gesto di rifiuto, smanacciando con forza sul dono appena offertogli, fino a sbatterlo in terra. A questo primo gesto ha fatto subito seguito un comportamento ancor più violento, una forte spinta assestata al corpo della mascotte, che ha costretto la ragazzina ad arretrare di alcuni metri per evitare una caduta all’indietro.

Si tratta di una scena a cui l’atleta francese ha già abituato il pubblico degli Europei. Già nell’edizione precedente, nel 2010, tenutasi a Barcellona, Mekhissi-Benabbad si era prodotto in un comportamento analogo: anche allora, sempre in occasione della vittoria di specialità, si era distinto per uno spintone assestato alla mascotte di quell’edizione.

Un altro episodio poco commendevole lo aveva visto protagonista meno di un anno fa, nel 2011, durante il Meeting di atletica di Montecarlo (valido per la IAAF Diamond League 2011), nella bagarre ingaggiata con il collega e connazionale Medhi Baala, sfociata in una vera e propria rissa, condita di calci, pugni e insulti, dopo la gara dei 1500 metri piani, come reazione eccessiva a un gesto amichevole di Baala, che aveva voluto consolare l’amico perdente con un buffetto sulla guancia.


Fonti[]

Collegamenti esterni[]