Wiki Actu it

July 2, 2012

Europei di atletica 2012: Mekhissi-Benabbad vince ma se la prende con la mascotte

Europei di atletica 2012: Mekhissi-Benabbad vince ma se la prende con la mascotte

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Helsinki, lunedì 2 luglio 2012

Mahiedine Mekhissi-Benabbad

Un grave atto di scorrettezza extra-sportiva getta un’ombra sulla vittoria ottenuta ai Campionati europei di atletica leggera 2012, in corso di svolgimento a Helsinki, da Mahiedine Mekhissi-Benabbad, specialista francese dei 3000 metri siepi, alla sua seconda affermazione continentale nella specialità dopo la vittoria nell’edizione 2010.

L’atleta francese aveva appena superato vittoriosamente il traguardo quando, come di consueto per i vincitori, è stato avvicinato dalla mascotte ufficiale dei campionati, il cui costume era indossato da una ragazzina quattordicenne. Il pupazzo ha fatto appena in tempo ad accennare l’usuale gesto di porgere un dono al vincitore, quando il mezzofondista francese ha inspiegabilmente reagito con un brusco gesto di rifiuto, smanacciando con forza sul dono appena offertogli, fino a sbatterlo in terra. A questo primo gesto ha fatto subito seguito un comportamento ancor più violento, una forte spinta assestata al corpo della mascotte, che ha costretto la ragazzina ad arretrare di alcuni metri per evitare una caduta all’indietro.

Si tratta di una scena a cui l’atleta francese ha già abituato il pubblico degli Europei. Già nell’edizione precedente, nel 2010, tenutasi a Barcellona, Mekhissi-Benabbad si era prodotto in un comportamento analogo: anche allora, sempre in occasione della vittoria di specialità, si era distinto per uno spintone assestato alla mascotte di quell’edizione.

Un altro episodio poco commendevole lo aveva visto protagonista meno di un anno fa, nel 2011, durante il Meeting di atletica di Montecarlo (valido per la IAAF Diamond League 2011), nella bagarre ingaggiata con il collega e connazionale Medhi Baala, sfociata in una vera e propria rissa, condita di calci, pugni e insulti, dopo la gara dei 1500 metri piani, come reazione eccessiva a un gesto amichevole di Baala, che aveva voluto consolare l’amico perdente con un buffetto sulla guancia.


Fonti[]

Collegamenti esterni[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

August 13, 2006

Europei di atletica 2006: Baldini è di nuovo medaglia d\’oro nella maratona

Europei di atletica 2006: Baldini è di nuovo medaglia d’oro nella maratona

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Goteborg, 13 agosto 2006

Un maratoneta

Stefano Baldini ha vinto la maratona degli Europei di atletica che si stanno svolgendo a Goteborg, in Svezia. L’italiano è arrivato primo, con un tempo di 2h11’32”; secondo, lo svizzero Viktor Rothlin, mentre la medaglia di bronzo è stata vinta dallo spagnolo Julio Rey. In quinta posizione un altro italiano, Francesco Ingargiola.

Una gara condotta con molta prudenza dal campione olimpico, che ai primi dieci chilometri segnava un tempo di 30’58 e poi 1h05’44 alla mezza maratona, in una gara guidata dai favoriti italiani, spagnoli e portoghesi. L’avversario diretto, lo spagnolo Rey, cerca più volte di andare in fuga, ma il campione italiano è riuscito sempre a tenergli testa.

Dopo la metà gara, Baldini si fa sotto e aumenta l’andatura, Rey va in tilt, e solo Rothlin riesce a seguirlo fino al quarantesimo chilometro. Gli ultimi due chilometri, infatti, sono tutti per l’emiliano, entrando solitario allo stadio Ullevi.

Per la coppa Europa, i risultati di Ingargiola, che ha contribuito nella vittoria di Baldini, e di Goffi (giunto undicesimo) sono stati fondamentali per il successo.

Adesso per Baldini il prossimo appuntamento sono le Olimpiadi di Pechino 2008, quando dovrà difendere la medaglia guadagnata alle Olimpiadi di Atene nel 2004

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress