Wiki Actu it

September 30, 2012

Calcio: prima vittoria in campionato per il Palermo grazie a una tripletta di Miccoli

Calcio: prima vittoria in campionato per il Palermo grazie a una tripletta di Miccoli

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Palermo, domenica 30 settembre 2012

Allo Stadio Renzo Barbera, per la partita valida per la 6ª giornata di campionato, il Palermo centra la prima vittoria battendo per 4-1 il ChievoVerona. Mattatore dell’incontro è Fabrizio Miccoli, autore di una tripletta.

La gara è vivace fin da subito, e a passare in vantaggio sono i padroni di casa con un calcio di punizione di Miccoli. A seguito del mancato raddoppio su azione d’angolo di Massimo Donati, gli ospiti ripartono in contropiede conclusosi con un tiro dalla bandierina a loro favore: Marco Rigoni si incarica della battuta e segna un gol olimpico dato che la palla non viene toccata da nessuno.

Nella ripresa il Palermo sui riporta in vantaggio ancora con Miccoli, che nell’occasione segna il millesimo gol in Serie A della storia rosanero: con un’azione personale batte Stefano Sorrentino per la seconda volta, con un preciso rasoterra. Dopo l’espulsione di Franco Brienza, i padroni di casa si portano sul 3-1 con Luigi Giorgi, che sfrutta una respinta di Sorrentino dopo un’altra azione personale di Miccoli. Il gol finale viene segnato ancora da Miccoli, per la sua tripletta personale e l’11º gol messo a contro i clivensi, con un tiro da 41 metri.

Con questa vittoria, la prima in campionato per i rosnaero, il Palermo scavalca in classifica proprio i gialloblu.

Il tabellino[]

PALERMO-CHIEVOVERONA 4-1

  • Palermo (3-4-2-1): Ujkani; Munoz, Donati, Mantovani (46′ Giorgi); Morganella, Barreto, Rios (81′ Kurtic), Garcia; Ilicic, Brienza; Miccoli (87′ Hernandez). A disp.: Benussi, Cetto, Labrin, Pisano, Bertolo, Viola, Budan, Dybala, Brichetto. All.: Gasperini
  • ChievoVerona (4-3-2-1): Sorrentino; Sardo, Dainelli, Papp, Dramè; Cofie (83′ Samassa), Rigoni L., Hetemaj (73′ Stoian); Rigoni M., Di Michele (73′ Thereau); Moscardelli. A disp.: Puggioni, Viotti, Cesar, Frey, Jokic, Farkas, Guana, Vacek, Cruzado. All.: Di Carlo

Arbitro: Bergonzi
Marcatori: 13′, 59′, 82′ Miccoli, 28′ M. Rigoni (C), 80′ Giorgi
Ammoniti: Dainelli, Rigoni L., Papp, Moscardelli (C), Brienza, Miccoli (P)
Espulsi: Brienza (P)


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

May 16, 2012

Calcio: a breve Perinetti e Sannino lasceranno il Siena per il Palermo

Filed under: Calcio,Europa,Italia,Pubblicati,Sport,U.S. Città di Palermo — admin @ 5:00 am

Calcio: a breve Perinetti e Sannino lasceranno il Siena per il Palermo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

mercoledì 16 maggio 2012

A breve il Siena perderà due figure che tanto bene hanno fatto nell’ultimo periodo: Giorgio Perinetti lascerà la città del palio dopo due stagioni per approdare alla corte di Maurizio Zamparini al Palermo, e lo stesso tragitto sarà effettuato dal tecnico Giuseppe Sannino, giunto sulla panchina della squadra bianconera un anno fa.

Nella giornata di ieri, in una riunione con il presidente Massimo Mezzaroma, Sannino ha comunicato la sua scelta di cambiare lido rinunciando all’ultimo anno di contratto coi toscani, con Mezzaroma che ha tentato invabo di proporgli il rinnovo del contratto con un adeguamento. L’ingaggio di Perinetti da parte della società rosanero è già stato ufficiosamente confermato nei giorni scorsi.

