Wiki Actu it

November 6, 2010

Pompei: sopravvissuta al Vesuvio, cade sotto l\’incuria degli uomini. Crollata la Schola armaturarum

Pompei: sopravvissuta al Vesuvio, cade sotto l’incuria degli uomini. Crollata la Schola armaturarum

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 6 novembre 2010

Via dell’Abbondanza a Pompei, come appariva in un’immagine ottocentesca di Giorgio Sommer (1834 – 1914)

Ė sopravvissuta all’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. e alla pressione della terra che l’aveva sommersa per quasi 2000 anni, ma da stamattina la cosiddetta Scuola dei gladiatori non esiste più, letteralmente sbriciolatasi all’improvviso nella prima mattinata.

Con il suo cumulo di macerie, la Schola offre da oggi, ai molti turisti presenti, il triste ma istruttivo spettacolo dell’incuria e dell’indifferenza delle istituzioni italiane nei confronti del patrimonio culturale, perfino nei suoi pezzi più pregiati e famosi come gli Scavi archeologici di Pompei, Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

Quella che tutti chiamavano la Scuola dei gladiatori era in realtà la Schola armaturarum, sede di una eteria militare scoperta negli anni venti, riportata alla luce e restaurata da Vittorio Spinazzola, nell’ambito di una più ampia operazione di messa in luce della Via dell’Abbondanza.

Da tempo la fabbrica della Schola era visitabile solo dall’esterno: l’accesso al complesso era infatti interdetto per le precarie condizioni statiche. Ma nonostante il rischio di crollo, nessuno si era mai curato di mettere in salvo i pregiati affreschi, con soggetti militari e figurine volanti, ora seppelliti nelle macerie del crollo.

Il crollo ha anche sconvolto la viabilità pedonale e turistica del sito archeologico, costringendo le istituzioni a prendere immediati provvedimenti, con la provvisoria messa in opera di itinerari alternativi.

L’evento, per quanto funesto, non ha stupito nessuno: l’area archeologica non riceveva manutenzione da mezzo secolo. Lo stato di abbandono e degrado era da tempo all’attenzione della cronaca locale e nazionale. Il grave crollo si aggiunge infatti a una sequenza di tanti piccoli episodi di degrado, vandalismi, furti, ampiamente documentati da servizi giornalistici, fotografici e video.


Fonti

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

September 13, 2008

Scoperta camera magmatica sotto il Vesuvio a 5 km di profondità

Filed under: Europa,Italia,Pompei,Pubblicati,Ricerca,Scienza e tecnologia — admin @ 5:00 am

Scoperta camera magmatica sotto il Vesuvio a 5 km di profondità

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Vai a: navigazione, ricerca

sabato 13 settembre 2008

Potrebbe esser stato fatto un importante passo avanti nello studio del Vesuvio, il vulcano una cui possibile eruzione di forza pari a quella raccontata da Plinio il Vecchio che distrusse Ercolano e Pompei (79 d.C.) tiene in apprensione la città di Napoli da anni.

Degli studiosi italiani e stranieri hanno appena pubblicato su Nature l’importante notizia del ritrovamento di una camera magmatica appena 5 km sotto il cratere.

La camera è ora la meno profonda, soffiando il titolo ad un’altra camera a 8 km di profondità.

Il professor Raffaele Cioni dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, tra gli autori della scoperta, ha dichiarato:

« I moderni metodi di analisi petrologica ci permettono, attraverso lo studio dei prodotti eruttivi del Vesuvio, di determinare qual era la pressione di cristallizzazione del magma all’interno della camera magmatica in occasione della cosiddetta eruzione di Pollena del Vesuvio, avvenuta nel 472 dopo Cristo. A quel tempo il magma si trovava a una pressione di circa 1000 bar il che corrisponde a una camera magmatica posta a una profondità di circa 4-5 km »

Il presidente dell’INGV, Enzo Boschi, ha commentato con felicità la scoperta:

« Si tratta di un ulteriore passo avanti nella comprensione dei meccanismi eruttivi del Vesuvio, finalizzato anche a determinare la sua pericolosità. Questo è il risultato di anni di impegno dei vulcanologi e geofisici italiani »

Fonti[]

This text comes from Wikinews. Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the Creative Commons Attribution 2.5 licence. For a complete list of contributors for this article, visit the corresponding history entry on Wikinews.

Powered by WordPress