Zamparini ha visto proprio in Sannino l’allenatore in grado di dare gioco al Palermo iniziando un nuovo ciclo. Tutto sarà ufficializzato dopo il pranzo di fine stagione e il rompete le righe, probabilmente entro la fine di questa settimana.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 28, 2012

Calcio: finisce in parità il derby di Sicilia

Calcio: finisce in parità il derby di Sicilia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Palermo, sabato 28 aprile 2012

Allo Stadio Renzo Barbera di Palermo, nell’incontro valido per la 35ª giornata del campionato di Serie A, si sono affrontati ieri sera i padroni di casa del Palermo e il Catania. Palermo e Catania ormai non hanno più nulla da chiedere al campionato, i rosanero a sei punti in più dalla terzultima Lecce (sette considerando il vantaggio negli scontri diretti) possono sentirsi tranquilli, mentre gli etnei hanno visto svanire la possibilità di qualificazione per l’Europa; entrambe le squadre però, vogliono vincere il sentitissimo derby di Sicilia.

Mutti schiera il 4-3-1-2, con il recuperato Migliaccio al centro della difesa e Iličič a supporto di Miccoli ed Hernández, mentre Montella utilizza il 4-3-3.

I primi quarantacinque minuti di gioco sono dominati dagli etnei, che trovano il gol al 25′ minuto con Legrottaglie: Gómez tenta il cross sul secondo palo, Barrientos esegue la sponda per Legrottaglie, che firma il suo quinto centro stagionale. Prima del vantaggio catanese però, Gómez viene toccato al limite dell’area da Silvestre: sull’azione si scatenano i dubbi, ma Rocchi non concede il calcio di rigore. Etnei meritatamente in vantaggio alla fine del primo tempo. Nella ripresa, dove non sono state operate sostituzioni, i rosanero si svegliano, e alla prima vera occasione segnano: su una difesa catanese scoperta, Bertolo vince un contrasto con Gómez a centrocampo e lancia immediatamente Miccoli che, dopo aver stoppato il pallone in corsa col sinistro, batte Carrizo sul primo palo per il suo 13º gol in campionato e il 14º stagionale; l’attaccante salentino nell’esultare si sfila la maglia e viene ammonito. Anche nel secondo tempo c’è del materiale per la moviola: Iličič viene trattenuto in area da Legrottaglie e anche stavolta Rocchi fa cenno di proseguire. Nel finale vige equilibrio tra le due squadre siciliane, con Palermo che coglie però due pali: prima su conclusione di Bertolo seguita da un’azione personale in area, quindi con Hernández che scheggia il palo in rovesciata su assist di Miccoli.

Il derby, in Sicilia importantissimo, se perso da una delle due compagini poteva rovinare addirittura una stagione: quella del Catania, che per poco non ha centrato l’Europa League; e quella del Palermo, stagione in ombra su cui verrebbe aggiunta una pesante macchia: due sconfitte nei due derby.

Il tabellino[]

PALERMO – CATANIA 1-1

  • Palermo (4-3-1-2): Viviano; Muñoz, Silvestre, Migliaccio, Mantovani; Barreto, Donati, Bertolo (88′ Acquah); Iličič (86′ Zahavi); Hernández (83′ Budan), Miccoli. A disp.: Tzorvas, Milanović, Vázquez, Pisano. All.: Mutti
  • Catania (4-3-3): Carrizo; Motta, Legrottaglie, Spolli, Marchese; Izco, Lodi, Almirón (67′ Seymour); Barrientos (75′ Llama, 78′ Catellani), Bergessio, Gómez. A disp.: Košický, Lanzafame, Bellusci, Biagianti. All.: Montella

Arbitro: Rocchi

Marcatori: 25′ Legrottaglie (C); 47′ Miccoli (P)

Ammoniti: Legrottaglie (C), Miccoli (P), Iličič (P), Barrientos (C), Spolli (C)


Articoli correlati[]

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 19, 2012

Calcio: dissequestrate le azioni del Palermo

Filed under: Calcio,Europa,Italia,Pubblicati,Sport,U.S. Città di Palermo — admin @ 5:00 am

Calcio: dissequestrate le azioni del Palermo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

giovedì 19 aprile 2012

Maurizio Zamparini

Il 13 maggio 2011 fu sequestrato conservativamente il 70% delle azioni del Palermo in seguito a un procedimento giudiziario della procura di Benevento subito dal presidente rosanero Maurizio Zamparini.

Il 12 dicembre successivo Zamparini fu assolto dal processo che lo vedeva «imputato di abuso d’ufficio, lottizzazione abusiva e violazioni urbanistiche ed edilizie per la realizzazione del centro commerciale I Sanniti a Benevento» perché il fatto non sussisteva.

Oggi invece la Corte suprema di cassazione ha accolto il ricorso di Zamparini e così le azioni del Palermo sono state dissequestrate.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 1, 2012

Calcio: prima vittoria stagionale in trasferta per il Palermo

Calcio: prima vittoria stagionale in trasferta per il Palermo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Bologna, domenica 1 aprile 2012

Allo Stadio Renato Dall’Ara di Bologna si sono sfidati i padroni di casa ed il Palermo, nell’incontro valido per la 30ª giornata del campionato di Serie A. Entrambe le squadre erano appaiate a 36 punti, in posizione relativamente tranquilla ma con la salvezza matematica non ancora raggiunta. L’incontro è terminato 3-1 per i rosanero, che vincono così la loro prima trasferta stagionale.

Nella formazione iniziale del Palermo gli assenti dell’ultim’ora sono stati Miccoli per scelta tecnica e Federico Balzaretti per infortunio; Mutti ha messo la squadra in campo con l’ormai consolidato 3-5-1-1 con Pisano e Balzaretti sugli esterni e Iličič a supporto di Hernández. 3-4-2-1 invece per Stefano Pioli, allenatore dei romagnoli ed ex della gara.

Nella prima frazione di gioco le due squadre si sono studiate cercando poco l’affondo offensivo: entrambe le formazioni non hanno avuto quindi delle vere occasioni da rete. Il ritmo della partita si è invece alzato nella ripresa: dopo pochi secondi Hernández viene servito in profondità da Iličič ma non trova l’impatto col pallone; quindi, al 50′, Frederik Sørensen, al debutto in maglia rossoblu, ha trovato la prima rete nel campionato italiano con un’azione personale, battendo Viviano con un diagonale di destro. Il Bologna ha avuto anche la possibilità di raddoppiare, ma un contropiede con tiro di Di Vaio viene parato dal portiere degli ospiti.

Successivamente il Palermo ha pareggiato con Massimo Donati che ha calciato una punizione a centro area non toccata da nessuno, anche se Igor Budan, da poco entrato in campo, ha rivendicato la paternità della rete esultando più degli altri e dicendo a fine gara di «aver strusciato la palla». Lo stesso giocatore croato ha propiziato la rete del sorpasso rosanero: liberatosi di un avversario, il suo tiro viene respinto da Gillet verso i piedi di Donati, il quale ha servito Hernández per la rete del 2-1. Nel finale il Palermo è rimasto in dieci uomini per l’espulsione di Mantovani; gli ospiti chiudono poi la partita con la terza rete frutto di un contropiede portato avanti da Hernández che giunto sul fondo ha servito Iličič a centro area: il difensore bolognese Archimede Morleo, nel tentativo di contrastare lo sloveno, ha mandato la palla alle spalle del proprio portiere.

Con questa vittoria (l’undicesima in campionato) il Palermo è salito a 39 punti passando dal decimo al nono posto (gol fatti 44, gol subiti 47), mentre il Bologna è rimasto a 36 punti (gol fatti 32, gol subiti 38).

Il tabellino[]

BOLOGNA-PALERMO 1-3

  • Bologna (3-4-2-1): Gillet; Sørensen, Portanova, Cherubin, Pulzetti (82′ Gimenez); Taïder, Krhin (45′ Kone), Morleo; Diamanti, Ramírez, Di Vaio (73′ Acquafresca). A disp.: Agliardi, Loria, Rubin, Crespo. All. Pioli.
  • Palermo (3-5-1-1): Viviano; Muñoz, Mantovani, Labrín; Pisano (23′ Milanović), Migliaccio (61′ Budan), Donati, Barreto, Aguirregaray (48′ Della Rocca); Iličič; Hernández. A disp.: Tzorvas, Acquah, Vázquez, Zahavi. All. Mutti.

Arbitro: Gervasoni
Marcatori: 50′ Sørensen (B), 69′ Donati (P), 76′ Hernández (P), 86′ aut. Morleo


Notizie correlate[]

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 20, 2012

Calcio: Christian Panucci è un nuovo dirigente del Palermo

Calcio: Christian Panucci è un nuovo dirigente del Palermo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Palermo, martedì 20 marzo 2012

Da oggi l’ex calciatore Christian Panucci è il nuovo responsabile dell’area tecnica del Palermo. La notizia era già nell’aria da qualche giorno ma si può ritenere ufficiale da oggi visto che – nonostante manchino le firme sui contratti e quindi i relativi passi burocratici – il Presidente Maurizio Zamparini ha presentato Panucci alla stampa.

Nella giornata di ieri Panucci ha collaborato per l’ultima volta con Sky, emittente televisiva satellitare di cui è stato opinionista, presentatore e commentatore per Sky Sport.

La trattativa fra Panucci e Zamparini è stata molto veloce e le parti hanno raggiunto subito l’intesa economica con durata triennale. Ciò che ha spinto Zamparini in questa scelta è stata la grande esperienza da giocatore di Panucci visto che quando era in attività ha vestito le maglie di Genoa, Milan, Real Madrid, Inter, Chelsea, Monaco, Roma, Parma, vincendo tanto – anche in ambito internazionale – soprattutto con Milan e Real Madrid; per 57 ha vestito anche la maglia della Nazionale.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

March 19, 2012

Calcio: il Palermo pareggia a Lecce e ferma la striscia negativa di tre sconfitte

Calcio: il Palermo pareggia a Lecce e ferma la striscia negativa di tre sconfitte

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Lecce, lunedì 19 marzo 2012

Allo Stadio Via del Mare di Lecce si sono sfidati ieri i padroni di casa ed il Palermo, nell’incontro valido per la 28ª giornata del campionato di Serie A. I padroni di casa avevano bisogno necessariamente di una vittoria per provare a migliorare la loro deficitaria posizione in classifica, mentre gli ospiti, reduci da tre sconfitte consecutive, erano in una situazione più tranquilla ma comunque desiderosi di ottenere un risultato utile fuori dalle mura amiche. Prima della partita le due squadra distavano nove punti: il divario è rimasto immutato dopo i novanta minuti visto che l’incontro è terminato 1-1 con reti di David Di Michele su calcio di rigore e pareggio di Ezequiel Muñoz per i rosanero.

Nella formazione iniziale del Palermo erano assenti Pisano, Barreto e soprattutto capitan Miccoli per squalifica, più Silvestre infortunato; Mutti ha schierato titolare Carlos Labrin all’esordio con la prima squadra e messo la squadra in campo con un inedito modulo, un 3-5-1-1 con Aguirregaray e Balzaretti sugli esterni, Bertolo in posizione di mezzala ed Iličič a supporto di Hernández, tornato fra i titolari. Serse Cosmi, allenatore dei pugliesi, ha invece optato per l’ormai consolidato 3-5-2 con Benassi in porta, Oddo, Esposito e Migliónico in difesa, Blasi, Delvecchio, Giacomazzi, Bertolacci e Brivio sulla linea mediana (era assente Cuadrado), e il tandem d’attacco Muriel-Di Michele a completare l’undici.

Già dopo i primi minuti l’azione d’attacco del Lecce è stata premiata: Muñoz ha atterrato Bertolacci e così l’arbitro Tagliavento ha concesso la massima punizione che l’ex di turno Di Michele non ha sbagliato portando in vantaggio i giallorossi. Pochi minuti dopo il Lecce avrebbe potuto incrementare il vantaggio ma ha sbagliato due grosse occasioni davanti il portiere avversario. Al quarto d’ora Muñoz ha pareggiato con uno stacco di testa su azione d’angolo, e poco dopo Oddo ha commesso un fallo da ultimo uomo su Hernández al limite dell’area venendo così espulso; da quel calcio di punizione il Palermo si è avvicinato alla seconda rete con Iličič: Benassi ha risposto deviando in calcio d’angolo.

Nel finale del primo tempo Hernández si è reso pericoloso calciando alto in semirovesciata un pallone servitogli con una sponda di Muñoz. Poco dopo l’arbitro ha dovuto ristabilire la parità numerica, espellendo il palermitano Bertolo per un fallo di reazione dopo un diverbio con Delvecchio. La seconda frazione di gioco è iniziata con il Palermo pericoloso con Iličič, il quale, dopo aver intercettato un retropassaggio leccese, ha tirato addosso al portiere. Dall’altro lato del campo, invece, Muñoz ha salvato il risultato intervenendo in spaccata su una corta ribattuta a rete da parte di Delvecchio.

In seguito ancora Iličič, liberatosi con un colpo di tacco, ha provato a sorprendere Benassi con un pallonetto, ma l’estremo difensore giallorosso ha respinto in corner. Nel finale di partita il Palermo ha avuto due occasioni da gol con il subentrato Zahavi: prima l’israeliano ha calciato potentemente – Benassi si è disteso deviando in angolo – poi, saltato l’ultimo uomo cioè Esposito, non è stato lesto nella battuta a rete permettendo all’avversario di riprendere la marcatura.

Con questo pareggio (il quinto in campionato) il Palermo sale a 35 punti rimanendo al decimo posto (gol fatti 40, gol subiti 45), mentre il Lecce rimane al terzultimo posto a cinque punti dalla zona salvezza (gol fatti 31, gol subiti 45).

Il tabellino[]

LECCE-PALERMO 1-1

  • Lecce (3-5-2): Benassi; Oddo, Esposito (89′ Corvia), Migliónico; Blasi (80′ Obodo), Delvecchio, Giacomazzi, Bertolacci (22′ Tomović), Brivio; Muriel, Di Michele. A disp.: Petrachi, Di Matteo, Giandonato, Božinov. All. Cosmi.
  • Palermo (3-5-1-1): Viviano; Muñoz, Mantovani, Labrín; Aguirregaray, Migliaccio, Donati, Bertolo, Balzaretti (80′ Acquah); Iličič (72′ Zahavi), Hernández (60′ Budan). A disp.: Tzorvas, Milanović, Della Rocca, Vázquez. All. Mutti.

Arbitro: Tagliavento
Marcatori: 6′ rig. Di Michele (L), 15′ Muñoz (P)
Ammoniti: Muñoz (P), Bertolacci (L), Giacomazzi (L), Brivio (L), Aguirregaray (P), Mantovani (P)
Espulsi: Oddo (L), Bertolo (P)


Notizie correlate[]

  • «Calcio, Serie A 2011-2012: 28ª giornata» – Wikinotizie, 18 marzo 2012

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

December 14, 2011

Coppa Italia: il Siena passa ai rigori, al Palermo non basta la tripletta di Iličič

Coppa Italia: il Siena passa ai rigori, al Palermo non basta la tripletta di Iličič

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

Palermo, mercoledì 14 dicembre 2011

Nella giornata di ieri, 13 dicembre 2011, si è giocata la seconda partita degli ottavi di finale di Coppa Italia tra Siena e Palermo. Dopo una sfida combattuta, conclusasi ai rigori, ha prevalso la squadra bianconera.

Entrambe le squadre in vista dell’impegno di Coppa Italia, hanno preferito schierare in campo diverse riserve, lasciando a riposo i titolari. L’allenatore dei toscani Sannino, espulso nel turno precedente, vede l’incontro dalla tribuna.

Il Siena passa in vantaggio al 21′ grazie alla rete di Reginaldo. Iličič trasforma un rigore al 39′ riportando il Palermo sull’1-1, ma un minuto dopo è González a riportare i toscani in vantaggio. Il primo tempo si conclude sul 2-1 per il Siena.

Il secondo tempo si apre con la seconda rete di Iličič che porta nuovamente in parità le due formazioni. Al 59′ Reginaldo realizza la sua doppietta personale: il Siena si ritrova per la terza volta in vantaggio. I bianconeri riescono a controllare la partita fino a quando l’arbitro Gervasoni fischia un rigore a favore del Palermo: Iličič dal dischetto non sbaglia e porta la sua squadra ai supplementari.

Ai supplementari l’allenatore del Palermo Mangia si fa espellere. Bertolo segna al 98′ il 4-3 per i rosanero e Ângelo realizza il 4-4 che porta le due squadre ai calci di rigore.

Dal dischetto sbagliano Bollino, Iličič e Cetto per il Palermo, mentre vanno a segno González, Pesoli e Ângelo per il Siena, che riesce ad accedere ai quarti di finale dove incontrerà la vincente della sfida tra Udinese e Chievo Verona.


Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

April 6, 2008

Calcio: il Palermo sconfigge la Juve per 3-2

Calcio: il Palermo sconfigge la Juve per 3-2

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

domenica 6 aprile 2008

Calcio
Campionati nazionali
Coppa Italia
Coppe internazionali

Il Palermo ha sconfitto nel posticipo della 13a giornata di ritorno del Campionato di Calcio di Serie A la Juventus per 3-2. Protagonista dell’incontro è stato il brasiliano Amauri che è stato autore di due gol e che voci di mercato vogliono destinato appunto alla Juventus. Il risultato finale è stato fissato, in chiusura, da un gol del difensore palermitano Cassani, ex-giocatore della Juventus, al primo gol in carriera.

Tabellini

PALERMOJUVENTUS 3-2

PALERMO (4-2-3-1): Fontana; Cassani, Rinaudo, Barzagli, Balzaretti; Guana (23’pt Tedesco), Migliaccio; Jankovic (36’st Zaccardo), Simplicio (17’st Bresciano), Caserta; Amauri. In panchina: Agliardi, Biava, Cani, Miccoli. Allenatore: Colantuono.

JUVENTUS (4-4-2): Buffon; Grygera (1’st Salihamidzic), Legrottaglie, Chiellini, Molinaro; Camoranesi, Sissoko, Nocerino (1’st Tiago), Nedved (23’pt Iaquinta); Del Piero, Trezeguet. In panchina: Belardi, Birindelli, Stendardo, Marchionni. Allenatore: Ranieri.

ARBITRO: Morganti di Ascoli Piceno.

RETI: 11’pt e 50’pt Amauri, 9’st e 26’st Del Piero, 44’st Cassani.

NOTE: serata serena, terreno in buone condizioni. Spettatori: 34.271 per un incasso di 735.633,92 euro. Ammoniti: Barzagli, Camoranesi, Cassani, Salihamidzic, Balzaretti. Angoli: 8-3 per la Juventus. Recupero: 5′, 3′.

Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress